Regioni.it

n. 3540 - giovedì 31 gennaio 2019

Sommario

+T -T
Gli obiettivi di finanza pubblica delle Regioni

Pubblicati gli atti del seminario del 14 marzo 2018

(Regioni.it 3540 - 31/01/2019) "Regioni.it" pubblica (come supplemento al numero odierno) gli atti del seminario del 14 marzo 2018 dedicato agli "Obiettivi di finanza pubblica delle Regioni" (vedi anche l'articolo pubblicato sul n.3343) . Il volume curato da Paolo Alessandrini (dirigente Rapporti con il Parlamento e Affari Finanziari della Conferenza dele Regioni e delle Province autonome) fa riferimento all'evento formativo organizzato dalla Conferenza delle Regioni al quale hanno partecipato esperti della "macchina statale", ed in particolare figure apicali del ministero dell'economia, rappresentanti e dirigenti autorevoli delle Regioni ed esponenti di spicco della magistratura contabile.
L'incontro - come ha spiegato nel suo intervento l'allora segretario Generale della Conferenza delle Reguioni, Marina Principe - ha affromntato temi di grande concretezza, anche  "al di fuori degli schemi istituzionali e dalle differenze sulle quali spesso ci andiamo a confrontare". Il tentativo è stato quello di "inquadrare il tema con un approccio che coinvolgesse tutti i soggetti interessati, nell'intento di rendere realizzabili gli investimenti nel rispetto delle regole di finanza pubblica". Solo a titolo esemplificativo, nell'ambito dell'esperienza che ho maturato nella Conferenza, dove ho seguito sempre le tematiche della salute e delle politiche sociali, desidero ricordare - ha sottolineatro Principe - la sentenza n. 235 del 2017. La legge ordinaria dispone la definizione delle modalità secondo le quali lo Stato concorre a finanziare i livelli essenziali e le funzioni fondamentali delle politiche sociali. In questo caso è sempre stato assente qualsiasi coinvolgimento delle Regioni nella forma sia di una previa intesa, sia del parere. Per molti di questi aspetti e anche per quelli connessi alla copertura del fabbisogno standard occorrerà una riformulazione condivisa con le Regioni rispetto all'articolo 11 della legge n.240 del 2012. Forse prima di queste sentenze che stiamo esaminando oggi ce n'è una importante, che possiamo definire sentenza-madre, vale a dire la n. 251 del 2016, da cui si evince che la stessa iniziativa legislativa del Governo e più in generale tutto il procedimento legislativo incontra il limite della ricerca dell'intesa con le Regioni. Vi leggo proprio il virgolettato:Nel caso in cui le materie su cui si va ad intervenire siano caratterizzate da un inestricabile intreccio di competenze legislative, statali e regionali” laddove è impossibile definire la scadenza, la sentenza in questo caso ha rilevato il tema della leale collaborazione anche all'interno della legislazione ordinaria".
Sotto questo profilo Mauro Orefice, Capo di gabinetto della Corte dei Conti, ha ricordato che proprio la magistratura contabile "insiste in particolare per uno sforzo di un aggiornamento continuo nella ricerca di equilibri sostenibili. Il legislatore è altresì consapevole del delicato rapporto tra la severità delle regole e il rispetto degli equilibri finanziari ed ha inteso facilitare l'attività di programmazione nel rispetto dell'autonomia degli enti territoriali. La Corte dei Conti in particolare attraverso la funzione nomofilattica, che si è affermata anche in tutte le funzioni che questa svolge, anche in quella di controllo, fornisce interpretazioni concrete della normativa al fine di evitare - ha proseuito Orefice - comportamenti contrastanti tra le diverse realtà territoriali. La tutela del rispetto delle regole contabili e degli equilibri finanziari deve agire non solo attraverso l'attività di controllo, ma anche attraverso attività consultive e collaborative degli enti interessati legislativamente in funzione dell'autonomia. È opinione che occorre intensificare questo lavoro per favorire con naturale enfasi il processo di supporto agli operatori del sistema delle Regioni, affinché le regole contabili facilitino e non ostacolino i processi decisionali. Per questo obiettivo la Corte dei Conti continuerà a garantire un supporto costante".
L'incontro del 14 marzo 2018 si è proprio focalizzeato "su come interpretare le regole contabili", alla luce degli "importanti contributi forniti dalla Corte Costituzionale, che si inseriscono ovviamente - ha spiegato il Capo di gabinetto della Corte dei conti - in un quadro normativo molto complesso a tutela e a rispetto dei principi fondamentali, garantendo una base interpretativa a vantaggio di tutti gli operatori. A questo proposito vorrei ricordare un piccolissimo passo della sentenza n. 275 del 2016 della Corte Costituzionale; nella parte di diritto, proprio parlando della tutela dei diritti fondamentali, si stabilisce che “Non può nemmeno essere condiviso l’argomento secondo cui, ove la disposizione impugnata non contenesse il limite delle somme iscritte in bilancio, la norma violerebbe l’art. 81 Cost. per carenza di copertura finanziaria. A parte il fatto che, una volta normativamente identificato, il nucleo invalicabile di garanzie minime per rendere effettivo il diritto allo studio e all’educazione degli alunni disabili non può essere finanziariamente condizionato in termini assoluti e generali, è di tutta evidenza che la pretesa violazione dell’art. 81 Cost. è frutto di una visione non corretta del concetto di equilibrio del bilancio, sia con riguardo alla Regione che alla Provincia cofinanziatrice. È la garanzia dei diritti incomprimibili ad incidere sul bilancio, e non l’equilibrio di questo a condizionarne la doverosa erogazione”. Si tratta di un'affermazione che fa riflettere sul problema dei problemi, cioè su quale oggi è il rapporto tra il concetto di chiusura di bilancio e l'esigenza di assicurare fondi finanziari. Stiamo parlando - ha concluso Orefice - della garanzia dei criteri dei livelli essenziali delle prestazioni, della sussidiarietà orizzontale".
Il volume "Gli Obiettivi di finanza pubblica delle Regioni" raccoglie gli interventi di: Marina Principe, Segretario generale della Conferenza delle Regioni e delle province Autonome; Mauro Orefice, Capo di Gabinetto della Corte dei conti; Massimo Garavaglia, Coordinatore della commissione Affari Finanziari della Conferenza delle Regioni e delle province autonome; Alessandra Sartore, Coordinatore vicario della commissione Affari Finanziari della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome; Francesca Dimita, Corte dei conti, sezione di controllo Regione Veneto; Francesco Sucameli, Corte dei conti, sezione di controllo Regione Campania; Massimo Valero, Corte dei conti, sezione di controllo Regione Piemonte; Francesco Belsanti, Corte dei conti, sezione di controllo Regione Liguria;Claudia Morich, Direttore Bilancio della Regione Liguria; Salvatore Bilardo, ministero dell’Economia e delle Finanze, Ispettore Capo Igepa; Luciano Cimbolini, ministero dell’Economia e delle Finanze, Capo Settore IV Ispettorato Generale di Finanza; Chiara Goretti, Consigliere, Ufficio parlamentare di Bilancio; Gianluigi Masullo, Responsabile finanza Regione Veneto; Luciano Cimbolini, ministero dell’Economia e delle Finanze, Capo Settore IV, Ispettorato generale di Finanza; Antonello Turturiello, Coordinatore tecnico della commissione Affari Finanziari della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

il link al volume:
"Gli obiettivi di finanza pubblica delle Regioni"
Atti del seminario del 14 marzo 2018


Il link alla notizia pubblicata il 18 aprile 2018 su "Regioni.it":
Regioni: gli obiettivi di finanza pubblica e le sentenze della Consulta
 

 



( red / 31.01.19 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata


time
0.062s