Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3545 - giovedì 7 febbraio 2019

Sommario
- Commissione Ue: economia italiana ha una battuta d'arresto
- Conferenza delle Regioni il 13 febbraio
- Commissione parlamentare questioni regionali: pubblicato dossier
- Trasporto pubblico locale: chiesta la deroga di un anno per i mezzi euro 0
- Grieco: il 12 incontro Regioni-Di Maio sui "navigator"
- Conferenza Stato-Regioni il 13 febbraio
- Conferenza Unificata il 13 febbraio

+T -T
Commissione Ue: economia italiana ha una battuta d'arresto

(Regioni.it 3545 - 07/02/2019) “L'economia italiana ha cominciato a perdere slancio all'inizio del 2018”. Lo scrive la Commissione Ue, secondo cui il nostro Prodotto interno lordo nel 2019 “scenderà a +0,2%, considerevolmente meno di quanto anticipato”, nelle previsioni autunnali (+1,2%). La revisione, la più ampia in Ue, è dovuta a "un rallentamento peggiore del previsto nel 2018, incertezza di policy globale e domestica e a una prospettiva degli investimenti molto meno favorevole". La stima del Pil 2018 è 1%, nel 2020 0,8%, e l'Italia resta ultima in Ue per crescita. Sono state ridotte le stime anche per Germania (all'1,1% dall'1,8%) e Olanda (all'1,7% dal 2,4%).
Il vicepresidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, afferma che oltre a fattori esterni che si ripercuotono su molti Paesi, notiamo che in Italia l'incertezza sulle politiche economiche ha avuto ripercussioni negative sulla fiducia delle imprese e sulle condizioni finanziarie”. In Italia gli investimenti "decelereranno bruscamente nel 2019 e resteranno fermi nel 2020". Gli export, dopo la frenata della prima metà del 2018 si sono ripresi, e ci si aspetta che crescano "con un passo più vicino" a quello della domanda estera. E mentre il rallentamento degli investimenti riduce la crescita dell'import, gli export netti "forniranno sostegno marginale alla crescita del Pil".
Anche per la Bce “i rischi per le prospettive di crescita nell'area dell'euro si sono orientati al ribasso per via delle persistenti incertezze connesse a fattori geopolitici e alla minaccia del protezionismo, alla vulnerabilità dei mercati emergenti e alla volatilità dei mercati finanziari”.
“La Commissione ha preso atto dell'inatteso peggioramento del ciclo economico sul finale del 2018”, dichiara Giovanni Tria, fattori però “non duraturi”, per il ministro dell'Economia “più che una recessione è una battuta d'arresto, non serve una manovra bis”. “Mi aspetto – aggiunge Tria - che le misure di politica economica e sociale che dispiegheranno il loro effetto progressivo nel corso dell'anno consentiranno, già quando aggiorneremo la previsione macroeconomica ufficiale per il Def nella seconda metà di marzo, di formulare una previsione più rosea di quella oggi prevalente”.



( gs / 07.02.19 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top