Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3559 - mercoledì 27 febbraio 2019

Sommario
- Dissesto idrogeologico: Conte, lanciato piano 'proteggi Italia'
- Conferenza Regioni il 28 febbraio alle 10. Alle 12 confronto con Conte
- Patto salute: Saitta, avviato il confronto Governo-Regioni
- Bonaccini: paradosso bloccare opere pubbliche in nome dell’ambiente
- Tavolo riforma Province: Upi, "costruttivo apporto dalle Regioni”
- Convegno: Sfida Open Government, sistemi regionali a confronto
- Eurostat: regioni Mezzogiorno tra le più povere nell'Unione europea

+T -T
Bonaccini: paradosso bloccare opere pubbliche in nome dell’ambiente

Intervento del Presidente della Conferenza delle Regioni alla I Conferenza nazionale Snpa

(Regioni.it 3559 - 27/02/2019) “Il sistema nazionale di protezione ambientale (Snpa) ha un compito fondamentale per la vita delle persone, come singoli e come comunità: quello della verifica dell’efficacia delle politiche ambientali; un compito tanto più cruciale perché questa verifica è rivolta contemporaneamente a tutti i livelli, nazionale, regionale e locale”, lo ha affermato il Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini intervenendo alla “1° Conferenza nazionale SNPA (Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente): l’ambienta fa sistema” che si è tenuta oggi a Roma alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. “Un ruolo – ha spiegato Bonaccini - che si sostanzia anzitutto nell’ambiziosa definizione dei Livelli essenziali delle prestazioni tecniche ambientali (Lepta)”.
Nel corso dell’intervento il Presidente della Conferenza delle Regioni si è soffermato anche sulla necessità di “rimuovere gli ostacoli che rendono difficile la tutela del diritto costituzionale ad un ambiente salubre” e di “superare una diffusa sindrome Nimby”. Esigenze che interessano anche il “tema cruciale delle infrastrutture. E’ un paradosso – in realtà non solo italiano, ma certamente molto presente nel nostro Paese – la logica per cui le opere e le infrastrutture, quale più quale meno, farebbero male all’ambiente; e per questa via le si blocca; altre volte sono bloccate invece dal nostro bizantinismo istituzionale e burocratico. Ostacoli che testimoniano, peraltro, la debolezza della politica. Oggi abbiamo opere programmate, progettate, finanziate e autorizzate che restano ferme. Siamo al paradosso per cui improbabili analisi costi-benefici non arrivano nel momento degli studi di fattibilità, ma a progetti esecutivi approvati, ad opere appaltate, a cantieri aperti. Ne parlo in questa sede perché credo che nel binomio “sviluppo sostenibile”, ma il sostantivo senza l’aggettivo cade, e viceversa. Se non c’è sostenibilità non c’è sviluppo, e se non c’è sviluppo non c’è sostenibilità”.
Bonaccini ha poi toccato il tema del finanziamento dei livelli essenziali delle prestazioni tecniche ambientali. “Oggi le agenzie regionali per la protezione ambientale (ARPA) sono finanziate dalle Regioni e Province Autonome con una quota del Fondo Sanitario Nazionale loro spettante, in parte con risorse proprie e per una quota modesta derivante da prestazioni proprie. La legge, invece, nulla dice in ordine alla possibilità di un finanziamento statale”. Eppure si tratta “di livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali; e che devono quindi essere, per definizione, garantiti su tutto il territorio. E questo è un compito che spetta in maniera esclusiva allo Stato”. Per questi motivi “è opportuno e urgente che si avvii un confronto anche sul tema dei Lepta e sul loro finanziamento.
Dobbiamo infatti – ha concluso Bonaccini - garantire una rete di controlli ambientali che sia da un lato capillare, efficace e realizzabile, dall’altro coerente, omogenea e uniforme su tutto il territorio nazionale”.


foto sulla pagina facebook di Regioni.it

L'intervento di Bonaccini nel canale youtube di Regioni.it




( red / 27.02.19 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top