Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3560 - giovedì 28 febbraio 2019

Sommario
- Dissesto idrogeologico: Bonaccini, bene stanziamenti, ora strumenti
- Autonomia differenziata: seminario di approfondimento con relatori d'eccezione
- Reddito di cittadinanza: Di Berardino, senza intesa sui navigator sarà caos
- Dibattito su Autonomia differenziata: Zaia, Fontana, De Luca ed Emiliano
- Dissesto idrogeologico: Toti, dopo le risorse, trovare misure per accelerare
- Dissesto idrogeologico: Zaia, Regioni abbiano Strutture di Missione
- Dissesto idrogeologico: Conte, già nel 2019 disponibili 3 miliardi
- Dissesto idrogeologico: Fratoni, stato di incertezza su risorse per prevenzione
- Dissesto idrogeologico: Emiliano, con Conte incontro superfluo
- Dissesto idrogeologico: Marsilio, garantire risorse anche per zone sisma
- Trentino Alto Adige: nuova Giunta regionale

+T -T
Dibattito su Autonomia differenziata: Zaia, Fontana, De Luca ed Emiliano

(Regioni.it 3560 - 28/02/2019) “Ci sono delle novità. Prendiamo atto che c''è una bozza sulla quale discutere. Il governo è in movimento su questo fronte e lo siamo anche noi Regioni. Il 70 per cento di questa bozza va bene, adesso spero che l'incontro tra il presidente del consiglio e i due vicepremier porti a una soluzione sostenibile”. Così il presidente della regione Veneto, Luca Zaia, in merito alla richiesta delle regioni interessate di maggiore autonomia su alcune materie. “Non c'è nessun rischio di spaccare l'Italia in due con il progetto di autonomia - spiega Zaia - se chi lo dice leggesse le carte vedrebbe che non si toglie assolutamente nulla e non c'è nessuna secessione dei ricchi, ma è la volontà di portare avanti un nuovo progetto di responsabilità. Del resto anche il presidente Napolitano lo diceva, “Autonomia è responsabilità”. ll progetto è "nel programma di governo, c'è un interesse politico nel portarlo avanti e voglio ricordare che quasi la totalità delle Regioni stanno chiedendo l'autonomia”. Zaia quindi sottolinea il fatto di voler condividere il progetto di autonomia: "Io non sono preoccupato del fatto che il provvedimento sull'autonomia possa essere in qualche modo emendato. Il dibattito ci deve essere anche perché sarà un grande arricchimento dal punto di vista culturale; ma dall'altro dico anche che la Costituzione prevede che ci sia la firma dell'intesa tra il presidente della Regione e il Presidente del Consiglio, e io firmo se mi piace il progetto".
Secondo il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, si sta avvicinando la conclusione del percorso, ma non c’è “nessuna intenzione di spaccare l'Italia anche perché facciamo riferimento alla Costituzione. La Costituzione intenderebbe spaccare l'Italia? Mi sembra che sia una cosa assolutamente priva di credibilità”. Per Fontana “se si potesse raccontare in maniera seria questa riforma senza nascondersi dietro slogan, tutti si renderebbero conto che va nella direzione di un ammodernamento di tutto lo Stato, per la Lombardia come per tutte le altre Regioni che ne beneficeranno. Sarà un vantaggio per l'intero Paese”.
Critico invece il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, spiega che in queste settimane è emerso chiaro un dato politico che sull'autonomia differenziata è stata avanzata “una proposta che avrebbe portato alla secessione di fatto delle Regioni del Nord e spaccato l'Italia in due”.
“L'iniziativa della Regione Campania delle ultime due settimane ha fermato questo percorso – afferma De Luca - C'e' un dato politico incontestabile: le Regioni che al tavolo stanno discutendo di autonomia differenziata non sono piu' tre - Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna - ma quattro, perche' c'e' anche la Campania. Alla prossima riunione a Roma, convocata per il 7 marzo, siamo stati convocati anche noi. A quel tavolo non andremo a contrattare piccole rendite di posizione, ma a porre una serie di questioni fondamentali nell'interesse del Paese e del Mezzogiorno: primo, la difesa del principio sacro dell'unita' nazionale; secondo la riaffermazione del principio costituzionale di riequilibrio territoriale Nord-Sud; terzo il principio della collegialita' nel coinvolgimento del sistema delle autonomie per tutto quello che e' di loro interesse (in pratica, non esistono trattative separate tra Regioni).
Su questa base – aggiunge De Luca - siamo pronti a qualunque sfida sul terreno dell'efficienza con tutti gli interlocutori, partendo da un principio di reciproca lealta'. Oppure, se non e' questo, la Campania e' pronta a mettere in piedi un 'Vietnam costituzionale'. Non li faremo andare avanti. Fermeremo ogni loro atto di prevaricazione istituzionale”.
"Il seminario di oggi (vedi notizia precedente) - ha dichiarato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano al termine del seminario di approfondimento politico sull'articolo 116, comma 3, della Costituzione, che si è tenuto il 28 febbraio nella sede della Conferenza delle Regioni a Roma - ha dato alcune risposte sull'autonomia rafforzata, ma ha anche allargato il numero degli interrogativi, quindi è stato interessante dal punto di vista scientifico. Riguardo all'indirizzo politico è evidente che serve una maggiore concertazione tra le regioni che devono trovare un'intesa sui percorsi: anche quelle che non hanno intenzione di presentare domanda di autonomia rafforzata non possono essere del tutto estranee nella procedura legislativa. E soprattutto bisogna fare in modo che i partiti politici abbiano le stesse posizioni in tutto il territorio dello Stato, non si distinguano invece dal punto di vista geografico anziché dall'indirizzo politico. La confusione quindi regna sovrana, com'era prevedibile". .





( Gs-Sm / 28.02.19 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top