Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3578 - martedì 26 marzo 2019

Sommario
- Sdo 2017: rapporto sull'attività degli ospedali italiani
- Sicurezza delle ferrovie: emendamenti per il parere sul decreto
- Veneto autorizza riassunzione medici in pensione
- Grandi stazioni ferroviarie: raccondazioni per l'intesa sul decreto
- Revisione veicoli: osservazioni su accordo formazione ispettori
- De Luca: ripuliremo la Campania di tutte le ecoballe

Documento della Conferenza delle Regioni del 7 marzo

+T -T
Sicurezza delle ferrovie: emendamenti per il parere sul decreto

(Regioni.it 3578 - 26/03/2019) Le Regioni hanno espresso un parere favorevole sul decreto legislativo recante attuazione della Direttiva (UE) 2016/798 del Parlamento europeo e del Consiglio dell’11 maggio 2016 sulla sicurezza delle ferrovie (rifusione). Il giudizio positivo (espresso nella Conferenza Stato-Regioni del 7 marzo) è però stato condizionato all'accoglimento di alcuni emendamenti contenuti in un documento (che è stato consegnato al Governo e  pubblicato nel portale www.regioni.it, sezione "Conferenze").
Si riporta di seguito il testo del documento della Conferenza delle Regioni con gli emendamenti proposti e il link all'atto della Conferenza Stato-Regioni.Posizione sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva (ue) 2016/798 del parlamento europeo e del consiglio dell’11 maggio 2016 sulla sicurezza delle ferrovie (rifusione)
Parere, ai sensi dell’articolo 2, comma 3 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n.281.
Punto 13) O.d.g. Conferenza Stato-Regioni
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome esprime parere favorevole sul decreto legislativo in oggetto condizionato all’accoglimento dei seguenti emendamenti:
Emendamento n.1
Alla lettera b), comma 2, dell’articolo 15, dopo le parole "l’incremento dell’1% dei canoni di accesso alla rete ferroviaria," aggiungere le parole "già previsto dal D.Lgs. 162/2007" ed eliminare la parola "corrisposti"
Motivazione
L’emendamento è volto ad identificare correttamente la percentuale di cui alla lettera b) con l’incremento già corrisposto dalle imprese ferroviarie ai gestori dell’infrastruttura ferroviaria e non come ulteriore incremento dell’1% dei canoni di accesso.
Emendamento n.2
Al comma 3 dell’articolo 31 dopo le parole "all’articolo 2, comma 4" aggiungere le parole "fermo restando il quadro regolatorio vigente fino all’adozione del nuovo quadro regolatorio da parte dell’ANSFISA e (…)".
Motivazione
L’emendamento è volto a garantire che non sussista una ambiguità interpretativa rispetto al quadro regolatorio vigente nei diversi momenti attuativi delle norme in oggetto.
Emendamento n.3
Al comma 4, dell’articolo 2, dopo le parole "con decreto del ministero delle infrastrutture e dei trasporti aggiungere le parole" aggiungere le parole "sentita la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome di Trento e Bolzano".
Motivazione
La modifica garantisce che il Decreto con il quale vengono individuate le ferrovie isolate sia condiviso formalmente con la Conferenza delle Regioni e Province autonome.
Emendamento n.4
Dopo il comma 3, dell’articolo 2, inserire il seguente comma:
"3.bis.Le disposizioni del presente decreto sono applicabili nelle Regioni a statuto speciale e nelle Province autonome di Trento e Bolzano compatibilmente con le norme dei rispettivi statuti e delle relative norme di attuazione."
Si propongono inoltre le seguenti raccomandazioni:
Raccomandazione n.1
Al comma 4 dell’articolo 2 nella terzultima riga sostituire alla parola "esclusivamente" le parole "in esclusiva".
Raccomandazione n.2
Nella rubrica dell’Articolo 7 eliminare la parola "tecniche".
Raccomandazione n.3
Verificare la coerenza della clausola di invarianza finanziaria di cui all’articolo 33 in quanto potrebbero determinarsi delle condizioni per cui l’applicazione del decreto legislativo potrebbe determinare oneri per la finanzia pubblica regionale.


( red / 26.03.19 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top