Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3584 - mercoledì 3 aprile 2019

Sommario
- Vitalizi: intesa della Conferenza delle Regioni su revisione
- Autonomia differenziata: Presidenti Regioni dopo confronto con Stefani
- Autonomia differenziata: Stefani, un altro "passo avanti"
- Decreto sisma: confronto Crimi-Regioni
- Fondi di coesione: in audizione Banca d'Italia spiega che aumentano
- Bussetti: calo medici ha cause lontane, ma stiamo intervenendo
- Toti: non fermarsi su ricette del passato, cercare soluzioni nuove

+T -T
Fondi di coesione: in audizione Banca d'Italia spiega che aumentano

(Regioni.it 3584 - 03/04/2019) La Banca d’Italia, in un'audizione alla Camera davanti alle commissioni Bilancio e Politiche Ue annuncia la previsione di un aumento dei fondi di coesione per il nostro Paese.
Nel Quadro finanziario pluriennale 2021-2027 dell'Unione europea – sottolinea Paolo Sestito, responsabile del Servizio struttura economica della Banca d'Italia – “l'ammontare stanziato per le politiche di coesione è in riduzione ma è in aumento per l'Italia”, che dovrebbe portare a casa “circa il 6% rispetto al precedente ciclo”.
L'Italia va quindi in controtendenza e si aggiudica piu' risorse grazie a un nuovo metodo di calcolo sul Pil medio delle regioni che ora premia quelle italiane e penalizza quelle dell'Europa orientale.
Sestito ricorda anche che a Bruxelles si è registrato “un declassamento di 4 regioni italiane. Due passano da 'in transizione' a 'meno sviluppate' e sono Molise e Sardegna mentre Umbria e Marche da 'piu' sviluppate'” vengono retrocesse a 'in transizione'.
“Nel caso delle Marche - spiega la Banca d’Italia - influisce non solo la perfomance non particolarmente brillante della regione" ma il fatto che il regime di 'transizione' è stato "ampliato e ora ricomprende anche regioni più ricche rispetto al ciclo precedente”.
L'Italia ha comunque una tradizionale carenza “non tanto a livello di sistema imprese quanto a livello delle amministrazioni pubbliche nel presentare progetti che siano validamente” finanziabili.
Si cita l'esempio dei programmi comunitari nel campo della ricerca. "Riusciamo a ottenere come Paese una quota di finanziamenti relativamente contenuta e in alcuni casi molti ricercatori scelgono di utilizzare i fondi in strutture che non fanno capo al nostro Paese. E' una questione di cui tenere conto – rileva Sestito - non solo e non tanto in sede di contrattazione, ma anche in sede di definizione delle politiche interne”.





( gs / 03.04.19 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top