Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3655 - mercoledì 17 luglio 2019

Sommario
- Decreto "Sblocca Cantieri" fra luci e ombre
- Scomparsa Camilleri: Bonaccini, Emiliano, Fontana, Ceriscioli, Zaia e Rossi
- Il saluto a Camilleri: Musumeci, Toti, Zingaretti e De Luca
- Autonomia: relazione della Corte dei conti al Parlamento
- Navigator: Grieco (Regioni), bene firma convenzioni con Anpal, ma Governo emani decreti previsti da piano potenziamento cpi
- Banda Ultra Larga: Callari (Regioni) serve accelerazione per recuperare ritardo accumulato
- Campania per l'ambiente: convegno a Napoli il 18 luglio

+T -T
Scomparsa Camilleri: Bonaccini, Emiliano, Fontana, Ceriscioli, Zaia e Rossi

(Regioni.it 3655 - 17/07/2019) “La notizia della morte di Andrea Camilleri vela di tristezza la giornata”, dichiara il Presidente della Conferenza delle Regioni e dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini (vedi anche notizia successiva). “Se ne è andato un narratore che ci ha donato con le sue opere un linguaggio nuovo dove – aggiunge Bonaccini - ogni parola è passione”. “Con lui – conclude il Presidente della Conferenza delle Regioni - la letteratura italiana di questa nostra epoca si è nutrita della linfa che solo un uomo di tale cultura poteva dare. E donne e uomini hanno ritrovato il gusto di avere fra le mani un libro e di leggere. Grazie Maestro.” 
"Un grande scrittore. Un narratore per certi versi unico, con uno stile inimitabile". Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ricorda così Andrea Camilleri scomparso oggi a Roma. "La narrativa italiana, e più in generale il mondo della cultura - ha concluso il Presidente dela Lombardia - perdono un grande esponente e una persona che, con la sua penna, ha saputo appassionare intere generazioni".
"La sua intelligenza vivacissima, l'ironia, la sua ardente passione civile, il suo stile unico di narrazione - scrive in un post su Facebook, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano-  fanno di lui un pilastro della cultura italiana. La sua umanita' e la potenza che aveva nell'esprimere la sua visione del mondo fanno di lui, per molti di noi, una presenza familiare, un riferimento, un amico. Ed e' per questo che sento questa tristezza adesso cosi' forte nel salutarlo e nel dirgli grazie per tutto quello che ci ha dato".
"Ognuno di noi - scrive in un post su Facebook il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli - ha un ricordo speciale di Andrea Camilleri. Non dimenticherò mai la prima volta che ho letto un suo libro. Ci mancheranno la sua intelligenza e il suo impegno civile, ma le sue parole resteranno per sempre con noi. Buon viaggio, maestro".
Esprimendo il cordoglio del Veneto per la scomparsa del grande romanziere siciliano, il Presidente della Regione Luca Zaia sottolinea che “Ha illustrato la sua terra come sanno fare solo quei talenti illuminati da un amore viscerale per la loro piccola patria, uscendo dagli schemi dell’ovvio per raccontarla attraverso le vicende di un poliziotto. Ma nella vita di Camilleri c’era anche molto di più che lo legava a tutti quei ragazzi cresciuti apprezzando gli sceneggiati televisivi d’autore”. “Quando il suo nome non era ancora conosciuto dalla massa – prosegue il Presidente – lo aveva già legato alla produzione di opere televisive conosciute e apprezzate da tutti come produttore. Chi, di una certa età, non ricorda ad esempio il Tenente Sheridan e il Commissario Maigret? Le avventure di quest’ultimo prodotte dalla Rai al tempo di Camilleri, con il mitico Gino Cervi, furono riconosciute dallo stesso Simenon di livello superiore per attinenza al libro; più di quelle circolanti in Francia. Ripensandoci oggi, hanno contribuito alla formazione culturale di generazioni. Ed è per questo che con la morte di Camilleri sentiamo di perdere qualcosa di nostro”.
Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ricorda così lo scrittore siciliano:"Camilleri dobbiamo ringraziarlo per la sua letteratura popolare e colta e per non aver mai fatto mancare la sua voce sulle grandi questioni democratiche e costituzionali del Paese, per non essersi mai distratto. Una lezione che non dimenticheremo. Campione e costruttore di un'Italia civile, aperta, solidale, mai smemorata del fascismo e delle tragedie italiane - prosegue il presidente - Capace come Tiresia di vedere oltre le apparenze e le contingenze, di indovinare il destino degli italiani. Nella sua letteratura c'è tutto, grandi e piccole cose quotidiane nell'universalità della sua terra siciliana. Così è riuscito a parlare a tutti, senza mai nascondere il suo progressismo, il suo umanesimo profondo. Come toscani siamo anche onorati di averlo avuto come concittadino di Santa Fiora il cui teatro è a lui intitolato".


( red / 17.07.19 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top