Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3661 - venerdì 26 luglio 2019

Sommario
- Conferenza delle Regioni il 1° agosto alle 11.00
- Bongiorno: approvato Patto Semplificazione nella Conferenza Unificata del 25 luglio
- Patto per la semplificazione: via libera all'accordo, richiesta una sola modifica
- Conferenza Unificata del 25 luglio approva piano "acquedotti"
- Decreto "sblocca cantieri": sia il Presidente della Regione ad essere Commissario
- Fondi UE e programma 2021-27: le posizioni di Solinas, Spinelli e Toma
- Report delle Conferenze Unificata e Stato-Regioni del 25 luglio

Documento della Conferenza delle Regioni del 25 Luglio

+T -T
Decreto "sblocca cantieri": sia il Presidente della Regione ad essere Commissario

(Regioni.it 3661 - 26/07/2019) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 25 luglio, ha approvato un Ordine del Giorno, proposto dal Presidente della Sardegna Christian Solinas (cfr. "Regioni.it" n.3660), relativo alla disciplina prevista dal Decreto “sbocca cantieri” per la nomina di Commissari straordinari per interventi infrastrutturali ritenuti prioritari. Nel documento si legge che “L’individuazione del soggetto che può ricoprire detto incarico riveste per ogni Regione una importanza rilevante” e che per questo incarico “la figura del Presidente della Regione consentirebbe da un lato un’efficace attività di coordinamento” per “l’adeguata autorevolezza istituzionale” e dall’altro la necessaria “attività di raccordo con i territori, fattore fondamentale per la tempestiva realizzazione degli interventi strategici in ambito regionale”.
Si riporta di seguito il testo integrale dell’Ordine del Giorno che è stato consegnato al Governo durante la Conferenza Stato-Regioni che si è tenuta lo stesso 25 luglio.
L’art.4 del D.L. 18 aprile 2019, n. 32 (Disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici, per l'accelerazione degli interventi infrastrutturali, di rigenerazione urbana e di ricostruzione a seguito di eventi sismici c.d. sblocca cantieri) convertito in legge n. 55/20919, prevede che “per gli interventi infrastrutturali ritenuti prioritari, individuati con uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, da adottare entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto (18 giugno 2019) su proposta del Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, sentito il Ministro dell’Economia e delle Finanze, previo parere delle competenti Commissioni parlamentari, il Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, sentito il Ministro dell’Economia e delle Finanze, dispone la nomina di uno o più commissari straordinari “. L’individuazione del soggetto che può ricoprire detto incarico riveste per ogni Regione una importanza rilevante. Per tale ragione, in occasione della istruttoria svolta sul decreto sblocca cantieri, la Conferenza delle Regioni aveva richiesto che tale nomina avvenisse d’intesa con la/le regioni interessate. Tale problema viene riproposto ora dalla Regione Sardegna. Da comunicazioni informali col Ministero competente risulterebbe infatti che l’intendimento del Ministro sarebbe quello di nominare, quale Commissario straordinario per le opere strategiche nel settore della viabilità, l’ANAS. Tale nomina, però, non fornisce le dovute rassicurazioni sulla reale efficacia del provvedimento, la cui finalità è quella di garantire la realizzazione delle infrastrutture strategiche in tempi rapidi e certi. ANAS, infatti, è soggetto attuatore delle opere sopra menzionate, e, per quanto dotata al suo interno di adeguate capacità tecniche, ha purtroppo evidenziato criticità legate a ritardi nella progettazione, nella gestione degli appalti e quindi nella realizzazione degli interventi, dimostrando di non essere in grado di rispettare le esigenze temporali di realizzazione delle opere.
Per tali motivi si ritiene che tali problematiche non sarebbero risolte attribuendo alla stessa società il ruolo di Commissario straordinario.
L’individuazione del Commissario straordinario nella figura del Presidente della Regione consentirebbe, invece, da un lato, un’efficace attività di coordinamento da parte di una figura dotata dell’adeguata autorevolezza istituzionale e, dall’altro, un’adeguata attività di raccordo con i territori, fattore fondamentale per la tempestiva realizzazione degli interventi strategici in ambito regionale.
Tale ultimo aspetto è assolutamente non trascurabile per la buona riuscita degli interventi, in quanto strettamente connesso alla conoscenza delle reali esigenze che tali opere debbono soddisfare.
La Conferenza delle Regioni alla luce delle argomentazioni sopra esposte,
- ribadisce la richiesta di riconoscere i Presidenti di Regioni quali commissari straordinari.
- ribadisce comunque la necessità che le singole Regioni siano debitamente coinvolte nella nomina dei commissari straordinari di cui all’’art.4 del D.L. 18 aprile 2019, n. 32.


( red / 26.07.19 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top