Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3663 - martedì 30 luglio 2019

Sommario
- Carenza medici: tema all'Ordine del Giorno della Conferenza delle Regioni a Settembre
- Corte dei conti: approvate linee guida enti territoriali
- Formazione medicina generale: Linee guida per accesso al corso
- Investimenti: accordo fra Regioni a statuto ordinario su certificazioni obbligazioni
- Circolazione sull'A22: sul "caso Brennero" serve soluzione condivisa
- Traffico sull'asse del Brennero: Alfreider, istituire commissione trilaterale per trovare soluzioni

Documento della Conferenza delle Regioni del 25 Luglio

+T -T
Circolazione sull'A22: sul "caso Brennero" serve soluzione condivisa

Approvato un Ordine del Giorno di impegno per il Governo

(Regioni.it 3663 - 30/07/2019) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella riunione del 25 Luglio, ha approvato un "Ordine del Giorno" di impegno per il Governo  su Ten-T e libera circolazione merci, con particolare riferimento alle "Criticità nella libera circolazione delle merci sui corridoi della Rete Transeuropea".
In particolare le Regioni hanno chiesto al Governo di prendere iniziative 
nei confronti della DG Concorrenza (DG COMP) e della DG Mobilità e Trasporti (DG MOVE) perché sia riconvocato, con tutta l’urgenza del caso, un incontro degli Stati membri interessati – Austria, Italia e Germania – e relativi Enti territoriali per definire una soluzione condivisa per il caso “Brennero”.
Si riporta di seguito il testo integrale dell'Ordine del Giorno che è stato illustrato alla Confernza delle Regioni dall'Assessore della Provincia autonoma di Bolzano, Daniel Alfreider (vedi notizia successiva).
Ordine del Giorno di impegno per il Governo  Ten-T e libera circolazione merci. Criticità nella libera circolazione delle merci sui corridoi della Rete Transeuropea
PREMESSO che nel dicembre 2018 l’Austria ha notificato alla Commissione Europea il testo di un pacchetto con ulteriori limitazioni e divieti al traffico pesante da introdurre a partire dal 1° agosto 2019, sulla base di una risoluzione approvata dal Parlamento del Tirolo il 3 ottobre 2018;
CONSIDERATO che tra le nuove misure restrittive vi è quello dell’inasprimento del divieto settoriale, del divieto di circolazione nelle ore notturne, del divieto di transito sulla base della classe ambientale dei veicoli, dei divieti di circolazione nei mesi invernali;
TENUTO CONTO che nonostante le posizioni fortemente contrarie su tali misure espresse, congiuntamente e in più riprese, dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli e dal Ministro dei Trasporti tedesco, Andreas Scheuer, la Commissione non si è ancora pronunciata, facendo decorrere i termini entro i quali avrebbe dovuto esprimere un parere;
CONSIDERATO ALTRESÌ che sulla Gazzetta Ufficiale austriaca del 28 dicembre 2018 è stato pubblicato il regolamento n. 377 con il quale è stato esteso l’orario del divieto di circolazione dei veicoli commerciali nei sabati invernali, sulle Autostrade A12 e A13 per i veicoli diretti a Nord e a Sud dell’Austria.
CONSIDERATO INFINE che a luglio del corrente anno il Governo del Tirolo ha adottato altre due delle misure precedentemente annunciate: i divieti di transito legati alla classe ambientale dei veicoli, con regolamento n. 80/2019 (GU del Tirolo del 5 luglio 2019) e quella relativa al divieto settoriale con regolamento 81/2019 (GU del Tirolo dell’8 luglio 2019: dell’insieme delle misure annunciate resta da attuare solamente la misura relativa al divieto di transito notturno.
ATTESO CHE Il 70% delle merci transita attraverso i valichi alpini, tra i quali il principale è senz’altro il Brennero, arteria di collegamento con i mercati del Centro e Nord Europa e che secondo i dati della Commissione europea, aggiornati a luglio 2018 e relativi al 2017, quasi 50 milioni di tonnellate di merci passano attraverso il Brennero, di cui 13,8 milioni di tonnellate su ferrovia (pari al 28%) e 35,6 milioni di tonnellate via strada (pari al 72%), con un incremento pari, rispettivamente, al 3% e al 6,4% rispetto al 2016.
ATTESO INOLTRE che le misure del Tirolo trovano applicazione sui flussi di attraversamento del Paese con esclusione dei trasporti con origine/destinazione nel territorio austriaco generando una grave limitazione alla libertà di circolazione delle merci in ambito europeo, nonché una distorsione del principio di libera concorrenza.
TENUTO CONTO che lo sviluppo dei Corridoi transeuropei costituisce una delle più vaste iniziative infrastrutturali messe in campo dall’Unione Europea, con investimenti volti a realizzare gli stessi in due step a trenta e cinquant’anni e che coinvolgono praticamente tutte le Regioni europee sui nove Corridoi da realizzare.
CONSIDERATO che le criticità emerse con il caso della libera circolazione attraverso il Brennero rappresentano non un caso isolato ma una difficoltà che si è manifestata o rischia di manifestarsi anche su altre parti del stesso Corridoio Scandinavo-Mediterraneo e su altri Corridoi.
RITENUTO NECESSARIO che la rilevazione dei dati ambientali che giustifichino misure di limitazione del traffico transfrontaliero sia svolta dall’Agenzia Ambientale Europea al fine di evitare misure restrittive non giustificate e/o unilaterali.
LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME
chiedono pertanto al Governo
l’adozione di opportune iniziative nei confronti della DG Concorrenza (DG COMP) e della DG Mobilità e Trasporti (DG MOVE) perché sia riconvocato, con tutta l’urgenza del caso, un incontro degli Stati membri interessati – Austria, Italia e Germania – e relativi Enti territoriali per:
1. definire una soluzione condivisa per il caso “Brennero”;
2. istituire un tavolo tecnico-politico o una Commissione speciale tra gli Stati interessati, che coinvolga i Ministeri competenti e i soggetti territoriali (per l’Italia la Conferenza delle Regioni e Province autonome) che: a. indaghi e definisca un pacchetto di misure urgenti per lo sviluppo futuro dell’intero Corridoio;
3. individui la soluzione tecnico-politica del Caso “Brennero” quale modello virtuoso da poter replicare nell’ambito dell’intera Rete TEN-T, dando così al tema dei “Bottlenecks” e della Mobilità Sostenibile una valenza non solo tecnologica ma, principalmente, politica ai fini della coesione territoriale europea e del massimo sviluppo delle Reti di trasporto.

Roma, 25 luglio 2019


( red / 30.07.19 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top