Header
Header
Header
         

Regioni.it

n. 3748 - giovedì 19 dicembre 2019

Sommario
- Area Sanità: firmato il contratto
- Autonomia: non bisogna bloccare i processi
- Istat: Rapporto Bes 2019
- Posizione sul Piano Nazionale per l'Energia e il Clima
- Intesa sul fondo nazionale per il sistema di educazione e istruzione da 0 a 6 anni
- Bando “sport e periferie”: posizione sulla graduatoria

+T -T
Istat: Rapporto Bes 2019

Dati anche su ambiente, salute, sicurezza, giovani e lavoro

(Regioni.it 3748 - 19/12/2019) Nel 2018, la speranza di vita alla nascita raggiunge il valore più alto fino ad oggi, 82,3 anni. Rispetto al 2017 si vive in media 0,3 anni in più. Per gli uomini il numero di anni di vita media attesa alla nascita raggiunge 80,9 anni e per le donne 85,2 anni. Nel 2018 il differenziale di genere (4,3 anni) rimane sul livello dell’anno precedente.
Sono alcuni dei dati pubblicati dall’Istat in merito al Rapporto “Bes 2019” su: Le determinanti del benessere soggettivo in Italia; Salute; Istruzione e formazione; Lavoro e conciliazione dei tempi di vita; Benessere economico; Relazioni sociali; Politica e istituzioni; Schede regionali; Il benessere dei giovani un’analisi multi-dimensionale; Sicurezza; Benessere soggettivo; Paesaggio e patrimonio culturale; Ambiente; Innovazione, ricerca e creatività; Qualità dei servizi.
Come vediamo il Rapporto Bes 2019 offre un quadro integrato dei principali fenomeni economici, sociali e ambientali che caratterizzano il nostro Paese.
“Nell'ultimo anno gli indicatori segnalano un miglioramento del benessere" in Italia, ma quasi due milioni di giovani tra i 18 e i 34 anni sono in condizioni di sofferenza. E' quanto rileva l'Istat nel rapporto sul Bes, il Benessere equo e sostenibile. Sui livelli di benessere pesa di certo la componente economica, ma “in misura minore rispetto ad altre caratteristiche come il titolo di studio, le condizioni di salute, l'occupazione e le condizioni abitative”. E’ al massimo storico la speranza di vita, a 82,3 anni.
Nel Rapporto 'Bes 2019' si indica che nel 2018, la speranza di vita alla nascita nel Nord è di 1 anno più lunga rispetto al Mezzogiorno, mentre per la speranza di vita in buona salute alla nascita l’entità delle differenze territoriali tra Nord e Mezzogiorno è di circa 3 anni. Il divario si è ridotto di 1 anno rispetto al 2017 a causa della diminuzione del valore dell’indicatore al Nord, mentre è rimasto stabile nel Mezzogiorno.
Tutte le regioni del Mezzogiorno mostrano valori inferiori alla media nazionale, sia per la vita media in buona salute attesa alla nascita, sia per quella senza limitazioni a 65 anni.
Per quanto riguarda la salute e la sanità la provincia autonoma di Bolzano si colloca spesso tra le aree più virtuose - in 3 indicatori su 13 esprime i valori massimi - mentre la Campania si attesta sui valori minimi in 3 indicatori su 13.
Tra gli indicatori con maggiore variabilità territoriale rispetto alla media nazionale ci sono la mortalità infantile e la mortalità per incidenti stradali. Per gli stili di vita, l’eterogeneità regionale è più elevata per la sedentarietà, l’abuso di alcol e l’adeguata alimentazione, mentre è meno significativa per abitudine al fumo ed eccesso di peso.
Per l’indicatore sulla sedentarietà, la Sicilia registra un valore di quasi il 60% superiore rispetto alla media italiana (55,9% vs la media italiana del 35,7%), mentre il valore minimo si rileva nella provincia autonoma di Bolzano, dove solo il 14,3% delle persone di 14 anni e più non praticano alcuna attività fisica. La proporzione maggiore di persone che consuma giornalmente quantità adeguate di frutta e verdura si osserva in Sardegna (+36,4% rispetto al valore medio italiano) e la più bassa in Puglia (-39% dalla media).
La speranza di vita alla nascita, l’indice di salute mentale e la speranza di vita in buona salute alla nascita rappresentano indicatori il cui livello è più omogeno tra le regioni. Le province autonome di Trento e Bolzano raggiungono i valori più elevati per tutti e tre gli indicatori rispetto alla media italiana, mentre per la speranza di vita alla nascita e per l’indice di salute mentale i valori più bassi si osservano in Campania (-2,4% dalla media italiana) e per la speranza di vita in buona salute alla nascita in Calabria ( 11,1% dalla media).

copertina volume
RAPPORTO BES 2019 (volume integrale, pdf 7,1 Mb)
Introduzione Schede regionali
Le determinanti del benessere soggettivo in Italia Il benessere dei giovani un’analisi multi-dimensionale
01. Salute 07. Sicurezza
02. Istruzione e formazione 08. Benessere soggettivo
03. Lavoro e conciliazione dei tempi di vita 09. Paesaggio e patrimonio culturale
04. Benessere economico 10. Ambiente
05. Relazioni sociali 11. Innovazione, ricerca e creatività
06. Politica e istituzioni 12. Qualità dei servizi

 

RAPPORTO BES 2019: IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA - EDIZIONE 2019 - DATA DI PUBBLICAZIONE: 19 DICEMBRE 2019

 
[Marche] Dati sul mercato del lavoro: nelle Marche incremento di occupati, calo della disoccupazione. Ceriscioli: “Sette mila occupati in più. Sistema imprenditoriale e produttivo al passo con le regioni del nord”


NOTA TRIMESTRALE SULLE TENDENZE DELL’OCCUPAZIONE - PERIODO DI RIFERIMENTO: III TRIMESTRE 2019 - DATA DI PUBBLICAZIONE: 18 DICEMBRE 2019



( gs / 19.12.19 )
Regioni.it

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top