Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 504 - giovedì 21 aprile 2005

Sommario
- Autonomie al centrosinistra
- Friuli: legge università
- UE: Corte dei conti su fondi strutturali
- Informazione: stampa italiana all’estero
- Bolzano: esempio di e-democracy
- 25 Aprile: Marche e Trento

+T -T
Autonomie al centrosinistra

(regioni.it) Il sistema delle autonomie, dopo questa tornata elettorale, fa i conti politici. Quello che sembrava una tendenza si è rafforzata: sono in mano al centrosinistra la maggioranza numerica di Regioni, Province e Comuni. Nei governi regionali (dotati del potere legislativo che non hanno Province e Comuni) l’effetto è stato sicuramente più eclatante, ma il recente turno elettorale ha riguardato anche 367 Comuni (di cui 10 capoluoghi di provincia) e 2 Province. Dopo il voto, anche la geografia del potere amministrativo locale risulta profondamente modificata a tutto vantaggio di un centrosinistra il cui perimetro politico, però, presenta una certa mobilità in alcune realtà anche significative. Questa è la mappa del potere locale ridisegnata dagli elettori con il voto del 3-4 aprile:

Regioni

CENTRODESTRA        CENTROSINISTRA 

LOMBARDIA                 VALLE D'AOSTA             

VENETO                       PIEMONTE                  

MOLISE                        LIGURIA                   

SICILIA                         TRENTINO-ALTO ADIGE       

                                     FRIULI VENEZIA GIULIA     

                                     EMILIA-ROMAGNA            

                                     TOSCANA                   

                                     MARCHE                    

                                     UMBRIA                    

                                     LAZIO                     

                                     ABRUZZO                   

                                     CAMPANIA                  

                                     PUGLIA                    

                                     CALABRIA                  

                                     BASILICATA                

                                     SARDEGNA                  

Al centrosinistra 70 Province e 62 Comuni Capoluogo. Il rapporto è nettamente a favore del centrosinistra che amministra il 70% delle Province (esattamente 70, senza calcolare Trento e Bolzano, province autonome, governate da alleanze fortemente marcate sul piano locale) e 62 Comuni capoluogo contro 30 province e 40 Comuni capoluogo alla CDL.

Naturalmente, all'interno delle coalizioni e' diverso il peso delle singole componenti. Per quanto riguarda il centrosinistra, per esempio, i Presidenti di provincia sono stati assegnati secondo un criterio che vede quasi in parita' Ds (32) e Margherita (29). Ci sono anche 3 presidenti ''indipendenti'' eletti nell'Ulivo; 3 dell'Udeur e 1 ciascuno allo Sdi (Cavicchioli, alla provincia di Terni), ai Verdi (Di Palma, alla provincia di Napoli) e a Rifondazione comunista (Rossi, alla provincia di Ascoli Piceno). Nel centrodestra è Forza Italia che fa la parte del leone: sono azzurri 15 dei 30 presidenti di provincia della Cdl. An e Lega esprimono ciascuna 5 presidenti, sono soltanto 3 quelli dell'Udc.

Omogenea geografia potere centrosinistra nelle province: La distribuzione per aree geografiche e' piuttosto omogenea per Cdl e centrosinistra: la Cdl amministra 12 province nel Centro-sud e 18 nel Nord; il centrosinistra amministra 28 province nel Centro-sud e 42 nel Centro-nord. La Cdl amministra

il 30% delle Province nel Centro-Sud e il 30% di quelle del Nord. Simmetrico, ovviamente, il potere amministrato dal centrosinistra che governa il 70% delle province, nel Nord e nel Centro-sud.

E nel centronord potere comunale centrosinistra: Per quanto riguarda i Comuni capoluogo di Provincia o di Regione, la Cdl ne amministra 40 in Italia, 23 dei quali nel Centro-Sud e 17 nel Nord. Il centrosinistra governa 17 capoluoghi nel Centro-Sud, ma sono ben 45 i Comuni capoluogo amministrati nel Nord.

(red)

 

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top