Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 553 - lunedì 4 luglio 2005

Sommario
- Irap: quale copertura?
- Caldoro propone "giro di vite" su spesa Regioni ed enti locali
- Caveri è il nuovo Presidente della Valle d'Aosta
- Vendola lancia "Mare aperto"
- Pescara: vertice Presidenti Regioni Centro-Sud
- Sanità: Errani su ruolo Direttori generali

+T -T
Caveri è il nuovo Presidente della Valle d'Aosta

(regioni.it) Luciano Emilio Caveri, dell' Union Valdotaine, 47 anni, gia' deputato e sottosegretario nel Governo D'Alema, deputato europeo fino al 2003, e' il nuovo Presidente della Regione autonoma Valle d'Aosta. Lo ha eletto oggi il  Consiglio regionale con 24 voti a favore e 9 schede bianche. Per Caveri hanno votato i consiglieri dell' Union Valdotaine e  diessini, i cui gruppi fanno parte organicamente della maggioranza. Il neopresidente ha ricevuto anche i voti di Federation Autonomiste. Le schede bianche sono di Stella Alpina, Cdl e Arcobaleno.   Laureato in Scienze Politiche, giornalista Rai dal 1980, e' stato eletto per la prima volta nel Parlamento nel 1987. Alle elezioni regionali del 2003 e' stato, in assoluto, con 7.317 preferenze, il candidato piu' votato. Dal luglio 2003 ricopriva nella Giunta di Carlo Perrin (Uv), che sostituisce, l' incarico di assessore al Turismo, Sport, Commercio, Trasporti e Affari europei.

Prima della votazione hanno preso la parola: Leonardo La Torre per comunicare il voto favorevole della Fédération Autonomiste; Enrico Tibaldi (La Casa delle Libertà) per dire che "la fiducia si chiede sulla base di un progetto che però non viene letto in aula se non prima di eleggere il Presidente. Si tratta di un primo scivolone del nuovo corso. Non esprimiamo il voto favorevole per il metodo usato in questa circostanza. Si poteva usare maggiore sensibilità."; Elio Riccarand che ha ribadito il voto contrario al nuovo Presidente "perché sembra che ci sia continuità con il programma precedente che non avevamo votato e perché la nuova squadra di Governo è stata scelta non per competenza, ma per altre logiche."

Dopo la votazione, il neo Presidente della Regione, Luciano Caveri, ha preso la parola e nella sua relazione introduttiva ha affermato che "il punto di partenza è il rafforzamento del ruolo della Presidenza della Regione che si dovrà occupare dei dossier più importanti. All'interno della Giunta ognuno si assumerà le proprie responsabilità, ma con la logica del dialogo e della collaborazione. Molti sono i settori da affrontare e uno di questi è l'applicazione delle norme di attuazione e in questo bisognerà intervenire presso la Commissione paritetica. Bisognerà seguire da vicino l'evoluzione della Casa da gioco, il ruolo futuro dell'Università, e occorrerà saper rispondere alle esigenze della comunità. Ci sarà la novità del posto del Segretario generale nella macchina amministrativa. Tra le urgenze, ci sarà da intervenire nella questione del traffico dei mezzi pesanti all'interno del Monte Bianco. Per quanto riguarda gli Affari europei, la nostra azione dovrà tenere conto della carta dei diritti di Nizza."
Ha quindi analizzato la situazione dei diversi Assessorati, sottolineando per ognuno le principali strategie. "Tra le varie priorità, ha proseguito il Presidente Caveri, ci sono la demografia e l'immigrazione, gli interventi sul territorio e sull'ambiente, i problemi finanziari e il Patto di stabilità, i fondi strutturali 2007-2013, i temi dell'occupazione e del lavoro. Bisogna intervenire sapendo che la situazione economica resta difficile, dovremo essere più rapidi nelle scelte. Alcuni i filoni da seguire: Sguardo su noi stessi; realismo di chi vive in montagna; nuovo percorso amministrativo; apporto importante dei Consiglieri regionali e del Consiglio."
"Dal punto di vista prettamente politico, ha concluso Caveri, resta importante l'alleanza con i Democratici di sinistra, mentre l'Union Valdôtaine rimane il motore della politica valdostana che ha bisogno di una forte unità per evitare pericolose rotture." Ha quindi auspicato maggiore collaborazione con le altre forze dell'area autonomista presenti in Consiglio, così come una più stretta relazione con i parlamentari valdostani.

(red)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top