Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 562 - venerdì 15 luglio 2005

Sommario
- Colozzi richiama in CDM contratto medici
- Politiche sociali: un fondo “a metà”
- Competitività: parere negativo dalle Regioni
- Grandi opere
- Docenza universitaria: una riforma inadeguata
- UE: il 21 incontro tecnico con Commissione

+T -T
Colozzi richiama in CDM contratto medici

(regioni.it) Il Consiglio dei ministri deve esaminare il rinnovo del contratto dei medici. Ulteriori rinvii sono ingiustificati. Procrastinare l'integrazione dell'atto di indirizzo per il rinnovo del contratto dei medici 'sarebbe una scelta difficilmente comprensibile''. E’ quanto sostiene Romano Colozzi, Presidente del Comitato di Settore per la Sanita' (Assessore alle Finanze della Lombardia) dopo aver appreso che all' ordine del giorno del Consiglio dei Ministri di oggi (15 luglio) non sarebbe iscritto il nuovo atto d'indirizzo per il rinnovo del contratto della dirigenza medica (che incrementa le risorse per il contratto dello 0,32% rispetto alla direttiva precedente).

Per questo Colozzi ha detto di aver contattato immediatamente la Presidenza del Consiglio e il Ministero dell'Economia affinche' il documento sia esaminato e varato gia' nella seduta odierna del CDM.

''Sarebbe una scelta difficilmente comprensibile quella di rinviare ancora l'integrazione dell'atto d'indirizzo -  spiega Romano Colozzi - una scelta che comporterebbe un ulteriore rinvio della firma dell'accordo nazionale per la dirigenza medica di almeno due mesi e provocherebbe una serie di tensioni attorno al mondo della sanita' proprio nel momento in cui e' necessario concentrare gli sforzi al servizio dei cittadini''.

Il verbale di preintesa del contratto dei medici e' stato siglato nel maggio scorso. Il via libera da parte del Consiglio dei Ministri della nota integrativa predisposta dal Comitato di Settore permetterebbe alle parti, secondo Colozzi, di sottoscrivere l'accordo definitivo.

''E' facile tappezzare i muri dellacapitale di manifesti in cui ci si appropria del risultato positivo di una lunga trattativa, piu' difficile mantenererealmente gli impegni''. Questo il commento del Segretario Nazionale dell'Anaao Assomed, Serafino Zucchelli, alle dichiarazioni del Presidente del Comitato di Settore per la Sanita' Romano Colozzi, relative alla possibilita' che il Consiglio dei Ministri di oggi non dia il via libera al contratto dei medici.

 ''Il Consiglio dei Ministri di oggi - sostiene Zucchelli -ha il dovere di approvare il contratto di lavoro dei mediciscaduto da quasi 4 anni e mantenutosi nei limiti economiciprevisti. Lo 0,32% in piu' intorno a cui si sta sollevando un gran polverone e' frutto di una scelta fatta dalle Regioni nella loro responsabilita' e autonomia, in analogia con quanto gia' avvenuto nel contratto per il restante personale del comparto sanita'. Speriamo - conclude Zucchelli - che il senso di responsabilita' prevalga: in caso contrario i medici dirigenti del Ssn saranno costretti a nuove azioni di lotta sindacale fino allo sciopero''.

 (gs)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top