Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 565 - venerdì 22 luglio 2005

Sommario
- Rilancio federalismo fiscale: la proposta delle Regioni al Governo
- Accordo di Santa Trada: Errani e Lorenzetti
- Accordo di Santa Trada: Formigoni e Loiero
- Dpef: le 9 priorità delle Regioni
- Accordo di Santa Trada: Spacca, Iorio, Bassolino, De Filippo
- Il 28 Conferenza Regioni

+T -T
Accordo di Santa Trada: Errani e Lorenzetti

(regioni.it) Il ministro per gli Affari Regionali, Enrico La Loggia, preso atto dell'accordo intervenuto fra le Regioni in materia di federalismo fiscale, ha detto che lo porterà ''quanto prima all'attenzione del governo, in maniera tale da porlo in tempi brevi all’ordine del giorno della Conferenza Unificata''.

''Un accordo utile ai cittadini'': cosi' il presidente dell'Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, definisce - sulle pagine a lui dedicate nel sito internet regionale - l'accordo raggiunto dalle Regioni in Calabria sul federalismo fiscale. Errani precisa che ''le Regioni hanno subito chiesto al governo di procedere rapidamente a rendere effettiva questa intesa'' perche' ''una cosa deve essere chiara: questa intesa non serve tanto alle Amministrazioni in sé - sottolinea - quanto ai cittadini, alle famiglie, alle imprese che hanno il diritto di vedere riconosciuti i propri bisogni nella sanità, nei servizi, nelle infrastrutture, nel sostegno alla competitività ed allo sviluppo''. ''Dopo un lungo lavoro - ricorda - le Regioni italiane hanno trovato un'intesa sui meccanismi che devono regolare il federalismo fiscale, a partire dall'articolo 119 della Costituzione e dal decreto legislativo 56/2000, che sono i due riferimenti legislativi fondamentali. Cosa significa? Significa - spiega - che molti soldi dello Stato possono ora essere sbloccati e che il governo stesso e' messo di fronte, con ancora piu' forza, alle proprie responsabilità: insistere su un centralismo che si e' dimostrato inefficace e sprecone o puntare su un federalismo solidale e cooperativo che dia il giusto spazio, anche finanziario, alle Autonomie ed alle Regioni. Per questo il passo che i presidenti di Regione italiani abbiamo fatto a Villa San Giovanni il 21 luglio e' importante, in qualche modo 'storico'. Per la prima volta la solidarietà fra Nord e Mezzogiorno diventa concretamente un modo di governare l'Italia''. E per Errani questa ''e' una possibilita' da non perdere''

Secondo la presidente della Regione Umbria, Maria Rita Lorenzetti l'accordo sul federalismo fiscale ''Ha un grande significato politico'', l'accordo raggiunto ieri a Villa San Giovanni dai presidenti delle Regioni italiane. ''In un momento caratterizzato da un clima politico negativo nei confronti delle Regioni e del sistema delle autonomie locali, indicate come le 'pecore nere' della spesa pubblica - ha spiegato la Lorenzetti - abbiamo dato una risposta di grande serieta' e rigore. Le Regioni hanno dimostrato uno straordinario senso istituzionale approvando un documento che pone limiti reali ad un indiscriminata crescita della spesa pubblica, ed al tempo stesso pone tutte le regioni nelle condizioni di poter autonomamente organizzare la propria vita istituzionale''. ''Sono altrettanto soddisfatta - ha aggiunto la presidente - perché tra i criteri principali che devono governare la definizione delle risorse per ogni singola Regione resta, tra gli altri, quello della dimensione territoriale. Le regioni piccole, infatti, per quanto possano essere efficienti, hanno costi di gestione di alcuni servizi e di funzionamento proporzionalmente superiori a quelli di una Regione grande''. Per la Lorenzetti e' assolutamente importante che il documento delle regioni ponga in maniera inequivocabile alcune condizioni che devono essere rispettate per garantire un effettivo 'federalismo fiscale' e fra queste, la certezza delle entrate, il collegamento che deve esserci tra bilanci e dinamiche di crescita, il rapporto tra spesa e capacita' fiscale di ogni realta' territoriale, tenendo comunque conto anche delle diversita' che esistono tra la regioni, e il costante controllo della spesa sanitaria. ''Questo - ha affermato Lorenzetti - e' il federalismo in cui crediamo. Quello solidale e cooperativo che consente a tutte le Regioni di essere protagoniste autonome della propria crescita e di quella del Paese. Nel nostro piccolo - ha ricordato la presidente - abbiamo potuto dimostrare che e' possibile governare avendo e mantenendo i conti in ordine, ed al tempo stesso dare sempre ai cittadini servizi efficienti e qualificati. Tutto cio' e' stato certificato da organismi di controllo dello Stato e dal qualificate societa' internazionali che hanno riconosciuto alla Regione ''rating'' positivi. Questo pero' non significa che non si deve proseguire una azione politica tesa a migliorare e qualificare ancora di piu' l'assetto regionale della pubblica amministrazione, anche per cio' che attiene ai suoi costi''. ''Questo cammino - ha concluso Lorenzetti - lo abbiamo gia' intrapreso, avviando confronti con il sistema regionale delle autonomie locali e con tutti i soggetti che, sottoscrivendo il Patto per lo sviluppo, hanno condiviso questa scelta''.

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top