Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 578 - mercoledì 7 settembre 2005

Sommario
- Scuola: per Silvia Costa decreto confuso...da revisionare
- Haider e Galan: dall'Europa di Bruxelles a quella delle Regioni
- Regole europee per gli aeroporti regionali
- Spi-Cgil: welfare a rischio. Errani: governo unitario della Repubblica
- Lazio: Cassino Provincia ?
- Conferma rating per la Toscana

+T -T
Spi-Cgil: welfare a rischio. Errani: governo unitario della Repubblica

(regioni.it) Welfare a rischio o welfare a due velocità? Sembra essere questa la preoccupante alternativa che emerge dalla presentazione del V Rapporto Spi-Cgil sul welfare locale. In assenza di un efficace sistema di perequazione, che dovrà essere garantito dall'articolo 119 della nuova Costituzione, si allarga lo spartiacque tra Nord e Sud del Paese e i Comuni capoluogo mostrano divari enormi nella spesa pro-capite negli interventi sociali, che nel 2003 ha messo in mostra una significativa battuta d'arresto, con la contrazione di risorse addirittura del 20% al Sud.

Prendendo spunto dal rapporto dello Spi-Cgil e in relazione al grave momento del welfare, il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, si dichiarato “poco convinto” da un certo “ottimismo di maniera, il governo deve dire come intende impostare la Finanziaria perché siamo già a Settembre".

"Occorre - ha aggiunto Errani -una reale discussione perché la situazione è preoccupante e non bastano i dati Ocse per cancellare i problemi. Bisogna discutere l'impostazione della Finanziaria e come contribuire insieme allo sviluppo del Paese, come investire in infrastrutture, in ricerca, innovazione, formazione. Su queste priorità costruire una proposta di 'governo unitario della Repubblica' coinvolgendo Comuni e Regioni". Errani a questo proposito ha poi indicato nelle questioni della sanità e del welfare una delle priorità: "bisogna definire i livelli essenziali e su questo operare concretamente". Quanto ai tagli alle spese, Errani ha spiegato che "le regioni sono pronte a fare la loro parte ma non e' tagliando le auto blu che si coprono i 5 miliardi che mancano al fondo sanitario del 2004". Quanto alla proposta di un coinvolgimento delle Regioni nel capitale della Banca d’Italia, Errani liquida la fantasiosa ipotesi con poche battute: “Non scherziamo, dobbiamo pensare a fare cose serie, abbiamo scadenze fondamentali urgenti, a partire dalla Finanziaria 2006. A fronte del provvedimento del governo e del dibattito che spero sia serio e risolutivo - ha detto Errani - per affrontare tutti i temi di Bankitalia, ruoli istituzionali e la risoluzione dei nodi sul risparmio, in quella sede vi saremo e li' daremo il nostro contributo”.

Crollano – secondo il rapporto dello Spi-Cgil - gli investimenti dei Comuni per il welfare a causa delle minori entrate e degli effetti del patto di stabilità.

La spesa corrente pro-capite e' scesa dai 1.063 euro del 2002 (consuntivi) ai 1.052 euro delle previsioni 2004, quando i Comuni hanno dovuto affrontare il taglio ai trasferimenti statali con la Finanziaria. Nei consuntivi dei comuni la spesa sociale in senso stretto e' diminuita dai 168,36 euro pro-capite del 2002 ai 167,32 del 2003, un trend che tocca picchi elevati al Sud, dove la spesa si e' ridotta da 124,76 euro pro-capite del 2002 a 102,20 euro nel 2003. Anche nelle aree del Nord-Ovest la spesa sociale è scesa, da 198,93 a 193,62 euro.

Le entrate tributarie dei Comuni, secondo la sintesi del rapporto diffusa dall’Ansa, hanno fatto registrare un notevole aumento negli ultimi quattro anni: nel 2000, infatti, la pressione tributaria era pari a 416,26 euro pro-capite, un valore che ha raggiunto i 574,40 euro nel 2003. Gli incrementi più elevati si sono registrati nell'ultimo biennio, e sono solo in parte giustificati dalla introduzione alla compartecipazione dei Comuni all'Irpef (il 4,5% nel 2002 e il 6,5% nel 2003).

Nel periodo 2000-2003 le entrate tributarie comunali crescono progressivamente, da 18,2 a 24,7 mld di euro, anche in relazione alla introduzione e elevazione della quota di compartecipazione dell'Irpef ai Comuni. In aumento sono gli importi della Tosap (da 4,01 a 4,39 euro pro-capite) e, soprattutto, gli accertamenti dell'Ici, che raggiungono, nel 2003, un importo di circa 11 mld di euro. Il valore medio per abitante dell'imposta supera di poco, nel 2003, i 189 euro. Gli importi più elevati pro capite sono in Liguria (317,22 euro), Emilia Romagna (279,25) e Lazio (276,59), quelli più bassi in Calabria (80,12) ed in Sicilia (101,42).

La quota Tarsu cresce da 72,21 euro pro-capite (2000) a 76,14 euro (2003), facendo registrare, tuttavia, una riduzione degli accertamenti nel periodo 2003/2002. La pressione tributaria nelle aree del Centro-Nord oscilla tra i 590 e i 690 euro pro-capite, mentre al Sud il valore si dimezza quasi, fino a raggiungere i 383 euro.

Ai divari delle entrate corrispondono le marcate differenze sul fronte delle spese: il livello della spesa pro-capite per gli interventi sociali, cultura e istruzione pubblica, al Sud è praticamente dimezzato. A Crotone, Reggio Calabria, Taranto e Avellino, nel 2003 la spesa sociale non raggiunge i 60 euro pro-capite, valore che si innalza sopra i 200 euro a Firenze, Udine, Torino, Bologna, Modena e Pordenone. Considerando i singoli interventi, la spesa pro-capite per l'assistenza scolastica, il trasporto e la refezione, e' di 34,33 euro al Sud e di 50,39 euro a livello nazionale. Il valore scende al di sotto dei 10 euro a Vibo Valentia, Trento e Gorizia, mentre supera i 70 euro a Novara, Biella, Brescia, Pavia, Firenze e Milano e a Enna. Dietro ai tagli quattro cause: la scure sui trasferimenti agli enti locali , il blocco della finanza locale, i limiti imposti dal Patto di stabilità interno e l'aumento delle competenze amministrative a carico del governo locale.

Mediamente, nel 2005 i fondi provenienti dai bilanci statale e regionali sono diminuiti rispetto al 2003 di circa il 17%. A causa del blocco dell'autonomia impositiva in atto dal 2003, mitigata dalla Finanziaria 2005 con misure insufficienti, questa riduzione non potrà essere compensata da un maggiore prelievo fiscale locale, soprattutto con l'addizionale Irpef: i Comuni, però, stanno agendo, sulla leva dell'Ici, della tassa/tariffa e, soprattutto, attraverso mentre la manovra tariffaria. Ciò comporta un aumento della tassazione diretta e indiretta nei confronti dei cittadini, a fronte di una riduzione dei livelli di spesa per i servizi pubblici locali.

Nel 2003, il gettito della addizionale comunale Irpef è cresciuto del 46% rispetto all'anno precedente e nello stesso periodo è quasi raddoppiato il numero di enti che hanno deciso di applicare questa sovraimposta. I Comuni, per finanziare anche i servizi sociali, hanno premuto sulla alienazione del patrimonio pubblico, anche attraverso le cartolarizzazioni.

Il welfare dei Comuni - osserva quindi il sindacato - è caratterizzato ancora da forti squilibri territoriali. Il problema cruciale delle politiche sociali è, dunque, l'assenza dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che dovrebbero essere garantiti su tutto il territorio nazionale. Sono ancora pochi, soprattutto al Sud, i Comuni che hanno applicato l'Isee (l'indicatore della situazione economica), che introduce la compartecipazione alle spese da parte degli utenti. Nel meridione, i comuni mostrano anche un'eccessiva quota di risorse destinata alla burocrazia (la spesa per l'amministrazione incide per il 33% su quella totale corrente contro il 26,9 della media nazionale) e di una minore capacità di imposizione locale. I servizi forniti dai municipi, infatti, sono sostanzialmente finanziati con risorse locali.

Mediamente fra comuni del Sud e comuni del Centro-Nord c'è un divario di 180/290 euro di pressione tributaria. E le prospettive non sono buone. A fronte di un taglio di ulteriori risorse deciso per il 2005, non c'è, da parte dei municipi meridionali, né possibilità né capacità di recuperare tutte le entrate locali. La quota dei proventi da servizi pubblici (rette e ticket) non raggiunge i 50 euro pro-capite in numerosi comuni capoluogo del Sud (tra questi: Taranto, Bari, Foggia, Benevento, Catania, Enna, Nuoro e Siracusa), mentre questo valore si triplica in una ventina di città del Centro-Nord. Diversa anche l'entità del gap fra entrate attese ed entrate recuperate. Nella media nazionale il rapporto tra riscossioni e accertamenti di competenza dei tributi, e' pari al 72,3%, valore che si eleva all'81% al Nord e si abbassa al 51,9% nel Mezzogiorno.

(sm/07.09.05)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top