Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 581 - lunedì 12 settembre 2005

Sommario
- Martini: scuola e sociale all’ordine del giorno
- Open days: settimana delle regioni e delle città europee
- Giochi del Mediterraneo Pescara 2009
- In marcia per la pace
- Riapre il Parlamento
- Autonomie speciali

+T -T
Autonomie speciali

(regioni.it) A Palazzo Widmann, sede della Giunta provinciale di Bolzano, c’ è stato un incontro tra la Giunta della Regione autonoma Valle d'Aosta e quella della Provincia autonoma di Bolzano, per discutere della difesa delle autonomie speciali. Sono stati discussi anche i temi della tutela delle minoranze linguistiche, il riconoscimento delle esigenze e delle peculiarita' delle regioni di confine e delle aree di montagna, la gestione dell’energia.

Luciano Caveri (nella foto), presidente della Valle d'Aosta, ha spiegato che “e' stata decisa la designazione di un funzionario in seno alla Conferenza Stato Regioni il quale avra' il compito di occuparsi delle questioni inerenti le Province e Regioni a Statuto speciale ma anche della tutela delle minoranze''.

Il secondo tema di rilievo trattato nel corso del colloquio ha riguardato la collaborazione transfrontaliera tra le Regioni europee, cosi' come viene previsto dall¨Accordo di Madrid. Il presidente della Provincia di Bolzano Durnwalder ha sottolineato che l'Italia sinora non ha realizzato quanto previsto dall'Accordo, cosicche' i contatti che vengono avviati nel quadro delle Regioni europee non hanno, al momento, nessuna reale validita' giuridica. ''Questa situazione appare particolarmente gravosa e penalizzante per le aree di confine come l'Alto Adige e la Valle d'Aosta''. Per ovviare a questa situazione le Regioni di confine invieranno una lettera ufficiale al Governo per evidenziare la situazione e richiedere l'applicazione dell'Accordo di Madrid.

Analoga la situazione per quanto riguarda la Convenzione delle Alpi che, sinora, nonostante le reiterate promesse, non e' stata ancora sottoscritta dal Governo centrale. La necessita' di un¨azione comune da parte delle Regioni di confine ed in particolare delle aree di montagna e' emersa quindi anche per quanto riguarda la tutela delle proprie peculiarita' nei confronti dell'Unione Europea. A tale scopo si e' deciso di creare un Gruppo di lavoro comune per coordinare i prossimi passi nei confronti sia del Governo centrale che dell'Unione Europea.

Infine, per quanto riguarda il Patto di stabilita' il presidente Durnwalder ha posto in evidenza la necessita' di un maggiore confronto con le esigenze espresse a livello centrale.

''Se da un lato infatti - ha affermato Durnwalder - vi e' accordo sulla necessita' di applicare un Patto di stabilita', le Province e le Regioni a Statuto speciale affermano che rientra nelle loro specifiche competenze decidere dove applicare gli eventuali tagli di bilancio''.

(red/12.09.05)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top