Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 586 - lunedì 19 settembre 2005

Sommario3
- Il 22 Conferenza Regioni
- ODG Conferenza Stato-Regioni
- ODG Conferenza Unificata
- Finanziaria e impegno Governo
- Errani: devolution non passerà
- Finanziaria: mercoledì incontro Presidenti

+T -T
Il 22 Conferenza Regioni

E’ convocata la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per giovedì 22 settembre 2005 (ore 10.00 - Via Parigi, 11 – Roma) anche in relazione alle riunioni delle Conferenze Unificata e Stato-Regioni programmate per il pomeriggio, con il seguente Ordine del giorno:

1)  Approvazione bozze resoconti delle sedute del 20, 21 e 28 luglio 2005;

2)  Comunicazioni del Presidente; 

3)  Esame questioni all'o.d.g. della Conferenza Unificata;

4)  Esame questioni all'o.d.g. della Conferenza Stato-Regioni;

5) Esame bozza di accordo tra Regioni ed Enti locali;

6) COMMISSIONE TURISMORegione Abruzzo

Organizzazione lavori sessione straordinaria della Conferenza dedicata al tema del rilancio del settore turistico italiano (Francavilla al Mare 28 settembre 2005);

7)     COMMISSIONE AFFARI ISTITUZIONALI E GENERALI – Regione Siciliana

Iniziative da assumere in merito al disegno di legge recante “Modifica alla parte seconda della Costituzione”, approvato in prima deliberazione dal Parlamento. –Esaminato dalla Commissione il 20 luglio 2005;

 8) COMMISSIONE AFFARI COMUNITARI E INTERNAZIONALIRegione Piemonte

        Esame documento “Contributo delle Regioni italiane alla definizione del Programma Integrato per la Crescita e Occupazione (PICO) di rilancio della strategia di Lisbona) – All’esame della Commissione il 20 settembre 2005;

8b) COMMISSIONE AFFARI COMUNITARI E INTERNAZIONALI – Regione Piemonte

Esame documento sul “Programma di sostegno alla cooperazione regionale” – All’esame della Commissione il 20 settembre 2005;

 9)     COMMISSIONE ISTRUZIONE, LAVORO, RICERCA E INNOVAZIONEProvincia autonoma di Trento su delega Regione Lazio

        Valutazione del testo unificato d’iniziativa parlamentare recante “Istituzione dell’attestato di competenza e delega al Governo per la disciplina delle professioni non regolamentate”, all’esame della Commissione X della Camera dei deputati.

Esaminato dalla Commissione il 27 luglio 2005;

10) COMMISSIONE SALUTERegione Toscana

Informativa del Coordinatore in merito alla manovra finanziaria 2006, alle conclusioni del tavolo tecnico sulle liste d’attesa, al Disegno di legge A.C.5107 “Principi fondamentali in materia di servizio sanitario nazionale” (Governo clinico) e alle problematiche relative alla influenza aviaria;

11) COMMISSIONE ATTIVITA’ PRODUTTIVERegione Marche

Presa d’atto della Conferenza delle Regioni del Calendario Fieristico Italiano per l’anno 2006 – Esaminato dalla Commissione il 14 settembre 2005;

11bis) COMMISSIONE INFRASTRUTTURE, MOBILITA’ E GOVERNO DEL TERRITORIORegione Campania

a)       Valutazione del testo unificato d’iniziativa parlamentare recante “Disposizioni in materia di tutela della concorrenza nel settore del trasporto pubblico locale” (3053) – Esaminato dalla Commissione il 15 settembre 2005;

b)       Posizione delle Regioni in ordine al tema della sicurezza del trasporto ferroviario - Esaminato dalla Commissione il 15 settembre 2005;

11ter) Disegno di legge di conversione del decreto legge 182/2005 recante           “Interventi urgenti in agricoltura e per gli organismi pubblici del settore, nonché    per contrastare andamenti anomali dei prezzi nelle filiere agroalimentari”: crisi      di mercato settore vitivinicolo e del pomodoro – Richiesta del Presidente della       Regione Umbria (art. 4, comma 3             Regolamento della Conferenza);

 

12) Varie ed eventuali.

 

SEDUTA RISERVATA

 

13) DESIGNAZIONI

 

Comitato paritetico permanente per la verifica dell’erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza, di cui all’intesa sancita dalla Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 23 marzo 2005 – nuova costituzione – sette rappresentanti regionali.

 

b) II Conferenza Stato-Regioni C.G.I.E. – indicazione tre componenti gruppo di lavoro preparatorio.

+T -T
ODG Conferenza Stato-Regioni

Convocazione e o.d.g. della seduta della Conferenza Stato Regioni del 22 settembre 2005:

La Conferenza Stato–Regioni è convocata per giovedì 22 settembre 2005, alle ore 16.45 presso la Sala riunioni di Via della Stamperia, n. 8, in Roma, con il seguente ordine del giorno:
1) Approvazione dei verbali delle sedute del 14 e del 28 luglio 2005.
2) Intesa sui seguenti schemi di decreti modificativi dei decreti ministeriali attuativi del decreto legislativo del 22 gennaio 2004, n. 28, recante riforma della disciplina in materia di attività cinematografiche:
1) Decreto del Ministro per i beni e le attività culturali recante modifiche al D.M. 10 giugno 2004 "Criteri per la concessione di premi alle sale d'essai ed alle sale delle comunità ecclesiali o religiose";
2) Decreto del Ministro per i beni e le attività culturali recante modifiche al D.M. 16 luglio 2004 "Modalità tecniche di erogazione e monitoraggio dei contributi percentuali sugli incassi realizzati in sala dalle opere cinematografiche";
3) Decreto del Ministro per i beni e le attività culturali recante modifiche al D.M. 27 agosto 2004 "Determinazione dell'ammontare dei premi di qualità ai lungometraggi riconosciuti di nazionalità italiana e delle relative quote percentuali di ripartizione";
4) Decreto del Ministro per i beni e le attività culturali recante modifiche al D.M. 27 settembre 2004 "Definizione degli indicatori del criterio per il riconoscimento dell'interesse culturale dell'opera filmica di cui all'art. 8, comma 2, lettera d), del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 28, e successive modificazioni, nonché la composizione e le modalità di organizzazione e di funzionamento della Commissione per la cinematografia";
5) Decreto del Ministro per i beni e le attività culturali recante modifiche al D.M. 27 settembre 2004 "Definizione degli indicatori, e dei rispettivi valori, per l'iscrizione delle imprese di produzione cinematografica nell'elenco di cui all'art. 3, comma 1, del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 28, e successive modificazioni". (BENI E ATTIVITA’ CULTURALI).
Intesa ai sensi dell’articolo 1 del decreto-legge 17 agosto 2005, n. 164.

3) Parere sui seguenti schemi di decreti modificativi dei decreti ministeriali attuativi del decreto legislativo del 22 gennaio 2004, n. 28, recante riforma della disciplina in materia di attività cinematografiche:
1) Decreto del Ministro per i beni e le attività culturali recante modifiche al D.M. 10 giugno 2004 "Modalità tecniche per il sostegno all'esercizio ed alle industrie tecniche cinematografiche";
2) Decreto del Ministro per i beni e le attività culturali recante modifiche al D.M. 30 luglio 2004 "Modalità tecniche di attuazione del collocamento pianificato di marchi e prodotti nelle scene di un'opera cinematografica";
3) Decreto del Ministro per i beni e le attività culturali recante modifiche al D.M. 27 settembre 2004 "Modalità tecniche per il sostegno alla produzione ed alla distribuzione cinematografica;
4) Decreto del Ministro per i beni e le attività culturali recante modifiche al D.M. 28 ottobre 2004 "Modalità tecniche di gestione e di monitoraggio dell'impiego delle risorse destinate alla promozione delle attività cinematografiche in Italia e all'estero";
5) Decreto interministeriale Ministero per i beni e le attività culturali - Ministero dell'economia e delle finanze, concernente le modalità tecniche di gestione del Fondo per le attività cinematografiche di cui all'articolo 12 del decreto legislativo n. 28 del 2004. (BENI E ATTIVITA’ CULTURALI).
Parere ai sensi dell’articolo 1 del decreto-legge 17 agosto 2005, n. 164.
4) Intesa sullo schema di decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, concernente il Fondo di cui all’articolo 4, comma 100, della legge 24 dicembre 2003, n. 350 (legge finanziaria 2004), recante “Fondo finalizzato alla costituzione di garanzie sul rimborso dei prestiti fiduciari, al fine della corresponsione agli studenti privi di mezzi, di contributi in conto interessi”. (ISTRUZIONE, UNIVERSITA’ E RICERCA).
Intesa ai sensi dell’articolo 6, comma 7, del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, convertito con modificazioni dalla legge 14 maggio 2005, n. 80.
5) Parere sullo schema di decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio, di concerto con il Ministro della salute e il Ministro delle attività produttive, recante modifiche al D.M. 5 febbraio 1998 “Individuazione dei rifiuti non pericolosi sottoposti alle procedure semplificate di recupero, ai sensi degli articoli 31 e 33 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22”. (AMBIENTE E TUTELA DEL TERRITORIO).
Parere ai sensi dell’articolo 2, comma 3, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.
6) Parere sullo schema di decreto del Ministero dell’economia e delle finanze, recante riparto tra le Regioni e le Province autonome delle risorse previste per l’anno 2005 dall’art. 12, comma 2, della legge 21 novembre 2000, n. 353 per gli interventi di prevenzione e difesa dagli incendi del patrimonio boschivo nazionale. (ECONOMIA E FINANZE).
Parere ai sensi dell’articolo 2, comma 4, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.
7) Parere sullo schema di decreto legislativo relativo alle sostanze che possono essere aggiunte a prodotti destinati ad una alimentazione particolare, a scopi nutrizionali specifici, su proposta del Ministro per le politiche comunitarie e del Ministro della salute, di concerto con il Ministro delle attività produttive, delle politiche agricole e forestali, degli affari esteri, della giustizia e dell’economia e delle finanze, di recepimento della direttiva 2004/6/CE, che deroga alla direttiva 2001/15/CE. (SALUTE-POLITICHE COMUNITARIE).
Parere ai sensi dell’articolo 2, comma 3, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n.281.
8) Informativa del Ministro della salute, in ordine alle linee generali del Piano Sanitario Nazionale, per il prossimo triennio 2006 – 2008. (SALUTE).
9) Questioni relative al trasferimento di risorse in attuazione del decreto legislativo n. 112/1998, in materia di salute umana e sanità veterinaria, concernenti trattamenti economici a favore dei soggetti danneggiati dalle vaccinazioni obbligatorie ed emoderivati (legge n. 210/1992). (SALUTE-ECONOMIA).
Richiesta delle Regioni.
10) Parere sul decreto-legge 9 settembre 2005, n. 182 recante interventi urgenti in agricoltura e per gli organismi pubblici del settore, nonché per contrastare andamenti anomali dei prezzi nelle filiere agroalimentari.(POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI).
Parere ai sensi dell’articolo 2, comma 5, lettera a), del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.
11) Designazione di un rappresentante regionale in seno alla Commissione per il digitale terrestre, di cui all’articolo 1 del decreto ministeriale 17 giugno 2005. (DESIGNAZIONE).
Acquisizione della designazione ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lettera d), del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.
12) Designazione di sette rappresentanti regionali, proposti dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome, in seno alla Commissione per l’istruttoria dei progetti relativi agli interventi per la realizzazione di alloggi e residenze per gli studenti universitari. (DESIGNAZIONE).
Acquisizione della designazione ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lettera d), del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.
13) Designazione di un rappresentante delle Aziende Sanitarie Locali per la ricostituzione, presso l’INAIL, della Commissione scientifica di cui all’articolo 10, del decreto legislativo 23 febbraio 2000, n. 38. (DESIGNAZIONE).
Acquisizione della designazione ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lettera d), del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.
14) Designazione di due rappresentanti regionali, proposti dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome, in seno al Comitato di valutazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche, ai sensi dell’articolo 10, del decreto legislativo 4 giugno 2003, n. 127. (DESIGNAZIONE) .
Acquisizione della designazione ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lettera d), del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

+T -T
ODG Conferenza Unificata

La Conferenza Unificata è convocata per giovedì 22 settembre 2005, alle ore 16.00 presso la Sala riunioni di Via della Stamperia, n. 8, in Roma, con il seguente ordine del giorno:

1)Approvazione dei verbali delle sedute del 14 e del 28 luglio 2005.

2)Programma Infrastrutture Strategiche - III Documento di programmazione economica e finanziaria concernente individuazione delle infrastrutture pubbliche e private e degli insediamenti produttivi strategici e di preminente interesse nazionale da realizzare per la modernizzazione e lo sviluppo del Paese di cui all’articolo 1, comma 1, della legge 21 dicembre 2001, n.443 (legge obiettivo) (INFRASTRUTTURE E TRASPORTI) COD. SITO 2548 Intesa ai sensi dell’articolo 1, comma 1, della legge 21 dicembre 2001, n.443.

3)Intesa sul Piano straordinario per la messa in sicurezza degli edifici scolastici. Legge 27 dicembre 2002, n. 289, articolo 80, comma 21. (INFRASTRUTTURE E TRASPORTI) COD. SITO 2831 Intesa ai sensi dell’articolo 8, comma 6, della legge5 giugno 2003, n. 131.

4)Accordi, di cui al punto 3 dell’Accordo della Conferenza unificata del 28 luglio 2005, tra Governo, Regioni ed Autonomie locali per la fissazione di criteri e limiti per le assunzioni di personale a tempo indeterminato per il triennio 2005 – 2007, per le Regioni, le Province e i Comuni e per gli Enti del Servizio Sanitario Nazionale, ai fini dell’emanazione dei decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri previsti dall’articolo 1, comma 98, della legge 30 dicembre 2004, n. 311.(FUNZIONE PUBBLICA) COD. SITO 6985 Accordo ai sensi dell’articolo 9, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

5)Parere sul decreto-legge 17 agosto 2005, n. 164 recante disposizioni urgenti in materia di attività cinematografiche. (BENI E ATTIVITA’ CULTURALI) Parere ai sensi dell’articolo 9, comma 3, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

6)Informativa dei Ministri del lavoro e delle politiche sociali e dell’economia e delle finanze, in ordine al reperimento delle ulteriori risorse per il Fondo per le politiche sociali.

+T -T
Finanziaria e impegno Governo

(regioni.it) ''L'amministrazione centrale fa un sacrificio di oltre 6 miliardi, alle Regioni se ne chiede meno della meta'. Anche questo rientra in una logica federalista''. E' l'opinione del sottosegretario all'Economia, Michele Vietti, ''La Corte dei Conti - ha ricordato Vietti - ha lanciato, solo qualche mese fa, un allarme preoccupante sul fatto che la spesa periferica e' fuori controllo e scarsamente coerente con l'insieme della spesa pubblica''.

“La relazione della Corte dei conti (cfr. anche regioni.it n.571) – aveva allora affermato il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, alla pubblicazione del 2 agosto (Errani (Regioni) su Relazione Corte dei conti) - dimostra il senso di responsabilità delle regioni che, come ha sottolineato la magistratura contabile hanno rispettato il patto di stabilità interno. E’ la prova che le Regioni hanno dato, e possono continuare a dare, un contributo vero al rilancio del sistema Paese e alla razionalizzazione della spesa pubblica, contrastando diseconomie e sprechi in tutta la pubblica amministrazione”, lo ha dichiarato Vasco Errani, Presidente della Conferenza delle Regioni.

“E’ chiaro che per ottenere risultati migliori, così come abbiamo più volte sottolineato al Governo, da ultimo in  occasione del recente Dpef, ci vuole il massimo senso di responsabilità da parte di tutti e una forte collaborazione istituzionale. Da questo punto di vista la Finanziaria sarà il vero banco di prova per verificare la volontà reale da parte del Governo di lavorare insieme su questioni fondamentali per il futuro del Paese.

Penso – ha proseguito Errani -  innanzi tutto al finanziamento dei livelli essenziali di assistenza in settori fondamentali come la sanità e le politiche sociali. E penso al superamento del blocco degli investimenti nel patto di stabilità che ha avuto effetti recessivi perversi, in controtendenza con le necessità di sviluppo del Paese.

La stessa Corte dei conti infine rileva che le Regioni sono vittime della “indeterminatezza del quadro costituzionale” e del “mancato riconoscimento della responsabilità fiscale”.

Infine Errani oggi risponde:  “Non esiste che il dialogo istituzionale si fondi sulla confusione, con numeri che vanno bene un giorno e che poi vengono smentiti l’indomani dagli stessi rappresentanti dell’esecutivo”. Errani aggiunge: “O si impostano i rapporti istituzionali attraverso un dialogo serio, altrimenti nulla è possibile. Credo che su questa impostazione, sull’importanza della collaborazione istituzionale, converrà anche il sottosegretario Vietti.

E’ pertanto sempre più urgente che il Governo rispetti l’impegno, preso dallo stesso presidente del Consiglio, di incontrare Regioni ed Enti locali per approfondire insieme, in modo serio e concreto, l’impostazione preliminare della Finanziaria”.

(red/19.09.05)

+T -T
Errani: devolution non passerà

(regioni.it) Per il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, il Governo ''non mantiene gli impegni presi'' di discutere la prossima finanziaria con le Regioni ''perche' altrimenti dovrebbe ammettere i propri, pesanti errori, a partire da quello di una riforma fiscale che non ha avuto effetti sul fronte della ripresa''. ''se venissero confermate le anticipazioni di stampa'', la prossima finanziaria ''sarebbe priva di qualsiasi direzione di marcia'', dimostrando solo ''la volonta' del governo di passare il cerino, quasi finito, nelle mani degli enti locali. Ma tutto questo - ha ribadito Errani - non va a scapito delle Regioni, ma di tutto il paese, che non trova risposte ai suoi problemi''. Errani ha poi criticato ''chi pensa di risolvere con la lotta agli sprechi problemi strutturali, come quello relativo alla sanita' regionale, per la quale mancano 4,5 miliardi di trasferimenti per il 2004. Servono invece delle scelte precise, ed investimenti, che invece - ha concluso Errani - sono pari a zero nel settore sanitario da ben cinque anni''.
Critico sulla devolution: E' ''un' idea pessima'', che ''va bloccata'' anche ricorrendo al referendum, secondo il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, quella della devolution, perche' ''non funzionera' mai e sarebbe un colpo micidiale alla funzionalita' delle istituzioni''. La riforma costituzionale del centro destra ''non passera''' e che questo ''aprira' un altro problema politico all' interno della maggioranza''. Per il presidente dell' Emilia-Romagna, ''se federalismo  significa costruire una disparita' ancora piu' forte tra Nord e Sud, allora e' negativo. Qualsiasi sistema federale o di decentramento prevede comunque una scelta di fondo, che e' quella della cooperazione istituzionale. Se non si realizza un luogo dove si prendono insieme le decisioni, allora ci sara' sempre conflitto''. A questo riguardo, Errani ha sottolineato che ''le riforme del centro destra aumenterebbero il conflitto istituzionale, perche' il tipo di Senato proposto e' tutt' altro che federale, e perche' tutto l' iter legislativo ipotizzato non chiarisce chi deve avere l' ultima parola: forse la Corte costituzionale?'', si e' chiesto Errani, secondo il quale ''se cosi' fosse, allora questo e' un paese che non funziona''.
(red/19.09.05)

+T -T
Finanziaria: mercoledì incontro Presidenti

(regioni.it) Venerdì il Governo ha reso noto che il Governo convochera' nei prossimi giorni – entro il 30 la Finanziaria 2006 deve essere presentata - le Regioni e le Istituzioni locali per un confronto in vista del varo della Legge finanziaria. L'incontro, la cui data precisa e' ancora da stabilirsi, e' stato deciso su proposta  del Ministro per gli Affari Regionali, Enrico La Loggia.

Ma intanto i rappresentanti degli Enti Locali manifestano ''forti preoccupazioni'' per la manovra, a partire dai paventati tagli alla spesa sanitari. Errani li commenta duramente. ''I numeri che leggo in questi giorni sulla stampa sono singolari, astratti. Cosa significa tagliare 2 miliardi e mezzo sulla spesa tendenziale della sanita'? - chiede, chiarendo poi che ''il punto centrale e' chiarire se si finanzia o non si finanzia la spesa sanitaria''.

 Dal Piemonte la presidente Mercedes Bresso, gli fa eco: i tagli alla sanita' sono una truffa all'Unione Europea, mentre il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, sfida lo scetticismo generalizzato e fa sapere di avere fiducia nella ''smentita secca del governo'' assicurando che ''su questi temi abbiamo lavorato da tempo noi Regioni insieme al governo e c'e' stata data garanzia che le cifre che abbiamo concordato saranno rispettate''.

Ma la sanita' e' solamente uno dei punti fondamentali da trattare con il governo perche', sottolinea ancora Errani  ''finora sono mancati un discorso e una strategia a lungo termine per dare prospettiva al Paese''. Di qui il via al lungo elenco delle inefficienze del governo. ''Non si e' fatta alcuna politica industriale - ricorda Errani - non si e' investito nel sapere ricerca scuola e la riforma in questo settore ha avuto un esito negativo. Per non parlare della politica fiscale sbagliata e dei condoni fiscali ed edilizi che hanno dato messaggio di permissivismo al Paese'', nota ancora il rappresentante delle Regioni Italiane. Per arrivare alla lista dei problemi urgenti

da risolvere sul territorio. A partire dalla scuola fino alla necessita' di inserire nella manovra finanziaria l'accordo sul decreto legislativo 56, approvato dalla Conferenza delle Regioni lo scorso luglio a Reggio Calabria e, ancora, la revisione del patto di stabilita' interno, il ruolo attivo delle regioni nella politica industriale, investimenti nell'istruzione e nella ricerca e soluzioni al problema della casa e degli affitti.

Sull'inserimento della tassa di scopo si e' pronunciato per l'Anci, il vicepresidente, Fabio Sturani, aperto ad una discussione sulla questione, a patto che ''siano permesse scelte autonome ai comuni e che questa tassa sia considerata una risorsa aggiuntiva e non sostitutiva dei trasferimenti statali''. Nettamente contrari, invece, i piccoli comuni per i quali la tassa di scopo ''sarebbe una truffa'' precisa Secondo Amalfitano, coordinatore della Consulta dell'Anci per i  Piccoli Comuni.

Ancora sul fronte dei comuni il sindaco di Roma, Walter Veltroni, esprime la sua preoccupazione, anche in numeri. ''Se ci fossero tagli ai comuni, per Roma significherebbe avere 150-200 milioni di euro in meno sulla spesa corrente'', fa sapere il sindaco della capitale ricordando che il welfare e servizi con questa finanziaria sarebbero a rischio. Ma per il vice presidente della regione Piemonte, attualmente capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Enzo Ghigo, ''non ci saranno tagli al welfare''. 

Il presidente dell'Upi (Unione delle Province Italiane), Fabio Melilli , teme che ''i 3 miliardi di euro, a tanto si legge in questi giorni dovrebbero ammontare i tagli previsti dalla finanziaria a carico di Regioni ed enti locali, obblighino gli amministratori a ridurre i servizi ai cittadini''. Da Sud del Paese il presidente della Regione Calabria Agazio Loiero fa sentire la sua voce e parla di dimensione ''catastrofica'' dei tagli a Sanita' ed Enti locali. ''E' una manovra che in pratica cancella anche le speranze delle regioni deboli. Questo e' un governo suicida che in limine mortis tenta di strangolare il Paese dopo averlo portato al collasso''.

''La bozza di Finanziaria che conosciamo e assai negativa per le Regioni'', ha detto Luciano Caveri, presidente della Regione autonoma Valle d'Aosta. Caveri ha quindi aggiunto: ''chiederemo un capitolo apposito per le autonomie speciali'' ed ha anticipato che i parlamentari valdostani, ed in particolare il senatore Augusto Rollandin (la discussione iniziera' al Senato) saranno impegnati ''in iniziative tese ad inserire nella Finanziaria interventi di urgenza e norme ordinarie''.
Per il presidente della Toscana Martini, dopo aver accennato anch’egli alle ''preoccupanti indiscrezioni sulla finanziaria 2006 del governo'', ha spiegato che ''anno dopo anno le condizioni di gestione del bilancio regionale sono sempre piu' difficili. Ma per il 2006 siamo determinati a mantenere il sistema dei servizi esistente, riorganizzandolo, ma senza aumentare le tasse. Sono dieci anni che manteniamo l' invarianza fiscale, quindi, considerando l' inflazione, possiamo dire che in Toscana le tasse non solo non aumentano, ma diminuiscono''.
Sempre in merito alla Finanziaria 2006 è convocata - per mercoledì 21 settembre alle ore 10.00 (Via Parigi, 11 Roma) una riunione, a livello politico, per una prima valutazione e uno scambio di idee tra i presidenti delle Regioni sulla prossima finanziaria e sulla posizione da assumere nell’incontro in Confindustria con il presidente Montezemolo previsto per le ore 13.30 dello stesso giorno.

(red/19.09.05)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top