Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 649 - martedì 10 gennaio 2006

Sommario3
- Polli sotto controllo
- Riconosciute calamità in Campania, Veneto e Sardegna
- Scuola: il sistema italiano a confronto
- Sicurezza: vertice di città e Regioni a Lamezia Terme
- Prezzi: aumentano acqua, casa, elettricità, trasporti, benzina e istruzione
- ambiente: regioni per modifica attuazione delega

+T -T
Polli sotto controllo

(regioni.it) Un'unita' di crisi" per far fronte all'emergenza aviaria: “firmerò presto il decreto", ha confermato il ministro della salute Francesco Storace ad Unomattina L'unita' di crisi risiederà al ministero della salute presso il dipartimento di sicurezzasugli animali e veterinaria coordinato dal prof. Romano

Marabelli. “Dobbiamo continuare ad agire nella normalita', non modificare cioe' i comportamenti. Non c'e' la trasmissione dell'influenza aviaria da uomo a uomo - ha aggiunto Storace -

ma il contagio in villaggi rurali perche' a contatto con animali infetti. Dobbiamo comunque prestare attenzione e rassicurare i cittadini". Il ministro ha poi ricordato che "l'unita' di crisi servirà a mettere in cantiere alcune iniziative: il coordinamento con le realta' regionali per fare cose affinche' non risultino poi in conflitto tra loro, come, nel caso di insorgenza di focolai, fornire l'equipaggiamento necessario al personale, monitorare il territorio attraverso la cattura di animali selvatici per tranquillizzare il cittadino sul fatto che lo Stato c'è, che la malattia si combatte”.

"Abbiamo informato i medici di medicina generale e tutte le categorie sanitarie attraverso opuscoli - ha detto ancora Storace - per far capire come si individua l'influenza aviaria, i sintomi e le prime azioni da compiere. Ci siamo occupati anche del piano di assistenza sanitaria, in caso di pandemia, - ha aggiunto - con la disponibilita' di quasi 5 mila posti-letto nei reparti di malattie infettive e un migliaio circa di alto isolamento”. “In questi mesi abbiamo sviluppato una rete sul territorioaffidata ai veterinari che controllano ogni pollo italiano, i Nas che stanno facendo un lavoro straordinario e - ha aggiunto Storace - non e' un caso che il Governo e la Finanziaria ha stanziato piu' risorse per queste categorie. Abbiamo disposto controlli sugli allevamenti rurali. Quindi se dovesse accadere

la scoperta di un focolaio siamo pronti ad intervenire'. Il ministro della salute ha rassicurato, infine, i cittadini sulla carne dei polli italiani. "Va mangiato non solo perché e' buono ma anche perche' non fa male. Il pollo italiano è controllato, basta comprare il pollo italiano solo dove c'e' l'etichetta", ha concluso Storace ricordando che sui viaggi per la Turchia non e' possibile bloccare il flusso verso quel Paese. "Non c'e' la necessita', ecco perché stiamo scrivendo regole semplici, come il lavarsi le mani, evitare i mercati dove ci sono animali vivi, non toccare quelli morti, etc, per evitare il rischio di contagio". E' in programma  ''venerdi' prossimo'' l'incontro tra il ministero della Salute e le  Regioni per tornare a discutere di influenza aviaria dopo i casi registrati in Turchia, ha infine annunciato il ministro della Salute Francesco Storace.

(red/10.01.06)

+T -T
Riconosciute calamità in Campania, Veneto e Sardegna

(regioni.it) Il carattere eccezionale degli eventi calamitosi che si sono verificati in Campania (grandinate a Napoli e Salerno giugno 2005), in Veneto (siccità nel padovano dal 15 giugno al 16 agosto 2005) e in Sardegna (piogge persistenti a Cagliari, Nuoro e Sassari dal 6 al 31 dicembre

2004) è stato riconosciuto con i decreti del ministero delle Politiche agricole e forestali pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale del 9 gennaio. L'erogazione degli aiuti e' subordinata alla decisione della Commissione Ue sulle informazioni meteorologiche notificate.

DECRETO 30 dicembre 2005 Dichiarazione dell'esistenza del carattere eccezionale degli eventi calamitosi verificatisi nella regione Campania.

DECRETO 30 dicembre 2005 Dichiarazione dell'esistenza del carattere eccezionale degli eventi calamitosi verificatisi nella regione Veneto.

DECRETO 30 dicembre 2005  Dichiarazione dell'esistenza del carattere eccezionale degli eventi calamitosi verificatisi nella regione Sardegna.

(red/10.01.06)

+T -T
Scuola: il sistema italiano a confronto

(regioni:it) Il CERM ha pubblicato un dossier intitolato "Il sistema di istruzione italiano: alcuni sintetici spunti per un confronto internazionale". Si tratta dell'analisi delle statistiche (di fonte OECD e UE) sul sistema di istruzione e sull'impiego del capitale umano. I risultati – secondo il Cerm – prospettano uno scenario in cui non è improprio parlare per l'Italia di un equilibrio di "sottoccupazione di capitale umano" e di "sottoccupazione tecnologica". Sempre secondo il Cerm “sia il funzionamento del mercato del lavoro che la struttura produttiva appaiono endogenamente adattati, in un rapporto di reciproca influenza, alla scarsità di capitale umano di "alta formazione"”. Il link allo studio è: http://www.cermlab.it/public/NotaCERM9-05.pdf

(red/04.01.06)

+T -T
Sicurezza: vertice di città e Regioni a Lamezia Terme

(regioni.it) Sarà una due giorni assai impegnativa quella del 12 e 13 gennaio a Lamezia Terme in occasione del Forum italiano per la sicurezza urbana, associazione di città, province e regioni, che ha individuato come uno dei punti prioritari del suo programma la necessità di mettere in rete le esperienze di miglioramento della sicurezza urbana maturate nel centro-nord con le esperienze di lotta alla criminalità organizzata proprie di alcune regioni del Mezzogiorno. L’obiettivo è la ricerca di un punto di incontro o addirittura di reciproco rafforzamento, tra le due esperienze. Questa iniziativa organizzata assieme al Comune di Lamezia Terme e alla Regione Calabria rappresenta il primo momento di questo percorso. Oltre al confronto delle esperienze, il motivo conduttore che farà da sfondo ai due giorni di incontri è stato tratto dal programma di mandato del nuovo Presidente della Regione. Si tratta del trasferimento al sistema delle autonomie locali di un insieme di competenze gestionali oggi accentrate a livello regionale, come strumento in grado di contribuire ad incrinare il sistema di potere della 'ndrangheta che intercetta e condiziona le scelte pubbliche proprio a partire dalla dimensione regionale.

Accanto a questo, altri temi faranno parte della riflessione proposta dal Forum: dalla necessità che le amministrazioni del centro-nord assumano sul serio e con continuità l' impegno a contrastare nei loro territori le organizzazioni mafiose, all'assunzione, come battaglia nazionale, del tema della confisca effettiva e del riuso dei beni sottratti alla criminalità organizzata. Dalla necessità che lo Stato e la Magistratura compiano davvero uno sforzo straordinario per disarticolare la 'ndrangheta, che è la più chiusa e impenetrabile delle organizzazioni mafiose, alla possibilità di avviare una riflessione sulla trasferibilità nelle regioni del Mezzogiorno di alcune esperienze maturate in altri contesti, come i ''consorzi fidi'' per l' accesso al credito e le diverse esperienze di monitoraggio e controllo degli appalti pubblici.

Questa impostazione ha bisogno, per tradursi in attività concrete, di strumenti e di continuità: l'impegno del Forum e' che l' iniziativa di Lamezia Terme rappresenti solo il punto di partenza per un lavoro comune che duri nel tempo e che trovi nelle citta', nelle province e nelle regioni, a partire da quelle che aderiscono all' associazione, i soggetti in grado di trasformare in progetti concreti di collaborazione le idee che matureranno lungo questo percorso.

Il programma prevede prevede per giovedì pomeriggio una sessione di approfondimento con Pino Battaglia, vicepresidente del Forum europeo per la sicurezza urbana, presidente della Commissione sicurezza del Comune di Roma; relazioni di Maria Fortuna Incostante, presidente del Forum italiano per la sicurezza urbana dal 1999 al 2004, Enzo Ciconte, presidente dell' Osservatorio del Lazio sulla sicurezza; Gianfranco Manfredi, direttore di ''La Calabria''; Lino Busa', presidente di Sos Impresa. Venerdi' la giornata centrale con Gianni Speranza, sindaco di Lamezia Terme; Claudio Montalto, presidente del Forum italiano per la sicurezza urbana e assessore alla sicurezza della Liguria; Carmine Barbaro, sindaco di Locri; Alberto Pacher, sindaco di Trento; Roberto Reggi, sindaco di Piacenza, Franco Sammarco, sindaco di Vibo Valentia. E poi le Regioni: Agazio Loiero, presidente della Calabria; Antonio Bassolino, presidente della Campania; Mercedes Bresso, presidente del Piemonte; Vasco Errani, presidente dell' Emilia Romagna; Federico Gelli, vicepresidente della Toscana; Piero Marrazzo, presidente del Lazio.

(red/10.01.06)

+T -T
Prezzi: aumentano acqua, casa, elettricità, trasporti, benzina e istruzione

(regioni.it) L’Istat ha reso noti gli “indici dei prezzi al consumo” Dicembre 2005: Pur trattandosi indici provvisori l’Istituto nazionale di statistica stima che i prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), relativi al mese di dicembre 2005, presentino una variazione nulla rispetto al mese di novembre 2005 e una variazione di +2,0 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Gli indici definitivi saranno diffusi il prossimo 16 gennaio 2006.

Sulla base dei dati finora pervenuti aumenti congiunturali dell’indice per l’intera collettività si sono verificati per i capitoli Prodotti alimentari e bevande analcoliche (più 0,3 per cento), Altri beni e servizi (più 0,2 per cento) e Abbigliamento e calzature (più 0,1 per cento); variazioni nulle si sono verificate nei capitoli Bevande alcoliche e tabacchi, Mobili, articoli e servizi per la casa, Servizi sanitari e spese per la salute e Istruzione; variazioni negative si sono registrate nei capitoli Ricreazione, spettacoli e cultura (meno 0,2 per cento), Abitazione, acqua, elettricità e combustibili, Trasporti, Comunicazioni e Servizi ricettivi e di ristorazione (meno 0,1 per cento per tutti e quattro).

Gli incrementi tendenziali più elevati si sono registrati nei capitoli Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (più 5,7 per cento), Trasporti (più 3,2 per cento) e Istruzione (più 3,0 per cento). Una variazione tendenziale negativa si è registrata nel capitolo Comunicazioni (meno 3,7 per cento).

On line sul sito dell’Istat: i Prezzi al consumo.; A proposito di prezzi al consumo ;Prezzi al consumo: rivalutazioni monetarie

(sm/10.01.06)

 

+T -T
ambiente: regioni per modifica attuazione delega

(regioni.it) Le Regioni stanno lavorando per approfondire giuridicamente e tecnicamente i punti più controversi delle ‘Norme in materia ambientale’ avanzate dal mega-decreto Matteoli.

Infatti, oggi si è riunita a Roma, presso la sede della Delegazione della Regione Calabria, la “Commissione Ambiente e Protezione Civile”, presieduta da Diego Tommasi e con la presenza degli assessori regionali e di un gruppo di tecnici del settore, che ha seguito anche il “tavolo aperto” di concertazione e confronto con le altre componenti della società civile (sindacati, organizzazioni imprenditoriali, associazioni ecologiste e dei consumatori-utenti) che si sono dichiarate contrarie alla nuova normativa, tendente ad intaccare le stesse fondamenta giuridiche su cui in questi decenni è stato amministrato l’intero sistema della tutela ambientale e del territorio.

La riunione è servita a valutare tutti i punti che presentano profili di incostituzionalità, contrasti con le direttive comunitarie ed incongruenze con il mandato della legge delega n.308/2004 su cui si basa il decreto legislativo proposto dal Ministro Altero Matteoli.

Il provvedimento –hanno evidenziato assessori e tecnici- già presenta un appesantimento formale, in quanto è composto da ben 318 articoli e 420 pagine di allegati, che sono stati consegnati alle Regioni solo il 7 dicembre scorso.

Nel corso della riunione odierna è stato deciso che continuerà il lavoro di analisi della Commissione e della ‘cabina di regia’ tra le Regioni, in modo da produrre precise osservazioni su tutti i punti in cui sono evidenti le illegittimità della proposta governativa, che punta al riaccentramento delle competenze, alla duplicazione di funzioni, all’espropriazione della partecipazione dei cittadini nei procedimenti di salvaguardia ambientale.

Diversi gli articoli valutati negativamente dalla Commissione, che nell’insieme modificano sia la filosofia politica, che i contenuti della bozza di decreto legislativo. Al temine dell’incontro gli assessori regionali all’ambiente hanno concordato un intenso calendario di riunioni per giungere alla produzione di un documento e delle osservazioni da sottoporre alla discussione della Conferenza dei presidenti.

(red/10.01.06)

 

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top