Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 651 - giovedì 12 gennaio 2006

Sommario
- Porti: verso un altro blitz ?
- Febbre da sondaggio
- Emilia-Romagna: incassi e pagamenti per via informatica
- Referendum: inizia raccolta firme
- Istat: conti primi 9 mesi 2005
- Treni: vaglio contratti di servizio

+T -T
Treni: vaglio contratti di servizio

(regioni.it) Treni e contratti di servizio con le Regioni. Gli assessori regionali ai Trasporti (Treni: servono misure urgenti) sono impegnati a rinnovare i contratti di servizio con Trenitalia. Il complesso dei contratti vale 1.433 milioni, vale a dire il corrispettivo che lo Stato trasferisce al sistema delle Regioni per il servizio di trasporto ferroviario. A quella somma - rimasta invariata da 5 anni, cioe' da quando sono stati stipulati i primi contratti di servizio sulla base della legge 422 del 1997 - ogni Regione aggiunge qualcosa di suo per stipulare particolari convenzioni con Trenitalia (abbonamenti ridotti per studenti, anziani, disoccupati oppure un incremento delle corse o l'ammodernamento delle carrozze).

CAMPANIA: Ennio Cascetta, assessore regionale ai Trasporti della Campania e coordinatore nella Conferenza delle Regioni, punta il dito contro i ritardi accumulati nella politica del governo per il Tpl (trasporto pubblico locale).
''Sono poche le Regioni che hanno indetto gare per assegnare il servizio del trasporto ferroviario locale'', ha spiegato Cascetta.

VENETO: Fra le poche Regioni si segnalano il VENETO (ha siglato il contratto lo scorso 6 ottobre) che ha indetto una gara europea vinta da Trenitalia e Sistemi Territoriali.
I contratti di servizio regionali prevedono una serie di clausole a garanzia dei contraenti e, in particolare, delle Regioni. Tutto cio' si traduce, per esempio, in una serie di risarcimenti per gli utenti nei casi di violazione del contratto da parte di Trenitalia. Sempre nel Veneto, in caso di ritardi o disservizi sono previste multe da 100 a 2.500 euro da restituire ai passeggeri sotto forma di sconti o rimborsi agli abbonamenti ferroviari.

FRIULI VENEZIA GIULIA: Il FRIULI VENEZIA GIULIA ha affiancato, ai trasferimenti dello Stato, 15 milioni di fondi propri per l'acquisto di 5 nuovi treni regionali. Il servizio, ancora di competenza statale, sara' a carico della Regione dal 2008.

VALLE D'AOSTA: In VALLE D'AOSTA, invece, gli standard contrattuali sono stati rispettati, per quanto riguarda gli orari, nel solo mese di luglio e il massimale delle sanzioni - pari a 50.000 euro - era stato raggiunto gia' nel mese di gennaio.

PUGLIA: La PUGLIA si prepara a siglare un accordo con Trenitalia che prevede investimenti per 122 milioni (90 a carico dell'azienda) necessari all'acquisto di 17 nuove locomotive, 52 carrozze bipiano e 3 nuovi Minuetti. Col nuovo contratto la Regione punta a elevare gli standard qualitativi e a fissare penalita' piu' onerose in caso di inadempienze.

ABRUZZO: In ABRUZZO l'accordo con Trenitalia ha portato a un incremento del 5% del traffico locale nel 2005. Sono entrati in funzione 8 nuovi treni nella tratta metropolitana Teramo-Pescara-Chieti con il prolungamento fino a Teramo di altre due corse.

UMBRIA: DAL 2007 UMBRIA METTE IN GARA SERVIZIO FERROVIARIO. Il nuovo orario invernale entrato in vigore l'11 dicembre ha suscitato le perplessita' dell'UMBRIA. La Regione punta a mettere a gara il servizio nel 2007, per il 2006 vuole inasprire le penalita' in caso di inadempienza ma prevede anche eventuali premialita'.

LOMBARDIA: La LOMBARDIA ha in programma un incontro venerdi' prossimo tra il presidente Formigoni e il presidente di Trenitalia, Catania: restano da chiarire alcuni punti per il rinnovo del contratto, in particolare la manutenzione, le informazioni ai passeggeri. Gia' dal 2002 la Regione ha istituito uno sconto per gli abbonati vittime dei maggiori ritardi.

CALABRIA: L'elettrificazione della linea jonica fra Rossano Calabro e Gioia Tauro e' il punto forte del contratto siglato fra la CALABRIA e Rfi nel settembre 2005. Da dicembre, invece, e' in vigore il nuovo orario che prevede 30 treni in piu' al giorno nella Regione.

BASILICATA: Penali e sanzioni piu' onerose per Trenitalia saranno al centro del contratto di servizio che la BASILICATA si appresta a rinnovare.

ALTO ADIGE: In ALTO ADIGE la provincia ha bloccato i pagamenti per il 2005 perche' non si e' in presenza di un contratto condiviso: treni sovraffollati sull'asse del Brennero, carrozze sporche. Eccezione per la Merano-Malles, tratta che riscuote i consensi unanimi dei viaggiatori.

EMILIA ROMAGNA: Il contratto con Trenitalia e' sotto esame dell'EMILIA ROMAGNA. L'assessore Peri e' spiccio: se a fine mese risultera' l'inadempienza dell'azienda, il contratto sara' risolto. Il presidente Errani condivide e precisa: sono state drammaticamente ridotte le capacita' di investimento di Trenitalia.  Gia' rinnovato il contratto della Campania: il 2006 e' l'anno della TAV. Da Roma a Napoli in 1 ora e 27 minuti, dal 2008 lo stesso percorso sara' coperto in 55 minuti. Le lacune maggiori sono legate al funzionamento della linea 2 della Metropolitana di Napoli.

MARCHE: Singolare l'iniziativa delle MARCHE: venerdi' la giunta al completo raggiungera' Ancona in treno da punti diversi della Regione. Il contratto con Trenitalia, non ancora rinnovato, e' sotto osservazione: troppi disagi e ritardi per i pendolari, treni soppressi e scarsa qualita' del servizio.

TRENTINO: Un potenziamento delle corse nella tratta Trento-Valsugana e' al centro della Regione TRENTINO.

TOSCANA:  Il 2005 ha portato il raddoppio delle penali nel contratto della TOSCANA. il contratto sara' rinnovato per fine mese e' portera' a Trenitalia 179 milioni di euro. Nel 2004 l'azienda ha pagato 540 mila euro di penalita' alla Regione.

 (red/12.01.06)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top