Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 661 - venerdì 27 gennaio 2006

Sommario3
- Regioni-Confindustria: no a tavoli separati
- "Collocamento gente di mare" senza intesa con le regioni
- Audizioni: Rossi su legge 194. Storace su assistenza psichiatrica
- Cursi e le relazioni istituzionali
- Contratti d'area: disco verde ad agevolazioni
- Accordi di programma quadro: via libera a Circolare

+T -T
Regioni-Confindustria: no a tavoli separati

(regioni.it) Incontro a Bologna tra il presidente di Confindustria Luca Di Montezemolo, i rappresentanti delle Confindustrie regionali e il presidente dell'Emilia-Romagna Vasco Errani, presidente della Conferenza delle Regioni, per trovare degli obiettivi comuni di lavoro e di confronto istituzionale. Durante l’incontro, infatti, si è definita ed è stata annunciata la proposta di un tavolo unico con il Governo che rappresenti le Regioni e la Confindustria.

L'obiettivo da raggiungere è stato comunicato da Errani e dal consigliere delegato di Confindustria per il federalismo Edoardo Garrone.

''L'obiettivo - ha spiegato Errani - è quello di riuscire a trovare le condizioni perché non vi siano più tavoli separati con il Governo''. La volontà, insomma, e' quella di arrivare ''a un tavolo unico con il Governo'' nei momenti in cui occorre confrontarsi sui temi che riguardano lo sviluppo economico del paese. Una linea ribadita da Garrone per il quale non si può “continuare a lavorare su tavoli separati con la logica per la quale ognuno fa il suo interesse e se lo porta a casa. Il paese deve sapere stare insieme”.

Per il consigliere incaricato per il federalismo di Confindustria, Edoardo Garrone, “Ci siamo dati degli obiettivi per raggiungere i quali l'unico modo e' non continuare a lavorare su tavoli separati con la logica per cui ognuno cerca di portare a casa il proprio interesse”. “Servono politiche industriali nazionali che i territori devono recepire e portare avanti con coerenza -ha aggiunto Garrone- dal canto nostro dobbiamo rafforzare il raccordo tra il lavoro della Confindustria e quello dei territori”. Un invito, dunque, alla collaborazione e al confronto unitario sostenuto su tutta la linea anche da Errani.

(red/27.01.06)

+T -T
"Collocamento gente di mare" senza intesa con le regioni

(regioni.it) E’ stato discusso, in Conferenza Stato-Regioni lo schema di regolamento sulla “disciplina del collocamento della gente di mare” e le Regioni erano disponibili a dare un parere favorevole al governo purché si prevedesse in un determinato passaggio del regolamento (art.7)  non il semplice parere delle Regioni, ma un’intesa, secondo quanto previsto dalla Legge La Loggia (L. 131/2003). Il Governo ha risposto negativamente alla richiesta delle Regioni che a quel punto non hanno potuto che esprimere un parere negativo.

(red/27.01.06)

+T -T
Audizioni: Rossi su legge 194. Storace su assistenza psichiatrica

(regioni.it) Nel corso dell’indagine conoscitiva sull’applicazione della legge 194 del 1978, sulla tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza, in particolare per quanto riguarda le funzioni attribuite dalla legge ai consultori familiari, è stato ascoltato nel cordo di due audizioni, in rappresentanza della Conferenza delle Regioni, il coordinatore della Commissione Salute, Enrico Rossi. Regioni it ha già anticipato i contenuti degli interventi dell’assessore, ora riportati integralmente nel resoconto stenografico (cfr. allegati: indagine l 194 aud rossi)

On line nella sezione InParlamento del sito www.regioni.it i seguenti provvedimenti:

1)l’articolato del disegno di legge S 3684 “Conversione in legge del decreto-legge 5 dicembre 2005, n. 250, recante misure urgenti in materia di università, beni culturali ed in favore di soggetti affetti da gravi patologie, nonché in tema di rinegoziazione di mutui”, all’esame dell’Aula del Senato, aggiornato alla data del 19 gennaio 2006. (cfr.allegato S 3684 AULA 190106). Il testo dello stesso disegno di legge S 3684  è poi proposto nella versione approvata il 24 gennaio 2006 dall’Aula del Senato.( cfr. allegati S 3684 240106)

2) il disegno di legge C 6259 di “Conversione in legge del decreto-legge 10 gennaio 2006, n. 4, recante misure urgenti in materia di organizzazione e funzionamento della pubblica amministrazione”, all’esame della Commissione I della Camera , aggiornato alla seduta del 19 gennaio 2006. (C 6259 190106)

3) gli emendamenti, approvati dalla 1° commissione del Senato, al disegno di legge 3717 di conversione del decreto legge 273/2005.

On line sul sito del Senato il resoconto dell’audizione del Ministro della salute Storace e di un rappresentante del Ministero della giustizia presso la Commissione 12^, del 18 gennaio 2006,  nell’ambito dello svolgimento dell’indagine conoscitiva sullo stato dell'assistenza psichiatrica in Italia e sull'attuazione dei progetti obiettivo per la tutela della salute mentale.

Pubblicata anche la Relazione (approvata il 18 gennaio) finale della Commissione parlamentare d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Servizio sanitario nazionale, nonché sulle cause dell'incendio sviluppatosi tra il 15 e il 16 dicembre 2001 nel comune di San Gregorio Magno. On line anche la deliberazione istitutiva della Commissione d’inchiesta.

Sul sito della Camera, invece, il disegno di legge approvato definitivamente il 24 gennaio 2006, recante "Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l'istituzione dei relativi ordini professionali" (approvato, in un testo unificato, dal Senato) (6229).

(red/27.01.06)

+T -T
Cursi e le relazioni istituzionali

(regioni.it) Errani e Storace hanno concordato  un incontro per mercoledi' prossimo. Un confronto che si inserisce in un momento che, comunque la si pensi, non è certo facile sul piano delle relazioni istituzionali fra Governo e autonomie.

L’occasione offre però lo spunto al sottosegretario alla salute Cesare Cursi per fare dell’ironia:”E’ difficile capire che cosa voglia Errani. Oggi dice che il dialogo con il Governo è azzerato mentre ieri ha accettato di incontrare, mercoledì prossimo, il ministro della Salute, Francesco Storace, per discutere del Piano sanitario nazionale. Vorremmo sapere se l’incontro è confermato e se il dialogo vale nei giorni pari e non anche nei giorni dispari”.

Immediata la replica del Presidente della Conferenza delle Regioni: “Non mi interessano le polemiche. Proprio per questo – afferma Errani - vorrei confermare al sottosegretario alla Salute Cesare Cursi che la riunione di mercoledì prossimo sul piano sanitario l’abbiamo concordata con il Ministro, e ciò è un fatto positivo”.

“Detto questo aggiungo che io mi sono limitato a ribadire che le relazioni complessive tra Autonomie, Regioni e Governo sono state messe in crisi da scelte unilaterali del Governo. In particolare – ha concluso Errani - «per la scarsa sensibilità istituzionale mostrata dal Governo verso le Regioni e le Autonomie locali», come affermato nel Documento unitario presentato ieri all’inizio della Conferenza Unificata”.

(red/27.01.06)

+T -T
Contratti d'area: disco verde ad agevolazioni

(regioni.it) Disco verde dalle Regioni allo schema di regolamento che detta ulteriori disposizioni per l’erogazione delle agevolazioni relative ai contratti d’area.

Le Regioni hanno però consegnato al governo un documento nel quale hanno proposto alcune modifiche.

(red/27.01.06)

+T -T
Accordi di programma quadro: via libera a Circolare

(regioni.it) Le Regioni hanno espresso in Conferenza Stato-Regioni un parere favorevole alla “proposta di criteri per la circolare del Ministero dell’Economia relativa all’utilizzo della quota premiale relativa agli Accordi di Programma Quadro all’interno del progetto Monitoraggio (delibera Cipe 17/03).

Nel parere le Regioni hanno anche chiesto:

1 “Per tener conto delle oggettive difficoltà iniziali a definire i profili di spesa degli interventi inseriti in APQ e della prima attuazione del criterio premiale, le Regioni e le Province autonome chiedono al MEF, come concordato, di proporre al CIPE l’innalzamento della soglia, dal 30% al 40%, di  riprogrammazione consentita ai fini dell’accesso alla premialità del Progetto monitoraggio”

2.Le Regioni e le Province autonome, inoltre, ritengono opportuno cogliere l’occasione della discussione sul primo criterio di accesso alla premialità,  che fa riferimento al sistema monitoraggio APQ, per aprire un confronto anche sul secondo criterio, che fa riferimento al monitoraggio degli interventi cofinanziati dai Fondi strutturali, in quanto l’alimentazione della banca dati IGRUE ha risentito di disfunzioni del sistema MONIT non attribuibili alle Regioni”.

3. “Le Regioni e le Province autonome ribadiscono, infine, l’opportunità di dare seguito alla richiesta - di cui al punto 7 all’OdG della Conferenza Stato Regioni del 29 aprile 2004 - di immediata istituzione di un tavolo tecnico per realizzare le condizioni di integrazione funzionale dei diversi sistemi di monitoraggio esistenti o in corso di implementazione.”

(red/27.01.06)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top