Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 695 - mercoledì 22 marzo 2006

Sommario
- Il 28 Conferenza Regioni
- Decreto proroga OGM
- Contratti: nominato presidente ARAN
- Emilia-Romagna: innovazione targata UE
- Centenario Acquedotto Pugliese
- Ripa Di Meana Presidente Federazione aziende sanitarie e ospedaliere

+T -T
Emilia-Romagna: innovazione targata UE

(regioni.it) L’innovazione e lo sviluppo passa anche per l’Italia e in particolare per le reti internet locali di servizio. In tal senso l'Europa consacra l'Emilia Romagna. E’ la Rete Paxis, di cui la Regione fa parte, ad essere promossa. Sviluppo, innovazione e buone pratiche sono le parole chiavi del successo on line.

Inoltre è in linea anche 'Enti locali in rete', la nuova banca dati realizzata sempre dall'Emilia-Romagna e Anci per le informazioni sugli Enti locali regionali.

Il riconoscimento alla Regione, gia' tre volte campione europea dell'innovazione, e' arrivato nel corso di un dibattito sul ruolo delle realta' locali e regionali nelle politiche per lo sviluppo promosso dalla Commissione Ue in concomitanza con la pubblicazione del primo manuale di Paxis indirizzato ai responsabili delle politiche per l'innovazione.

Sono 22 le Regioni della Rete che sono riuscite in solo cinque anni di lavoro di squadra a promuovere con successo lo scambio di esperienze innovative e a costruire le basi per sviluppare nuove azioni che contribuiranno efficacemente alla crescita e al lavoro. All'Emilia - Romagna, una dei quattro partner italiani della Rete, con il Veneto e le province di Milano e Torino, il riconoscimento speciale per l'eccellenza raggiunta nel trasferimento delle tecnologie.

In questo quadro di ricerca di innovazione dei servizi offerti dalla pubblica amministrazione locale in rete, Bruxelles promuove le iniziative di alcune regioni europee nel campo dell'innovazione applicata allo sviluppo di nuove imprese, evidenziando ventidue punte di diamante tra cui, per l'Italia, l'Emilia-Romagna. Tra le realta' territoriali piu' attive, l'esecutivo Ue cita con l'Emilia-Romagna anche Stoccolma, Helsinki, Stoccarda, Dublino, Barcellona, il Sud-Est della Gran Bretagna, Lione-Grenoble, la regione di Vienna e Copenaghen.

Soddisfatto il presidente dell'Emilia-Romagna, Vasco Errani, che ha tuttavia sottolineato come quanto realizzato finora debba essere considerato solo ''un punto di inizio: dobbiamo e possiamo fare ancora di piu'''. Per quanto riguarda le iniziative della sua regione, Errani ha puntato su una politica tesa a mettere a sistema la ricerca collegando in rete universita', centri pubblici e privati, imprese e a creare le basi per il trasferimento delle conoscenze.  ''Ma questo - ha osservato il presidente della Regione, Vasco Errani - non e' un punto d'arrivo, perche' siamo ben consapevoli che il processo di innovazione che dobbiamo assolutamente seguire e' molto piu' ambizioso''.

Nel corso degli ultimi cinque anni, le ventidue regioni europee, considerate di punta nell'innovazione, hanno cooperato nel network PAXIS. I risultati sono contenuti ora in un nuovo manuale che descrive 65 buone pratiche soprattutto nel campo della definizione delle politiche, dell'innovazione finanziaria, della tecnologia e del suo trasferimento per l'avvio di nuove imprese.

L’Emilia-Romagna con la Rete Paxis, e' stata in grado di realizzare, tutta una serie di servizi innovativi. Partendo da una politica per l'innovazione basata sulla messa a sistema della ricerca e di tutti i suoi attori e sul rafforzamento dell'intersettorialita' e delle convergenze e' stato infatti possibile costruire 55 nuovi centri e laboratori di ricerca che danno stabilmente impiego a oltre 300 ricercatori. Una delle chiavi del successo e' stata proprio la capacita' della Regione di inserirsi nella logica europea e internazionale delle Reti, perche', ha insistito Errani ''nessun territorio puo' pensare di aver al suo interno tutto un sistema di ricerca''.''La Rete, ha concluso, e' un luogo principe per fare politiche industriali innovative, di sviluppo e di coesione''.

Mentre 'Enti locali in rete' è la nuova banca dati realizzata dalla Regione e da Anci Emilia-Romagna che contiene tutte le informazioni per entrare in contatto con gli Enti locali dell'Emilia-Romagna: Province, Comuni, Comunita' montane, Unioni di Comuni. Accessibile all'indirizzo http://wwwservizi.regione.emilia- romagna.it/AnagraficaEELLconsultazione/ o dal Portale delle autonomie locali (www.regione.emilia-romagna.it/autonomie), 'Enti locali in rete' e' la prima banca dati nella quale sono disponibili tutti i dati generali degli Enti locali (recapito dell'ente, numero di telefono, indirizzo del sito web, posta elettronica certificata, urp, popolazione censita, partita iva, codice istat), ma soprattutto i nomi e gli indirizzi e-mail dei sindaci e dei presidenti, dei segretari e dei direttori generali, dei dirigenti, degli assessori con le relative deleghe e dei componenti dei consigli.

'Enti locali in rete' nasce dal bisogno di poter reperire in modo veloce e completo tutte le informazioni necessarie per entrare in contatto con gli uffici e le strutture degli enti locali della regione. Il nuovo servizio, che si inserisce nel piu' ampio obiettivo della creazione del Portale regionale della Pubblica Amministrazione, si propone di rendere piu' efficaci i rapporti tra le amministrazioni; consentire ai cittadini un accesso facilitato agli uffici, alle strutture e agli operatori delle amministrazioni locali; offrire la possibilita' di creare liste di distribuzione utili a dialogare con piu' soggetti contemporaneamente e quindi rendere possibile la creazione di comunita' professionali per lo scambio di innovazione e di esperienze.

 (gs/22.03.06)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top