Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 757 - martedì 4 luglio 2006

Sommario3
- Errani: piattaforma innovativa per rapporto Governo-Regioni
- Condizionatori d'aria: il decalogo della Turco
- Un premio per la "cultura di gestione"
- Una proposta per cambiare il rapporto Stato-Regioni (1)
- Una proposta per cambiare il rapporto Stato-Regioni (2)
- Welfare: definire livelli essenziali

+T -T
Errani: piattaforma innovativa per rapporto Governo-Regioni

(regioni.it) Abbiamo presentato una piattaforma innovativa, di grande impegno. Il presidente del Consiglio, Romano Prodi, l'ha valutata come nuova e forte''. Cosi' si e' espresso il presidente delle Regioni, Vasco Errani, al termine dell'incontro tra le Regioni e il premier. Errani ha spiegato che partiranno presto vari tavoli di  lavoro per rendere concreti gli impegni da assumere. ''Abbiamo fatto una proposta forte - ha spiegato Errani - che prevede un patto tra il governo e le Regioni per lo sviluppo e il rilancio del Paese e che si fonda sulla piena cooperazione tra il governo e le Regioni''.

Errani ha spiegato poi che e' stata proposta l'istituzione di una commissione mista per la valutazione di tutta la spesa pubblica e che e' necessario avviare dal 2007 il federalismo fiscale. Rispondendo poi ad alcune domande sulla sanita', il presidente della Conferenza delle Regioni ha spiegato che ''il pregresso non e' una novita'. C'e' un sottofinanziamento di 4,5 miliardi e si trattera' di trovare una linea comune con il governo''.

(red/04.07.06)

+T -T
Condizionatori d'aria: il decalogo della Turco

(regioni.it) Sollecitato dal Settimanale Repubblica Salute sul corretto uso dei condizionatori d’aria, il Ministro della Salute, Livia Turco, ha preso carta e penna e dopo aver premesso il coinvolgimento degli “Uffici competenti” per la “verifica degli strumenti amministrativi utili ad un’idonea regolamentazione”, fornisce “alcune semplici indicazioni di comportamento che, se seguite, già consentirebbero una buona convivenza con i condizionatori d’aria”.

“L’aria condizionata è infatti – scrive il Ministro - un importante presidio per vivere meglio quando fa caldo: ci fa stare più tranquilli, sudare di meno ed anche sul luogo di lavoro, migliora il benessere individuale e quindi anche la produttività. L’aria condizionata è di sicuro l’elemento più importante per prevenire le nefaste conseguenze delle ondate anomale di calore. Tuttavia un uso improprio dell’aria condizionata, come da Lei stessa segnalato, sia a casa che sui luoghi di lavoro, può dare problemi alla salute ma anche all’economia energetica del Paese. Infatti è stato documentato un aumento di sintomi respiratori come la rinite, ma anche di condizioni di disagio dell’individuo specialmente quando si è esposti a significative fluttuazioni della temperatura passando da ambienti a temperatura diversa.

Mentre un’aria condizionata riduce la quantità di funghi e allergeni dispersi nell’aria e quindi le conseguenti allergie, apparecchi con i filtri che non sono puliti regolarmente, aumentano la presenza di queste sostanze che possono arrecare disturbi, ed allora ecco tre buoni motivi per usare al meglio la nostra aria condizionata.

1)                 L’aria condizionata ci deve far star bene e non aumentare rischi per la nostra salute;

2)                 Alleggeriamo la nostra bolletta energetica;

3)                 Contribuiamo al risparmio energetico del Paese”.

Ecco il “decalogo” del Ministro:

1)                 Chiudiamo le porte e le finestre quando c’è l’aria condizionata;

2)                 Fissiamo il termostato a non più di 3-4 gradi inferiori alla temperatura esterna: mettere il termometro alla temperatura minima non raggiunge un condizionamento utile mentre spreca molta energia.;

3)                 Dopo aver raffreddato il nostro ambiente, regoliamo l’apparecchio sulla deumidificazione se disponibile: miglioreremo il nostro benessere con un notevole risparmio di energia;

4)                 Per condizionare un ambiente dobbiamo aspettare il tempo necessario: abbassare al massimo il termostato non riduce questo tempo;

5)                 Proteggiamo gli ambienti dal sole con le tende riducendo l’irraggiamento diretto delle stanze;

6)                 Chiudiamo l’aria condizionata quando usciamo di casa;

7)                 Usiamo vestiti leggeri ed ariosi, evitiamo maglie pesanti a protezione dal freddo dell’aria condizionata, ma che ci espongono a forte sudorazione quando cambiamo ambiente;

8)                 Provvediamo a che i filtri degli apparecchi di condizionamento siano cambiati o puliti regolarmente;

9)                 Un ventilatore può aiutarci ad abbassare ulteriormente la temperatura dell’aria con un consumo energetico molto inferiore all’apparecchiatura dell’aria condizionata: un appropriato uso dei due apparecchi insieme, può dare dei vantaggi.

10)             Curiamo la sicurezza elettrica del nostro impianto.

Una sezione del sito del Ministero della Salute fornisce poi alcuni link e Consigli generali   per affrontare  il caldo eccessivo (si legge sul sito del Ministero)  “che - oltre ad infastidire coloro che godono di buona salute-  rappresenta un serio pericolo per gli anziani, i bambini e coloro che si trovano in condizioni fisiche non ottimali”: La pagina del cardiologo, La pagina dello pneumologo; Consigli per chi viaggia.

(red/04.07.06)

+T -T
Un premio per la "cultura di gestione"

(regioni.it) E' stato prorogato al 14 luglio 2006 il termine per la presentazione delle candidature al Premio Cultura di Gestione, l'iniziativa promossa da Federculture per  premiare e diffondere le esperienze piu' innovative nella valorizzazione e gestione del patrimonio e delle attivita' culturali e nell'integrazione tra cultura, turismo e ambiente.Il premio, arrivato quest'anno alla quarta edizione, è rivolto alle amministrazioni pubbliche centrali e periferiche,  agli enti locali, alle regioni, alle fondazioni, alle associazioni e organizzazioni non profit, alle scuole, alle università e a tutti quei soggetti pubblici e privati che gestiscono beni e attivita' culturali.Il bando ed il formulario di partecipazione sono disponibili on line sul sito www.federculture.it  . Il Premio è stato indetto in collaborazione con il Ministero per i Beni e le attività culturali, la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Funzione Pubblica, la Conferenza delle Regioni, l'ANCI, l'UPI, il Formez, Legambiente.

L’iniziativa è volta ad identificare, premiare e diffondere le esperienze più innovative nell’offerta, valorizzazione e gestione del patrimonio e delle attività culturali e nell’integrazione tra cultura, turismo e ambiente. Il Premio si rivolge a enti locali, regioni, amministrazioni pubbliche centrali e periferiche, scuole, università, soggetti pubblici o privati che gestiscono beni e attività culturali, fondazioni, associazioni e organizzazioni non profit, con l’obiettivo di monitorare, mettere in luce, comunicare e incoraggiare le migliori iniziative e le dinamiche che investono il settore culturale e del tempo libero. Verrà premiato un progetto per ciascuno dei seguenti ambiti di intervento: Politiche di gestione e valorizzazione di beni e attività culturali; Politiche di promozione di beni e attività culturali; Politiche di valorizzazione del territorio
Per partecipare al Premio Cultura di Gestione è necessario far pervenire a Federculture i formulari di partecipazione compilati secondo le indicazioni contenute nel bando.

Link: Bando di partecipazione; Formulario di partecipazione generale; Formulario premio per le Politiche di gestione e valorizzazione dei servizi e degli impianti sportivi; Formulario premio Legambiente “PiccolaGrandeItalia; Formulario premio Formez per la cooperazione pubblico-privato; Formulario premio per l’innovazione tecnologica; Formulario premio per il lavoro; Formulario premio CTS per le politiche culturali giovanili; Consulta i risultati delle precedenti edizioni

(Red/04.07.06)

+T -T
Una proposta per cambiare il rapporto Stato-Regioni (1)

(regioni.it) "Con questo incontro il governo avvia il confronto con le Regioni per cominciare a costruire insieme la Finanziaria. Adottiamo un metodo che coniughi la responsabilita' comune e il principio dell'autonomia reciproca". Cosi' il Presidente del Consiglio, Romano Prodi, ha aperto i lavori della Conferenza Stato-Regioni che proseguiranno domani. All'incontro, che si e' svolto nella Sala Verde di Palazzo Chigi, oltre al Presidente del Consiglio hanno preso parte i ministri Linda Lanzillotta, Tommaso Padoa Schioppa, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Enrico Letta, il Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Vasco Errani e i presidenti delle Regioni Antonio Bassolino (Campania), Mercedes Presso (Piemonte), Claudio Burlando (Liguria), Salvatore Cuffaro (Sicilia), Vito De Filippo (Basilicata) Roberto Formigoni (Lombardia), Ottaviano Del Turco (Abruzzo), Riccardo Illy (Friuli Venezia Giulia), Maria Rita Lorenzetti (Umbria), Agazio Loiero (Calabria), Gian Mario Spacca (Marche). Nel corso dell'incontro i Presidenti delle Regioni hanno sottolineato "la necessita' di improntare i rapporti Stato-Regioni sulla concertazione, il confronto e il dialogo" per pervenire a "scelte condivise nella prospettiva di un rilancio dell'economia del Paese" e alla messa a punto di un "Patto per lo sviluppo" che si avvalga del contributo dei singoli livelli istituzionali per la realizzazione degli obiettivi. Il Presidente della Conferenza delle Regioni, Errani ha anche consegnato ai vertici del governo un documento che contiene le "Linee guida per il confronto sul DPEF 2007-2010": tra le proposte avanzate all'esecutivo l'istituzione di una Commissione mista Regioni-Governo-Sistema delle autonomie per il monitoraggio della spesa pubblica e la riforma delleConferenze Stato-Regioni e Unificata. Il documento affronta inoltre il tema del federalismo fiscale, la revisione del Patto di stabilita' interno, il welfare, l'accordo triennale in

materia sanitaria, le infrastrutture, i trasporti, lo sviluppo.

 “La Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome – si legge nel documento -sottolinea la necessità di improntare i rapporti tra Stato e Regioni sulla concertazione, il confronto e il dialogo al fine di pervenire a scelte condivise nella prospettiva di un rilancio dell’economia del Paese. Le Regioni, anche a seguito del referendum costituzionale, rappresentano gli interlocutori istituzionali in grado di esprimere la sintesi delle sensibilità e delle priorità territoriali e sono disponibili a definire con il Governo progetti per lo sviluppo economico, territoriale e del welfare condividendo il  monitoraggio della spesa pubblica per meglio individuare i settori di intervento da finanziare con i risparmi possibili che il medesimo sistema potrà far emergere per aumentare il grado di trasparenza della spesa nella Pubblica Amministrazione.

Questa disponibilità – prosegue il documento delle regioni - dovrebbe sfociare in un Patto per lo sviluppo, tra Stato, Regioni ed Enti locali nel quale sia identificato il contributo dei singoli livelli istituzionali alla realizzazione degli obiettivi, imperniato sulle seguenti priorità: welfare, sviluppo e infrastrutture, federalismo fiscale. Inoltre, la Conferenza ribadisce la propria disponibilità a contribuire responsabilmente al controllo della spesa pubblica complessiva e a disciplinare coerentemente l’applicazione concertata del nuovo “Patto di stabilità interno”.

A tali scopi, le Regioni ritengono decisiva una loro attiva partecipazione alla definizione dei contenuti del DPEF 2007-2010 e della successiva proposta di legge finanziaria.

Un passo concreto  verso una modalità di lavoro condivisa e proficua può derivare dalla istituzione di una Commissione mista Regioni-Governo-Sistema delle Autonomie per il monitoraggio della spesa pubblica in sede tecnica e in sede politica; la Commissione, riprendendo e rinnovando l’attività della preesistente Commissione per la Spesa Pubblica, sostituita dall’Alta Commissione, potrà svolgere sia le funzioni di monitoraggio dell’andamento della finanza pubblica e di formulazione di proposte razionali in tema di programmazione e controllo della spesa sia  necessariamente, riprendere il tema del federalismo fiscale. In un’ottica integrata la Commissione mista esplicherà le proprie competenze anche formulando proposte in tema di armonizzazione dei bilanci regionali a supporto della lettura coordinata, trasparente e condivisa delle informazioni contabili.

Si dovrà altresì verificare congiuntamente il rapporto tra competenze (non solo “trasferite”) e relativo finanziamento per misurarne l’adeguatezza sia rispetto alla allocazione delle responsabilità nei diversi livelli istituzionali sia dal punto di vista della congruità complessiva delle risorse. Il fabbisogno deve essere valutato correttamente non solo in termini di competenza ma anche secondo il profilo della cassa in particolare con l’obiettivo di chiudere le partite pregresse (le Regioni vantano crediti per circa 12 miliardi) e regolare adeguatamente i rapporti correnti (si richiama la situazione di sottofinanziamento delle funzioni conferite ad esempio le risorse per la politica sulla casa)”. segue

(red/04.07.06)

+T -T
Una proposta per cambiare il rapporto Stato-Regioni (2)

(regioni.it ) Il documento illustrato il 4 luglio dai Presidenti delle Regioni a Prodi propone anche “I temi prioritari da affrontare nell’immediato si possono ricondurre principalmente a:

Riforma delle Conferenze Stato–Regioni e Unificata

Prima di affrontare il contenuto del Patto di cui sopra, nell’immediato occorre procedere anche ad una riforma delle Conferenze Stato - Regioni e Unificata. E’ necessario riformare il ruolo ed il funzionamento del sistema Conferenze anche in considerazione del testo costituzionale, e della conseguente giurisprudenza costituzionale che ha progressivamente ampliato gli ambiti di competenza legislativa regionale valorizzando i principi di sussidiarietà e leale collaborazione tra i livelli di Governo. Tutto ciò al fine di rendere le Conferenze sede istituzionale di reale confronto e corresponsabilità nella definizione delle scelte politiche strategiche del Paese.  Si ritiene improcrastinabile la costituzione di un gruppo di lavoro rappresentativo dello Stato, delle Regioni e delle Autonomie Locali, cui affidare il compito di formulare una proposta organica di riforma.

1       Federalismo fiscale

Le Regioni e le Autonomie locali nel giugno 2003 avevano elaborato un documento sui meccanismi strutturali del federalismo fiscale che non è mai approdato alla Conferenza Unificata. Partendo da queste basi occorre avviare un confronto tra Governo, Regioni ed Enti locali riaffermando la necessità di applicare l’art.119 Cost. nell’ambito di una complessiva valutazione della finanza pubblica territoriale al fine di consentire alle Regioni di svolgere pienamente quel ruolo di “ armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario” previsto nella legislazione concorrente dell’art.117 Cost..

Si chiede quindi che siano individuate quanto prima le linee di un sistema di federalismo fiscale ed un percorso condiviso che assicurino  ai Governi locali autonomia di entrata e di spesa all’interno di un sistema tributario centrale e locale in grado di garantire una equa e sufficiente ripartizione delle risorse, a partire già dal 2007, secondo i principi indicati nell’Accordo con le Regioni di Santa Trada del 21 luglio 2005.

Nella determinazione dei principi fondamentali della finanza locale lo Stato deve rendere possibile tra l’altro, alle Regioni la facoltà di istituire tributi di scopo regionali e locali il cui gettito sia destinato a finanziare gli investimenti infrastrutturali nel territorio sul quale il tributo viene prelevato ovvero prevedere la possibilità di tariffazione.

2       Revisione del patto di stabilità interno

Le Regioni, oltre ad un Patto di Stabilità nel quale sono computate le spese di investimento, si trovano di fronte all’impossibilità di finanziare con debito i trasferimenti ai privati (art. 3 comma 18 legge 350/2003). L’effetto di rallentamento della crescita derivante dal permanere di tali disposizioni è evidente.

L’impatto degli investimenti in conto capitale delle Amministrazioni Territoriali sulla crescita dell’economia del Territorio riveste un’importanza strategica.

Il fenomeno è facilmente rinvenibile dall’indice di correlazione tra l’andamento degli investimenti delle Amministrazioni “periferiche” (Regioni, Aziende Sanitarie Locali, Aziende Ospedaliere, Province, Comuni, Comunità Montane, ecc.) e andamento del PIL nelle Regioni Italiane.

A differenza della correlazione tra investimenti delle Amministrazioni Centrali e PIL (elevata solo per alcune aree geografiche), in ben 18 Regioni (ovviamente distribuite su tutto il territorio nazionale) emerge infatti una elevata correlazione il cui indice è compreso tra 0,76 e 0,98. (Le analisi hanno come riferimenti i conti Pubblici Territoriali 1996-2002).

Purtroppo la tendenza in corso segnala una regressione degli investimenti pubblici realizzati dagli Enti Territoriali, che rappresentano l’80% dell’ammontare complessivo degli investimenti pubblici stessi.

Da quanto sopra evidenziato una diminuzione di questi investimenti non rimarrebbe senza effetti (negativi) sull’andamento del PIL.

Si propone quindi di:

1.                  rivedere il patto di stabilità interno che deve essere basato sui saldi finanziari senza entrare nel dettaglio operativo invadendo l’autonomia di bilancio delle regioni; non devono naturalmente rilevare le partite connesse ai  trasferimenti  secondo la logica del consolidamento dei conti della P.A.

2.                  la spesa sanitaria resta disciplinata secondo l’Accordo specifico.

3.                  escludere dal patto di stabilità gli investimenti, o in via subordinata, alcune componenti di esse privilegiando quelli più coerenti con le finalità proposte dall’agenda di Lisbona;

4.                  responsabilizzare il sistema territoriale con forme di co-definizione degli strumenti di correzione del tendenziale diversificate tra i livelli istituzionali di governo;

5.                  escludere dal patto di stabilità la contabilizzazione dei fondi connessi ai programmi UE;

6.                  introdurre criteri di flessibilità che tengano conto delle spese sostenute per far fronte ad eventi straordinari e non ricorrenti;

7.                  rivedere il sistema sanzionatorio, introducendo sistemi premianti a favore degli enti più virtuosi;

Anche i meccanismi di contenimento delle spese di personale devono essere rivisti prevedendo una valutazione qualitativa del personale e un diverso meccanismo di contenimento della spesa che non uniformi ed appiattisca tutti gli Enti sul dato economico complessivo ma tenga conto delle peculiarità di ciascun Ente e di  parametri di efficienza ed efficacia riferiti a ciascun comparto (a questi fini si potranno considerare alcuni indicatori di efficienza quali – a mero titolo di esempio - l’incidenza del costo del lavoro sulle spese correnti, il numero di dipendenti in rapporto alla popolazione, il livello di rigidità del bilancio derivante dal costo del personale).

3a   Welfare

Politiche sociali

Le Regioni accolgono positivamente la disponibilità che il Governo ha assicurato, con la recente manovra finanziaria,in materia di Welfare, incrementando il Fondo per le Politiche sociali anche in risposta ad una delle esigenze prioritarie manifestate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. Si tratta a questo punto di operare per:

·                     la determinazione dei Livelli Essenziali di Assistenza Sociale (LIVEAS) ( competenza della Stato ) rimane uno dei nodi irrisolti della riforma  del welfare. È necessario che lo stato determini ed espliciti  i criteri e l’entità della propria compartecipazione al cofinanziamento delle prestazioni sociali erogate dal sistema dei servizi e interventi in capo a comuni e regioni in aggiunta a quanto già erogato attraverso il Fondo Nazionale per le Politiche sociali (FNPS)

·                     proseguire nell’azione di adeguamento del finanziamento del FNPS recuperando definitivamente il dimezzamento operato in passato dalle precedenti finanziarie;

·                     istituzione di un Fondo per la non autosufficienza: il trend demografico di invecchiamento della popolazione richiede un preciso impegno del  governo nel vincolare al tema delle cure per la non autosufficienza di anziani e disabili  una quota definita di  risorse;

·                     forme di sostegno al reddito a favore dei cittadini in condizione di disagio economico a  co-finanziamento Stato-Regioni-Enti Locali;

·                     approvazione delle modifiche all'attuale ordinamento tributario, verificando anche la possibilità di introdurre un elemento di riferimento quale il quoziente familiare.

Politiche per la casa

Si ritiene indispensabile riavviare un dibattito a livello nazionale relativo all'emergenza abitativa in quanto le attuali politiche della casa non sono assolutamente sufficienti ad offrire risposte adeguate e a garantire stabilità e certezza alle famiglie.

·                     rifinanziare il fondo nazionale di sostegno alla locazione, ex art.11 legge 431 introducendo anche meccanismi premiali a favore delle Regioni che attivano procedure di controllo e cofinanziamenti da parte degli enti locali;

·        che venga rispettata la competenza regionale in materia di E.R.P. nei futuri provvedimenti legislativi e revisionati in questo senso quelli già avviati;

·                     dare attuazione alla richiesta da tempo reiterata da tutte le Regioni di un flusso di finanziamento continuo e costante corrispondente alle competenze trasferite, pari a 1.000 ml

·                     introdurre una serie di agevolazioni fiscali attinenti la materia E.R.P.;

·                     modifica della Finanziaria 2006 in materia di vendita del patrimonio degli ex IACP e riformulazione del provvedimento a favore di interventi regionali con finalità di valorizzazione del patrimonio.

3b  Un nuovo Accordo triennale in materia sanitaria

E’ indispensabile raggiungere un nuovo Accordo, sostitutivo di quello dell’8 agosto 2001, fra  Governo Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano per consentire stabilità, adeguatezza e programmabilità delle risorse anche in materia sanitaria in un quadro di reciproche responsabilità.

In particolare:

·                     si ribadisce l’esigenza di pervenire alla definizione quali-quantitativa dei LEA e ad un loro pieno finanziamento ed attivare il lavoro per la definizione di costi standard (medi nazionali o migliori performance) in un’ottica di ottimizzazione della spesa.

·                     è inoltre indispensabile risolvere le questioni economico – finanziarie  degli anni pregressi sorte a causa della sottostima dei LEA e degli oneri contrattuali.

·                     rivedere il meccanismo delle anticipazioni (rate mensili finanziamento SSN) che devono  essere commisurate al 97% della quota di competenza. Le regole sulle erogazioni alle Regioni dovranno essere integrate prevedendo, accanto ai vigenti meccanismi sanzionatori, un sistema di premialità, nel caso di rispetto del patto di stabilità, in termini di risorse aggiuntive, anche solo nella misura dell’1% annuo delle risorse sanitarie assegnate, da utilizzare per investimenti in materia di edilizia sanitaria (ad esempio nell’ambito dei programmi individuati nell’intese istituzionali di programma).

4a  Infrastrutture

- Infrastrutture

Le Regioni ritengono che il documento base di riferimento non possa essere che il Piano Generale dei Trasporti e della Logistica approvato nel marzo 2001 e opportunamente aggiornato.

Si propone l’attivazione di un tavolo permanente Governo – Regioni per mettere in atto scelte strategiche condivise, con forme di reale coinvolgimento delle Regioni nella programmazione delle opere di interesse nazionale per assicurarne la coerenza con quelle di livello regionale. Tale coinvolgimento dovrà riguardare, tra l’altro, lo sviluppo dei progetti appartenenti alle reti europee TEN, i contratti di programma Stato/FS, i programmi triennali e decennali dell’ANAS, oltre che i piani finanziari delle società concessionarie della stessa ANAS, nonché le determinazioni relative ai servizi, alla sicurezza e ai pedaggi autostradali.

In considerazione della denunciata carenza di risorse ed al numero eccessivo di progetti previsti dai diversi documenti di pianificazione, il tavolo permanente potrà contribuire ad individuare le strategie da seguire e le priorità da adottare nella realizzazione delle opere infrastrutturali e, più in particolare, delle opere ferroviarie, metropolitane e stradali, valutando, peraltro, fonti alternative per reperire le risorse necessarie a garantire la prosecuzione delle attività dei cantieri già aperti e di quelli in via di apertura, oltre che per assicurare i finanziamenti per il piano straordinario di intervento e la messa in sicurezza delle strade.

Un’attenzione particolare il tavolo dovrà, inoltre, riservarla alla legge di riforma e alla classificazione dei porti nonché a quei provvedimenti che possano rendere integralmente disponibili le risorse destinate agli investimenti per l’infrastrutturazione anche delle piattaforme logistiche con funzioni di retroportualità.

- Trasporti

Il trasporto pubblico delle persone, settore di primaria rilevanza economica e componente essenziale per le attività produttive, rappresenta l’unica soluzione reale ai problemi della congestione del traffico, dell’inquinamento ambientale, dell’incidentalità e dello sviluppo urbano e rappresenta l’unica risposta per lo sviluppo di una mobilità sostenibile.

Il settore del trasporto pubblico di interesse regionale e locale manifesta uno stato di grave difficoltà correlato a diversi fattori, quali il crescente costo del servizio, la inadeguatezza delle risorse da destinare agli investimenti ed al servizio stesso, il mancato completamento del processo di apertura alla concorrenza con conseguente assenza di quelle significative economie realizzabili grazie alle procedure di gara.

Le Regioni ritengono che tale tema abbia una valenza nazionale per cui chiedono al Governo di riassegnare al Trasporto pubblico locale la dignità di questione di rilevanza nazionale.

Si propone, anzitutto, l’attivazione di un tavolo permanente Governo – Regioni, che diventi il luogo di confronto per lo sviluppo di un piano dei servizi che vada a valorizzare e ad integrare il piano di potenziamento delle infrastrutture. Il Tavolo dovrebbe riprendere, inoltre, un percorso condiviso per la definizione del processo di apertura al mercato e di riforma del TPL.

Vanno messi a punto efficaci strumenti che consentano, in tempi brevi, il recupero della sostenibilità finanziaria dei servizi di trasporto pubblico e la realizzazione di investimenti volti al miglioramento della qualità del servizio stesso ed all’incremento della sua offerta. In questa prospettiva si pone quindi la necessità di istituire un fondo pluriennale destinato al trasporto pubblico.

Gli obiettivi da perseguire e le relative iniziative da adottare si possono così sintetizzare:

1.  garantire un pacchetto di provvedimenti che consenta di avere risorse e strumenti adeguati per il rilancio del TPL:

2.  procedere al riequilibrio fra i compiti trasferiti alle Regioni in materia di trasporto ferroviario e le relative risorse finanziarie:

3.  modificare quei provvedimenti che hanno comportato limitazioni agli investimenti per l’acquisto di beni e servizi finalizzati all’esercizio del trasporto pubblico:

4.  lanciare un piano nazionale pluriennale per l’acquisto di materiale rotabile ferroviario, metropolitano, metrotranviario e automobilistico con il ricorso a moderne operazioni finanziarie e con il contributo delle Regioni:

4b  Sviluppo

Le Regioni considerano centrale la priorità del rilancio della crescita e della competitività del sistema-Paese. Molteplici indicatori, relativi al Pil, alla produttività, alle quote di mercato internazionale, evidenziano la perdita di slancio dell’economia nazionale, in un contesto di crescente concorrenza su scala globale.

E’ necessario invertire tali tendenze. L’Italia ha un patrimonio di imprenditorialità che va difeso e valorizzato, attraverso una moderna azione di politica industriale, per agganciare l’espansione del commercio internazionale e favorire la produzione del reddito e l’occupazione, la fiducia e coesione della comunità nazionale.

Sostegno alla ricerca e all’innovazione dei settori tipici del made in Italy; nascita di nuovi poli di eccellenza tecnologica; rinnovato impulso all’economia della conoscenza attraverso l’attuazione della strategia di  Lisbona; riduzione dei divari territoriali con il rilancio del Mezzogiorno; rafforzamento di una strategia di sistema per la promozione e l’internazionalizzazione del made in Italy; aggregazioni di imprese e politiche distrettuali; sviluppo compatibile di fonti e infrastrutture energetiche; supporto finanziario per la crescita delle piccole imprese; apertura alla concorrenza di settori e servizi per ridurre i costi di contesto a favore di consumatori e imprese; rilancio di un progetto unitario per il turismo ed i turismi nazionali; attrattività dei sistemi territoriali: queste sono solo alcune delle aree prioritarie in cui le Regioni sono pronte ad avviare un nuova stagione di collaborazione attiva e progettuale con il Governo nazionale.  Il DPEF, e poi la Finanziaria, rappresentano pertanto gli strumenti privilegiati per sperimentare un nuovo patto per lo sviluppo del Paese, attraverso una autentica condivisione di obiettivi e priorità.

Politiche del Mezzogiorno

Le Regioni attribuiscono funzione strategica ai Fondi per le Aree sottoutilizzate come strumento per garantire la perequazione tra tutti i territori e per favorire lo sviluppo tecnologico di infrastrutture nel Mezzogiorno i cui esiti abbiano ricaduta sulle Regioni del Sud anche in tema di ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico e qualificazione del capitale umano con particolare riferimento alle nuove generazioni. Le Regioni ritengono altresì necessarie politiche e misure a favore delle Regioni in ritardo di sviluppo per colmare i gap strutturali e infrastrutturali esistenti tra i territori anche attraverso l’introduzione del principio e di alcuni strumenti di fiscalità di vantaggio. Ovviamente in una situazione di risorse scarse, il problema da porsi, oltre alla solidarietà tra aree a diverso sviluppo, è la valutazione della produttività del capitale pubblico investito.

Servizi pubblici locali

Un sistema di public utilities efficiente è elemento stesso della competitività di un sistema territoriale. Riteniamo quindi che debba essere attivato un processo di liberalizzazione "uniforme", sostenuto da una regolazione omogenea e coerente, che dia certezze a tutti gli operatori, pubblici e privati. Il legislatore nazionale deve consentire ai governi locali di assumere un ruolo strategico nelle politiche industriali dei territori, favorendo le aggregazioni strutturali e le innovazioni tecnologiche che preparino il sistema Paese all'impatto con i mercati europei garantendo una reale competizione tra gli operatori. Questo processo può essere avviato con il prossimo DPEF che deve contenere le linee guida per il rilancio del sistema public utilities.

Ricerca e innovazione

Le Regioni rivendicano il grado di autonomia e un ruolo centrale sull’università e un ruolo sostanziale sulla ricerca, così come previsto dal  muovo Titolo V della Costituzione favorendo gli ambiti tecnologici o macro aree tematiche promettenti che trovano più consenso e sono più vicine ai cittadini.

Energia

Impegno a favore del risparmio energetico in tutti i settori, favorendo la ricerca e l’innovazione a tutti i livelli, con i necessari sgravi fiscali per chi consuma meno e un deciso impegno a favore delle fonti energetiche rinnovabili.

Questi obiettivi richiedono una coesa spinta anche dei soggetti protagonisti della crescita delle comunità locali, anche in relazione alle funzioni attribuite alle Regioni dal Titolo V della Costituzione, a partire dall’immediato smobilizzo delle risorse per l’incentivazione alle imprese.

Queste ultime, nelle more della definizione del nuovo sistema di autonomia finanziaria regionale, devono essere erogate direttamente alle Regioni, già nel 2006, per la loro finalizzazione al sostegno dello sviluppo.

(red/04.07.06)

+T -T
Welfare: definire livelli essenziali

(regioni.it) La definizione del Fondo nazionale per le politiche sociali sara' uno dei temi portanti dell'agenda politica nazionale della settimana. Gli Assessori regionali alle politiche sociali, coordinati dall'Assessore veneto Antonio De Poli, hanno ricordato la situazione in un promemoria per i Presidenti della Conferenza delle Regioni che e' diventata nota ufficiale per i competenti Ministeri. Per il 2006, le Regioni chiedono il ripristino dell'intero Fondo Nazionale Politiche Sociali (FNPS) con i necessari adeguamenti, nonche' l'introduzione del Fondo Sociale, in analogia a quello sanitario, nel Dpef. Gli importi di cui si parla sono di oltre 1 miliardo 757 milioni euro per il 2006 ottenuti prendendo come base il Fondo 2004 con le aggiunte degli stanziamenti dedicati alla famiglia e ai nuovi nati dalle  finanziarie 2005 e 2006. “Ma - ricorda De Poli - il documento degli assessori regionali chiede anche l'introduzione da parte governativa dei Liveas (livelli essenziali delle prestazioni sociali) che devono essere definiti d'intesa con la Conferenza Unificata. La mancata definizione dei livelli impedisce, alle Regioni e alle amministrazioni locali, una programmazione organica pluriennale dei servizi sociali - rileva De Poli -  come prevede la legge 328/2000 e non assicura a tutti i cittadini italiani livelli uniformi delle prestazioni. Nel 2005 le Regioni hanno dovuto intervenire pesantemente a colmare il dimezzamento del Fondo Sociale, spostando ancora nel tempo la definizione dei Livelli Essenziali''. E ancora le Regioni, nel documento firmato da De Poli, ribadiscono la necessita' di affrontare con specifiche misure il problema della non autosufficienza con la creazione di un apposito Fondo a carattere nazionale a cui si affiancheranno iniziative regionali alcune delle quali sono gia' in atto. “Di questi temi si e' gia' parlato in un primo incontro tra assessori regionali e il ministro Ferrero - ricorda De Poli - il quale si e' impegnato a darci alcune risposte che speriamo siano positive e concrete, prioritariamente in merito al ripristino del Fondo nazionale delle politiche sociali decurtato del 50%, nell’incontro di giovedi'luglio a Roma, nella sede della Regione Veneto''.

(red/04.07.06)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top