Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 770 - giovedì 27 luglio 2006

Sommario
- Il Fondo per le politiche sociali in Conferenza Unificata
- D'Atena: seconda Camera e regionalismo
- Immigrazione: riaperte le quote per i flussi di ingresso
- Prodi: federalismo fiscale e più autonomia
- Prestito BEI a Sicilia e Basilicata
- Diritto comunitario e competenza regionale

+T -T
Immigrazione: riaperte le quote per i flussi di ingresso

(regioni.it) Il Governo ha deciso di avvalersi della possibilità – prevista dal Testo unico in materia di immigrazione e previa acquisizione dei pareri della Conferenza Stato-Regioni e delle competenti Commissioni parlamentari - di riaprire le quote dei flussi d’ingresso per lavoratori extra-comunitari per l’anno 2006, allo scopo di soddisfare le domande presentate dai datori di lavoro per l’impiego di cittadini extra-comunitari. La notizia è stata pubblicata  dalla newsletter del Ministero dell’Interno. La quota precedente di 170.000 persone si è infatti rivelata insoddisfacente.
Si apre quindi la possibilità di impiegare ulteriori 350.000 lavoratori extra-comunitari.
Secondo quanto previsto dalla legge, nell’ambito di questo contingente verrà data una preferenza ai Paesi con i quali l’Italia ha concluso accordi in materia di immigrazione. Non saranno accettate domande successive alla data odierna.
 "Il decreto-flussi - ha detto il Ministro dell'Interno Amato, nel corso di una conferenza stampa - interviene in applicazione rigorosa dell’art. 3, comma 4, della legge Bossi-Fini, la quale prevede un iniziale decreto-flussi e l’adozione di ulteriori decreti qualora il Governo ne ravvisi l’opportunità. In questo caso l’opportunità c’era tutta perché ci siamo trovati con circa 517mila domande presentate, potenzialmente tutte eguali, dalla prima all’ultima, e che riflettono tutte esigenze di lavoro manifestate da imprenditori o da famiglie italiane. Esse non manifestano esigenze di ingresso che provengono dalla Libia, ma contratti di soggiorno, indicazioni di alloggio e lavori in Italia; pertanto la circostanza di doversi  limitare alle prime 170mila domande, ignorando le successive, ha provocato reazioni. Mi ha particolarmente colpito quando a giugno enunciammo la nostra intenzione, la asincronia tra la reazione degli imprenditori del nord-est che dissero “finalmente” e i loro rappresentanti politici, ovvero alcuni di essi, che reagirono in modo singolarmente diverso.
Io continuo a ricevere lettere di imprese italiane che sollecitano l’adozione di  questo provvedimento.
Come ha detto Ferrero questo provvedimento avviene in puntuale applicazione della legge esistente, ma i problemi che sta suscitando dimostrano che la legge vigente va cambiata".

(red/27.07.06)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top