Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 807 - lunedì 23 ottobre 2006

Sommario3
- Il 26 Conferenza Regioni
- CONFERENZA REGIONI 19.10.06 - DOC PARERE SUL DDL LEGGE FINANZIARIA 2007
- Relazioni con il pubblico: Basilicata, Emilia-Romagna, Trentino-Alto Adige
- Formazione professionale: verso accordo Marche, Toscana, Lombardia, Piemonte
- Nasce coordinamento Fondazioni universitarie
- Sanità: in Calabria non si e' pagato in più

+T -T
Il 26 Conferenza Regioni

(regioni.it) E' stata convocata una seduta straordinaria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per giovedì 26 ottobre 2006 (ore 10.00 presso la Segreteria della Conferenza - Via Parigi, 11 - Roma) con il seguente ordine del giorno:

- Dibattito politico sui criteri di riparto delle risorse disponibili per il Servizio Sanitario Nazionale per il triennio 2007-2009 di cui al punto 1.2 dell’Intesa Stato-Regioni del 5 ottobre u.s. sul “Patto per la Salute”.

(red/23/10.06)

+T -T
CONFERENZA REGIONI 19.10.06 - DOC PARERE SUL DDL LEGGE FINANZIARIA 2007

(regioni.it)

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME:  
>>> 
Doc. Approvato - economia: parere su Finanziaria...

PARERE SUL DDL LEGGE FINANZIARIA 2007

Roma, 19 Ottobre 2006

 

In coerenza con gli obiettivi ed i percorsi di confronto istituzionale e tecnico espressi nelle Linee Guida per il DPEF 2007-2011 per la predisposizione del disegno di legge finanziaria 2007 è stata inaugurata una metodologia di lavoro basata sul confronto fra Governo e Regioni.

 

Sulla sanità il confronto ha sicuramente consentito di raggiungere un accordo significativo sia sul piano del merito che del metodo. Sul patto di stabilità interno, invece la non chiarezza dei parametri finanziari di riferimento non ha consentito di conseguire un accordo capace di coniugare le giuste esigenze di equilibrio dei conti pubblici con le legittime esigenze delle regioni nel campo delle politiche attuate, sia attraverso le spese correnti sia mediante le spese di investimento.

 

Le Regioni, che svolgono un ruolo fondamentale nello sviluppo del Paese hanno sempre contribuito al risanamento dei conti pubblici condividendo anche con responsabilità  gli obiettivi di stabilizzazione di finanza pubblica relativi alla manovra 2007. Devono ribadire, però, quanto già evidenziato al Governo come questione  pregiudiziale al confronto, che siano sbloccate immediatamente le risorse di cassa spettanti ai sensi del d.lgs.56/2000 e i trasferimenti connessi al decentramento amministrativo (DPCM “Bassanini”) soprattutto alla luce dei nuovi sacrifici richiesti come del resto era previsto nella legge finanziaria dello scorso anno.

 

1.      Patto di stabilità interno e criticità sugli investimenti

 

Gli interventi sulla spesa regionale previsti dal PSI sono così ripartiti:

ü       Sistema sanitario nazionale: un risparmio di 3,1 mld sulla spesa tendenziale sanitaria;

ü       Patto di stabilità: una decurtazione delle spese regionali di 1,850 mld.

 

Le Regioni danno atto che l’impostazione della manovra è più rispettosa dell’autonomia finanziaria regionale dal momento che prevede un tetto unico alla spesa regionale senza interferire sulle singole voci e considerando in prospettiva l’impostazione sui saldi finanziari, in discontinuità con le precedenti manovre.

Tuttavia, esse, come hanno evidenziato nel confronto con il Governo del 12 ottobre, ritengono che non si sia tenuto adeguatamente conto di una proporzionalità fra lo sforzo per il concorso al risanamento delle finanze pubbliche e il peso della spesa del comparto regionale sul totale della spesa della PA ed evidenziano che i conseguenti tagli alle spese regionali risultano insostenibili in quanto incidono su un aggregato di risorse che, al netto della sanità, rappresenta in larga misura, il finanziamento di servizi ad alta sensibilità sociale (trasporto pubblico locale,  formazione, politiche sociali).

Le Regioni danno atto positivamente al Governo della manifestata disponibilità, nell’ultimo incontro con i rappresentanti regionali, in ordine a:

a)     modificare il limite dell’indebitamento posto al 20% del totale delle entrate ripristinando il limite del 25%;

b)     modificare il criterio “ibrido” per calcolare i limiti del patto sugli investimenti riportando la base del criterio della competenza;

c)     escludere dai capitoli di spesa sottoposti ai vincoli del patto di stabilità, quelli relativi agli interessi passivi e i cofinanziamenti UE;

d)     verificare la possibilità di introdurre una compartecipazione regionale sull’accisa sul gasolio per autotrazione  a compensazione della manovra del gettito dell’accisa sulla benzina;

e)     Garantire la neutralità, sulle entrate regionali, per entità e tempi, delle manovre tributarie che interessano tributi e imposte il cui gettito è di competenza regionale.

 

Si tratta a questo punto, di avviare prontamente i  lavori della sede tecnico-politica per costruire un testo condiviso di emendamenti alla manovra finanziaria e su questo si fonderà il nostro parere definitivo.

 

2.      Sanità

 

L’Intesa sul patto per la salute prevede un livello di finanziamento che rappresenta un’incidenza rispetto al PIL del 6,3% anche grazie al senso di responsabilità delle Regioni e in un contesto di confronto metodologico e dai contenuti sicuramente innovativi.

Si tratterà quindi di verificare che sia garantito un giusto livello di risorse per il fabbisogno sanitario attraverso un lavoro condiviso di monitoraggio e aggiornamento dei costi dei LEA. Il Governo ha anche assicurato l’adozione di iniziative volte a garantire 2 miliardi di risparmi o maggiori entrate per il SSN aggiuntivi al 96 mld del fondo: a tal fine si richiede la immediata apertura dei tre tavoli previsti in sede di Patto per la salute in materia di Farmaceutica, Personale, Compartecipazioni.

Occorre, inoltre, un impegno: per eliminare le disparità fiscali fra i vari soggetti del SSN in materia di tassazione dei fabbricati per applicare dell’aliquota agevolata ridotta al 50% dell’IRES, alle Aziende ed enti del Servizio Sanitario Nazionale e Regionale; per esentare dalle tasse di concessione governative sui servizi radio mobili le aziende del SSN.

Infine, si richiede l’assunzione di responsabilità da parte del Governo per la chiusura della questione sugli oneri per il pagamento degli indennizzi di cui alla Legge N°210/92 con riferimento all’esercizio delle funzioni conferite alle regioni dal d.lgs. 112/98 in materia di salute umana e sanità veterinaria: sono in sospeso gli oneri arretrati relativi al 2004, 2005, 2006 e non è prevista l’annualità del 2007.

 

3.      Autonomia finanziaria

 

Le Regioni riconoscono il ripristino di flessibilità tributaria con il potenziale utilizzo delle leve relative alle aliquote dell’addizionale IRE e IRAP.

Tuttavia l’obiettivo dell’equità fiscale necessita almeno di coordinamento fra le attività sul piano dell’imposizione fiscale da parte di comuni, province e Regioni .

 

La manovra prevede pesanti incursioni sui tributi regionali, ad esempio con riferimento alla tassa automobilistica e all’IRAP.

Per l’IRAP è prevista una riduzione di gettito di 2,88 mld di euro (considerando solo il 2007) per il finanziamento del cuneo fiscale, oltre alle riduzioni per il protrarsi delle agevolazioni nel settore agricolo e per le cooperative della pesca, per le imprese di autotrasporto merci per conto terzi, per il credito d’imposta a favore di investimenti e dei costi sostenuti in ricerca e innovazione. Queste norme, inoltre, incidono pesantemente anche sulle certezze di gettito delle manovre fiscali regionali mettendo in pericolo la copertura pluriennale delle spese regionali che deve essere comunque assicurata dallo Stato. Si richiede, in proposito, per tutte le Regioni che hanno deliberato manovre fiscali IRAP, la stessa tutela prevista (dall’articolo 18, comma 5) per le sole 5 regioni che attuano la manovra in conseguenza agli automatismi previsti per la copertura dei disavanzi sanitari oltre i termini. Inoltre occorre prevedere che la flessibilità fiscale persa a regime, per effetto della riduzione del cuneo fiscale pari a 1,1 miliardi, dovrà essere compensata indistintamente per tutte le Regioni.

 

Per quanto riguarda la tassa automobilistica il sistema viene significativamente ridisegnato, senza alcun accordo né beneficio per le Regioni. Pur prevedendo “regolazioni finanziarie” delle maggiori/minori entrate d’Intesa con la Conferenza Stato Regioni, queste modifiche comporteranno incertezza alle entrate regionali oltre a maggiori costi sotto il profilo organizzativo per la gestione e della tassa stessa (esempio: i sistemi informatici attuali non consentono di riconoscere i criteri relativi a “euro 1,2,3,4,5” utilizzati per discriminare i veicoli).

Le norme inserite nel decreto legge, peraltro, sono immediatamente esecutive quindi gli effetti finanziari sui flussi di cassa regionali sono già in atto.

È quindi necessario e auspicabile un forte coordinamento fra i livelli istituzionali Stato – Regioni in linea con il percorso intrapreso per il Patto per la salute e conseguentemente l’avvio del confronto tecnico politico per giungere ad un accordo per una ridefinizione organica della normativa riguardante la tassa auto.

Sul fronte delle entrate regionali, inoltre, sono ancora aperti i problemi relativi alla compensazione tassa automobilistica /accisa per il cambio della normativa con legge finanziaria per il 1998 e aggravati dal forte calo del gettito dell’accisa sulle benzine.

L’accisa era il tributo che sostituiva l’ex Fondo Trasporti e una parte dello stesso (€ 0,004132 al litro) va a copertura della spesa sanitaria e considerato che la dinamica dell’accisa risulta in forte ribasso a causa delle contrazioni dei consumi, il gettito attuale è del tutto inadeguato.

Le Regioni chiedono, pertanto, di definire, concretamente attraverso il confronto tecnico politico, le disponibilità fornite nell’incontro con il Presidente del Consiglio, relativamente alla compensazione dei minori gettiti per anni pregressi per tassa auto / accisa, l’assegnazione di una compartecipazione all’accisa sugli oli minerali (€ 16,00 per 1.000 litri) per riequilibrare il gettito regionale e l’estensione del Fondo di Garanzia previsto nel d.lgs.56/2000 alle € 0,004132 al litro di accisa sulle benzine.

 

Anche la questione IVA trasporti è rilevante dal punto di vista finanziario per le Regioni, l’attuale legislazione determina una perdita netta di IVA in quanto la compartecipazione è calcolata al netto dell’IVA per i contratti di servizio dei trasporti. Il comma 25 dell’articolo 3 della Legge 350/2003 prevede il rimborso alle Regioni, a carico dei bilanci dello Stato 2004-2005-2006, dell’IVA al lordo delle quote IVA spettanti alle Regioni in base al DLGS 56/200 e relative, rispettivamente, agli anni 2001-2002-2003. Le Regioni chiedono rendere permanente il riconoscimento di tale rimborso al lordo delle quote IVA spettanti in base alle norme sul cd. federalismo fiscale in considerazione del fatto che, diversamente operando, si contrasterebbe con i principi su cui si fondano i meccanismi di compartecipazione all’IVA ai sensi del decreto legislativo n. 56 del 2000.

 

4.      Federalismo fiscale

 

E’ istituita la Commissione tecnica per il coordinamento dei rapporti finanziari fra Stato e Autonomie locali composta da otto commissari di cui tre in rappresentanza delle Regioni e degli Enti locali con il compito di indicare proposte tecniche sui principi generali del coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario.

Si propone di costituire la Commissione in forma paritetica garantendo una presenza regionale di 3 membri.

Si auspica un coinvolgimento effettivo delle Regioni, come previsto nel DPEF, nella costruzione del disegno applicativo del federalismo fiscale che deve essere sviluppato “in parallelo” alla riforma del sistema fiscale statale e non già “in progressione”, per evitare il rischio di adattamenti successivi, che potrebbero o scardinare il quadro generale appena costruito oppure essere costretti e compressi dentro un disegno ritenuto immodificabile e incompatibile con le esigenze delle Autonomie; per di più appreso dai quotidiani come nel caso di altre riforme importanti per le Regioni.

Si ritiene essenziale il ruolo delle Regioni nel coordinamento della finanza locale tenendo in considerazione il percorso che hanno intrapreso e facendo riferimento ai contenuti espressi nel  documento sui meccanismi strutturali del federalismo fiscale già condiviso da tutto il sistema delle autonomie e agli indirizzi per attuare il Federalismo fiscale già approvati dalla Conferenza dei Presidenti (documenti di  Ravello, di Santa Trada e parere al DPEF).

Nello stesso tempo l’autonomia fiscale non dovrà limitarsi a garantire adeguata flessibilità fiscale  per il soddisfacimento delle prestazioni essenziali, ma esplicitarsi attraverso la definizione di  un sistema di finanza pubblica territoriale tale da consentire alle Regioni di svolgere pienamente quel ruolo di “armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario” previsto nella legislazione concorrente dell’art. 117 Cost..

 

5.      Impatti istituzionali

 

Le Regioni criticano l’istituzione o il rifinanziamento di numerosi fondi che “incrociano” le competenze regionali: scelta che va in direzione opposta a quanto previsto dal nuovo Titolo V e agli orientamenti più volte ribaditi dalla Corte costituzionale.

 

Nelle more di una definizione organica del problema, si ribadisce la necessità del pieno coinvolgimento e riconoscimento delle Regioni quali soggetti competenti in materia  prevedendo, sulla base delle garanzie emerse nell’ incontro col Governo,  che tali fondi siano resi spendibili tramite una intesa ai sensi dell’art.8, c.6 della legge 131/2003, da realizzare in sede di Stato-Regioni. In tale modo le Regioni potranno dare il loro contributo, in piena integrazione, sia in termini di politiche sociali sia per le politiche di sviluppo in un quadro generale di crescita territoriale così come richiamato anche dall’Agenda di Lisbona che pone l’accento sull’importanza del ruolo delle politiche regionali.

 

In base all’accordo intervenuto con il Governo il 12 ottobre, si richiede anche lo stralcio di tutte le norme invasive delle competenze regionali, e, in particolare, quelle riguardanti:

 

  • Artt. 76 e 79 : Gli articoli riguardano i profili ordinamentali di comunità montane e unioni di comuni. Si ritiene, per quanto sopra illustrato, di doverne chiedere l’integrale soppressione.
  • Art. 143 : si evidenzia la dubbia legittimità della norma che prevede l’obbligo per le Regioni, nel caso di acquisti di veicoli stradali e ferroviari, di coordinarsi attraverso centri di acquisto comuni;
  • Art. 193: si evidenzia la dubbia legittimità costituzionale della norma che istituisce una procedura per l’approvazione del Piano straordinario di intervento per lo sviluppo del sistema territoriali dei servizi socio- educativi (intesa promossa dal Ministro per le politiche della famiglia in sede di Conferenza Unificata. In questa materia, va diversamente evidenziato come lo Stato dovrebbe prevedere esclusivamente la mera determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni individuando soltanto norme generali e principi fondamentali.

Si segnala, anche, la impropria previsione nell’articolo inerente “Disposizioni in materia di accertamento e di contrasto all’evasione e all’elusione fiscale” l’introduzione in tutte le amministrazioni pubbliche dei criteri di contabilità economica, nonché di tempi modalità anche tecniche per la trasmissione dei dati di contabilità e di bilanci standard attraverso provvedimento del Ministero dell’Economia e delle finanze.

I principi contabili per le Regioni sono già contenuti nel d.lgs.170/2006 “Ricognizione dei principi fondamentali in materia di armonizzazione dei bilanci pubblici, a norma dell'articolo 1 della legge 5 giugno 2003, n. 131" dove si ribadisce che i bilanci delle Regioni seguono la classificazione e le regole di contabilità previste nel d.lgs.76/2000.

Ancora una volta si interviene su norme di competenza concorrente e relative alla  contabilità regionale senza alcun coinvolgimento delle Regioni.

 

6.      Infrastrutture, Trasporto Pubblico Locale , Casa, Calamità

 

Si richiede l’apertura di un tavolo per il rilancio delle infrastrutture e dei Trasporti poiché non sono disponibili le adeguate risorse. Le intese interistituzionali già firmate non sono attuabili e occorre garantire la funzionalità dei cantieri tra i quali quelli dell’Alta Velocità / Alta Capacità.

 

Tema altrettanto incisivo per le politiche regionali è quello del Trasporto Pubblico Locale a cui la Finanziaria non fornisce risposte adeguate sia in termini di spesa d’investimento (es.: metropolitane, autobus, rinnovo mezzi in circolazione) sia in termini di adeguamento dell’ex Fondo Nazionale Trasporti, le cui disponibilità non sono aggiornate dal 1996.

 

Necessita di una particolare attenzione, inoltre, il problema “casa” non essendo possibile disporre di un fondo adeguato alle esigenze di questo settore con una sistematica sottovalutazione degli  effetti sociali ed economici provocati dall’interruzione dei flussi finanziari. È stato ridotto anche lo stanziamento del Fondo nazionale per la locazione (da 310 nel 2006 a 212 per il triennio 2007 – 2009) a fronte di un consistente incremento del fabbisogno manifestato dalle famiglie.

Più volte le Regioni hanno chiesto di assicurare all’ERP lo stanziamento adeguato (1,1 miliardi di Euro) corrispondente ai trasferimenti avvenuti mediamente nel triennio 1995 – 1997 (periodo preso a riferimento per la quantificazione delle risorse da trasferire dallo Stato alle Regioni in attuazione del processo di decentramento) da destinare alla programmazione regionale entro un quadro di indirizzi ed obiettivi generali di politica abitativa definiti a livello nazionale.

 

Riguardo le risorse per le emergenze per calamità, le Regioni richiedono un adeguato rifinanziamento degli interventi per il terremoto del Molise e della Puglia così come già previsti per l’Umbria e le Marche e prendono atto della sensibilità dimostrata dal Governo sull’argomento, che ha garantito l’apertura di uno specifico tavolo con la Regione Molise, al quale va associata la Regione Puglia, di cui si chiede l’immediata costituzione.

 

Si chiede, inoltre, di garantire il necessario coordinamento normativo delle disposizioni statali con l’ordinamento statutario delle Regioni a Statuto Speciale e delle Province Autonome e un approfondimento degli effetti delle norme previste per la Regione Siciliana fra le quali quelle relative alla spesa sanitaria, al credito d’imposta e al centro di ricerche RIMED, alla quale va garantito un trattamento omogeneo e coerente con quello previsto per le altre Regioni a Statuto Speciale.

 

Entrando nel merito delle specifiche disposizioni le Regioni e le Province autonome allegano:

1) emendamenti al disegno di legge “Finanziaria 2007”.

 

(red/23/10.06)

+T -T
Relazioni con il pubblico: Basilicata, Emilia-Romagna, Trentino-Alto Adige

(regioni.it) Riprende il nostro “viaggio” fra gli uffici relazioni con il pubblico delle Regioni e delle Province autonome, lungo un tragitto che ha finora toccato Piemonte, Toscana Puglia, Sicilia, Marche, Lombardia, Liguria, Umbria, Calabria, Sardegna, Abruzzo, Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lazio e Campania.

Il percorso riparte dal Mezzogiorno ed esattamente dalla

BASILICATA

La Regione Basilicata ha istituito in tutti i suoi Dipartimenti un URP ed un Contact Center Regionale, che risponde al numero verde  800.292020 . Portale dell’Ente: www.basilicatanet.it, Sito: www.regione.basilicata.it . Ecco dipartimento per dipartimento la “mappa” degli Urp lucani:

Dipartimento Presidenza Giunta, Potenza - Viale della Regione Basilicata, n. 4 - Ufficio Comunicazione Istituzionale e Relazioni con il Pubblico - Tel. 0971 668322/ 0971 668136 /  0971 668140 / 0971 668131 - Fax  0971 668154 - urppresidenza@regione.basilicata.it . Comunicazione e sportello dei Cittadini, Matera –  Via Annibale Maria Di Francia, 40 (ex Ospedale – Padiglione 3) - Tel. 0835 284261/27 – fax 0835 284249 - urpmatera@regione.basilicata.it

Dipartimento Agricoltura, sviluppo rurale, economia montana, Potenza  – Viale della Regione Basilicata, n. 12 -  Comunicazione e relazioni con i Cittadini,  Tel. 0971 668735/8676  fax 0971 668799, urpagricoltura@regione.basilicata.it

Sedi staccate URP:           tel.                 fax

1

Villa d'Agri (PZ)

0975352053

0975352053

2

Senise (PZ)

0973585761

0973584156

3

Lavello (PZ)

097282222

097282956

4

Melfi  (PZ)

0972641300

0972641305

5

Genzano (PZ)

0971774133

0971776821

6

Moliterno (PZ)

097564142

0975668100

7

Lagonegro (PZ)

097341027

097323004

8

Muro Lucano(PZ)

097671296

0976723077

9

Tricarico (MT)

0835723016

0835726521

10

Policoro  (MT)

0835972088

0835902621

11

Marconia (MT)

0835585585

0835412160

12

Bernalda (MT)

0835543219

0835543219

13

Irsina  (MT)

0835628240

0835628240

14

Stigliano  (MT)

0835562249

0835562249

15

Matera

0835284230

0835284250

Dipartimento Ambiente, Territorio, Politiche della sostenibilità – Potenza – Viale della Regione Basilicata, n. 5 - Comunicazione e relazioni con i Cittadini - Tel. 0971 669003 – fax 0971 669082 - urpambiente@regione.basilicata.it

Dipartimento Attività Produttive, Politiche dell’impresa, Innovazione tecnologica - Potenza – Viale della Regione Basilicata, n.12 - Comunicazione e relazioni con i Cittadini - Tel. 0971 668624 – fax 0971 668820 - urpattivitaproduttive@regione.basilicata.it .

Dipartimento formazione, lavoro, cultura e sport, Potenza – Corso Umberto I, 28 - Comunicazione e relazioni con i Cittadini - Tel. 0971 668055/07/40 – fax 0971 668107 -

urpformazione@regione.basilicata.it -

Dipartimento Infrastrutture, opere pubbliche e mobilità, Potenza - Corso Garibaldi, 139, Comunicazione e relazioni con i Cittadini, Potenza -  Tel. 0971 668470/19 -  fax 0971 668550

urpinfrastrutture@regione.basilicata.it -

Dipartimento salute, sicurezza e solidarietà sociale, servizi alla persona ed alla comunità. Potenza – Viale della Regione Basilicata, n. 9-  Comunicazione e relazioni con i Cittadini - Tel. 0971 668707/ 8895 – fax 0971 668900 - urpsanita@regione.basilicata.it, www.sanita.basilicata.it .

Consiglio regionale , Potenza - Viale della Regione Basilicata, 6 -Ufficio Relazioni con il Pubblico - Tel. 0971 447068 – fax 0971 447182, Urp_consiglio@regione.basilicata.it, www.consiglio.basilicata.it .

Risaliamo su, verso nord, fino alla

EMILIA-ROMAGNA

On line il sito dell’ufficio relazioni con il pubblico all’indirizzo:

http://www.regione.emilia-romagna.it/urp/

L’Urp è a Bologna in Viale Aldo Moro 52, e-mail: urp@regione.emilia-romagna.it , n. verde 800-662200, ,fax 051-6395360.

On line i link alla “rete degli Urp”: Comuni; Province; Comunità Montane; Commercio, Industria, Artigianato; Beni Culturali ; Scuola e Istruzione; Sanità; Sicurezza Pubblica; Lavoro e Previdenza;   Tributi e Fisco Trasporti Ambiente e Territorio Edilizia Pubblica Poste ENEL . On line anche un motore di ricerca per cercare, e trovare, l’intelocutore giusto fra tutti i dipendenti della Regione: http://www.regione.emilia-romagna.it/cercaregione/. Gli utenti possono fruire anche di alcune sezioni interattive del portale:  Corsi di formazione professionale. L'  URP mette a disposizione personale dedicato ai temi della scuola e della formazione. Su questi argomenti consigliamo di consultare  il sito Form-azione., Concorsi. L'URP fornisce copia dei bandi e informazioni su scadenze, requisiti, graduatorie dei concorsi indetti dalla Regione. Per i concorsi indetti da altre amministrazioni pubbliche del territorio regionale si può consultare la sezione Concorsi della banca dati Orienter. Gare e appalti pubblici sul territorio regionale. L'URP dà informazioni sui bandi aperti. Per un quadro sempre aggiornato e completo consultare il sito Appalti pubblici., Iniziative e opportunità dall'Unione europea. Informazioni e documenti sulle politiche europee per lo sviluppo regionale. Per approfondimenti si consiglia di consultare il sito SpazioEuropa. Modulistica e informazioni specifiche su iniziative, opportunità e contributi che la Regione offre a cittadini, imprese, associazioni in diversi settori (servizi sociali e sanitari, lavoro, sviluppo economico, ecc). Per conoscere le opportunità in corso e per la relativa modulistica è possibile consultare il servizio Modulistica in rete.

Poi ancora più a Nord, in

TRENTINO - ALTO ADIGE

On line il sito http://www.regione.taa.it/urp1/index.htm . Attivo anche il numero verde 800.356552. L’UFFICIO SERVIZI GENERALI E RAPPORTI CON IL PUBBLICO si trova in Via Gazzoletti n. 2 - 38100 TRENTO, Tel. 0461-201029 / 0461-201094, Fax 0461-201012, e-mail urp@regione.taa.it, Direttore: Giampaolo Bovini.

(sm/23.10.06)

+T -T
Formazione professionale: verso accordo Marche, Toscana, Lombardia, Piemonte

(regioni.it) Avviare una rete interregionale nel settore della formazione professionale, con l'ausilio delle tecnologie dell' informazione e della comunicazione, per condividere le esperienze maturate localmente e i servizi avviati sul territorio. E' l' obiettivo del protocollo d' intesa che le Regioni Marche, Toscana, Lombardia, Piemonte, Veneto e la Provincia autonoma di Bolzano sottoscriveranno nelle prossime settimane, avviando anche un tavolo tecnico per confrontare le iniziative, gestire le informazioni, programmare gli interventi interregionali. La giunta regionale marchigiana, nella seduta convocata oggi a  Fabriano, ha autorizzato l'assessore all' istruzione e formazione Ugo Ascoli, a sottoscrivere l' intesa. ''L'attivazione di una rete permanente tra le pubbliche amministrazioni - ha sottolineato Ascoli - facilita la collaborazione e l' integrazione tra sistemi formativi avviati localmente. L' accordo, inoltre, rappresenta un' opportunità per accrescere la qualità stessa della formazione: attraverso lo scambio delle esperienze e il loro coordinamento, sarà anche possibile contenere i costi e innescare nuove opportunità nei vari settori d' intervento”. Il documento che sarà siglato prevede l' avvio di una rete interregionale di tecnologie per la formazione, in modo da “promuovere azioni di cooperazione e coordinamento in materia di gestione e erogazione della formazione''. Stabilisce, inoltre, di ''mettere in rete i soggetti istituzionali operanti nelle rispettive realta' territoriali mediante la costituzione di un tavolo tecnico composto dai rappresentanti delle Regioni aderanti”.

(red/23.10.06)

+T -T
Nasce coordinamento Fondazioni universitarie

(regioni.it) A cinque anni dall'istituzione delle Fondazioni universitarie e' emersa la necessità di un loro collegamento e per questo e' stato costituito, presso la Conferenza dei rettori, un Coordinamento nazionale con lo specifico compito di garantire alle fondazioni una maggiore incisività rispetto alle altre istituzioni del Paese e una migliore tutela degli interessi del sistema universitario.

Prima iniziativa del nuovo organismo, presieduto da Ferdinando di Orio, rettore dell'ateneo aquilano, e' la richiesta di un emendamento all'art.41 della Finanziaria che, di fatto, annulla la possibilità per gli atenei di costituire fondazioni.

Le fondazioni universitarie, previste dalla Legge Finanziaria 2001 e dal DPR 254/2001, sono state promosse finora da 12 Atenei con lo scopo di svolgere una importante funzione di mediazione finanziaria e organizzativa tra mondo dell'Università e società, favorendo la ricerca applicata, la formazione e la diffusione di una cultura per lo sviluppo economico, anche attraverso iniziative congiunte tra università, aziende, istituti bancari, centri di ricerca ed enti pubblici.

''Le Fondazioni universitarie - ha dichiarato Di Orio - hanno sin qui rappresentato uno strumento essenziale per gli Atenei sia nel reperimento di nuove risorse finanziarie sia nella valorizzazione economica della ricerca scientifica e nella sua trasformazione in risorsa strategica per lo sviluppo e l'innovazione. Anche rispetto ad alcune incomprensioni con il Governo che, all'art. 41 della Legge Finanziaria attualmente in discussione, ha previsto la soppressione delle Fondazioni Universitarie, abbiamo riscontrato l'esigenza di valorizzare uno strumento fondamentale per la sopravvivenza del sistema universitario pubblico, sempre più sottostimato in termini di risorse. Il Coordinamento dovrà svolgere questo compito, mettendo in rete le Fondazioni esistenti, promovendone altre e condividendo le esperienze maturate, che hanno sin qui assicurato nuove modalità di trasferimento e di diffusione delle conoscenze all'interno delle dinamiche della società civile”.

Tra le iniziative del Coordinamento anche l'avvio di un Tavolo Tecnico per l'approfondimento del ruolo e delle ulteriori potenzialità delle Fondazioni, che vedrà il coinvolgimento del Ministero dell'Università, della Conferenza Stato-Regioni, dell'Anci, l'Anpi, le istituzioni del settore creditizio (Acri, Abi) e le Associazioni nazionali di categoria (Confindustria, Confapi, Confartigianato)

(red/23.10.06)

+T -T
Sanità: in Calabria non si e' pagato in più

(regioni.it) In Calabria ''sicuramente non si e' pagato per 400.000 persone in piu''' rispetto al numero degli abitanti per quanto riguarda l'anagrafe assistiti del servizio sanitario regionale. E' quanto si afferma in un documento della Giunta regionale, approvato all'unanimita', che stamani ha esaminato il problema dopo una richiesta del vicepresidente dell'esecutivo, Nicola Adamo, dei Ds. A sostenere che c'erano 400.000 assistiti in piu', anche se il dato era da confermare, era stato l'assessore regionale alla Salute, Doris Lo Moro.

''Il Dipartimento Sanita' - e' scritto nel documento della Giunta - ha quasi esaurito il lavoro di verifica dell'anagrafe assistiti. I risultati finora acquisiti ci consentono di escludere che si sia pagato per un numero di assistiti superiore a quello degli abitanti. Possiamo anche precisare che sicuramente non si e' pagato per 400.000 persone in piu'. La verifica amministrativa sara' conclusa a breve, comunque entro il 31 ottobre. In quella data saranno forniti ufficialmente i dati finali. Si tratta di un' attivita' positiva che altre Regioni hanno svolto negli anni scorsi e che consentira' di ripartire con un' anagrafe di assistiti certa e a garanzia dei medici, degli utenti e dell'intero sistema sanitario''.

 

(red/23/10.06)

 

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top