Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 816 - lunedì 6 novembre 2006

Sommario3
- Conferenze Regioni 8 e 9 novembre: Unificata e riparto FSN
- L'8 Conferenza Unificata
- Federalismo: Chiti e Lanzillotta
- Sanità e innovazione
- Conferenza Stato-Regioni 19/10/2006: Documenti
- Conferenza Unificata 19/10/2006: Documenti

+T -T
Conferenze Regioni 8 e 9 novembre: Unificata e riparto FSN

(regioni.it) Sono convocate a Roma per l’8 e il 9 novembre delle sedute straordinarie della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

Per mercoledì 8 novembre 2006 è prevista una prima riunione alle ore 15.00 presso la sede del ministero per gli Affari regionali e autonomie locali (Via della Stamperia 8) che affronterà gli argomenti all’ordine del giorno della Conferenza Unificata convocata alle ore 16,30 (: Ordine del Giorno - ).

Al termine dell’Unificata la Conferenza delle Regioni riaprirà i lavori alle ore 17.00 circa presso la sede della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome (Via Parigi, 11) sul riparto delle risorse disponibili per il Servizio Sanitario Nazionale per il triennio 2007-2009, per poi proseguire il confronto sullo stesso tema il giorno successivo giovedì 9 novembre (ore 9.30).

Le sedute straordinarie della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome si svolgeranno pertanto secondo le seguenti modalità:

  • Mercoledì 8 novembre 2006 ore 15.00 – presso la Sala della Conferenza Unificata – Via della Stamperia 8, Roma.

Seduta Conferenza delle Regioni e delle Province autonome con il seguente ordine del giorno:

1)     Esame questioni all’ordine del giorno della successiva Conferenza Unificata convocata alle ore: 16.30.

  • Mercoledì 8 novembre ore 17.00 presso la Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome – Via Parigi, 11 Roma. Conferenza straordinaria monografica dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome, con la partecipazione degli Assessori alla Sanità e al Bilancio con prosecuzione giovedì 9 novembre a partire dalle ore 9.30 con il seguente ordine del giorno:

1)     Esame dei criteri di riparto delle risorse disponibili per il Servizio Sanitario Nazionale per il triennio 2007-2009 di cui al punto 1.2 dell’Intesa Stato-Regioni del 5 ottobre u.s. sul “Patto per la Salute”.

 

08/11/2006 Conferenza Regioni e Province autonome : Ordine del Giorno - 8/9 novembre

(red/06.11.06)

+T -T
L'8 Conferenza Unificata

(regioni.it) Convocazione e o.d.g. della seduta della Conferenza unificata dell'8 novembre 2006:

La Conferenza Unificata è convocata, in seduta straordinaria, per mercoledì 8 novembre 2006, alle ore 16.30 presso la Sala riunioni di Via della Stamperia, n. 8, in Roma, con il seguente ordine del giorno:

Approvazione del verbale della seduta del 5 ottobre 2006.

ELENCO A

1)Questioni relative alla manovra economico-finanziaria per l’anno 2007.

2)Parere sullo schema di disegno di legge recante “Delega al Governo per il riordino dei servizi pubblici locali”. (SVILUPPO ECONOMICO - AFFARI REGIONALI E AUTONOMIE LOCALI).

Parere ai sensi dell’articolo 2, comma 5, lettera a), e dell’articolo 9, comma 3, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

3)Parere sullo schema di decreto legislativo recante recepimento della direttiva 2004/8/CE sulla promozione della cogenerazione basata su una domanda di calore utile nel mercato interno dell’energia e che modifica la direttiva 92/42/CEE. (POLITICHE EUROPEE – SVILUPPO ECONOMICO).

Parere ai sensi dell’articolo 9, comma 3, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

4)Parere sullo schema di decreto legislativo recante recepimento della direttiva 2003/96/CE che ristruttura il quadro comunitario per la tassazione dei prodotti energetici e dell’elettricità. (POLITICHE EUROPEE – ECONOMIA E FINANZE).

Parere ai sensi dell’articolo 9, comma 3, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

ELENCO B: da intendersi già discussi salvo richiesta di dibattito

1)Parere sul disegno di legge per la conversione in legge del decreto-legge 9 ottobre 2006, n. 263, recante misure straordinarie per fronteggiare l’emergenza nel settore dei rifiuti nella Regione Campania, su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri. (PROTEZIONE CIVILE).

Parere ai sensi dell’articolo 2, comma 5, lett. b,) e dell’articolo 9, comma 3, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

2)Parere sullo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri concernente ripartizione dei fondi dell’esercizio del 2005 per il finanziamento dei progetti presentati dalle Pubbliche Amministrazioni, ai sensi dell’articolo 8 del decreto del Presidente della Repubblica 2 maggio 2001, n. 345. (AFFARI REGIONALI).

Parere, ai sensi dell’articolo 5, comma 2, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 dicembre 2004.

 

 

(red/06.11.06)

+T -T
Federalismo: Chiti e Lanzillotta

(regioni.it) Non sara' possibile metter mano alle riforme istituzionali, in uno spirito di cooperazione tra maggioranza e opposizione, prima del prossimo anno, cioe' dopo la Finanziaria. Lo afferma il ministro per i rapporti con il Parlamento, Vannino Chiti, che delle due strade indicate dal sindaco di Roma, Walter Veltroni, per riscrivere le regole - quella di una commissione costituente e quella del lavoro attraverso le normali commissioni affari costituzionali di Camera e Senato - si schiera decisamente a favore di quest' ultima.

''Mi pare che la proposta di utilizzare questa legislatura per portare a compimento le riforme istituzionali, che sono oggi un po' in mezzo al guado, alcune fatte ed alcune da rifare, sia una proposta giusta'', ha detto Chiti.

''Del resto - ha aggiunto il ministro - e' quella che, subito dopo il referendum il Governo ha cercato di costruire in un rapporto con i gruppi parlamentari, sia di maggioranza sia di opposizione''. ''Naturalmente - ha proseguito Chiti - ci sono alcune riforme da realizzare e altre da attuare, tra queste ultime e' urgente attuare il federalismo fiscale, cioe' l' articolo 119 della Costituzione che puo' dare a Comuni, Province e Regioni, oltre che allo Stato centrale, gli strumenti e le compartecipazioni per far fronte alle loro scelte ed per assumersi anche le proprie responsabilita'. C' e' poi - ha aggiunto - da impostare la legge elettorale, che cosi' com' e' non va''.

''Naturalmente - ha proseguito il ministro per i rapporti con il Parlamento -, affinche' questo avvenga, occorre una disponibilita' di tutti i gruppi parlamentari, non solo di maggioranza ma anche dell' opposizione, ma penso che che sia possibile prendere in considerazione questa via ad anno nuovo, dopo la Finanziaria. Mi immagino che ora - ha proseguito -, nel mezzo del confronto, anche aspro, sulla legge finanziaria questo non sia praticabile; questi possono essere dei mesi da utilizzare per un approfondimento ed una istruttoria dei problemi. Penso e spero che, ad anno nuovo, si decida tutti. Il Governo fara' certamente la sua parte di utilizzare la legislatura per avere un quadro d' insieme, che gia' in parte esiste perche' c'e' stata una indagine conoscitiva molto utile, delle commissioni affari istituzionali di Camera e Senato per quanto riguarda il titolo quinto, quello relativo al federalismo. Quindi - ha concluso Chiti - si tratta di mettersi attorno a un tavolo e vedere le attuazioni del titolo quinto, del federalismo fiscale, per rivedere la legge elettorale e per vedere le altre riforme possibili come quella che deve rafforzare il ruolo del presidente del consiglio''.

Nel contempo il ministro Lanzillotta annuncia che il governo sta lavorando sulla costituzione delle citta' metropolitane e sull'attuazione del Titolo V della Costituzione e, invece, per quanto riguarda il federalismo fiscale "ci sono molte idee, ora tocca al ministro dell'Economia fare delle proposte concrete". Un messaggio, questo, portato dal ministro per gli Affari Regionali, Linda Lanzillotta, al convegno organizzato dalla Margherita a Milano dal tema: "La grande Milano, ovvero la citta' metropolitana". "Il governo - ha detto la Lanzillotta - sta preparando una delega per un nuovo codice delle autonomie che attui il Titolo V della Costituzione, che prevede l'istituzione delle citta' metropolitane. Naturalmente la trasformazione sui territori di grandi citta' e' molto complessa e deve essere lasciata alla autonomia delle istituzioni locali. Il testo unico dara' dei modelli sia per determinare funzioni in modo unitario in capo alla Provincia o alla Citta' metropolitana". Il ministro Lanzillotta ha sottolineato che sara' "lo stesso territorio a scegliere il proprio modello, senza imposizioni dall'alto. Nello stesso tempo va tenuto conto che l'unita' nazionale e' valore assoluto, come richiamato recentemente dal presidente della Repubblica Napolitano". A tale proposito la Lanzillotta ha sottolineato che il richiamo di Napolitano e' "giustissimo perche' federalismo e autonomia non significa rottura dell'unita' nazionale, ne' frammentazione del sistema nazionale. Valorizzare il Titolo V significa andare in questa direzione e il governo e'' perfettamente nei tempi".

(red/06.11.06)

+T -T
Sanità e innovazione

(regioni.it) ''La logica di mercato sulla sanita' produrrebbe scompensi enormi. Se ci intendiamo su questo punto siamo d'accordo su tutto il resto''. E' il messaggio lanciato Vasco Errani, presidente della Regione Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni.

''La difficolta' di modernizzazione - ha aggiunto Errani nel corso di una tavola rotonda a Ravenna - ha un segno trasversale e dobbiamo affrontarlo in termini meno ideologici e piu' concreti. Il peso delle Regioni - ha detto Errani - e' fondamentale, hanno un'importante capacita' di legiferare sulla concorrenza e costruire una politica di sostegno all'innovazione''.

E il ministro della sanità afferma in Friuli: ''senza investimenti nella ricerca difficilmente riusciremo a garantire uno standard qualitativo adeguato al Servizio sanitario pubblico che in Italia e' e deve rimanere un bene primario da difendere'': Livia Turco ha sottolineato che ''un buon servizio sanitario si fa in primo luogo nelle Regioni, anche se la politica sanitaria e' poi decisa a livello nazionale. Per mantenere a livello alto equita', efficienza ed efficacia del nostro sistema servono finanziamenti che sono previsti in Finanziaria''. Il ministro ha ribadito anche la unitarieta' del sistema sanitario nazionale e rilanciato il ruolo delle Regioni. ''In questo senso il Friuli Venezia Giulia - ha detto - e' un bell' esempio per il Paese''.

Rutelli è invece intervenuto alla Camera sui deficit in sanità. La situazione della spesa sanitaria delle regioni ''e' difficile e questo lo si deve a molti anni di bilanci della sanita', in alcune regioni e in particolare in Campania”'. Così il vicepresidente del Consiglio Francesco Rutelli nel corso di un question time. Riferendosi in particolare alla regione Campania, Rutelli ha quindi precisato che ''va dato riconoscimento alla regione di un quadro delle risorse non commisurato per quanto riguarda la popolazione. Il nostro governo - ha detto - ha gia' disposto la revoca degli interventi per i quali non sono pervenute le istanze di finanziamento entro i termini prescritti, e si tratta di oltre 705 milioni di euro. La regione - ha proseguito - ha chiesto la limitazione della revoca, ha avanzato le sue proposte e il ministro della salute ha fatto le sue controdeduzioni; si sta ora, nell'ambito del protocollo firmato dal ministro dell'economia, della salute e dalle regioni, negoziando un obiettivo per migliorare l'efficienza e l'appropriatezza delle prestazioni sanitarie riconducendo la dinamica della spesa entro i vincoli della finanza pubblica''.

Il ministro della salute, ha concluso Rutelli, ''e' impegnato a fare questa verifica con la regione Campania e con le altre che hanno dei piani di rientro secondo le previsioni delle norme in vigore, e non c'e' dubbio che se questo si traducesse in un mancato rispetto degli obiettivi intermedi la regione interessata puo' proporre misure da portare davanti a ministri

competenti''.

 (red/06.11.06)

+T -T
Conferenza Stato-Regioni 19/10/2006: Documenti

(regioni.it)

19/10/2006

Intesa sulla nomina dei componenti del Consiglio di amministrazione dell'ENIT (Agenzia Nazionale per il Turismo). Punto 6/b - Repertorio Atti n. 2655

19/10/2006

Parere sui criteri di ripartizione del fondo nazionale per la montagna relativo all'anno 2005, di cui all'articolo 2 della legge 31 gennaio 1994, n. 97. Punto 8/b - Repertorio Atti n. 2656

19/10/2006

Schema di decreto del Ministro dell'economia e delle finanze recante attuazione dell'articolo 1, co 322, della legge 23 dicembre 2005, n.266(legge finanziaria 2006) Punto non all'o.d.g. - Repertorio Atti n. 2653

19/10/2006

Intesa sullo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante “Modifica al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 29 novembre 2001 di definizione dei Livelli essenziali di assistenza”. Punto 1 B - Repertorio Atti n. 2650

19/10/2006

Intesa sulla nomina del Collegio dei Revisori dei Conti dell'Enit (Agenzia Nazionale per il Turismo). Punto 7/B- Repertorio Atti n. 2657

19/10/2006

Intesa sullo schema di decreto di ripartizione delle risorse assegnate al Fondo nazionale di sostegno per l’accesso alle abitazioni in locazione di cui al comma 1 dell’articolo 11 della legge 9 dicembre 1998, n.431. Punto 4/B - Repertorio Atti n. 2658

19/10/2006

Proposta di accordo tra il Ministro della salute, il Ministro dell’università e della ricerca e i Presidenti delle Regioni e delle Province autonome, concernente la rilevazione del fabbisogno delle professioni sanitarie di cui al decreto del Ministro della sanità, di concerto con il Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica del 29 marzo 2001 e del fabbisogno di laureati specialisti delle professioni sanitarie di cui al decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica del 2 aprile 2001, effettuata ai sensi dell’articolo 6 ter del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modifiche ed integrazioni, per l’anno 2006. Punto 2/b - Repertorio Atti n. 2651

19/10/2006

Parere sullo schema di decreto legislativo recante “Disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualità e di sicurezza per la raccolta, il controllo, la lavorazione, la conservazione e la distribuzione del sangue umano”.Punto 3/b - Repertorio Atti n. 2652

19/10/2006

Acquisizione della designazione di un rappresentante della ricerca scientifica applicata alla pesca e all’acquicoltura, in sostituzione, in seno alla Commissione consultiva centrale per la pesca e acquicoltura, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, lettera u), del decreto legislativo 26 maggio 2004, n. 154. Punto 4/b - Repertorio Atti n. 2654

19/10/2006

Parere sul disegno di legge recante “Interventi per l’innovazione industriale, nonché deleghe al Governo in materia di riordino del sistema delle agevolazioni alle imprese, della disciplina delle reti di impresa e del codice della proprietà industriale. Punto 1/A - Repertorio Atti n. 2659

 

(red/06.11.06)

+T -T
Conferenza Unificata 19/10/2006: Documenti

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top