Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 826 - martedì 21 novembre 2006

Sommario
- Sanità: sì all’intramoenia, ma fino al 31 luglio 2007 quella “allargata”
- Sardegna: dimissioni assessore Pubblica Istruzione
- Conferenza Stato-Regioni 31/10/2006: Documenti
- Servizio civile: cercasi 1596 volontari
- CONFERENZA REGIONI 16.11.06 DOC - Trasferire a Regioni Fondo unico incentivi
- CONFERENZA REGIONI 16.11.06 DOC - Acque minerali, l'indirizzo delle Regioni

+T -T
Sanità: sì all’intramoenia, ma fino al 31 luglio 2007 quella “allargata”

(regioni.it) Formazione sanitaria, liste d’attesa e intramoenia sul tavolo “mensile” di concertazione Governo-Regioni, Livia Turco e gli assessori alla Salute.

Sì all’intramoenia, no a quella “allargata”. Sì alla possibilità di scelta delle cure, ma non oltre e fino al 31 luglio 2007 l’attività intramoenia negli studi privati in mancanza di spazi interni alle strutture pubbliche. E’ questa la prima intesa: rispettare la data prevista dal decreto Bersani.

Per quanto riguarda la lotta alle liste di attesa si stabiliranno i tempi massimi di attesa per i cittadini non piu' in base ad una lista di 100 prestazioni singole ma in base a pacchetti di diagnosi e cura per malattie gravi e urgenti come quelle tumorali e cardiocircolatorie. L'intesa sul nuovo meccanismo prevede che i piani regionali dovranno essere presentati entro il 31 gennaio e quelli aziendali entro il 31 marzo 2007.
E proroga di sette mesi dell'ECM (l'educazione continua in medicina), l'aggiornamento obbligatorio. Sono stati quindi anche definiti sei mesi di proroga per la fase sperimentale della formazione continua (Ecm) dei medici e di tutti gli altri operatori del Ssn, in scadenza il 31 dicembre di quest'anno. Il programma di formazione continua prevede l'obbligo, per gli operatori del Ssn, di conseguire un determinato numero di crediti nel corso dell'anno, che si ottengono partecipando a congressi, convegni e corsi accreditati Ecm. Fino a tutto il 2005 sono stati accreditati 218.933 eventi, a cui si aggiungono 66.537 progetti formativi aziendali. Sono stati coinvolti 84 provider e 69 nella formazione 'a distanza', che usa le nuove tecnologie. Nel 2005 la classifica delle professioni che hanno fatto piu'  formazione e aggiornamento, vede in testa i medici (82.795), seguiti  da infermieri (19.300), farmacisti (17.485), psicologi (10.785).
Sara' istituito a breve un comitato paritetico Governo-Regioni con il compito verificare e mettere a punto le nuove modalita' per l'Ecm, con la consultazione delle professioni interessate. La proroga consentira' lo svolgimento dei corsi e degli eventi  formativi gia' accreditati, in attesa che vengano scritte le nuove  regole. La formazione continua obbligatoria, partita a gennaio 2002, ''e' un'opportunita' - concordano ministro e Regioni - che va ancora messa a disposizione degli operatori sanitari''.
Anche su liste d’attesa e intramoenia c’è sintonia con il Governo.
''Penso che ce la possiamo fare'': cosi' Enrico Rossi, assessore alla sanita' della regione Toscana e coordinatore degli assessori regionali. E ha aggiunto: ''sull'intramoenia c'e' piena consonanza, c'e consenso unanime tra noi e il ministero; da parte nostra ci sara' l'impegno perche' entro la fine di luglio 2007 tutte le visite specialistiche possano essere svolte all'interno delle strutture ospedaliere. Trattandosi della parte ambulatoriale - ha continuato - non dovrebbero esserci problemi, perche' si parla in sostanza di uffici”. Dal ministero poi, secondo Rossi, il segnale che arriva e' incoraggiante: ''c'e' la volonta' politica, a differenza di prima, perche' il meccanismo funzioni”. Rossi ha poi ricordato che regioni e ministero hanno deciso di aggiornarsi al prossimo 11 dicembre e lo faranno con scadenza mensile proprio come metodo di lavoro. ''Ci incontreremo una volta al mese - ha spiegato Rossi - per affrontare le questioni emergenti''.
Anche per quel che riguarda le liste d'attesa, Rossi e' ottimista:''non partiamo da zero e il gruppo di lavoro che oggi e' stato istituito dovra' entro la meta' di novembre presentare un piano; le regioni dovranno approvarlo entro il 31 gennaio e a partire dal quella data entro i successivi 60 giorni le aziende dovranno adottarne i criteri. Si va avanti''.
Per l'intramoenia allargata, quella che permette ai medici di visitare anche negli studi privati quando non sono presenti spazi dentro le mura della struttura dove operano, verra' prorogata non oltre fino al 31 luglio 2007. La data era stata gia' fissata questa estate nel decreto Bersani, che indicava anche l'indicazione che le prestazioni in questo regime non devono superare il volume delle prestazioni ordinarie.

Assessori e ministro, si e' appreso al temine dell'incontro, si sono espressi a favore del regime di intramoenia e si sono detti concordi sull'opportunita' di proseguire su questa strada anche per garantire ai cittadini la libera scelta delle cure.

Pertanto

Entro il 31 gennaio 2007 le Regioni adotteranno iPiani per l'applicazione del decerto Bersani che prevede, fral'altro, che il volume dell'attivita' intramoenia non superi quello dell'attivita' offerta in regime di SSN.

''Nell'intesa sull'intramoenia allargata fra Ministero della Salute e assessori regionali alla sanita', il Veneto, con le sue proposte, ha dato un contributo determinante''. Questo il commento dell'assessore veneto alle politiche sanitarie, Flavio Tosi, sull'accordo raggiunto tra Regioni e Ministro Livia Turco di prorogare solo fino al 31 luglio 2007 il regime di intramoenia “allargata” negli studi privati.  ''Dopo il 31 luglio - aggiunge Tosi - se le Ulss non saranno  riuscite ad approntare spazi interni per l'intramoenia, dovranno  affittare locali per consentire la libera professione intramuraria ai  loro dirigenti medici, che non potranno pero' piu' esercitare negli  studi privati. Opereranno, quindi, comunque in strutture totalmente  gestite e controllate dalle Aziende sanitarie. E' un'impostazione che  la Regione Veneto sta gia' per tradurre in formale deliberazione, per  rendere il piu' trasparente e corretta possibile l'attivita' di  intramoenia allargata, accentrando tutte le prenotazioni e i pagamenti attraverso le Ulss: cosi' saranno piu' efficaci i controlli, la  mancanza dei quali potrebbe incidere sulle liste d'attesa dei  pazienti''.

Un altro aspetto su cui e' stata accolta una proposta del Veneto e' quella dell'intramoenia allargata fuori Regione: ''Non sono molti i casi - ha detto ancora Tosi - ma ve ne sono addirittura fra Veneto e Regioni non confinanti, distanti anche centinaia di chilometri. E' una situazione limite, che presupporrebbe,logicamente, una rinuncia all'esclusivita' di rapporto e a una parte degli emolumenti: abbiamo sollevato il problema e sollecitato un accordo fra le Regioni. Dopo il 31 luglio, l'esercizio della libera professione aziendale fuori Regione potra' avvenire solo in strutture autorizzate e nel quadro di un accordo fra Regione di provenienza e quella di destinazione''.

Infine oggi vertice fra le 15 sigle della dirigenza medica e il ministro della Salute, Livia Turco, al ministero, con all'ordine del giorno un unico, delicato, tema: il lavoro in intramoenia dei medici.

Pertanto l’incontro sarà scandito proprio dat tempi di questa decisione di limitare non oltre il 31 luglio 2007 l'intramoenia allargata, quella che permette ai medici di visitare anche negli studi privati quando non sono presenti spazi dentro le mura della struttura dove operano.

(gs/21.11.06)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top