Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 827 - mercoledì 22 novembre 2006

Sommario
- Sport: concertazione su legge
- Infrastrutture. Formigoni:potere concessorio a Regioni; Bianchi: quadro grandi opere "non ancora definito"
- Acque minerali: Regioni voltano pagina
- Lanzillotta su riforme
- Valle d'Aosta critica Finanziaria
- Ministero infrastrutture: opere prioritarie Abruzzo

+T -T
Acque minerali: Regioni voltano pagina

(regioni.it) Le Regioni voltano pagina nella gestione delle acque minerali e termali, cosi l’Ansa sintetizza il senso di un documento approvato dalla Conferenza delle Regioni il 16 novembre (cfr. regioni.it n. 826).

Nel documento messo a punto dalla conferenza delle Regioni (ogni Regione ha competenza legislativa esclusiva in materia) viene suggerito un canone che va da 1 a 2,50   ogni mille litri o frazione di imbottigliato e da 0,5 a 2 ogni mille litri o frazione di utilizzato o emunto. Le regioni hanno condiviso l'esigenza che nelle revisioni di legge si tenesse conto, nella salvaguardia della relativa autonomia, di linee di orientamento che fissano parametri di riferimento per considerare la risorsa naturale come un bene 'esauribile' e quindi da valorizzare nel momento del suo utilizzo. Pertanto tutte le Regioni hanno inteso individuare dei  parametri comuni con questo documento, anche per assicurare una gestione concorrenziale più organica di quella attuale, anche in presenza di una situazione differenziata all'interno del territorio italiano che può essere dannosa per la concorrenza. ''La scelta di un documento - si legge nel testo approvato dalla Conferenza - che fissi le linee di indirizzo, costituisce un mero orientamento per l'azione singola di ogni regione, ferma restando l'autonomia e la graduazione che i singoli territori riterranno opportuno attuare”. Inoltre dalla rilevazione svolta sui canoni, ad esempio, si evidenziano differenze che sottolineano in maniera inequivocabile come non conta la quantità o la qualità dell'acqua, bensì il territorio, con la conseguenza che l'acqua estratta in una regione, a parità di qualità, risulta essere molto più onerosa che in altre, sia per l'impresa che per il consumatore. Tra gli indirizzi individuati dalle regioni, oltre ai valori minimi e massimi entro i quali definire il canone da applicare, c'è la definizione del canone superficiario che per le regioni non dove essere inferiore a 30,00 euro per ettaro o frazione di superficie concessa. Infatti le regioni potranno, a loro discrezione, determinare gli importi maggiori sulla base della valutazione su cui insiste la concessione mineraria.''Detti importi - prosegue il documento - sono da considerarsi comprensivi di ogni altra tassa di concessione e potranno essere rivisti ogni due anni, sulla base di una valutazione individuale delle singole regioni, in relazione all'andamento del mercato e alle singole realta' territoriali''.

(red/22.11.06)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top