Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 830 - lunedì 27 novembre 2006

Sommario
- Manovra: antitrust su vendita farmaci da banco in Lombardia e Umbria
- Conferenza Unificata 30/11/2006: Ordine del Giorno
- Ministero delle Infrastrutture: opere prioritarie Emilia Romagna
- Sanità: Lazio verso lettera d’intenti per deficit
- Conferenza Stato-Regioni 30/11/2006: Ordine del giorno
- Ministero delle Infrastrutture: opere prioritarie Friuli Venezia Giulia

+T -T
Manovra: antitrust su vendita farmaci da banco in Lombardia e Umbria

(regioni.it) Si discute sempre della manovra del Governo. Tra gli argomenti economici d’attualità c’è anche da segnalare l’intervento dell’antitrust sulle regole ritenute troppo restrittive per la vendita di farmaci da banco in Lombardia e Umbria.

Il ministro per lo sviluppo economico, Pierluigi Bersani, non ha escluso che l'iter della Finanziaria al Senato possa concludersi con qualche miglioramento da apportare alla parte relativa agli enti locali. "C'e' l'aspettativa - ha spiegato Bersani - che in questo ultimo atto di percorso di finanziaria qualcosa possa migliorare. Io mi auguro che ce ne siano di margini al Senato anche se certamente non ne avremo molti. Tuttavia, non e' da escludere qualche correzione". Bersani ha anche commentato la situazione del trasporto pubblico locale: "La situazione e' complicata - ha detto il ministro - ci vuole un patto governo-regioni-autonomie locali". Bersani commentando in generale il trasporto pubblico locale ha detto che: "ripresa la linea di finanziamento c'e' il problema della gestione" e ha ricordato che sui trasporti c'e' una cabina di regia a Palazzo Chigi.

''E’ una manovra essenzialmente fiscale” per il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni. ''E' una finanziaria che parla di sviluppo ma fa previsioni di diminuzione del prodotto interno lordo per l'anno venturo, e soprattutto si pone in maniera opposta allo sforzo che i piccoli e medi imprenditori e gli artigiani stanno  facendo''. ''Al contrario di quello che sarebbe necessario fare - ha detto ancora Formigoni - dalla manovra finanziaria questi settori sono aggrediti dal fisco, dalla burocrazia con costi indiretti straordinari''.

Ci sono troppe restrizioni nelle regole per la vendita di farmaci da banco in Lombardia e Umbria.  Lo segnala l' Antitrust (25/11/2006 - Farmaci da banco: da regioni Lombardia e Umbria ostacoli a vendita nei canali alternativi a farmacie) che punta l' indice sulle due regioni per aver ''disciplinato la vendita al dettaglio dei farmaci non soggetti a prescrizione medica introducendo requisiti che appaiono ingiustificatamente restrittivi della concorrenza, rischiando cosi' di ostacolare lo sviluppo dei canali di vendita alternativi alle farmacie''.

L' Autorita' garante della concorrenza ha inviato una segnalazione ai presidenti delle due Regioni, Roberto Formigoni e Maria Rita Lorenzetti, a Romano Prodi, in qualita' di presidente della conferenza permanente Stato-Regioni, ai ministri per gli Affari regionali e autonomie locali, Linda Lanzillotta, per lo Sviluppo Economico Pierluigi Bersani e per la Salute Livia Turco. Nella segnalazione il Garante chiede che le due Regioni riesaminino le nuove discipline per adeguarle ai principi posti a tutela della concorrenza.

Per l' Autorita' i requisiti richiesti dalle due delibere appaiono ingiustificatamente restrittivi della concorrenza tra esercizi che possono vendere i farmaci da banco: si tratta di elementi che, a giudizio dell' Antitrust, incidendo in modo significativo sui costi, possono costituire una notevole barriera all' accesso per gli esercizi commerciali di minori dimensioni, quali, ad esempio, le parafarmacie, le sanitarie di piccole-medie dimensioni, le erboristerie, i piccoli supermercati.

''In questo modo si riduce ingiustificatamente la pressione concorrenziale che i nuovi esercizi commerciali potrebbero esercitare nei confronti dei soggetti gia' operanti nel mercato, cioe' le farmacie'' sostiene l' Authority, che critica, in particolare, l' obbligo di separare il reparto con una parete o una vetrata e di avere un magazzino contiguo perche' ''rischia di diventare un ostacolo insormontabile per gli esercizi piu' piccoli''. Anche le previsioni di fax e casse dedicate sembrano misure sproporzionate peraltro non previste ne' dalla legge che ha liberalizzato la vendita dei farmaci da banco ne' dalla circolare applicativa del ministero della Salute.

Per l' Autorita', quindi, le due delibere rischiano in sostanza di determinare per i nuovi entranti nella distribuzione dei farmaci da banco ed in particolare per quelli di minori dimensioni, ''oneri ben superiori a quelli sopportati dalle farmacie''.

(gs/27.11.06)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top