Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 830 - lunedì 27 novembre 2006

Sommario
- Manovra: antitrust su vendita farmaci da banco in Lombardia e Umbria
- Conferenza Unificata 30/11/2006: Ordine del Giorno
- Ministero delle Infrastrutture: opere prioritarie Emilia Romagna
- Sanità: Lazio verso lettera d’intenti per deficit
- Conferenza Stato-Regioni 30/11/2006: Ordine del giorno
- Ministero delle Infrastrutture: opere prioritarie Friuli Venezia Giulia

+T -T
Ministero delle Infrastrutture: opere prioritarie Friuli Venezia Giulia

(regioni.it)

Ministero delle Infrastrutture

PRIORITÀ INFRASTRUTTURALI NELLA

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA (Friuli Venezia Giulia)

(Ministero infrastrutture: opere prioritarie Friuli...                         )

SISTEMI STRADALI E AUTOSTRADALI

A4 Venezia-Trieste – Ampliamento a tre corsie del tratto Quarto d’Altino-Villesse

L’ampliamento a tre corsie della A4 Venezia-Trieste è considerata parte integrante del Corridoio V e si sviluppa lungo il tratto orientale, con un’estesa di circa 94,5 km, dal Passante di Mestre, ad ovest, con il quale si collega senza soluzione di continuità, fino a Villesse.

Il progetto, approvato dal CIPE con delibera n. 13/2005, presenta un costo di 746,85 M€, interamente disponibili, ed è dotata di progetto preliminare approvato dal CIPE.

La società Autovie Venete, controllata all’87% dalla Regione, ipotizza di provvedere alla realizzazione dell’infrastruttura a seguito dell’approvazione da parte del CIPE del piano finanziario.

A4 Venezia-Trieste – Raccordo autostradale Villesse-Gorizia

Il progetto si sviluppa lungo l’attuale collegamento veloce tra la A4 in comune di Villesse ed il valico confinario di S.Andrea con la Slovenia e con l’autoporto di Gorizia.

L’opera si sviluppa in affiancamento alla SS 351 che collega Cervignano con Gorizia.

Il costo stimato è di 100,98 M€, interamente disponibili, ed il livello progettuale attualmente disponibile è il preliminare approvato dal CIPE.

Collegamento autostradale A27-A23

Il progetto prevede la realizzazione di un collegamento diretto tra l’autostrada A27 Mestre-Belluno e la A23 Udine-Carnia-Tarvisio e, quindi, tra la parte settentrionale della provincia di Belluno e la Carnia, entrambe aree oggi isolate dai grandi flussi di comunicazione, ai fini di una loro e alla loro integrazione nella direttrice trasversale che dall’Austria raggiunge il Veneto Orientale.

La bretella di collegamento tra A23 e A27 consentirebbe, inoltre, una migliore distribuzione della mobilità tra i due valichi alpini del Brennero e di Tarvisio.

L’Anas ha sviluppato uno studio di fattibilità, che si articola in tre lotti:

- il primo per percorrere il Cadore;

- il secondo in galleria per arrivare in Carnia;

- il terzo per andare ad intercettare la A23 in direzione di Tarvisio.

Per la realizzazione dell’opera, che si sviluppa per il 50% in galleria, per l’8% su viadotti e per la restante parte del tracciato in sede e che presenta un costo stimato di 2,2 miliardi di euro, si è ipotizzato il ricorso al project financing.

Completamento del Corridoio V

Le opere di completamento del Corridoio V consistono nella modernizzazione della infrastruttura viaria regionale di supporto all’asse principale del Corridoio. Le opere sono articolate come di seguito:

- Tangenziale Sud di Udine ( 2° lotto ). Risulta disponibile il progetto definitivo, per un costo stimato di M€ 102,36, interamente da reperire.

- Riqualificazione tracciato, dal nodo di Ronche di Fontanafredda in Provincia di Pordenone fino al confine della provincia di Udine (ponte della Delizia).

L’intervento è dotato di progetto preliminare e presenta un costo di M€ 133,12, interamente da reperire.

- Riqualificazione tracciato dal nodo di Ronche di Fontanafredda in Provincia di Pordenone fino al confine con il Veneto. È attualmente in corso la redazione della progettazione preliminare.

- Riqualificazione tracciato, da innesto tangenziale sud di Udine al confine della provincia di Pordenone (ponte della Delizia). L’intervento è dotato di progetto preliminare e presenta un costo di M€ 55,73, interamente da reperire.

- Collegamento tra SS 464 a Sequals e la SS 13 a Gemona (Strada Sequals Gemona). L’intervento, per il quale è stato redatto il progetto preliminare, presenta un costo di M€ 255,20, interamente da reperire.

- Riqualificazione tracciato, dalla rotonda Paparotti in Provincia di Udine al confine della provincia di Gorizia (Villanova dello Judrio). Risulta disponibile il progetto preliminare, per un costo stimato di M€ 114,00, interamente da reperire.

- Riqualificazione tracciato, dal raccordo autostradale Villesse-Gorizia (SS 305) in Provincia di Gorizia fino al confine della provincia di Udine (Villanova dello Judrio). L’intervento è dotato di progetto preliminare e presenta un costo di M€ 18,89, interamente da reperire.

Messa in sicurezza della SS 354

L’intervento riguarda il tratto dal casello autostradale di Latisana fino a Lignano. Sono attualmente in corso le attività di redazione del progetto preliminare, per un costo di M€ 15, interamente da reperire.

Grande Viabilità Triestina

Il progetto denominato Grande Viabilità Triestina è costituito di una serie di interventi che hanno l’obiettivo di rendere più scorrevole e sicuro il traffico veicolare e commerciale diretto verso la zona industriale ed il porto.

Gli interventi sono in parte già realizzati ed in parte in fase di esecuzione. In particolare, il nuovo tracciato stradale denominato 2° stralcio del 3° lotto della Grande Viabilità di Trieste collega, con uno sviluppo complessivo di 5,5 Km, il tratto della Grande Viabilità Triestina già realizzato dal Comune di Trieste in località Cattinara al tronco autostradale realizzato dall'ANAS a Padriciano in corrispondenza dell'Area di Ricerca.

Le principali opere che caratterizzano la nuova arteria sono:

- la galleria “Carso”, costituita da 2 canne di lunghezza pari a circa 2.850 m con 2 corsie di marcia più la banchina per la sosta di emergenza;

- la galleria “Cattinara”, costituita da 2 canne di lunghezza pari a circa 290 m con 2 corsie di marcia più la banchina per la sosta di emergenza;

- il viadotto “Cattinara”, che collega la galleria Cattinara con la vallicola ai piedi del colle del Castelliere e successivamente, dopo un tratto in appoggio, con le gallerie “Carso”.

Le connessioni con la viabilità minore sono garantite mediante gli svincoli di Cattinara, Castelliere e Padriciano.

Relativamente alle opere descritte la stazione appaltante ha quantificato maggiori oneri per un importo pari a di 43,00 M€, dovuti ai rilevanti lavori di scavo in galleria necessari.

SISTEMI FERROVIARI

AV/AC Venezia – Trieste

Il corridoio ferroviario è costituito dalla tratta friulana del Corridoio 5, la nuova linea AV/AC Venezia – Trieste.

Il tracciato si sviluppa per un lunghezza di 150 km e si articola in due tratte:

- per la tratta Venezia-Ronchi è disponibile il progetto preliminare, che attualmente è alla consultazione degli enti locali e attende il parere regionale sulla localizzazione delle opere. Il costo stimato è pari a 4.200 M€, dei quali 4.193,6 M€ risultano da reperire.

- relativamente alla tratta Ronchi-Trieste è disponibile il progetto preliminare, che ha ottenuto la localizzazione delle opere da parte della Regione. Il costo stimato è di 1.929 M€, dei quali 1.887 M€ risultano da reperire.

HUB PORTUALI

Piattaforma logistica del Porto di Trieste

Con il suo porto e le sue strutture logistiche, Trieste costituisce il naturale capolinea dell’autostrada del mare, in quanto collocata all’incrocio naturale tra la "via adriatica" ed il Corridoio 5°: la trasversale paneuropea attraverso cui scorrerà gran parte del traffico di merci e persone nella dimensione di un’Europa sempre più allargata e unita, con diramazioni verso la Mitteleuropa e l’area baltica.

Come hub logistico, dista meno di 500 km dai grandi centri dell’economia italiana (Veneto, Lombardia, Piemonte), dell’Europa Centrale e Orientale (Baviera, Austria, Slovenia, Croazia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Polonia).

I fondali del porto consentono l’attracco di navi oceaniche di ogni dimensione, anche di ultima generazione.

Il progetto relativo alla realizzazione della piattaforma logistica prevede il banchinamento dello spazio incluso tra lo Scalo Legnami e la ferriera di Servola per un’area complessiva di 247.000 mq di cui 140.000 attualmente occupati da specchi d’acqua. L’intervento intende ampliare le aree operative a servizio del porto attualmente esistenti, con il trasferimento delle attività dal Porto Vecchio alla nuova piastra, che dovrebbe ridurre drasticamente il traffico pesante proveniente dalla Grande Viabilità Triestina attraverso il passeggio di S.Andrea e lungo le Rive cittadine.

Le opere, attualmente in gara, presentano un costo complessivo di 278,90 M€, dei quali 200,10 M€ risultano da reperire.

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Marco Tumiati
In redazione: Stefano Mirabelli; Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top