Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 858 - martedì 23 gennaio 2007

Sommario
- Colozzi: lavorare per lo sviluppo
- Agricoltura: tra OGM e biologico
- Bandi attività produttive
- Turco: omogenita', qualita', quantita', e qualita' e sicurezza
- Codice autonomie locali: il testo della delega
- Integrazioni all'ordine del giorno della Conferenza delle Regioni del 25

+T -T
Colozzi: lavorare per lo sviluppo

(regioni.it) In futuro serve maggiore attenzione sulle potenzialità di investimento delle Regioni. Per Romano Colozzi, coordinatore del settore finanziario della Conferenza delle Regioni e assessore al Bilancio della Lombardia, le Regioni che hanno i conti in regola devono avere la possibilita' di investire di più. Serve al Paese e serve a settori strategici come le infrastrutture. Bisogna lavorare per lo sviluppo.

L'ultima finanziaria invece ''accentua la cronica carenza di investimenti pubblici'' e quindi allontana la possibilita' di realizzare le infrastrutture che servono. La manovra penalizza soprattutto le Regioni: “se si pensa che su 12 miliardi di euro di tagli, quasi 5 sono a carico delle amministrazioni regionali (3 per la sanità, 1,8 per il Patto di stabilità)”.

Colozzi fa quindi un appello al Governo perche' ''dal prossimo Dpef o dalla prossima finanziaria ci sia una politica innovativa''.

Colozzi propone di trovare dei parametri per concentrare i tagli sugli sprechi ipotizzando dei premi, cioe' delle deroghe al patto di stabilita' per chi ha i conti in regola. E’ da varare il federalismo fiscale e si deve lavorare anche a livello europeo, visto che i parametri di Maastricht penalizzano un Paese con un indebitamento storicamente alto come l'Italia.

''E' un circolo vizioso: per migliorare i conti bisogna lavorare sullo sviluppo, per lavorare sullo sviluppo bisogna fare le infrastrutture e per fare le infrastrutture servono i soldi. Il project finance e il patto di stabilita' interno sono vasi comunicanti''. Colozzi ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione della quarta edizione della 'Guida degli operatori del project finance' realizzata dalla finanziaria della Regione, Finlombarda.

Cresce il project finance in Italia: i finanziamenti concessi da istituti di credito sono arrivati a 18,6 miliardi nel 2006 contro i 21,7 del 2005 e anche il numero di financial close e' lievitato dell'81% passando da 127 di 2 anni fa a 230 l'anno appena trascorso.

Regioni ed enti locali hanno un ruolo fondamentale: da soli, ha sottolineato Colozzi, realizzano l'80% degli investimenti pubblici e questi hanno poi un ritorno superiore sul Pil rispetto a quelli statali: per ogni euro speso dal sistema delle autonomie sono generati fra gli 0.76 e gli 0.98 euro contro i poco piu' di 0.50 a livello nazionale.

''Se si vuol far crescere questo strumento - ha detto Colozzi - smettiamola di fare finanziarie come l'ultima'' che ad esempio nel caso della Lombardia ha avuto ''l'esito di dimezzare la nostra capacita' di investimenti''.

''Il mio auspicio - ribadisce Colozzi - e' che la politica nazionale predisponga politiche innovative gia' a partire dal prossimo Dpef o dalla prossima finanziaria''.

Quali proposte per rilanciare gli investimenti?
“Innanzitutto, le Regioni virtuose, che mantengono i conti della sanità in equilibrio, possano ottenere in premio lo svincolo delle spese d’investimento dal Patto di Stabilità.
In secondo luogo, si potrebbe attuare, come ho avuto già modo di proporre personalmente al Ministro Padoa Schioppa, il Patto di stabilità regionale.
Infine, è necessario creare le condizioni affinché sia possibile definire, come indicato nel progetto di federalismo fiscale presentato informalmente al Consiglio dei Ministri, un mercato regionale dei diritti di indebitamento a livello regionale fra Autonomie locali”.

 

http://www.ilrevisore.it/notizie/2007/1/230107.htm

 

(giuseppe schifini/23.01.07)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top