Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 858 - martedì 23 gennaio 2007

Sommario
- Colozzi: lavorare per lo sviluppo
- Agricoltura: tra OGM e biologico
- Bandi attività produttive
- Turco: omogenita', qualita', quantita', e qualita' e sicurezza
- Codice autonomie locali: il testo della delega
- Integrazioni all'ordine del giorno della Conferenza delle Regioni del 25

+T -T
Turco: omogenita', qualita', quantita', e qualita' e sicurezza

(regioni.it) Responsabilità e riorganizzazione sanitaria, intramoenia e riduzione delle liste d’attesa, sono questi i prossimi indirizzi in materia sanitaria. ''Saremo inflessibili con le Regioni e le aziende sanitarie sulla realizzazione degli spazi per l'intramoenia e sull'utilizzo dei fondi non ancora spesi''. Lo ha affermato il ministro della Salute, Livia Turco, nel corso di un'audizione in Commissione Affari sociali della Camera.

L'ammodernamento delle rete ospedaliera italiana, considerata come una grande infrastruttura del Paese, sara' uno dei temi della prossima Finanziaria, sottolinea la Turco. E si comincia a lavorare da subito. L'8 febbraio il ministro incontrera' gli assessori regionali alla Sanita' per verificare i tempi di utilizzo delle risorse non ancora spese, ma anche per definire un progetto condiviso di rete ospedaliera e stimare il fabbisogno finanziario.

Entro il 31 gennaio, ricorda la Turco, le Regioni dovranno presentare i programmi per la realizzazione degli spazi per la libera professione in esclusiva con il Ssn, usufruendo dei finanziamenti non ancora utilizzati, pari a 327,847 milioni di euro. Gli spazi 'ad hoc' nelle strutture pubbliche dovranno essere realizzati entro il 31 luglio, quando scadra' la proroga della cosiddetta 'intramoenia allargata', effettuata cioe' negli studi privati. La Turco conferma l'intenzione di non concedere ''un'ulteriore proroga, ma di voler trovare una soluzione condivisa con le categorie interessate, per salvaguardare il diritto alla libera professione intramoenia come opportunita' per i medici, ma anche a garanzia di una maggiore offerta di prestazioni da parte del servizio pubblico ai cittadini''.

''In occasione della proroga di un anno per esercitare l'intramoenia allargata, prevista dal d.l.223/2006 - ha continuato Turco - e' stato stabilito anche che il monte quantitativo di prestazioni sanitarie, erogate in regime di libera professione intramoenia, non possa superare quello relativo all'attivita' ordinaria''. Turco ha fatto sapere comunque di essere ''contraria ad un'altra proroga nel prossimo mese di luglio, preferendo invece una soluzione condivisa con i sindacati e le organizzazioni di categoria''.

Confermata anche l'intenzione di ''ripristinare l'esclusivita' di rapporto con il Ssn, legata alla durata dell'incarico, per i dirigentidi struttura complessa, ex primari e attuali capi dipartimento. Potranno svolgere la libera professione solo nelle strutture pubblichein cui lavorano''.

Il ministro ha ribadito che due sono i punti su cui intervenire subito, e cioe' ''l'informazione ai cittadini sui loro diritti, generalizzando anche lo strumento del Cup, e la garanzia di tempi certi per le patologie piu' gravi''.

Turco ha ricordato l'aumento in Finanziaria da 17 a 20 miliardi di euro degli stanziamenti previsti per il programma pluriennale di edilizia e ammodernamento del sistema sanitario. ''Per la prima volta la sanita' e' stata riconosciuta come volano di sviluppo economico del Paese in un programma di Governo - ha concluso - In tal senso va la decisione di inserire il comparto sanitario nell'ambito dei settori interessati al quadro strategico nazionale 2007-2013, che avra' a disposizione 123 miliardi di euro, e potra' contare per la prima volta congiuntamente su risorse sia dei Fondi strutturali,che del Fondo aree sottoutilizzate''.

Il ministro ha indicato nell'oncologia e in alcuni interventi di chirurgia cardio-vascolare i settori di maggiore criticita' da affrontare anche in ambito di Patto per la salute e attraverso una ''cooperazione permanente tra Stato e Regioni''. In questo senso, ha annunciato il ministro, si passera' dal Piano nazionale alla formulazione di diversi Piani regionali perche' un tema cosi' complesso, ha detto la Turco, ''si governa solo con un forte coinvolgimento delle Regioni''.

Pertanto ulla vetusta' del patrimonio ospedaliero ill Governo si impegna “ad accelerare i lavori di ristrutturazione gia' in corso e presentare nuovi progetti di ammordernamento. Bisogna definire una progettualita' condivisa per costruire un sistema unitario, una rete di ospedali con uniformita' di funzionamento''.

Infine "entro marzo - i primi giorni di aprile - consegnero' al Parlamento un ddl su omogenita', qualita', quantita', e qualita' esicurezza", ha annunciato e ribadito la Turco.

E sull’ultimo caso di malasanità avvenuto a Sora con la morte di una bambina di tre anni, è intervenuto il Presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo. Oltre ad unirsi al dolore dei familiari, Marrazzo ha subito preso contatto con l'assessorato alla Sanita' e con la direzione generale dell'Ospedale per predisporre tutte le misure adeguate per fare subito chiarezza sull'episodio. E l'assessore regionale alla sanita' Augusto Battaglia rassicura la famiglia della bambina deceduta: “tutto sara' fatto per appurare quanto accaduto nelle ore precedenti il decesso''. L’assessore informa inoltre d'aver ''chiesto alle direzioni generale dell'Ospedale di Frosinone, a quella dell'Ares 118 e dell'ospedale San Camillo di Roma, relazioni dettagliate su quanto accaduto e i referti medici stilati dalle tre strutture per verificare se ci sono state negligenze''. ''Qualora riscontrassimo responsabilita' - sottolinea l'assessore -, come gia' accaduto in passato, verranno assunti tutti i provvedimenti conseguenti''.

 (gs/23.01.07)

 

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top