Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 860 - giovedì 25 gennaio 2007

Sommario
- Nuovi vertici dell’ ASSR: Ancona Direttore
- Errani: parte lavoro su federalismo fiscale
- Federalismo fiscale: Conferenza Regioni avvia esame approfondito
- Governo-Regioni-enti locali: un patto per lo spettacolo
- Rodano: a cinema serve apporto e ruolo Regioni
- Nuovi vertici dell’ ASSR: Ancona Direttore
- CONFERENZA REGIONI 25.01.07 DOC - Cinema: Regioni su riforma

+T -T
Federalismo fiscale: Conferenza Regioni avvia esame approfondito

(regioni.it) Il Ministro per gli Affari Regionali, Linda Lanzillotta, conta di definire il ddl sul federalismo fiscale ''nelle prossime settimane''. Lo ha detto oggi intervenendo ad un convegno organizzato dall'Anci sulla riforma dei servizi pubblici locali, precisando che ''con il ministro Padoa-Schioppa ci stiamo lavorando''. Per definire il ddl sul federalismo fiscale il ministro - ha  precisato - seguira' lo stesso metodo seguito per il codice delle autonomie e cioe' una concertazione stretta con gli enti locali. ''Il federalismo fiscale - ha detto Lanzillotta - e' il completamento dei diversi tasselli di attuazione del titolo V. Con il codice delle autonomie abbiamo definito le funzioni, con il federalismo fiscale definiamo quali imposte finanziano quelle funzioni''.

Nel frattempo però si è avviato un esame approfondito del tema da poarte della Conferenza dlele Regioni che si è riunita oggi (25 gennaio) a Roma.

''Parte un lavoro importante. Con il governo abbiamo raggiunto l'intesa che la questione del federalismo fiscale sia affrontata nel 2007 per poter partire nel 2008''. E' quanto ha affermato il presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Vasco Errani, al termine della riunione dellastessa conferenza svoltasi oggi e durante la quale si e' discussa la proposta sul federalismo fiscale messa a punto dal ministero dell'Economia.

“E' una questione essenziale per il governo della Repubblica - ha detto Errani (cfr.anche file audio)- abbiamo gia' i riferimenti fondamentali che ispirano l'azione delle Regioni in merito all'applicazione del federalismo  fiscale. Mercoledi' prossimo (31 gennaio,.ndr) faremo una conferenza straordinaria dedicata ad un approfondimento del tema, poi andremo ad un confronto serrato con il governo per raggiungere, auspichiamo- un'intesa sulla delega del federalismo per poter avviare questo discorso gia' con la Finanziaria 2008''.

La Conferenza delle Regioni ''non è entrata nel merito della bozza Giarda ma ha avviato un confronto metodologico e ha deciso di dedicare la giornata di mercoledì prossimo (31 gennaio, ndr) al tema partendo dalla bozza stesa e dai principi che abbiamo enunciato in almeno tre occasioni: l'espressione del parere sul Dpef del 2007, l'incontro di Ravello e quello di Santa Trada''. Cosi' e' intervenuto il coordinatore degli assessori regionali al Bilancio, e assessore in Lombardia, Romano Colozzi, sulla prima bozza riguardante il federalismo fiscale proposta dal Governo.
“Vedremo mercoledì - ha proseguito l'assessore - cosa deciderà la Conferenza: le opzioni sono due ovvero lavorare per proporre le modifiche alla bozza Giarda o predisporre un documento alternativo”.

La bozza Giarda sul federalismo fiscale ''e' molto generica e aperta a tutte le soluzioni: noi Presidenti delle Regioni ne parleremo mercoledi' prossimo sulla base di una serie di principi gia' definiti che consideriamo un punto di partenza''. Lo ha detto il presidente della Regione Piemonte, Mercedes Bresso. 'E' importante - ha aggiunto Bresso - che per determinate funzioni come la sanita' si chiarisca la capienza delle fonti fiscali che ci verranno attribuite per svolgerle. In altri casi, come per l'istruzione, non si puo' ancora definire, oggi, quale e' la necessita' finanziaria. Chiediamo che la fonte finanziaria che ci viene attribuita sia sufficientemente capiente e flessibile da consentirci di svolgere le funzioni preposte''.

“Se sarà un percorso facile o meno lo si vedrà fra non molto, intanto la strada che dovrebbe portare al federalismo fiscale ha conosciuto oggi un momento molto importante in sede di Conferenza delle Regioni e questo grazie al confronto che si è avuto attorno al documento approntato dal gruppo di lavoro coordinato dal prof. Pietro Giarda”. Lo afferma il presidente della Regione Veneto, Giancarlo Galan. ''Posso dire che per quanto riguarda la Regione del Veneto, la proposta Giarda si presenta con un impianto generale che merita attenzione e dunque i necessari approfondimenti. In prima battuta penso si possa dire che, pur restando evidente la volonta' di mantenere alto il livello di solidarieta' tra le Regioni, si comincia a sostenere finalmente il valore del merito e questo a vantaggio delle Regioni piu' virtuose - sottolinea Galan -.Si ricordera' infatti quanto dichiarato da noi pochi giorni fa: solidali si, fessi no. Altrimenti lo dovremmo chiamare federalismo assistenziale e non federalismo fiscale, che e' quanto il Veneto chiede da anni.”

''Ho serie perplessità perché la.proposta del governo si allontana un po' da quella che era l'idea condivisa da tutte le regioni e in cui avevamo fissato criteri e parametri. Oggi ho la netta sensazione che, purtroppo, si ricomincia daccapo, dalla parte sbagliata ossia dall'idea di un'Italia divisa in due tra regioni più forti e meno e forti, tra nord e sud''. E' quanto ha affermato il presidente della regione Molise, Michele Iorio, al termine della Conferenza delle regioni e delle province autonome. Iorio ha sottolineato ''l'esigenza irrinunciabile di una corretta interpretazione dell'art. 119 della Costituzione cioè una corretta procedura che individui il finanziamento dei servizi trasferiti alle regioni in maniera adeguata” e “nell’ambito di un concetto di solidarietà e responsabilità che deve esserci tra stato e regioni”.

''Nella bozza che il governo ci ha presentato c'è una tripartizione di livelli che non convince me e le altre regioni meridionali perché considera i livelli essenziali di assistenza solo riguardo alla Sanita' mentre noi abbiamo anche altri problemi e funzioni che devono essere finanziate”. E' quanto ha affermato il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero. “Ora però -ha sottolineato Loiero- abbiamo cambiato il metodo e tutti i presidenti si vedranno mercoledì prossimo (31 gennaio, ndr) in modo che ci sia una continuità con i lavori di Ravello e Santa Trada''. ''Abbiamo chiesto che ci si potesse vedere in una sessione speciale proprio per non disperdere il lavoro del passato”.

Per ulteriori approfondimenti:

20/07/2005 Conferenza Regioni e Province autonome: Ordine del Giorno - 20, 21 luglio Riunione straordinaria, Villa san Giovanni
Integrazione Ordine del Giorno - ...
Doc. Approvato - ACCORDO IN MERITO ALL’APPLICAZIONE DEL d. Lgs. 56/2000...
Doc. Approvato - DPEF: documento per audizione Regioni in Parlamento (22 lu...
Doc. Approvato - Federalismo fiscale: il "Documento di Santa Trada" (21 lug...
Documentazione - Dossier Pareri e Normativa...
Documentazione - dossier di documentazione...

RAVELLO, 31 marzo - 1 aprile 2003: CONFERENZA PRESIDENTI REGIONI

(red/25.01.07)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top