Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 865 - giovedì 1 febbraio 2007

Sommario
- Bresso-De Filippo: più informazione regionale
- Turismo: Conferenza Regioni per sostegno al settore
- Sicurezza: radiokarika.it, un sito dei giovani sulla legalità
- Corte dei conti: coperture incerte per contratto regioni ed enti locali
- Veneto: bene autonomia fiscale
- CONFERENZA REGIONI 25.01.07 - DOC odg Codice Contratti Pubblici

+T -T
Corte dei conti: coperture incerte per contratto regioni ed enti locali

(regioni.it) Si è svolta il 1° febbraio a Roma, presso la sede della Corte dei conti, alla presenza del Presidente della Repubblica e delle più alte cariche istituzionali, la cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario 2007. Il Presidente della Corte dei conti Francesco Staderini ha svolto la relazione sull’attività della Corte dei conti nel 2006. Sono seguiti gli interventi del rappresentante del Consiglio nazionale forense Carlo Martuccelli e del Procuratore Generale della Corte dei conti Claudio De Rose.

1. Relazione del Presidente della Corte dei conti, Francesco Staderini

2. Tabelle allegate

3. Relazione del Procuratore Generale della Corte dei conti, dott. Claudio De Rose

4. Tabelle allegate - 1a. parte

5. Tabelle allegate - 2a. parte

6. Tabelle allegate - 3a. parte

Riformate le pensioni, combattete la corruzione e monitorate la spesa dei contratti del pubblico impiego o per il sistema sarà il collasso. Si articola lungo queste direttrici la relazione del presidente della Corte dei conti Francesco Staderini all'inaugurazione dell'anno giudiziario. Il sistema pensionistico ha detto, "rischia di non essere più sostenibile” e, in assenza di interventi, nel 2038 la spesa in rapporto al Pil potrebbe aumentare del 2%. Va quindi modificata la legge Dini, va aumentata l'età pensionabile magari anche dopo i 60 anni arrivandoci in modo graduale. Diversamente bisognerà rivedere i coefficienti in base ai quali vengono stimati gli importi delle pensioni. Questo perché la spesa pensionistica in Italia - ha spiegato la Corte dei Conti - e' superiore a quella media europea e l'età pensionabile e' tra le più basse.

L'allarme dei magistrati contabili e' andato poi anche in direzione del sistema Paese nel suo complesso che registra ancora troppi casi di corruzione, spesso connessi ad attività di verifica fiscale o di appalto di opere pubbliche o pubbliche forniture. Secondo l'attuale normativa “frammentata tra leggi speciali e contratti collettivi di lavoro" si consente – ha spiegato Staderini - ai condannati per reati contro l'amministrazione di "evitare le pene espulsive, mediante ricorsi fondati su errori formali delle amministrazioni stesse". La Corte ha anche rilevato che se fosse stato approvato, l'emendamento Fuda sulla modifica dell'attuale regime di prescrizione dei reati contabili "avrebbe comportato il mancato recupero di circa 900 milioni, cui aggiungere levalutazioni, interessi e spese di giustizia, e la vanificazione di migliaia di istruttorie". L'ammontare complessivo avrebbe

perciò potuto lievitare "fino a tre miliardi di euro". Per quello che riguarda i conti pubblici del Paese, la Corte ha infatti rilevato alcune "incerte coperture finanziarie che avrebbero potuto mettere a rischio la tenuta complessiva del sistema". La spesa per il personale della pubblica amministrazione - ha ricordato il magistrato -  è "tra quelle che incidono più fortemente sui bilanci pubblici" e per quello la Corte ha dovuto "certificare" le compatibilità dei costi.

Al vetriolo il commento di Bonanni (Cisl): rivedere i coefficienti come oggi ha chiesto anche la Corte dei conti? ''Staderini parla, ma in realtà la pensione dei magistrati e' al 100% della retribuzione e loro non vogliono rinunciarvi''.

Note dolenti anche sul fronte dei contratti: nel 2006 cinque contratti collettivi su 37 hanno avuto una certificazione negativa da parte della Corte dei Conti a causa di coperture finanziarie incerte. Si tratta dei contratti del servizio sanitario nazionale, del comparto delle istituzioni di formazione artistica e musicale, per il personale delle agenzie fiscali, degli enti pubblici non economici, delle regioni e autonomie locali e del personale dell'area dirigenti del comparto regioni e autonomie.

“Ci sono  state delle difficoltà per un certo numero di contratti che non hanno ottenuto la necessaria certificazione - ha spiegato Staderini - questo non impedisce la stipula dei contratti, ma obbliga a un riesame''. Le ragioni della certificazione non positiva sono riconducibili - secondo il presidente della Corte dei Conti – “a scarsa attendibilità delle quantificazioni, a determinazioni di basi di calcolo non in linea con gli incrementi retributivi stabiliti nel contratto precedente, a incerte coperture finanziarie che avrebbero potuto mettere a rischio la tenuta complessiva del sistema''.

(sm/01.02.07)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top