Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 880 - venerdì 23 febbraio 2007

Sommario3
- Turismo; Bit 2007: autostrade "lente", agriturismo "veloce"
- UE: Regioni su Comunitaria 2007 e Agenda territoriale
- 1° marzo: Conferenza delle Regioni
- Paolini: lavoro comune con Governo per promozione turistica
- Tommasi: rafforzare rete per educazione ambientale
- Sanità: riunione Ministero-Regioni su sicurezza trapianti

+T -T
Turismo; Bit 2007: autostrade "lente", agriturismo "veloce"

(regioni.it) Tornano a prendere il sopravvento le vacanze brevi. E così il mercato del turismo italiano, nel 2006, si chiude fra alti e bassi. E’ questa la conclusione del rapporto dell’Isnart (l’Istituto Nazionale ricerche turistiche) presentato al Bit di Milano.

Se nel primo semestre – afferma l’Isnart - il consuntivo porta infatti a un pareggio con l’anno precedente, si è potuto peraltro riscontrare un incremento specialmente nei mesi di aprile e giugno. In tutto sono state oltre 121 milioni le vacanze effettuate nell’arco del 2006, con una quota di ben l’84% in Italia. La ripresa dei consumi all’interno dei confini nazionali si è dunque fatta sentire anche nel comparto turismo. Pur se, complessivamente, la spesa totale per le vacanze degli italiani (in Italia ed all’estero) si è fermata a 44,5 miliardi di euro, contro i 46,8 del 2005. A beneficiare di più dei proventi dei turisti è la provincia di Roma, che è salita in vetta alla classifica delle località più “gettonate” d’Italia con 1.975.000 vacanze pari al 5,6% del totale nei dodici mesi gennaio-dicembre 2006. Al secondo posto Rimini (era prima nel 2005), al terzo la provincia di Trento, al quarto Venezia.

Buone notizie arrivano dal fronte estero, che segna un saldo positivo. Si riduce soprattutto la quota di operatori che dichiarano un calo sul mercato tedesco (passando da –10,7% del 2005 a –3,4% nel 2006), mentre il segno più caratterizza i mercati inglese (+2,5%), francese (+2,3%) e statunitense (+2,3%). Molto buono si dimostra inoltre il giudizio medio sulla vacanza in Italia espresso dai turisti stranieri, che apprezzano soprattutto la qualità della nostra enogastronomia, seguita dalla cortesia e dal livello di ospitalità della gente e dalla pulizia degli alloggi.

Un duro atto d’accusa proviene da Confturismo per il “ritardo infrastrutturale” del nostro Paese, vera palla al piede per il turismo italiano. Dagli anni '70 ad oggi la rete autostradale in Italia e' cresciuta del 67% contro il 230% di quella europea. E' uno dei dati piu' significativi che escono dal rapporto di Confturismo sulle infrastrutture per il sistema turistico eseguito  sempre dall'Isnart e presentato oggi alla Bit, la fiera del turismo a Milano. "Dalla fine degli anni '90 - si legge - la rete autostradale italiana e' cresciuta dell'1,5%, poco meno di 100 chilometri, mentre in Spagna, nello stesso periodo, del 47,4%, ossia di oltre 3.000 chilometri". In Italia poi la rete autostradale e' pari a 6.542 chilometri, in Francia a 8.233 chilometri e in Spagna 9.804 chilometri.

"Il confronto diretto - scrive Confturismo - ci vede dietro la Francia e la Spagna non solo purtroppo in quantita' infrastrutturale. Infatti, i servizi presenti sulla rete autostradale ad esempio le aree di sosta e di servizio ci vedono dietro la Francia, nonostante la maggiore frequentazione turistica delle autostrade in Italia. Un ulteriore disomogeneita' e' data dalla ripartizione dei servizi nelle regioni italiane, con uno sbilanciamento netto a favore delle aree del nord Italia ed una carenza rilevata in quelle del sud, proprio cioe' dove la frequentazione turistica delle autostrade e' maggiormente rilevante."

Ma anche i trasporti su rotaia sono rimasti indietro."In Italia dagli anni '60 la rete ferroviaria e' diminuita per la dismissione di tratte nonostante un incremento relativo del numero dei viaggiatori. La rete ferroviaria francese a confronto risulta doppiare quella italiana, non solo per estensione ma anche per il maggior sviluppo tecnologico legato all'Alta Velocita'. Per una tratta di circa 500 km in Francia ed in Italia, da noi si impiega 3 volte tanto anche in alta

velocita'.

Ma se la “l’incremento autostradale” italiano lascia a desiderare, qualche segnale di speranza arriva dal tasso di crescita dell’agriturismo. Dopo un 2005 all'insegna di una preoccupante flessione, si e' avuto un 2006 (+10%) di ripresa che ha trovato conferma anche nelle prime settimane di quest'anno. Aspetto questo che ha avuto un importante suggello proprio dalla Bit di Milano (la Borsa internazionale del turismo), la quale ha riaffermato il grande interesse per le vacanze in campagna nel nostro Paese. A sottolinearlo e' Turismo Verde, l'associazione agrituristica della Cia-Confederazione italiana agricoltori, che ha evidenziato la positiva inversione di tendenza oggi in atto nel settore.

“Una performance -evidenzia Turismo Verde- ottenuta grazie anche al rinnovato interesse dei flussi stranieri che, viste le previsioni per la prossima primavera ed estate, che dovrebbero essere caratterizzate da un forte aumento di turisti non solo europei, ma anche e soprattutto cinesi e statunitensi, sono destinati a crescere ulteriormente".

“Il successo dell'agriturismo alla Bit di Milano -rimarca Turismo Verde- e' stato confermato dai tanti i visitatori attratti dalla ricchezza e dalla varieta' dell'offerta delle aziende agrituristiche, ognuna delle quali, nel rispetto delle diverse leggi regionali e delle proprie peculiarita', fornisce all'ospite un ampio ventaglio di servizi che ne costituiscono il punto di forza. Anche Turismo Verde e' presente alla Bit 2007, nella nuova sede di Rho, negli stand delle diverse regioni, con ghiotte degustazioni delle prelibatezze che solo negli agriturismi e' possibile trovare; comode guide e cartine turistiche indicano il percorso da seguire per raggiungere la meta per le vacanze in campagna".

Dalle Agenzie di stampa:

ADN KRONOS - BIT 2007: RANUCCI, STAND REGIONE LAZIO RIUTILIZZATO A 'GLOBE 2007'

ADN KRONOS - BIT 2007: CUFFARO, A BREVE CONFERENZA REGIONALE SICILIANA SUL TURISMO

ADN KRONOS BIT 2007: LA GITA SCOLASTICA TORNA PROTAGONISTA

ANSA - BIT: LIGURIA, NUOVA TRATTA AEREA GENOVA-PARIGI

AGI - BIT: NEL 2006 PER IL LAZIO RISULTATI MIGLIORI CHE NEL GIUBILEO

ANSA - TURISMO: PAOLINI, RISULTATO BIT-LAB PREMIA ABRUZZO GENUINO

AGI - BIT: LA SICILIA PRIMA NEL SUD ITALIA PER PRESENZE TURISTICHE

ANSA - TURISMO: DI LELLO, PRONTI A SOSTENERE ANCHE 'CAPRI 2'

ADN KRONOS - LOMBARDIA: FORMIGONI GUIDERA' UNA MISSIONE A DAMASCO

ASCA - PUGLIA: 27 MLN EURO PER PROMOZIONE TURISTICA =

ANSA TURISMO: BIT; MARRAZZO, LAZIO GIARDINO DEL MEDITERRANEO/ANSA

ASCA - PUGLIA: OSTILLIO, 18.000 POSTI BARCA IN 3 ANNI CON 80 MLN

ANSA - TURISMO: BIT;LA LIGURIA GUARDA A SLOW FISH PER RILANCIO/ANSA

ASCA - BIT/SICILIA: CUFFARO, A BREVE CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO

ANSA - TURISMO: BIT; AGOSTINI, FASCINO DISCRETO E' MUST MARCHE

ANSA - TURISMO: BIT; NASCE LA PRIMA 'MOVIE MAP' DELLA CAMPANIA

ADN KRONOS - BIT 2007: ILLY, PROMOZIONE FRIULI VENEZIA GIULIA HA GIA' DATO FRUTTI POSITIVI =-OFFERTA RIVOLTA ANCHE A NUOVI PAESI EUROPA CENTRO-ORIENTALE

ADNO KRONOS - TURISMO: CAMPANIA, REGIONE ALLA BIT CON 'FAIR PLAY 2007'

ADN KRONOS - BIT 2007: EMILIA ROMAGNA, '14ESIMA STRADA VINI E SAPORI' E 'CASA ARTUSI' = PRESENTATI DA ASSESSORATI TURISMO E AGRICOLTURA

ADN KRONOS - BIT 2007: ILLY, PROMOZIONE FRIULI VENEZIA GIULIA HA GIA' DATO FRUTTI POSITIVI (2

AGI - BIT: SICILIA LANCIA PIANO TURISMO SCOLASTICO INTERNAZIONALE

I Comunicati stampa delle Regioni pubblicati su www.regioni.it:

REGIONE SICILIANA - TURISMO: LA SICILIA DEBUTTA ALLA BIT DI MILANO

REGIONE TOSCANA www.turismo.intoscana.it, scoprire la Toscana con un clic

REGIONE VENETO -ALLA BIT IL TRENTINO “PROMUOVE” IL VENETO - ZAIA

REGIONE LOMBARDIA - BIT, TUTTE LE PROVINCE NELLO STAND DELLA REGIONE

REGIONE TOSCANA - La Toscana 'Miglior regione italiana' secondo il pubblico

REGIONE VALLE D’AOSTA - LA VALLE D’AOSTA ALLA BORSA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

REGIONE CALABRIA- Il progetto “Sul luogo del relitto” diventa evento clou della Bit 2007

REGIONE PUGLIA - BIT MILANO: VENDOLA PRESENTA LA PUGLIA TURISTICA “SOSTENIBILE”

REGIONE TOSCANA - Un 2006 in crescita: oltre 40 milioni di turisti, quasi +6% di presenze

REGIONE LOMBARDIA- BIT 2007, PROSPERINI: STAND CON TUTTE LE PROVINCE

(sm/23.02.07)

+T -T
UE: Regioni su Comunitaria 2007 e Agenda territoriale

(regioni.it)) La Conferenza delle Regioni ha espresso un parere favorevole al disegno di legge comunitaria 2007 nella riunione della Conferenza Stato-Regioni del 22 febbraio (cfr. regioni.it n.879).

Il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani ha espresso soddisfazione per il lavoro svolto e per gli esiti del confronto con il Governo. “Abbiamo ribadito – ha spiegato Errani – la necessità del massimo raccordo possibile con il Governo nella fase di attuazione e recepimento delle normative comunitarie. Solo in questo modo sarà possibile adeguare rapidamente l’ordinamento italiano a quello comunitario. Un obiettivo che si può perseguire con maggiore efficacia proprio avvalendosi del contributo delle Regioni nelle materie di loro competenza. La fase di recepimento non può prescindere, infatti, da un’attenta e condivisa partecipazione alla fase di formazione della normativa comunitaria”.

“Ci sono temi sui quali – ha dichiarato Mercedes Bresso, Coordinatrice della Commissione Affari comunitari e internazionali per la stessa Conferenza delle Regioni (Presidente Regione Piemonte) - la posizione italiana non può prescindere dal decisivo contributo che i governi del territorio possono offrire. Ed un esempio è fornito proprio da un altro documento che ieri la Conferenza delle Regioni ha consegnato al Governo e che è relativo all’Agenda territoriale dell’Unione europea, il documento strategico che i Ministri della UE approveranno a Lipsia il prossimo mese di maggio. L’Agenda – ha aggiunto Mercedes Bresso - costituirà l’orientamento strategico per le politiche di sviluppo territoriale e le nuove forme di governance, in un contesto di equilibrio tra aree urbane e aree rurali e in un’ottica di sviluppo ecologicamente sostenibile”.

Il parere della Conferenza delle Regioni sul ddl comunitaria 2007 e il documento, approvato dalla Conferenza delle Regioni, sull’Agenda territoriale UE sono stati pubblicati nella sezione “conferenze” del sito www.regioni.it .

I link:

http://www.regioni.it/mhonarc/details_confpres.aspx?id=120767

http://www.regioni.it/mhonarc/details_confpres.aspx?id=120764

(red/23.02.07)

+T -T
1° marzo: Conferenza delle Regioni

(regioni.it) La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome è stata convocata per giovedì 1 marzo 2007 alle ore 10.00 presso la Segreteria della Conferenza - Via Parigi, 11 – Roma.

Ordine del giorno:

ü       Eventuale esame questioni all'o.d.g. della Conferenza Unificata;

ü       Eventuale esame questioni all'o.d.g. della Conferenza Stato - Regioni;

ü       COMMISSIONE BENI CULTURALI – Regione Basilicata - Protocollo d’intesa tra il Ministero per i Beni e le Attività culturali, il Ministero della Pubblica Istruzione e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per l’adesione di 800 biblioteche scolastiche al Servizio Bibliotecario Nazionale – Punto all’esame della Commissione nella riunione del 28 febbraio 2007;

ü       Attuazione nelle Regioni delle disposizioni contenute nell’art 6 quater dell’ AC n. 2114-B  -conversione in legge, con modificazioni, del DL 28 dicembre 2006 n. 300-   relativo alla partecipazione al costo delle prestazioni;

ü       Documento sulle “Politiche Migratorie” - All’esame congiunto delle Commissioni Politiche sociali e Affari Comunitari e internazionali per la materia Flussi migratori nella riunione del 28 febbraio 2007;

ü       Varie ed eventuali.

(red/23.02.07)

+T -T
Paolini: lavoro comune con Governo per promozione turistica

(regioni.it)- ''E' solo l'inizio di un percorso che le regioni e il governo avvieranno nel campo della promozione turistica''. Lo ha detto Enrico Paolini, coordinatore nazionale degli assessori regionali al Turismo, parlando alla presentazione del portale internet Italia.it, alla quale ha preso parte il vicepremier con delega al Turismo, Francesco Rutelli.

“Per la prima volta il brand delle singoli regioni viaggia insieme con quello dell'Italia - ha aggiunto Paolini - ed è questo gia' un grande risultato. Ora ci troviamo solo all'inizio di un percorso comune e nel prossimo anno le regioni riempiranno di contenuti le singole sezioni del portale''.

“L'avvio del nuovo portale Italia.it - ha proseguito il  coordinatore degli assessori al turismo come riferisce una nota della Regione Abruzzo - conferma lo spirito di squadra che caratterizza l'azione delle regioni italiane e il governo che mai come in questa occasione si sono trovati uniti in un obiettivo comune''.

Paolini ha spiegato che le regioni italiane hanno gia' nelle proprie competenze di cassa oltre 21 milioni di euro per l'elaborazione dei contenuti del portale ed ''hanno gia' elaborato una serie di iniziative tese a realizzare al piu' presto tali contenuti''.

(red/23.02.07)

+T -T
Tommasi: rafforzare rete per educazione ambientale

(regioni.it) Gli assessori regionali all'Ambiente – si legge in un comunicato stampa della Regione Calabria - appoggiano il rafforzamento della rete per l'educazione ambientale "Infea" che, in questi anni, si è sorretta proprio grazie all'impegno finanziario e organizzativo degli Enti. La posizione è stata espressa dall'assessore calabrese Diego Tommasi, coordinatore della "Commissione ambiente e protezione civile" per la Conferenza delle Regioni, durante la riunione con il ministro Linda Lanzillotta. Infatti, la legge finanziaria 2007, grazie al fondo di 25 milioni di euro per lo sviluppo sostenibile, permette anche allo Stato di tornare a contribuire al funzionamento periferico del "Sistema nazionale informazione, formazione ed educazione ambientale" (Infea). Esso si era sviluppato sulla base di un accordo programmatico del novembre 2000, tra Stato e Regioni. Adesso, il ministro dell'ambiente Alfonso Pecoraro Scanio ha comunicato alle Regioni la volontà di riaffermare la stretta collaborazione interistituzionale. Una posizione condivisa dall'assessore Diego Tommasi perché "l'educazione all'ambiente e allo sviluppo sostenibile è una strategia e, al tempo stesso, uno strumento operativo elaborato per facilitare il cambiamento attraverso la conoscenza, la consapevolezza, la capacità di azioni responsabili, per sviluppare e mantenere la capacità e la disponibilità ad un continuo apprendimento".

"Questo è il lavoro a cui si sono dedicati gli assessorati regionali all'ambiente e l'imparare e l'educare - ha aggiunto Tommasi - costituiscono una dimensione costante da coltivare durante l'intero arco della vita".  A livello internazionale il dibattito su questi temi è ampio e vivace, come viene confermato da diversi documenti, programmi e strategie. L'Onu ha proclamato il  Decennio per l'educazione allo sviluppo sostenibile: “Dess”. Considerata l'importanza del Dess, ed inoltre vista la forte interazione con la Strategia Unece (United Nations Economic Commission for Europe)  le Regioni s'impegnano non solo a creare strette e sinergiche relazioni con il Comitato nazionale Unesco, che coordina in Italia il Decennio, ma a favorire la penetrazioni delle iniziative e delle proposte attraverso le Reti regionali Infea, che, capillarmente, raggiungono molteplici ambiti del territorio nazionale. Attualmente tutte le regione hanno un sistema per l'educazione ambientale, ognuno caratterizzato da specifiche situazioni legate ai contesti territoriali. "L'incontro che abbiamo avuto va nella direzione di un forte rilancio del sistema Infea, che le Regioni e le Province Autonome accolgono con favore. Per questo - ha concluso il coordinatore della "Conferenza ambiente e protezione civile delle Regioni", Diego Tommasi - siamo pienamente disponibili a concertare assieme al Governo un nuovo protocollo di programmazione che rilanci la rete dell'Infea".

(red/23.02.07)

+T -T
Sanità: riunione Ministero-Regioni su sicurezza trapianti

(regioni.it) “A seguito della ritardata segnalazione da parte della “Banca dei segmenti vascolari e delle valvole cardiache” di Pisa, della sieropositività all’HIV dei tessuti prelevati dalla donatrice precedentemente deceduta presso l’ospedale di Careggi e i cui organi erano stati già trapiantati, il Ministro della Salute, d’intesa con l’Assessorato regionale alla Sanità e con il Centro nazionale trapianti, ha ordinato la sospensione delle attività del centro di Pisa” è quanto si legge in un comunicato stampa del Ministero della Salute.

“Il Ministro della Salute e l’Assessore regionale alla Sanità, pur esprimendo preoccupazione, ritengono che gli episodi avvenuti non costituiscano una smentita della tenuta complessiva dell’attività di qualità della rete regionale dei trapianti.

Per questo, allo scopo di rassicurare i cittadini e di rafforzare l’attività dell’Organizzazione Toscana Trapianti, il Ministero della Salute, il Centro nazionale trapianti e la Regione Toscana hanno convenuto sull’opportunità di effettuare una verifica complessiva dell’OTT, avvalendosi anche di esperti nazionali e internazionali. La verifica consentirà di confrontare l’esperienza regionale con le migliori esperienze estere, sia per quanto riguarda i protocolli e gli standard di sicurezza che per il complesso delle attività correlate alla donazione, all’espianto e al trapianto di organi e tessuti.

Per la prossima settimana – si legge, infine, nel comunicato -  il Ministro Livia Turco ha convocato a Roma una riunione con tutte le Regioni e il Centro nazionale trapianti per la verifica dei sistemi di sicurezza e in generale della funzionalità della rete nazionale trapianti, ai fini dell’adozione di eventuali nuove misure a ulteriore maggiore garanzia della sicurezza dei pazienti e per l’ulteriore sviluppo delle attività di donazione e trapianto in Italia”.

(red/23.02.07)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top