Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 894 - lunedì 19 marzo 2007

Sommario3
- Il 22 Conferenza delle Regioni in sessione comunitaria
- CONFERENZA REGIONI 15.03.07 - DOC AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO SANZIONAMENTO INFRAZIONI AL REGOLAMENTO 1/2005
- Marche-Brasile: progetti di cooperazione
- Lombardia e federalismo
- CONFERENZA REGIONI 15.03.07 - DOC AMBIENTE; DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152
- Lombardia: Bresciani nuovo assessore alla sanità

+T -T
Il 22 Conferenza delle Regioni in sessione comunitaria

(regioni.it) Sessione comunitaria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per giovedì 22 marzo 2007 (ore 13.00 - Via Parigi, 11 – Roma).

In occasione della sessione plenaria del Comitato delle Regioni, che si terrà a Roma i prossimi 22 e 23 marzo, è convocata la Conferenza delle Regioni (in sessione comunitaria) per giovedì 22 marzo 2007 con il seguente ordine del giorno:

- discussione sul ruolo delle Regioni italiane nell’Unione europea e sul contributo che esse possono portare al processo di integrazione europea.

Alla Conferenza parteciperanno il Presidente del Comitato delle Regioni, Michel Delebarre, e il Capo della Delegazione italiana al Comitato delle Regioni, Paolo Fontanelli.

Inoltre, la riunione della delegazione italiana al Comitato delle Regioni si terrà, per l’occasione, il giorno 22 marzo alle ore 11, presso la sede della Conferenza delle Regioni, con la partecipazione dell’Ambasciatore Cangelosi, Rappresentante permanente d’Italia presso l’Unione Europea.

http://europa.eu/institutions/consultative/cor/index_it.htm

Il Comitato delle regioni

(red/19.03.07)

+T -T
CONFERENZA REGIONI 15.03.07 - DOC AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO SANZIONAMENTO INFRAZIONI AL REGOLAMENTO 1/2005

 

(regioni.it) PARERE DELLE REGIONI E DELLE

PROVINCE AUTONOME IN MERITO AL DECRETO LEGISLATIVO PER IL SANZIONAMENTO DELLE INFRAZIONI AL REGOLAMENTO 1/2005, COME RIFORMULATE IN SEDE TECNICA E RITENUTE ACCOGLIBILI DAI RAPPRESENTANTI DELLE AMMINISTRAZIONI CENTRALI INTERESSATE

 

 

Punto 2) Elenco A - Odg. Conferenza Stato-Regioni

 

 

La Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome esprime parere favorevole condizionato all’accoglimento delle seguenti proposte emendative, già formulate nella sede tecnica del 20 febbraio 2007.

 

 

Articolo 1

 

comma 3

  • sostituire il primo periodo come segue: ai fini dell’applicazioine delle duisposizioini di cui all’art. 4, il conducente o il guardiano degli animali di cui all’art. 6 comma 5 del regolamento, deve acquisire entro il 5 gennaio 2008 il certificato di idoneità al trasporto.

comma 4

  • sostituire come segue: Il certificato di idoneità di cui al comma 3 ha durata decennale ed è rilasciato all’esito di un corso di formazione. I corsi di formazione sono realizzati da… interessati. (cassare ultima frase)

 

Articolo 2

 

comma 1

  • sostituire come segue: Le autorità competenti ai sensi dell’art. 2, lettera f), del regolamento sono il Ministero della salute e le Regioni e Province autonome, negli ambiti di rispettiva competenza.

 

Articolo 3

 

comma 2

  • prima riga eliminare “del trasportatore”

 

 

Articolo 5

 

comma 2, lettera c)

  • Dopo le parole “non conforme al” sostituire come segue: “modello previsto dall’allegato II del regolamento”. Riga 3: eliminare “o mancante…trasferimento”.

 

comma 2, lettera d

  • dopo il punto 4 aggiungere il “5) durata prevista del viaggio”

 

Articolo 7

 

comma 2, lettera a

  • eliminare “gravemente malati o feriti o comunque” e aggiungere alle parole allegato I, capo I, le seguenti “punti 1 e 2”

 

comma 4, lettera d

  • eliminare le parole “nonché l’impossibilità da parte degli animali di accedervi direttamente” e “punti 1.1” (lasciare solo punto 1.5 e capo VI, punto 1.2 del regolamento)                                                                 

 

comma 4 aggiungere lettera e)

  • l’impossibilità di accedere agli animali per l’ispezione e la cura in violazione delle disposizioni di cui all’Allegato 1, capo II punto 1.1I

 

comma 7

  • Sostituire “trasportatore” con “trasgressore” per il pagamento delle sanzioni pecuniarie di cui……….

 

Articolo 8

 

  • Sostituire integralmente l’articolo come segue:

 

  1. Il trasportatore che, con lo stesso mezzo di trasporto, commette due o più violazioni nel periodo di tre anni di cui all’articolo 5, articolo 7, comma 2, lettere d), g), h), l), m), articolo 7, comma 4, lettere a) e b), è disposta la sospensione del certificato di omologazione per un periodo da uno a quattro mesi.
  2. Il trasportatore che commette nel periodo di tre anni cinque violazioni previste dagli articoli 3, 4, 5, 6, e 7 del presente decreto è soggetto alla revoca dell’autorizzazione al trasporto. In tal caso, il trasportatore non può conseguire altra autorizzazione prima di sei mesi.
  1. In caso di accertamento delle violazioni di cui all’art. 7, comma 6 è sempre disposta la sospensione dell’autorizzazione del trasportatore per un periodo da 15 giorni a 2 mesi. In caso di reiterazione, il trasportatore è soggetto a revoca della stessa.
  2. attuale art. 8, comma 14
  3. attuale art. 8, comma 16

 

  • Inserire i seguenti articoli:

Articolo 8 bis

Violazioni commesse da trasportatori di altri Stati membri

 

Inserire in questo articolo le seguenti disposizioni del testo approvato dal Consiglio dei Ministri:

  1. Se le violazioni indicate nel presente decreto sono commesse da trasportatori di altro Stato membro, il Ministero della salute può adottare, una volta esaurite tutte le possibili azioni in materia di assistenza reciproca e scambio di informazioni ai sensi dell’art. 24 del regolamento, un provvedimento di interdizione ad effettuare trasporto di animali sul territorio nazionale per un periodo da 1 a 4 mesi.
  2. attuale art. 8, comma 13, sostituendo comma 12 con comma precedente.

 

Articolo 9

comma 3

  • terza riga : togliere la parola “il destinatario”

 

comma 4

  • eliminare riferimento al comma 4
  • eliminare l’ultimo periodo (“le spese … al loro adempimento”).

 

Articolo 10

comma 1

  • seconda riga: dopo la parola “detentori”, aggiungere “guardiani e conducenti”

 

Articolo 11

comma 1

  • quarta riga, cassare le parole “al verbale di accertamento conforme” .
  • Eliminare da “o se previsto” fino alla fine del comma.

 

comma 2

  • sostituire con il seguente: Salvo quanto disposto dal comma 3, le Regioni e Province autonome sono l’autorità competente all’irrogazione delle sanzioni amministrative.

 

comma 3

  • eliminare “o verso Paesi terzi” (VERIFICARE)

 

Articolo 13

 

comma 2

  • dopo AUSL inserire “rispettivamente competenti in ragione della sede operativa e della sede legale del trasportatore”
  • eliminare da “con decreto del Ministro” fino alla fine del comma

 

comma 3

  • aggiungere dopo “art. 14” le parole limitatamente all’“art 5 comma 2”

 

Allegato I

 

Aggiungere per gli operatori indicati: n. di telefono e mail

 

 

 

 

PROPOSTE EMENDATIVE DELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME SU CUI I RAPPRESENTANTI DELLE AMMINISTRAZIONI INTERESSATE HANNO FATTO RISERVA DI VERIFICA POLITICA

 

Art. 12

 

  • sostituire come segue

I proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni previste dal presente decreto sono devoluti alle amministrazioni dello Stato quando accertate dall’UVAC, ed alle Regioni e Province autonome nei restanti casi.

 

 

 

Roma, 15 marzo 2007

 

(red/19.03.07)

+T -T
Marche-Brasile: progetti di cooperazione

(regioni.it) Anche in Brasile ''le Marche mettono in campo la grande esperienza maturata in modelli distrettuali che si aprono all'esterno e seguono i processi di
imprese''. Lo ha detto il presidente Gian Mario Spacca, intervenendo a Roma al 'Tavolo Brasile' convocato dal ministro degli Esteri Massimo D'Alema, in preparazione alla visita che il premier Prodi fara' a fine mese in Sudamerica.

''Il nostro e' un contributo fattivo e molto concreto - ha esordito Spacca -: sono partiti tre progetti per un totale di 7 milioni e 270 mila dollari nei settori del mobile e della meccanica''.
 Nella sostanza, ha ricordato il governatore delle Marche, ''abbiamo favorito uno sviluppo ecosostenibile attraverso il processo di internazionalizzazione dei Centri servizi Cosmob e Meccano, che opereranno a sostegno delle micro e piccole imprese sui fattori imprenditorialita', organizzativo e formativo, con una forte attenzione alle esigenze del territorio''.
Un'operazione di imprenditoria dal basso, che consente di aumentare il reddito delle famiglie e la sicurezza sociale, con ricadute positive sul welfare.
I progetti (in collaborazione con Umbria, Toscana, Emilia Romagna e Liguria) riguardano le regioni di San Paolo (Meccano), Amazonas e Para' (Cosmob, entrambi per la filiera del mobile). I 7 milioni e 270 mila dollari sono di provenienza regionale (20%), della Banca Interamericana di Sviluppo-BID (40%), del Brasile, attraverso l'Agenzia nazionale per lo sviluppo Sebrae (40%). A supporto di queste iniziative sono stati stipulati protocolli di collaborazione tra la Regione Marche e gli Stati brasiliani interessati. Le Marche lavorano anche ad un altro progetto, che movimentera' 19 milioni di dollari a favore delle piccole e medie imprese dei settori del mobile, calzature, legno negli Stati del Minas Gerais e di Rio Grande do Sul.

(red/19.03.07)

+T -T
Lombardia e federalismo

(regioni.it) La Lombardia ha intenzione di chiedere le competenze allo Stato su più materie. Sono quelle inserite nella bozza di risoluzione che la commissione Affari istituzionali dovrebbe discutere e approvare prima della votazione definitiva del Consiglio regionale martedi' 27, e sono: Ambiente, Beni culturali, giudici di pace, ricerca scientifica, ordinamento della comunicazione, protezione civile, previdenza integrativa, infrastrutture, ricerca scientifica e tutela della salute.

''Il governo metta finalmente le carte sopra il tavolo e faccia la sua proposta'', ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, parlando a Cernobbio sul tema del federalismo fiscale precisando che la proposta del governo deve contenere ''la capacita' di guardare alle diversita' altrimenti si trattera' di ipocrisia''.''Bisogna dire - ha detto Formigoni - cose che sono anche politicamente spiacevoli e cioe' che ci sono alcune zone nel paese in cui si spendono in maniera piu' efficace i soldi pubblici e altre zone in cui l'inefficienza e lo spreco sono la quotidianita'''. ''Bisogna superare - ha spiegato Formigoni - la spesa storica per cui lo Stato che ha dato cento per trent'anni continui a dare cento anche se cinquanta viene buttato via. Bisogna andare al costo standard perche' solo cosi' il federalismo fiscale puo' essere una spinta verso l'efficientizzazione e verso il risparmio''.

 

TUTELA DEI BENI CULTURALI: servira' a valorizzare il patrimonio presente in regione con una ''strategia di attrazione'' anche dall'estero e una semplificazione della burocrazia. Per fare questo la Regione chiede fra l'altreo di ottenere i compiti sulla tutela che spettano alla direzione regionale del Ministero dei Beni culturali e alle Soprintendenze.

   ORGANIZZAZIONE DEI GIUDICI DI PACE: La Regione chiede le competenze con l'obiettivo di rendere piu' 'veloce' la giustizia. Una competenza che riguardera' la formazione dei giudici di pace, la loro dislocazione (possibilita' di proporre al Ministero sedi distaccate) e anche la possibilita' di nomina di giudici onorari da parte del presidente della Lombardia.

   TUTELA DELLA SALUTE: servira' a ''consolidare'' l'autonomia della regione nell'organizzazione sanitaria.

   ORDINAMENTO DELLA COMUNICAZIONE: La Regione chiede di trattenere parte del canone Rai per la programmazione locale ma parla anche di un incremento del sostegno ''al sistema dell'informazione locale'' e anche un ruolo nella ''produzione e distribuzione, nonche' l'impegno nella formazione e nella ricerca. E' prevista anche la promozione di campagne di comunicazione su temi sociali e ''una maggiore diffusione e conoscenza dell'identita' lombarda in ambito sia nazionale sia internazionale''.

   PROTEZIONE CIVILE: la richiesta della Lombardia e' quella di

regionalizzare il Corpo forestale dello Stato.

   PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA: permettera' alla Regione di istituire fondi pensione aperti a carattere regionale.

   INFRASTRUTTURE: l'obiettivo e' quello di sanare ''il grave deficit infrastrutturale'' della Regione. Per far questo il testo - proposto dall'assessore alla Mobilita' Raffaele Cattaneo - chiede la possibilita' di fare leggi per controllare tutto il procedimento per costruire nuove strade non solo di interesse regionale ma anche nazionale e propone la ''coamministrazione'' fra Lombardia e Stato degli aeroporti che si trovano in Regione.

   RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA E SOSTEGNO ALL'INNOVAZIONE

DEI SETTORI PRODUTTIVI: si tratta della richiesta di competenze su distretti industriali, parchi scientifici e tecnologica, sull'incentivazione della ricerca e la diffusione dell'innovazione anche sviluppando il rapporto fra universita', centri di ricerca e imprese.

 

(red/19.03.07)

+T -T
CONFERENZA REGIONI 15.03.07 - DOC AMBIENTE; DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152

 

(regioni.it) PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI CORRETTIVE ED INTEGRATIVE AL DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152, RECANTE

NORME IN MATERIA AMBIENTALE, SU PROPOSTA DEL MINISTRO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE E DEL MINISTRO PER LE POLITICHE EUROPEE, IN ATTUAZIONE DELL’ARTICOLO 1, COMMA 6, DELLA LEGGE 15 DICEMBRE 2004, N. 308

 

 

Punto 4) O.d.g. – Elenco A – Conferenza Unificata

 

 

 

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome esprime parere negativo salvo l’accoglimento delle seguenti proposte emendative ritenute imprescindibili:

 

N. 1

 

1) all’art. 1, comma 15, dello schema in esame all’art. 101, comma 7, lett. b) del d.lgs 152/2006 eliminare le parole “che per quanto riguarda gli effluenti di allevamento, praticano l’utilizzazione agronomica in conformità alla disciplina regionale stabilita sulla base dei criteri e delle norme tecniche generali di cui all’art. 112 comma 2” , integrando conseguentemente il testo del decreto correttivo;

Motivazione

Gli artt. 101 e 112 attengono a due questioni diverse. Ne consegue che il richiamo nell’art. 101 del  riferimento all’articolo 112, è improprio e si rischia di porre le aziende interessate in una situazione di illegittimità. Il comma 7 dell’art. 101, infatti,  detta  i criteri di assimilazione delle acque reflue provenienti da allevamenti di bestiame solo nel caso in cui queste siano oggetto di un vero e proprio “scarico” e quindi di una immissione tramite condotta in uno dei corpi ricettori ammessi.

Al contrario l’articolo 112 disciplina la diversa operazione di “utilizzazione agronomicadegli effluenti zootecnici e delle acque reflue provenienti da aziende agricole o piccole aziende agroalimentari, finalizzata non a smaltire il materiale, bensì all’utilizzo delle sostanze nutritive ed ammendanti nel medesimo contenute, ovvero al suo utilizzo irriguo o fertirriguo. E dette operazioni avvengono di norma senza l’utilizzo di una condotta, ma attraverso le diverse forme di applicazione al terreno di cui all’articolo 74, comma 1 lettera o) del d.lgs. 152/2006.

 

Ne consegue che collegare così impropriamente due nozioni completamente diverse e soggette a differenziate discipline (ad esempio autorizzazione e limiti di accettabilità in un caso e comunicazione e norme tecniche nell’altro) rischia di ingenerare solo confusione e di esporre le imprese a censure da parte dell’autorità giudiziaria con riferimento al regime applicabile alle operazioni in atto.

POSIZIONE DEL MINISTERO:

NON ACCOLTA. La richiesta di integrazione delle Regioni non è stata accolta in questa sede, in quanto il Ministero dichiara che sarà oggetto di un separato provvedimento.  

 

N. 2

 

All’art. 1, dopo il comma 15, dello schema inserire il seguente comma 15 bis sostituire il testo della lettera d) del comma 3 dell’art.170, come segue “d) Fino all’emanazione del decreto di cui all’art. 112, comma 2, si applicano il decreto ministeriale 6 luglio 2005, il decreto ministeriale 7 aprile 2006; “.

 

Motivazione 

Il decreto ministeriale 7 aprile 2006, concernente i criteri e le norme tecniche per la disciplina regionale dell’utilizzazione agronomica, dopo sei lunghi anni di approfondito confronto tra Stato e Regioni,  è stato approvato dal Consiglio dei Ministri ancora vigente il d.lgs. 152/1999, ma pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale successivamente alla sua abrogazione ad opera del d.lgs. 152/2006.

Nonostante sotto questo profilo non si registri alcuna soluzione di continuità tra l’articolo 38 del d.lgs. 152/1999 e l’articolo 112 del d.lgs. 152/2006, che sono di identico tenore, tanto è bastato perché alcuni commentatori abbiano sostenuto la sua inapplicabilità.

La diffusione di una simile lettura, per quanto opinabile, sta ingenerando confusione e compromettendo l’azione regionale di attuazione del d.m. in questione, tra l’altro di estrema importanza al fine di superare le censure mosse dall’Unione europea nei confronti dello Stato italiano nell’ambito delle infrazioni alla direttiva 91/676/CEE in materia di protezione delle acque dai nitrati di origine agricola.

 

NON ACCOLTA IN SEDE TECNICA

 

N. 3

 

2) all’art. 1, comma 15, dello schema in esame, sostituire il testo del comma 2 dell’art. 161 del dlgs 152/06, come segue: “2. Il Comitato è composto da cinque membri, nominati con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, di cui due designati dalla Conferenza dei Presidenti delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano e tre scelti tra persone particolarmente esperte in materia di tutela ed uso delle acque, sulla base di specifiche esperienze e conoscenze del settore.”.

Motivazione

Si ritiene che la re-istituzione del Comitato di vigilanza debba essere necessariamente  accompagnata dalla coerenza con l’abrogato articolo della legge 36/1994 (legge Galli), che prevedeva la designazione da parte della Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome di tre dei suoi sette membri.

La presenza di esponenti delle Regioni, oltre che rispettosa delle prerogative regionali in materia, è necessaria al fine garantire un effettivo raccordo tra queste e l’apparato nazionale nell’espletamento delle attività di cui al comma 5 dell’articolo 161 del d.lgs. 152/2006.

 

POSIZIONE DEL MINISTERO: 

ACCOLTA 

 

N. 4

 

3) all’art. 1, comma 18, dello schema  - correttivo, rispettivamente dei commi 3 e 4 dell’art. 181, del D.Lgs. 152/2006 - :

-  dopo le parole “materie prime”, inserire la parola “secondarie” (comma 3);

- dopo le parole “ dei rifiuti utilizzati per ottenere materia prima”, la parola “secondaria” (comma 4)

Motivazione

La modifica permette l’applicazione delle procedure semplificate per il recupero e definisce il termine di  ultimazione dell’operazione di recupero.

 

POSIZIONE DEL MINISTERO

NON ACCOLTA Dichiara che eliminerà il comma 3, accorpandolo al testo dell’art. 206 (Accordi di programma), ritenendo che in sede di accordi si potrà valutare… 

 

(in sede tecnica, pur condividendo lo spirito della richiesta,  si erano riservati una riformulazione finalizzata ad assicurare la tracciabilità delle materie risultanti dal processo di recupero).

 

N.5

 

4) all’art. 1,  comma 18, dello schema  - correttivo del comma 5 dell’art. 181, del D.Lgs. 152/2006 -  dopo la parola “recupero”, aggiungere le parole “che si realizza quando non sono necessari ulteriori trattamenti, perché le sostanze, i materiali e gli oggetti ottenuti possono essere usati in un processo industriale o commercializzati come materia prima secondaria, combustibile o come prodotto da collocare, a condizione che il detentore non se ne disfi o non abbia l’intenzione o non abbia l’obbligo di disfarsene.”

Motivazione:

Tale esplicitazione era già prevista al comma 12 dell’articolo 181 del d.lgs 152, ma nel testo dello schema  risulta abrogato. E’ necessaria la sua reintroduzione per dare chiarezza agli operatori e permettere controlli non soggettivi.

 

POSIZIONE MINISTERO

ACCOLTA con la seguente riformulazione: “che si realizza quando non sono necessari ulteriori trattamenti perché le sostanze, i materiali e gli oggetti ottenuti possono essere usati come materie prime secondarie”; unica formulazione che presenta aspetti di compatibilità con il diritto comunitario, onde determinare anche la chiusura di procedure di infrazione già conclamate.

 

N. 6

5) all’art. 1, comma 18, dello schema  -  correttivo dell’art. 181, del D.Lgs. 152/2006 -  integrare il testo con un  nuovo comma 5 bis “5bis. La disciplina in materia di gestione dei rifiuti non si applica ai materiali, alle sostanze o agli oggetti che, senza necessità di operazioni di trasformazione, già presentino le caratteristiche delle materie prime secondarie, dei combustibili o dei prodotti individuati ai sensi del presente articolo, a meno che il detentore se ne disfi o abbia l’intenzione o abbia l’obbligo di disfarsene.”

Motivazione:

Si chiede di prevedere nuovamente l’inserimento nel testo della salvaguardia per le  materie che sin dalla produzione presentano le caratteristiche delle materie prime secondarie. Il concetto di materia prima secondaria va inserito in quanto è il presupposto su cui si fonda tutto il sistema di recupero di materia.

 

POSIZIONE MINISTERO

NON ACCOLTA GIA’ IN SEDE TECNICA

 

N. 7

6) all’art. 1, comma 20, dello schema -  correttivo della lettera f), del comma 1, dell’art. 183, del D.Lgs. 152/2006-  dopo le parole “frazione organica umida” aggiungere “raccolta separatamente”.

Motivazione :

La specificazione è necessaria per la corretta individuazione della frazione organica umida, nell’ambito della raccolta differenziata.

 

POSIZIONE MINISTERO ACCOLTA IN SEDE TECNICA

N. 8

 

7) all’art. 1, comma 20, dello schema di decreto - correttivo della lettera m), numero 2, del comma 1 dell’art. 183, del D. Lgs. 152/2006 -  eliminare le parole “quando il quantitativo di rifiuti pericolosi in deposito raggiunga i 10 metri cubi. In ogni caso, allorché il quantitativo di rifiuti non superi i 10 metri cubi l’anno, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno;” e sostituire come segue:

 “secondo una delle seguenti modalità alternative, a scelta del produttore con annotazione preventiva nei registri di carico e scarico della modalità scelta:

2.1 con cadenza almeno bimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito;

oppure

2.2 quando il quantitativo di rifiuti pericolosi in deposito raggiunga complessivamente i 10 metri cubi.  In ogni caso, allorché il quantitativo di rifiuti non superi i 10 metri cubi l'anno, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno.”;

Motivazione 

La nuova definizione di deposito temporaneo, che prevede l’eliminazione della scelta tra criterio temporale e criterio quantitativo, in alternativa tra di loro, appare troppo rigida. La direttiva comunitaria e la sentenza della Corte di Giustizia 5 ottobre 1999 (resa nelle cause C-175/98 e C-177/98) non sembrano richiedere l’eliminazione del criterio temporale.

La Corte ai punti 49 e 54 della predetta sentenza stabilisce,infatti, che le operazioni effettuate a titolo di deposito temporaneo sono soggette al rispetto dei principi di precauzione e dell’azione preventiva di cui all’articolo 4 della direttiva 75/442/CEE e che la  nozione di “deposito temporaneo” deve intendersi in modo restrittivo e deve rispettare i principi del Trattato CE. Gli stati membri devono quindi adottare disposizioni sufficientemente rigorose per evitare che le imprese possano fare un uso abusivo della deroga prevista da tale direttiva in caso di deposito temporaneo. Secondo la Commissione, le disposizioni della normativa italiana (art. 6, c. 1, lett. m) del d. lgs. 22/1997) non sembrano contravvenire alle finalità di detta direttiva.

Alla luce di tali previsioni, poiché la definizione di deposito temporaneo, prevista dal decreto legislativo 152/2006, ripropone e chiarisce la definizione già contenuta nel d. lgs. 22/1997 -  ritenuta legittima dalla Corte di Giustizia -  si chiede di reinserire la definizione attualmente in vigore.

 

POSIZIONE MINISTERO

NON ACCOLTA. La risposta del Ministero riguarda solo  una modifica dei quantitativi di deposito, tra l’altro non riquantificati  rispetto all’attuale testo .

 

(in sede tecnica: si era ritenuta condivisibile la posizione delle regioni di eliminare l’alternativa tra criteri temporali e quantitivi, pur con una perplessità circa il quantitativo massimo nel periodo infra - annuale) 

 

 

N. 9

 

8) all’art. 1, comma 20 dell’art. 1 dello schema di decreto - correttivo della lettera m), numero 3, dell’art. 183, del D.Lgs. 152/2006 -  eliminare le parole “quando il quantitativo di rifiuti non pericolosi in deposito raggiunga i 20 metri cubi. In ogni caso, allorché il quantitativo di rifiuti non superi i 20 metri cubi l’anno, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno;” e sostituire con le parole:  “secondo una delle seguenti modalità alternative, a scelta del produttore con annotazione preventiva nei registri di carico e scarico della modalità scelta:

con cadenza almeno trimestrale, indipendentemente dalle quantità in deposito;

oppure

3.2 quando il quantitativo di rifiuti non pericolosi in deposito raggiunga complessivamente  i 20 metri cubi. In ogni caso, allorché il quantitativo di rifiuti non superi i 20 metri cubi l'anno, il deposito temporaneo non può avere durata superiore ad un anno;”

Motivazione.

Vedi punto 7 (è la stessa tematica, ma riferita ai rifiuti “non pericolosi)

 

POSIZIONE MINISTERO

NON ACCOLTA. La risposta del Ministero riguarda  una modifica dei quantitativi di deposito, tra l’altro non riquantificati  rispetto all’attuale testo .

 

(sede tecnica: Come  punto 7)

 

N. 10

 

9) all’art. 1, comma 20, dello schema -  correttivo del comma 1, dell’art. 183, del D.Lgs. 152/2006 -  integrare il testo aggiungendo una nuova lettera Z bis): “Z bis. centro di raccolta: area presidiata ed allestita per il raggruppamento differenziato dei rifiuti urbani per frazioni omogenee conferiti dai cittadini per il trasporto agli impianti di recupero e trattamento. Tale attività rientra nelle operazioni di raccolta.”

Motivazione:

La proposta rende il testo  coerente con la direttiva europea, che prevede il raggruppamento dei rifiuti nell’ambito dell’operazione di raccolta.

 

POSIZIONE DEL MINISTERO

ACCOLTA, ma subordinata alla clausola di invarianza finanziaria

N. 11

10) all’art. 1, comma 20, dello schema - correttivo del comma 1 dell’art. 183, del D. Lgs. 152/2006 - integrare il testo aggiungendo una nuova lettera aa-bis) “aa bis. sottoprodotto: i prodotti dell’impresa che, pur non costituendo oggetto dell’attività principale, scaturiscono in via continuativa dal processo industriale dell’impresa stessa e sono impiegati con certezza nel processo produttivo (direttamente dall’impresa che li produce –da eliminare-) senza subire trasformazioni preliminari, di cui l’impresa non si disfi, non sia obbligata a disfarsi o non abbia l’intenzione di disfarsi”.

Motivazione:

Non pare opportuna la scelta di eliminare la definizione di sottoprodotto. La giurisprudenza della Corte di Giustizia prevede una definizione di sottoprodotto più restrittiva di quella attualmente prevista dal d. lgs. 152/2006, che può utilmente essere recepita.

Si propone pertanto di inserire la predetta definizione coerentemente con le sentenze della Corte di Giustizia (sentenze 18 aprile 2002 – Palin Granit Oy e  11 novembre 2004 – Niselli). Sentenza Corte di Giustizia Europea 8 settembre 2005 causa C416/02.

 

POSIZIONE DEL MINISTERO

ACCOLTA, ma  con utilizzo  nel medesimo stabilimento.

 

(in sede tecnica: non accolta, ma con riserva di valutarne l’ utilizzo anche all’interno dello stabilimento)

 

N. 12

11) all’art. 1,  comma 28, dello schema -  correttivo del comma 2, dell’art. 205, del D. Lgs. 152/2006 – eliminare l’intero comma 2 “la frazione organica umida, separata fisicamente dopo la raccolta e finalizzata al recupero complessivo tra materia ed energia, secondo i criteri dell’economicità, dell’efficacia, dell’efficienza e della trasparenza del sistema, contribuisce al raggiungimento degli obiettivi di cui al comma 1” .

Motivazione:

La richiesta è conseguente all’emendamento proposto all’articolo 183, comma 1, lettera f).

Si renderà necessario, di conseguenza, adeguare anche le percentuali di raccolta differenziata previste dal comma 1, dell’art. 205del d.lgs 152/06, perché altrimenti si avrebbero obiettivi difficilmente raggiungibili nei tempi indicati.

 

POSIZIONE DEL MINISTERO

ACCOLTA IN SEDE TECNICA 

 

N. 13

12) all’art. 1, comma 29, dello schema - correttivo del comma 1, dell’art. 206, del D. Lgs. 152/2006 -  dopo le parole “il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare”,  aggiungere le parole “e d’intesa con la Regione o la Prov. Autonoma interessata.”.

Motivazione:

L’integrazione si rende necessaria per l’adeguamento agli articoli  116 e 117 della Costituzione, trattandosi di aspetti afferenti al sfera dell’organizzazione di un Servizio Pubblico Locale.

 

POSIZIONE DEL MINISTERO

NON ACCOLTA.  Si asserisce che  anche le Regioni e le Province autonome possono farsi promotrici  della stipula di accordi o contratti   di programma, a tutela degli interessi di cui sono  esponenziali, si ritiene non accoglibile l’emendamento proposto.

 

(in sede tecnica era stata  accolta)

 

N. 14

13) all’art. 1, comma 30, dello schema -  correttivo del comma 8, dell’art. 212, del D. Lgs. 152/2006 -  eliminare le parole “secondo le modalità ordinarie, fatta salva la possibilità di prevedere procedure semplificate con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare” e sostituire con le parole “secondo procedure semplificate da definirsi con Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare d’intesa con la Conferenza Stato-Regioni, da emanarsi entro 60 gg. dalla data di entrata in vigore del presente decreto. Nelle more della definizione di tali procedure semplificate l’iscrizione è effettuata a seguito di semplice richiesta scritta alla sezione dell’Albo regionale territorialmente competente senza che la richiesta stessa sia soggetta a valutazione relativa alla capacità finanziaria e alla idoneità tecnica e senza che vi sia l’obbligo di nomina del responsabile tecnico ”.

Motivazione:

Con la proposta si intende evitare il blocco dei procedimenti già attivati con le disposizioni del 152/2006 e la paralisi del sistema.

 

POSIZIONE DEL MINISTERO

ACCOLTA IN SEDE TECNICA

 

N. 15

14) all’art. 1, comma 43, dello schema - abrogativo dell’Allegato I, al Titolo V della parte IV, del D. Lgs. 152/2006 - reintrodurre il predetto Allegato I, con richiesta di attivazione di un Tavolo Ministero/Regioni, dedicato alle “BONIFICHE” che entro 60 gg. dall’entrata in vigore del decreto provveda a redigere la correzione del testo vigente.

Motivazione

Tale allegato infatti è necessario in quanto reca le procedure per l’espletamento dell’analisi di rischio, preliminari alle operazioni di bonifica.

 

POSIZIONE MINISTERO

ACCOLTA IN SEDE TECNICA

 

N. 16

15) all’art. 1, comma 45, dello schema -  correttivo del comma 1, dell’art. 265, del D. Lgs. 152/2006 - dopo le parole “la raccolta, il trasporto,” aggiungere le parole “il recupero”.

Motivazione:

La richiesta è coerente con quanto stabilito dall’articolo 264, comma 1, lettera i),  che fa salvi tutti i provvedimenti attuativi del d. lgs. 22/1997, fino alla loro sostituzione. Si richiede di introdurre all’articolo 265 anche la salvaguardia delle norme regolamentari e tecniche relative al recupero.

 

POSIZIONE MINISTERO

ACCOLTA IN SEDE TECNICA

 

N. 17

16) All’allegato C della Parte IV, abrogare R14 “R14.Deposito temporaneo, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti i rifiuti qualora non vengano rispettate le condizioni stabilite dalla normativa vigente”.

Motivazione:

L’abrogazione si rende  necessaria in quanto il deposito temporaneo non può essere qualificato come operazione di recupero, né deve essere autorizzato.

 

POSIZIONE MINISTERO

ACCOLTA

 

N. 18

18) all’art. 1, dopo il comma 46, dello schema inserire il seguente comma 46 bis:

“ 46bis. Negli articoli 61, comma 3; 94, commi da 5 a 8; 135, comma 1 ;148, comma 2; 151, commi 2 e 3; 168, comma 1; 177, comma 2; 178, comma 4; 201, comma 1 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152; sono soppressi tutti i riferimenti alle province autonome”

 

Motivazione: richiesta delle Province Autonome di Trento e Bolzano a tutela delle proprie prerogative e competenze.


ULTERIORI RICHIESTE

 

Per quanto attiene alle ulteriori proposte emendative, cui non è stato conferito un carattere di irrinunciabilità, il Ministero  rimanda alla tabella allegata (già a suo tempo inoltrata a tutte le Regioni), con le alcune diverse determinazioni sotto riportate:

 

- All’art. 1, comma 4 – correttivo dell’ art. 74, comma 1, lett i del d.lgs 152/06- : NON ACCOGLIBILE . l’inciso “acque reflue domestiche” non pare eliminabile, poiché è conforme alla lettera dell’art. 2 della Dir. 271/91/CEE; In sede tecnica era stata ACCOLTA dal Ministero.

 

- all’art. 1, comma 18 - correttivo dell’ art. 181, comma 2, del d.lgs 152/06: ACCOLTA non riserva, ma accoglibilità, poiché le espressioni “riciclo, reimpiego, riutilizzo”, ancorché non del tutto soddisfacenti come espressioni linguistiche, corrispondono in effetti alla traduzione italiana della direttiva comunitaria in materia di rifiuti e la stessa espressione può essere adoperata per coerenza sistematica anche nell’art. 206, lett.f);   

 

- all’art. 1, comma 20, correttivo dell’ art. 183, lett. u) bis, del d.lgs 152/06: NON ACCOGLIBILE, per le considerazioni già esplicitate sulle Materie Prime Secondarie. In sede tecnica il Ministero si era riservato.

 

- all’art. 1, comma 20, correttivo dell’ art. 183, lett. s),  del d.lgs 152/06: ACCOLTA la modifica “compost” è accoglibile;  NON ACCOLTO , l’inciso “e speciali” non può essere aggiunto perché sul punto il testo vigente non è stato modificato.  In sede tecnica il Ministero si era riservato .

 

- all’art. 1, comma 20, correttivo dell’ art. 183, lett. bb), del d.lgs 152/06:  PARZIALE ACCOGLIBILITA’ nel senso di mantenere la definizione, eliminando le due righe successive alla parola “recupero”. In sede tecnica il Ministero aveva espresso la disponibilità ad una diversa riformulazione, in luogo dell’abrogazione della lettera richiesta dalle Regioni. 

 

- all’art. 1, comma 23, correttivo dell’ art. 186 del d.lgs 152/06:  PARZIALE ACCOGLIBILITA’, limitatamente alla possibilità di aggiungere, sia alla fine del comma 2,  sia nel comma 3 dopo le parole “terre e rocce da scavo”, le parole “anche in altro sito” e di prevedere al comma 3 che con regolamento ministeriale si fissino la quantità minima e le condizioni, per le quali non è necessario il parere delle ARPA, che può essere sostituito da una autocertificazione del progettista.  In sede tecnica il Ministero si era riservato.

+T -T
Lombardia: Bresciani nuovo assessore alla sanità

(regioni.it) Si è dimesso l’assessore alla sanità della regione Lombardia, Alessandro Ce', al suo posto il presidente Formigoni ha nominato Luciano Bresciani.

"C'e' una compattezza assoluta nella maggioranza nel portare avanti il programma regionale che e' gia' stato alla base delle elezioni del 2005. Questo programma e' stato portato avanti dall'assessore Ce' e adesso abbiamo dato l'incarico ad una persona che portera' avanti lo stesso programma", ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni. "Leggo sui giornali delle interpretazioni che non corrispondono al vero, rispondo con un battuta: c'e' un'opposizione pasticciona che dice che noi vogliamo svendere la sanita', se avessimo voluto farlo inquesti 12 anni lo avremmo fatto decine di volte. La verita' -conclude Formigoni- e' che la sanita' lombarda e' diventata la migliore d'Italia".

Si chiude cosi' una vicenda iniziata mercoledi' scorso con la minaccia di dimissioni dell'assessore (nonche' ex capogruppo della Lega Nord alla Camera), contrario alla trasformazione in fondazione del servizio di 118 regionale.

Al suo posto, Formigoni ha nominato Luciano Bresciani, cardiochirurgo che ha lavorato con Christian Barnard in Sudafrica all'inizio degli anni Settanta, e poi negli Stati Uniti. Ha anche insegnato in Olanda all'universita' di Utrecht prima di ritornare in Italia dove e' stato assessore provinciale a Como negli anni Novanta. Medico di Umberto Bossi, e' stato candidato alle elezioni suppletive per la Camera quando il leader del Carroccio si era dimesso optando per l'Europarlamento, ma era stato battuto da Roberto Zaccaria (Margherita), ex presidente Rai.

Dal 2003 Bresciani lavora in Regione Lombardia dove e' diventato assessore vicario dell'assessorato alla Sanita'.

(red/19.03.07)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top