Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 906 - giovedì 5 aprile 2007

Sommario
- Federalismo fiscale: 12 aprile Conferenza delle Regioni
- Cooperazione: via libera da Consiglio Ministri a riforma
- Informazione: firmato il contratto di servizio Rai
- Federalismo fiscale: Iorio e De Filippo per tutela Regioni piccole
- Telecomunicazioni; Soru : la rete è ricchezza per l'intero Paese
- Sanità: al via Piano nazionale Alcol e salute

+T -T
Sanità: al via Piano nazionale Alcol e salute

(regioni.it) Il Ministero della Salute ha reso noto – con un comunicato stampa – il varo definitivo del I “Piano nazionale alcol” predisposto dal Ministero della Salute. L’obiettivo è quello di ridurre i consumi e prevenire i danni alcolcorrelati, soprattutto per giovani, donne e anziani.  Sono stati stanziati 4,5 milioni di euro in tre anni

Con l’approvazione definitiva della Conferenza Stato Regioni, è diventato quindi operativo il “Piano nazionale alcol e salute”, voluto dal Ministro della Salute Livia Turco con l’obiettivo di coordinare tutte le attività di prevenzione e presa in carico dei problemi correlati all’abuso di alcol tra la popolazione.

Il Piano ha valenza triennale (2007-2009) e si prefigge 10 obiettivi da raggiungere attraverso azioni strategiche in collaborazione con le Regioni e con il coinvolgimento di varie strutture e soggetti del sistema sanitario nazionale: dipartimenti delle dipendenze, servizi alcologici regionali, dipartimenti salute mentale, medici di famiglia, associazioni di mutuo soccorso e volontariato, asl e ospedali.

Ma un ruolo particolare assumeranno anche le collaborazioni con il mondo della scuola e dello sport, i sindacati, i centri ricreativi per gli anziani, le Forze dell’Ordine e le imprese del settore.

Ecco i 10 obiettivi del triennio:

·                     Aumentare la consapevolezza del rischio connesso con il consumo delle bevande alcoliche nella popolazione generale e in alcune fasce di popolazione particolarmente esposte (anziani, giovani, donne), nonché il sostegno a favore delle politiche di salute pubblica finalizzate alla prevenzione del danno alcolcorrelato.

·                     Ridurre i  consumi a rischio (e in particolare quelli eccedentari  e al di fuori dei pasti) nella popolazione e in particolare nei giovani, nelle donne e nelle persone anziane.

·                     Ridurre la percentuale dei giovani minori di 18 anni che assumono bevande alcoliche, nonché l’età del primo contatto con le stesse.

·                     Ridurre il rischio di problemi alcolcorrelati che può verificarsi in una varietà di contesti quali la famiglia, il luogo di lavoro, la comunità o i locali dove si beve.

·                     Ridurre la diffusione e la gravità di danni alcolcorrelati quali gli incidenti e gli episodi di violenza, gli abusi sui minori, la trascuratezza familiare e gli stati di crisi della famiglia.

·                     Mettere a disposizione accessibili ed efficaci trattamenti per i soggetti con consumi a rischio o dannosi e per gli alcoldipendenti.

·                     Provvedere ad assicurare una migliore protezione dalle pressioni al bere per i bambini, i giovani e coloro che scelgono di astenersi dall’alcol.

·                     Aumentare la diffusione dei metodi e strumenti per l’identificazione precoce della popolazione a rischio.

·                     Aumentare la percentuale di consumatori problematici avviati, secondo modalità adeguate alla gravità dei problemi, al controllo dei propri comportamenti di abuso, con particolare riferimento ai giovani.

·                     Garantire l’adeguamento dei servizi secondo le previsioni della legge 125/2001 e aumentare la qualità e la specificità dei trattamenti nei servizi specialistici per la dipendenza da alcol.  

Gli interventi sono articolati in 8 aree strategiche:

·                     Informazione /educazione.

·                     Bere e guida.

·                     Ambienti e luoghi di lavoro.

·                     Trattamento del consumo alcolico dannoso e dell’alcoldipendenza.

·                     Responsabilità del mondo della produzione e distribuzione.

·                     Capacità sociale di fronteggiare il rischio derivante dall’uso   dell’alcol.

·                     Potenzialità delle organizzazioni di volontariato e mutuo aiuto e delle organizzazioni non governative.

·                     Monitoraggio del danno alcolcorrelato e delle relative politiche di contrasto.

Per ognuna delle 8 aree si procederà per specifici target avviando alleanze con i diversi attori pubblici e privati comunque coinvolti nelle attività correlate (scuola, imprese, esercizi commerciali, ecc.).

Per finanziare il Piano è previsto uno stanziamento di 1,5 milioni di euro l’anno per tre anni che va ad aggiungersi ai finanziamenti previsti dal programma del Ministero della Salute “Guadagnare Salute” per la promozione di stili di vita salutari, approvato recentemente dal Governo e dalla Conferenza Unificata.

(red/05.04.07)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top