Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 911 - lunedì 16 aprile 2007

Sommario3
- Mercoledì 18 aprile Conferenza Regioni
- Conferenza Stato-Regioni 18.04.07: Ordine del giorno
- Conferenza Unificata 18.04.07: Ordine del giorno
- Lanzillotta: rigore e "salvadeficit" sanità
- Federalismo: Violante, Calderoli, Chiti...
- CONFERENZA UNIFICATA 29.03.07: Documenti

+T -T
Mercoledì 18 aprile Conferenza Regioni

E' convocata la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per mercoledì 18 aprile 2007 (ore 10.00 - Via Parigi, 11 – Roma), all'Ordine del giorno:

 

1)       Approvazione resoconti stenografici delle sedute 7, 15, 22 e 29 marzo 2007;

 

2) Comunicazioni del Presidente;

 

3) Esame questioni all'o.d.g. della Conferenza Unificata;

 

4) Esame questioni all'o.d.g. della Conferenza Stato - Regioni;

 

5) Prosecuzione del dibattito sul documento relativo al “Federalismo Fiscale”;

 

6) COMMMISSIONE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE – Regione Calabria

6a) Documento  delle Regioni sulla revisione dei Distretti Idrografici, di cui alla parte III del d.lgs  152/2006 – Punto esaminato dalla Commissione della riunione del 3 aprile 2007;

6b) Programma del progetto APE (Appennino Parco d’Europa) – Punto esaminato dalla Commissione nella riunione del 3 aprile 2007;

 

7) Varie ed eventuali.

 

 

SEDUTA RISERVATA

 

8) DESIGNAZIONI

Consiglio di Amministrazione della Fondazione Smith Kline, di cui all’articolo 4 del nuovo Statuto della Fondazione: nuova costituzione – un rappresentante regionale;

 

8bis) COMMISSIONE AFFARI COMUNITARI E INTERNAZIONALI – Regione Piemonte

8bis-a) Individuazione di due rappresentanti delle Regioni di supporto alla struttura MISE-DPS per il confronto con i servizi della Commissione per l’approvazione della Carta degli Aiuti a finalità regionale (art. 87.3.c del TUE) – Punto all’esame della Commissione nella riunione del 17 aprile 2007;

8bis-b) Decisione della Conferenza in merito alle candidature relative alla partecipazione ai Comitati Nazionali e alla delegazione italiana nei Comitati di Sorveglianza dell’Obiettivo Cooperazione territoriale - Punto all’esame della Commissione nella riunione del 17 aprile 2007;

 

                   Si comunica inoltre che relativamente al punto 6b) Programma del progetto APE (Appennino Parco d’Europa) l’esame da parte della Commissione è avvenuto in data 28 marzo 2007 anziché che 3 aprile 2007 come precedentemente indicato.

 

 

 (red/16.04.07)

+T -T
Conferenza Stato-Regioni 18.04.07: Ordine del giorno

(regioni.it) La Conferenza Stato–Regioni è convocata per mercoledì 18 aprile 2007, alle ore 16.30 presso la Sala riunioni del I piano di Via della Stamperia, n. 8, in Roma, con il seguente ordine del giorno:

Approvazione del verbale della seduta del 15 marzo 2007.

ELENCO A

1) Parere sul disegno di legge recante interventi urgenti per il settore sanitario e universitario. (SALUTE -UNIVERSITÀ E RICERCA).

Parere ai sensi dell’articolo 2, comma 3, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

2) Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, sulla proposta del Ministero delle salute concernente la determinazione del fabbisogno per il Servizio sanitario nazionale di medici specialisti da formare per l’anno accademico 2006/2007. (SALUTE).

Accordo ai sensi dell’articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

3) Parere sullo schema di contratto di formazione specialistica dei medici. (SALUTE).

Parere ai sensi dell’articolo 37, comma 2, del decreto legislativo 17 agosto 1999, n.368.

4) Parere sul disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge 20 marzo 2007, n. 23, recante “Disposizioni urgenti per il ripiano selettivo dei disavanzi pregressi nel settore sanitario” (SALUTE).

Parere ai sensi dell’articolo 2, comma 5, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

5) Intesa sullo schema di decreto del Ministro della salute di approvazione del “Piano per lo Screening del cancro del seno, della cervice uterina e del colon retto per il triennio 2007 – 2009” (SALUTE).

Intesa ai sensi dell’articolo 2bis, comma 2, del decreto-legge 29 marzo 2004, n. 81, convertito con legge 26 maggio 2004, n. 138.

6) Acquisizione della designazione di un rappresentante nel Nucleo di affiancamento di cui all’accordo stipulato il 6 marzo 2007 tra Ministero della salute, Ministero dell’economia e delle finanze e Regione Abruzzo per l’approvazione del Piano di rientro di individuazione degli interventi per il perseguimento dell’equilibrio economico, ai sensi dell’articolo 1, comma 180, della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (legge finanziaria 2005) (DESIGNAZIONE).

Acquisizione della designazione, ai sensi dell’art. 2, comma 1, lett. d) del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

7) Acquisizione della designazione di un rappresentante nel Nucleo di affiancamento di cui all’accordo stipulato il 13 marzo 2007 tra Ministero della salute, Ministero dell’economia e delle finanze e Regione Campania per l’approvazione del Piano di rientro di individuazione degli interventi per il perseguimento dell’equilibrio economico, ai sensi dell’articolo 1, comma 180, della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (legge finanziaria 2005) (DESIGNAZIONE).

Acquisizione della designazione, ai sensi dell’art. 2, comma 1, lett. d) del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

8) Acquisizione della designazione di un rappresentante nel Nucleo di affiancamento di cui all’accordo stipulato il 27 marzo 2007 tra Ministero della salute, Ministero dell’economia e delle finanze e Regione Molise per l’approvazione del Piano di rientro di individuazione degli interventi per il perseguimento dell’equilibrio economico, ai sensi dell’articolo 1, comma 180, della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (legge finanziaria 2005). (DESIGNAZIONE).

Acquisizione della designazione, ai sensi dell’art. 2, comma 1, lett. d) del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

9) Designazione del rappresentante delle Regioni nel Comitato di indirizzo e coordinamento della informazione statistica (COMSTAT) di cui all’articolo 17, comma 1, del decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322 (DESIGNAZIONE).

Designazione ai sensi dell’articolo 17, comma 2, lettera c) del decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322.

ELENCO B

1) Parere sulla bozza di D.M. recante “Procedure e modalità per la presentazione dei progetti e per l’erogazione dei finanziamenti relativi agli interventi per alloggi e residenze per studenti universitari di cui alla legge 14 novembre 2000, n. 338” (UNIVERSITA’ E RICERCA).

Parere ai sensi dell’art. 1, comma 3, della legge 14 novembre 2000, n. 338.

2) Parere sulla bozza di D.M. recante “Standard minimi dimensionali e qualitativi e linee guida relative ai parametri tecnici ed economici concernenti la realizzazione di alloggi e residenze per studenti universitari di cui alla legge 14 novembre 2000, n. 338”. (UNIVERSITA’ E RICERCA).

Parere ai sensi dell’art. 1, comma 4, della legge 14 novembre 2000, n. 338

3) Intesa sull’Accordo di programma tra il Ministero dello sviluppo economico, il Ministero dell’interno, il Ministero dell’economia e delle finanze, l’Agenzia delle dogane e le associazioni di categoria maggiormente rappresentative, stipulato ai sensi dell’art. 3, comma 4 del D.Lgs. 22 febbraio 2006, n.128, recante “Riordino della disciplina relativa all’installazione e all’esercizio degli impianti di riempimento, travaso e deposito di GPL, nonché all’esercizio dell’attività di distribuzione e vendita di GPL in recipienti, a norma dell’art.1, comma 52, della legge 23 agosto 2004, n.239” (SVILUPPO ECONOMICO).

Intesa ai sensi dell’art. 3, comma 4 del D.Lgs. 22 febbraio 2006, n.128

4) Parere sulla proposta di Piano di riparto del finanziamento dei fondi previsti dalla Legge 26 febbraio 1992, n. 211, recante “Interventi nel settore dei sistemi di trasporto rapido di massa” (TRASPORTI).

Parere ai sensi dell’art. 1, comma 1016, della Legge 27 dicembre 2006, n. 296

5) Intesa tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano su “Linee Guida vincolanti per la gestione operativa del sistema di allerta rapida per mangimi” (SALUTE).

Intesa ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131.

6) Intesa sulla proposta del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali del prelevamento e riparto per l’anno 2007, tra le Regioni e le Province autonome, di 49,104 milioni di euro per interventi compensativi di cui al Fondo di solidarietà nazionale in agricoltura (POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI).

Intesa ai sensi dell’articolo 6, comma 3 del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102.

7) Designazione in sostituzione di un rappresentante regionale dimissionario in seno alla Commissione Nazionale per la ricerca sanitaria, ai sensi dell’articolo 18 del decreto legislativo 16 ottobre 2003, n. 288. (DESIGNAZIONE).

Designazione ai sensi dell'articolo 18 del decreto legislativo 16 ottobre 2003, n. 288.

8) Acquisizione della designazione in sostituzione di un componente del Centro di collegamento tra l’Agenzia Italiana del Farmaco – Regioni, di cui all’articolo 20 del decreto ministeriale 20 settembre 2004, n. 245. (DESIGNAZIONE).

Acquisizione della designazione ai sensi dell'articolo 2, comma 1, lettera d), del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

9) Convocazione della Consulta Stato - Regioni dell’arco alpino ai sensi dell’art.3, comma 3, della legge 14 ottobre 1999, n.403 recante: “ratifica ed esecuzione della convenzione per la protezione delle Alpi, con allegati e processo verbale modifica del 6 aprile 1993, fatta a Salisburgo il 7 novembre 1991”. (CONSULTA ARCO ALPINO)

Delibera ai sensi dell’art.3, comma 3 della legge 14 ottobre 1999 n.403.

 

 

 (red/16.04.07)

+T -T
Conferenza Unificata 18.04.07: Ordine del giorno

(regioni.it) La Conferenza Unificata è convocata per mercoledì 18 aprile 2007, alle ore 16.00, presso la Sala riunioni del I piano di Via della Stamperia, n. 8, in Roma, con il seguente ordine del giorno:

Approvazione dei verbali delle sedute dell’8 e del 15 marzo 2007.

ELENCO A

1)Parere sullo schema di decreto del Presidente della Repubblica recante composizione, compiti, organizzazione e funzionamento della Commissione per le adozioni internazionali di cui all’articolo 38, comma 1, della legge 4 maggio 1983, n.184. (POLITICHE DELLA FAMIGLIA).

Parere ai sensi dell’articolo 9, comma 3, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n.281.

2)Intesa in ordine ai nuovi criteri per il riparto e la gestione delle risorse statali a sostegno dell’associazionismo comunale sancita con atto rep. n. 936 del 1° marzo 2006. Attuazione per l’anno 2007. (INTERNO).

Presa d’atto dell’attuazione per l’anno 2007 di quanto previsto dall’articolo 8, comma 2, lettera b) dell’intesa n. 936/2006.

3)Intesa sullo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri concernente la designazione degli esperti per la certificazione dei costi contrattuali relativi all’ipotesi di accordo concernente il CCNL relativo all’Istituzione del Fondo pensione complementare per i lavoratori dei comparti delle Regioni e delle Autonomie locali e del Servizio Sanitario Nazionale. (RIFORME E INNOVAZIONI NELLA P.A.).

Intesa ai sensi dell’articolo 47, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

4)Determinazione sostitutiva della Conferenza di servizi indetta dal Comune di Cortona. Autorizzazione per nuovo impianto di distributore di carburanti nel Raccordo autostradale Bettolle-Perugia. Ditta Accaramboni Mario.

Determinazione sostitutiva ai sensi dell’articolo 14-quater, comma 3, della legge 7 agosto 1990, n. 241, come modificato dall’articolo 11 della legge 11 febbraio 2005, n. 15.

 

 (red/16.04.07)

+T -T
Lanzillotta: rigore e "salvadeficit" sanità

(regioni.it) Con il federalismo fiscale devono essere previste maggiori sanzioni. “Vogliamo fare presto e bene” afferma il ministro agli Affari regionali Linda Lanzillotta in un’intervista del 15 aprile a “ilSole24Ore” a proposito del provvedimento sul federalismo fiscale che il Governo intende varare nelle prossime settimane (15/04: IL SOLE 24 ORE: INTERVISTA AL MINISTRO GLI AFFARI REGIONALI...        ). Ma c’è anche “la necessità di sanzionare chi adotta decisioni incompatibili con quelle di finanza pubblica”.
Severa la Lanzillotta, che aveva già indicato questa strada di rigore in una dichiarazione il giorno prima.  L’intervista prende spunto infatti dal possibile aumento delle addizionali Irpef e Irap in alcune regioni per il salto dei conti
2006 in sanità.
Per il 2005 il Governo ha già varato provvedimenti bilaterali “salvadeficit”. A riguardo critiche da
Romano Colozzi
, assessore al bilancio della regione Lombardia (Intesa “salvadeficit sanità”).
"Le regole oggi dicono - ha spiegato Lanzillotta - che in caso di disavanzo scatti l'aumento automatico delle aliquote fiscali. Un criterio di responsabilita' che colpisce pero' cittadini e imprese con le addizionali Irpef e Irap". Il ministro ha fatto riferimento al quadro normativo attualmente in vigore per i Comuni i cui amministratori, in caso di mancato pareggio di bilancio o di dissesto finanziario, incorrono in sanzioni, per le Regioni non c'e' nulla di simile. "Cosi' – sostiene la Lanzillotta - da una parte c'e' la difficolta' di imputare la responsabilita' del disavanzo; dall'altra, c'e' la necessita' di sanzionare chi adotta decisioni incompatibili con gli equilibri di finanza pubblica".
Su questo aspetto, Lanzillotta ritiene necessario sviluppare una riflessione insieme alle Regioni. Nel quadro del federalismo, una volta accordate alle Regioni le risorse coerenti con i costi standard dei servizi "i disavanzi non potranno essere ammessi".
Lanzillotta ha insistito sulla necessita' di agire dal lato della spesa perchè‚ "i tributi locali non sono elastici all'infinito". Per quanto riguarda la presentazione del ddl sul federalismo in Consiglio dei ministri, Lanzillotta ha detto di auspicare che avvenga in tempi rapidi anche se il provvedimento presenta "complessita' tecniche da chiarire". "Allora - e' la conclusione - meglio una settimana  dopo ma con un testo forte e ben studiato".
''La diffida del ministro Lanzillotta non ci tocca: noi non ci riteniamo oggetto di apprezzamenti di questo genere'', ha sostenuto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, a proposito delle affermazioni del ministro per gli Affari regionali, Linda Lanzillotta.
Ribatte anche la Bresso. E' destituita di ogni fondamento la notizia circolata in questi giorni secondo la quale il Piemonte sarebbe tra le Regioni che rischiano un extradeficit non coperto sulla sanita''', precisa la presidente della Regione Piemonte, Mercedes Bresso.
''Il bilancio approvato di recente ha coperto, come da legge, tutto il nostro deficit 2006 - dice la Bresso - Non si capisce, quindi, come abbia potuto prendere corpo un'ipotesi di questo genere. A differenza di altri, stiamo provvedendo - con uno sforzo notevole - a ripianare i pesanti debiti che ci erano stati lasciati, senza ricorrere ad aiuti straordinari da parte dello Stato e senza aumentare le tasse. La legge ci chiede di ripianare le perdite dell'anno precedente entro il bilancio successivo. E cosi' abbiamo fatto. Se mai ci arrivera' una lettera di richiamo, quindi, protesteremo con forza contro un atto senza fondamento''.
L'extradeficit della sanita' marchigiana e' in realta' frutto di mancati trasferimenti dallo Stato. Così il presidente della giunta marchigiana Gian Mario Spacca.

''Sono 944 i milioni di euro che le Marche devono avere dallo Stato - spiega il Spacca- e di questi, 580 milioni sono gli introiti frutto delle addizionali alla tassazione nazionale, che la Regione ha introdotto per far fronte alle esigenze della sanita'. I mancati trasferimenti dallo Stato alla Regione hanno comportato l'accensione di mutui, i cui tassi hanno superato, in cinque anni, 37 milioni di euro. Una cifra - sottolinea Spacca - che e' quella che lo Stato sostiene essere il deficit della sanita' marchigiana''.

Spacca ha poi contestato la validita' della somma indicata come deficit, ''sostenendo di essere rimasto molto sorpreso del dato, visto che le Marche hanno presentato una documentazione inoppugnabile che dimostra altro'. Pertanto - ha concluso - sarebbe paradossale 'una diffida dello Stato alle Marche''.

(gs/16.04.07)

+T -T
Federalismo: Violante, Calderoli, Chiti...

(regioni.it) ''Vanno fermate le richieste di  estendere il numero delle Regioni a statuto speciale. Le Regioni a statuto speciale hanno una propria ragione storica, politica, anche linguistica o che, come qui,  fanno riferimento a trattati

internazionali. Le Regioni a statuto speciale sono queste, punto e basta'': ha detto Luciano Violante, presidente della Commissione affari costituzionali della Camera.''Vanno difese le competenze delle Regioni a statuto speciale ed il problema di fondo ora e' quello di vedere bene come funzionera' il federalismo fiscale. Non si tratta di sottrarre risorse ma magari di dare maggiori competenze in modo che con le risorse delle Regioni possano gestirsi queste competenze'', ha detto ancora Violante.

''E' bene - ha aggiunto  Violante sullo stesso tema oggetto di una richiesta delle Province autonome di Bolzano e Trento - che il governo abbia stralciato l'articolo della legge sul federalismo fiscale che andava in senso contrario alle regole  della finanziaria''. A proposito dei  Comuni che chiedono di passare ad altre Regioni, soprattutto a quelle a statuto speciale come il Tn-AA, Violante ha detto sorridendo: ''Tra poco arrivera' anche Reggio Calabria. Credo invece che bisogna stare molto attenti a questo tipo di spostamenti. Il fenomeno lo abbiamo non solo nei confronti del Trentino-AltoAdige/Suedtirol, nei confronti del Friuli-Venezia Giulia, della val d'Aosta. Ora abbiamo la proposta del comune veneto di Lamon all'esame della commissione. Ma il governo ha presentato un progetto di legge che adesso e' all'esame della conferenza Stato-Regioni, proprio per evitare la proliferazione  di  questo tipo di fughe, questo spappolamento del sistema istituzionale''.

 Violante ha poi sottolineato che la nostra Costituzione ''prevede il federalismo differenziato'' e ''le Regioni che hanno difficolta' a tenere con se' comuni che sono ai confini di regioni piu' ricche possono chiedere maggiori poteri e maggiori risorse per intervenire su queste aree. Il federalismo differenziato serve anche a questo. Ieri quando c'era un problema di questo tipo si avviava un confronto politico. Oggi non si chiede un confronto politico ma si chiede di andar via. Questo e' un punto di debolezza della politica''.

Infine l'esponente Ds ha ricordato che, ad esempio, Veneto e Lombardia sono  Regioni ''che ancora non hanno fatto il loro statuto''. E allora ''bisogna fissare un punto: prima si scrivono gli statuti, poi si fa il federalismo fiscale e dopo si discute di poteri''. ''Non penso - ha detto ancora - che passera' molto tempo prima della presentazione ufficiale di un disegno di legge sul federalismo fiscale''. ''Ma soprattutto - ha concluso - credono vadano  fermate le richieste di  estendere il numero delle Regioni a statuto speciale. Sono queste, punto e basta. Se c'e' un problema di avere maggiori poteri si discute prima quali sono le risorse. Bisogna avere un sistema ordinato. Altrimenti sembra che ci sia un meccanismo di fuga dal centro, di fuga dalla Repubblica alla base di queste richieste''.

Risponde il vicepresidente del Senato e coordinatore delle segreterie nazionali della Lega Roberto Calderoni: “è bene ricordare a tutti che, diversamente da quello che afferma Luciano Violante, non e' scritto da nessuna parte, tanto meno nella Costituzione, che per attribuire ulteriori competenze alle Regioni o per realizzare il Federalismo fiscale sia necessario l'approvazione di uno statuto da parte delle regioni''. ''Le due cose – sottolinea Calderoli - sono completamente indipendenti e il rispetto dell'autonomia delle regioni lo si dimostra proprio rispettando la loro volonta' di approvare o meno dei nuovi statuti e nei tempi che loro riterranno opportuno.Non vorrei che invece si trattasse dell'ennesima scusa proprio perche', recentemente, la regione Lombardia ha approvato la risoluzione con cui chiede l'attribuzione di ulteriori forme di autonomia, mentre il federalismo fiscale e' un tema la cui

soluzione non e' piu' procrastinabile''.   ''In ogni caso mercoledi' - conclude - incontrero' il presidente Violante sia per approfondire queste tematiche che relative alle riforme costituzionali''.

Interviene sulle riforme anche Chiti: " il Governo e' gia' impegnatonell'attuazione del nuovo Titolo V, dal codice delle autonomielocali, gia' presentato in Parlamento, al federalismo fiscale.Tutto questo promuovendo il necessario confronto e dialogo, nonsolo tra gli schieramenti ma con i soggetti istituzionaliinteressati".

Infine il federalismo fiscale e la compartecipazione della Provincia autonoma di Bolzano al risanamento del debito pubblico saranno al centro dell'incontro  di domani a Roma tra il ministro Tommaso Padoa Schioppa ed il presidente Luis Durnwalder con l'assesore Werner Frick.

''La nostra posizione e' chiara: non accettiamo tagli al bilancio, siamo invece pronti ad assumere competenze dallo Stato'', conferma Durnwalder in una nota della Provincia.

14/04: IL GAZZETTINO: SE ROMA TACE, IL BAROMETRO POLITICO PRECIPITERA' VERSO STAGIONI TEMPESTOSE, DI GIANCARLO GALAN (PRESIDENTE REGIONE VENETO)

 (red/16.04.07)

+T -T
CONFERENZA UNIFICATA 29.03.07: Documenti

(regioni.it)

29/03/2007

Parere sulla schema di decreto legislativo recante ulteriori disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale, su proposta del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e del Ministro per le politiche europee, in attuazione dell’art. 1, comma 6, della legge 15 dicembre 2004, n. 308 - Punto 2A dell'o.d.g. - Rep. atti n.26/CU

29/03/2007

Acquisizione della designazione in seno al Tavolo di concertazione generale sulle politiche abitative di cui all’articolo 4, comma 1, della legge 8 febbraio 2007, n. 9 - Punto 7A dell'o.d.g. - Rep. atti n.27/CU

29/03/2007

Parere sul documento programmatico “Guadagnare salute” - Punto 2B dell'o.d.g. - Rep. atti n.31/CU

29/03/2007

Deliberazione concernente individuazione, per l’anno 2007, delle Regioni di cui all’articolo 4 dell’intesa in ordine ai nuovi criteri per il riparto e la gestione delle risorse statali a sostegno dell’associazionismo comunale, sancita con atto n. 936 del 1° marzo 2006 - Punto 1A dell'o.d.g. - Rep. atti n.30/CU

29/03/2007

Acquisizione della designazione dei rappresentanti della Conferenza Unificata in seno al Consiglio superiore dei lavori Pubblici, ai sensi dell’articolo 3, comma 3, lett. d) del D.P.R. 27 aprile 2006, n. 204 - Punto 5B dell'o.d.g. - Rep. atti n.28/CU

29/03/2007

Proposta di accordo tra Governo, Regioni e Autonomie locali, in materia di semplificazione e miglioramento della qualità della regolamentazione - Punto 3A dell'o.d.g. - Rep. atti 23/CU

29/03/2007

Parere sullo schema di disegno di legge recante misure di sensibilizzazione e prevenzione, nonché repressione dei delitti contro la persona e nell’ambito della famiglia, per l’orientamento sessuale, l’identità di genere ed ogni altra causa di discriminazione - Punto 4A dell'o.d.g. - Rep. atti n.29/CU

29/03/2007

Acquisizione della designazione dei rappresentanti della Conferenza Unificata in seno al Comitato per le regole tecniche sui dati territoriali delle pubbliche amministrazioni, ai sensi del decreto ministeriale 2 maggio 2006, n. 237 - Punto 6A dell'o.d.g. - Rep. atti n.24/CU

29/03/2007

Parere sullo schema di decreto del Presidente della Repubblica recante regolamento riguardante l’istituzione del Centro per il libro e la lettura - Punto 1B dell'o.d.g. - Rep. atti n.32/CU

29/03/2007

Parere sullo schema di disegno di legge recante: “Delega al Governo per l’emanazione di un testo unico per il riassetto normativo e la riforma della salute e sicurezza sul lavoro” - Punto 3B dell'o.d.g. - Rep. atti n.22/CU

29/03/2007

Acquisizione della designazione dei rappresentanti della Conferenza Unificata in seno il Tavolo permanente per la semplificazione, di cui al D.P.C.M. 8 marzo 2007 - Punto 4B dell'o.d.g. - Rep. atti n.25/CU

 

 (red/16.04.07)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top