Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 917 - martedì 24 aprile 2007

Sommario3
- Prodi: modello Emilia Romagna
- Formigoni-Turco su ticket specialistica
- Salute: un opuscolo aiuta i bambini a conoscere i cani
- Formigoni e la "via lombarda" alle infrastrutture
- Link: portale cooperazione allo sviluppo
- Sviluppo: Quaderno congiunturale territoriale

+T -T
Prodi: modello Emilia Romagna

(regioni.it) Il presidente del Consiglio, Romano Prodi, interviene sul modello amministrativo Emilia-Romagna con un articolo pubblicato sul prossimo numero di 'ANCI Rivista', il periodico dell'Associazione dei Comuni italiani.

"Lo sviluppo dei territori deve certamente molto al buon governo degli enti locali che hanno storicamente avuto e continuano ad esercitare un ruolo determinante per la crescita sociale ed economica delle Regioni nelle quali operano ma, piu' in generale, dello stesso Paese”.

Prodi fa riferimento in particolare alla sua regione, l'Emilia Romagna, e scrive: "Visto in quest'ottica, il sistema delle autonomie locali dell'Emilia-Romagna rappresenta un caso 'esemplare' nel panorama italiano come suggerito da numerosi dati. Mi riferisco innanzitutto al posizionamento nella classifica sul grado di liberta' economica delle regioni italiane che colloca l'Emilia-Romagna al primo posto in Italia ma anche alle ottime posizioni nelle classifiche che misurano il buon governo e la capacita' competitiva degli enti locali soprattutto con riferimento alla semplificazione, all'amministrazione digitale, al marketing territoriale, settori di intervento in cui gli attori principali sono i comuni. Ma mi riferisco anche alla rete di servizi del welfare (da quelli per l'infanzia a quelli per gli anziani) che, nel caso emiliano-romagnolo e' tra le piu' estese ed accessibili in Europa. Cio' ha promosso un'elevata e qualificata partecipazione femminile al lavoro subordinato e imprenditoriale e ha cosi' concorso allo sviluppo sociale". " L'intreccio tra politiche di welfare e politiche di sviluppo (in Emilia-Romagna si conta un'impresa ogni dieci abitanti, ovvero un'impresa ogni quattro famiglie) ha prodotto - sottolinea il premier - coesione sociale ovvero crescita economica (piu' alto reddito pro-capite tra regioni, minimo tasso di disoccupazione), ma anche meno disuguaglianza nella distribuzione del reddito tra persone e tra territori. La posizione di avanguardia dell'Emilia-Romagna nelle strategie di sviluppo locale basate sulla costruzione di un rapporto positivo e innovativo tra territori, industria e tessuto economico e' desumibile anche dalla capacita' delle amministrazioni locali di mettere in campo strumenti propri e pluriennali di programmazione e di usare al meglio le opportunita' create dall'Unione Europea".

Prodi cita anche il 'Patto per la qualita' dello sviluppo', promosso dalla Regione Emilia-Romagna per legare in un'intesa le istituzioni e la societa' civile con il fine di stabilire strategie comuni sui grandi temi dell'economia e del lavoro, delle politiche sociali, dell'ambiente e della solidarieta'. L'obiettivo e' la crescita sostenibile, dal punto di vista economico e sociale oltre che ambientale da perseguire attraverso politiche finalizzate ad assicurare e far crescere qualita', efficienza e identita' del territorio". "Da un punto di vista metodologico - continua Prodi - lo schema di governance adottato prevede l'allocazione da parte del livello di governo regionale di poteri e responsabilita' ai livelli provinciale e comunale.

Alla competenza locale vengono assegnati compiti di raccolta e interpretazione della conoscenza sul territorio, di disegno dei progetti e della loro implementazione mentre sono attribuite alle Regione le competenze di selezione dei progetti, del coordinamento tra obiettivi e dell'assistenza tecnica. Di conseguenza il trasferimento di competenze e la semplificazione amministrativa assegna agli enti locali numerose funzioni in materia di sviluppo del tessuto economico locale oltre che di adeguamento infrastrutturale, salvaguardia ambientale e di marketing territoriale, facendo del modello emiliano-romagnolo uno dei piu' importanti benchmark di riferimento a livello europeo. Ma proprio dal confronto con altre regioni europee comparabili, - conclude il presidente del Consiglio – occorre sottolineare che sotto il profilo della rete delle infrastrutture viarie, ci sono ancora passi avanti da fare.

L'ottimizzazione del sistema di mobilita' richiedera' un ulteriore rafforzamento di quella governance multilivello tra Regione, autonomie locali e associazionismo economico che tanto ha contribuito allo sviluppo dell'Emilia-Romagna."

Infine il presidente Vasco Errani interviene in ricordo del 25 aprile, “perche' e' la festa della liberta' e della democrazia riconquistata”, confermando indirettamente quanto sostenuto da Prodi con l'"avanguardia dell'Emilia-Romagna nelle strategie di sviluppo locale".

Nella festa del 25 aprile, sostiene Errani, nella Liberazione - si salda "un tratto fondamentale che caratterizza la nostra realta', un elemento che ci ha consentito allora e ancora oggi di attrezzarci meglio di altri al cambiamento. Si tratta della vocazione a connettere individuo e societa', idee e ideali, testimonianza e azione concreta. Di rado, nella lotta di Liberazione, ci si ferma al gesto del singolo, al genio di una persona, alla pura attestazione di coraggio e di valore. Piu' spesso queste azioni si connettono a un sentire comune, a un elemento di coesione umana che e' condizione di qualita' e successo duraturo. Alla vera radice della Liberazione c'e' l'unita', un sentimento comune. Ed e' cio' che ha fatto grande questa terra anche in seguito: una regione un tempo povera e' cresciuta assieme e oltre le piu' forti aree italiane, e oggi puo' guardare negli occhi le piu' dinamiche regioni europee''.

 

( gs /24.04.07)

+T -T
Formigoni-Turco su ticket specialistica

(regioni.it) Il ministro della Salute Livia Turco si dice ''istituzionalmente indignata'' per le critiche della regione Lombardia sul ticket sanitario da 10 euro deciso con la Finanziaria. Risponde Formigoni: “parole non degne di un ministro''.

''Sono istituzionalmente indignata come donna di governo - ha detto la Turco - per la campagna che e' stata fatta sui ticket in questa regione, una regione che dai ticket ricava 850 milioni di euro e in cui l'85% dei ticket che pagano i cittadini sono stati messi dal governo Formigoni''. Dunque secondo il ministro ''non e' consentito - ha aggiunto - a chi ha messo altissimi ticket in questa regione di fare una campagna forsennata contro una misura chiesta dalle regioni al governo nazionale''. Una misura, fra l'altro, che sara' tolta. ''Ai cittadini lombardi dico: 'Gia' dalla prossima Finanziaria i 10 euro non li pagherete piu'.

Comunque e' una vergogna - ha ribadito la Turco - che su un ticket sulla specialistica, che ammetto e' stato iniquo e toglieremo, sia stata fatta una campagna di questo tipo. Sono veramente molto indignata: lo dico sul piano del rigore istituzionale''.

Ribatte Formigoni: ''spiace dirlo ma il ministro Turco, che dovrebbe vergognarsi e fare ammenda, ha scatenato un attacco a freddo alla Regione Lombardia e a chi la governa, basato sulla falsificazione della realta' e delle cifre. Forse perche' male informata, ma certo con parole non degne di un ministro''.

''Le entrate da ticket in Regione Lombardia – aggiunge il presidente della regione Lombardia - non sono di 850 milioni l'anno come dice il ministro, ma di 606 milioni. E soprattutto e' del tutto falso e offensivo affermare, come fa il ministro, che l'85% del ticket e' messo dal Governo Formigoni. Il ministro Turco dovra' ritrattare questa affermazione infondata. I ticket sanitari attribuibili a Regione Lombardia ammontano a 150 milioni di euro, e cioe' al 25% delle entrate complessive da ticket. Gli altri ticket sono tutti imputabili a normative nazionali''.

''Noto fra l'altro ancora con dispiacere - afferma Formigoni - che il ministro ha voluto iniziare la sua campagna elettorale a favore del centrosinistra venendo a fare le pulci a una delle Regioni piu' virtuose d'Italia, mentre continua a tacere sull'inaccettabile regalo da lei fatto alle Regioni in extradeficit, come il Lazio, a cui ha graziosamente donato 3 miliardi di euro''.

''Ricordo ancora – sottolinea Formigoni - che la Regione Lombardia riceve un finanziamento pro capite sul Fondo sanitario inferiore alla quasi totalita' delle Regioni italiane, e cio' nonostante e' tra le pochissime Regioni con i conti in pareggio. Sarebbe bene che il ministro Turco non dimenticasse questi dati e si proponesse invece di modificarli con una adeguata azione di governo''.

Infine il Veneto è intervenuto sul ticket di 10 euro da specialistica con un'apposita delibera che entrerà in vigore dal prossimo mese di giugno.

''Il cittadino, con l'introduzione di questo balzello, ha intensificato il ricorso alla sanita' privata - ha osservato l'assessore alla sanità del Veneto, Flavio Tosi -, provocando ''una perdita secca di almeno un milione e mezzo di euro al mese per la sanita' pubblica'' per mancate prestazioni; ''quindi - ha ribadito Tosi - andiamo a recuperare delle risorse che finiscono inevitabilmente nella sanita' privata''.

La delibera approvata prevede, comunque, che il cittadino non esente paghi la quota fissa di 10 euro per le prestazioni che superano i 36,15 euro; se il Governo modifichera' il ticket riducendolo da 10 a 3,5 euro, Tosi ha dichiarato che ''la delibera prevede l'adeguamento automatico dell'elenco delle prestazioni coinvolte''.

( giuseppe schifini /24.04.07)

+T -T
Salute: un opuscolo aiuta i bambini a conoscere i cani

(regioni.it) La Direzione generale della sanità animale e del farmaco veterinario del Ministero della Salute ha realizzato (in collaborazione con la Redazione del Portale del Ministero) un opuscolo dal titolo “eloquente”:  BAU, GRRR, SLURP – consigli a quattro zampe per diventare amici”. La pubblicazione è rivolta principalmente ai bambini dai 4 ai 12 anni e ai loro genitori. Presenta alcuni pratici consigli per un corretto comportamento con il miglior amico dell'uomo, al fine di ridurre i rischi per i più piccoli, aumentare il benessere dei cani e valorizzare il rapporto uomo-animale. Dal sito del Ministero è possibile scaricare l'opuscolo a colori da distribuire ai bambini oppure le singole vignette in bianco e nero da colorare. Altri link sul tema: Anagrafe Canina Nazionale ; Benessere degli animali; Abbandono e randagismo; Viaggiare con gli animali; Pet therapy.

(sm/24.04.07)

+T -T
Formigoni e la "via lombarda" alle infrastrutture

(regioni.it) Sembra delinearsi una “via lombarda” per le infrastrutture della Regione, anche grazie ad una sinergia fra il Governo centrale e quello regionale e al lavoro del Ministro Di Pietro che Roberto Formigoni (in un’intervista rilasciata a Il Sole 24 ore) definisce “ottimo”. La “via lombarda” è tracciata con la Costituzione di un’Anas regionale: “la principale finaltità di Cal, la nuova società partecipata da Anas e Infrastrutture lombarde Spa – spiega il Presidente della Lombardia – è quella di governare in modo più dinamico ed effiace le procedure, agevolando la realizzazione delle infrastrutture con l’obiettivo di garantire costi e tempi certi”.

Per quando riguarda infine l’aeroporto di Malpensa, “un hub fondamentale per Alitalia e viceversa” – si sta lavorando per migliorare l’accessibilità ferroviaria e stradale, “per un costo complessivo di 5,5 miliardi”: l’avvio dei lavori è previsto per il 2008.

(sm/24.04.07)

+T -T
Link: portale cooperazione allo sviluppo

(regioni.it) Dal 5 aprile 2007 è attivo il nuovo Portale della Cooperazione italiana allo sviluppo del Ministero degli esteri. Il sito – secondo quanto riportato dalla newsletter di Palazzo Chigi - è redatto in quattro lingue (italiano, francese, spagnolo e inglese) ed è dedicato alle iniziative in programma  nei Paesi in via di sviluppo, alle aree tematiche d'intervento, ai partner internazionali, alle news e agli approfondimenti.

Sul sito l'attività della Cooperazione può essere seguita attraverso gli "speciali" e le "news" pubblicate in home page, oppure nelle sezioni: Eventi; Obiettivi del Millennio; Interventi di emergenza; Forum sulla Cooperazione; Best practices (Buone pratiche della cooperazione italiana); "Linee guida della Cooperazione italiana". I servizi informativi sono completati da una newsletter, che raccoglie le notizie più importanti pubblicate on line, suddividendole in cinque rubriche: Notizie; Eventi; "Bandi"; "Ricerca partner"; "Bacheca della attività". Il sito si configura anche come utile strumento di lavoro a disposizione delle Regioni – si legge sempre sulla newsletter del Governo - potendo agevolare le attività tra operatori spesso dislocati in aree geografiche diverse; all'interno di un'apposita area riservata, infatti, è possibile incontrarsi virtualmente per riunioni di lavoro, inserire e prelevare documenti, scambiarsi informazioni.

(red/24.04.07)

+T -T
Sviluppo: Quaderno congiunturale territoriale

(regioni.it) On line sul sito del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dello sviluppo economico il “Quaderno congiunturale territoriale” (pubblicato con cadenza trimestrale) di Aprile 2007. Il documento raccoglie le analisi congiunturali territoriali delle principali variabili economiche:Clima i fiducia delle imprese e dei consumatori ; Imprese ;Esportazioni ; Mercato del lavoro ; Prezzi; Commercio al dettaglio; Turismo; Credito.

Il “rapporto” contiene anche  alcune informazioni strutturali allargate ai paesi europei. I dati sono elaborati a livello di ripartizione (Nord Ovest, Nord Est, Centro, Mezzogiorno) e, in alcuni casi, fino al dettaglio regionale.

(red/24.04.07)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top