Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 988 - giovedì 6 settembre 2007

Sommario3
- Muore Pavarotti: cordoglio dalle Regioni italiane
- Famiglia: in Gazzetta la ripartizione dei fondi
- Settembre: le scuole riaprono i battenti
- Vendola a Prodi e Berlusconi: basta risse politiche, dov'è discussione reale sul Sud?
- Marche: un motore per la pace nel Mediterraneo
- Iorio: Molise vieterà caccia in aree incendiate

+T -T
Muore Pavarotti: cordoglio dalle Regioni italiane

(regioni.it) Il Presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, ha inviato alla famiglia di Luciano Pavarotti un telegramma nel quale, anche a nome della Giunta regionale, esprime il proprio cordoglio. “Con Pavarotti - scrive Errani - ci ha lasciato uno dei grandi maestri della musica, una personalità eccezionale nel mondo della cultura, ambasciatore dell'Italia e della Regione Emilia-Romagna, terra che ha avuto l'onore di fargli da casa. Gli dobbiamo molto, con lui le note delle grandi opere sono entrate in tutte le nostre case. Per noi è e resterà sempre uno dei grandi simboli dell'Italia nel mondo. Alla famiglia desidero porgere sentite condoglianze a nome mio personale e della Giunta regionale”.

Messaggi di cordoglio anche dal Gian Mario Spacca, Presidente della Regione Marche (Luciano Pavarotti, dice Spacca, va considerato come ''un marchigiano d'adozione''), dal Presidente della Regione Siciliana, Salvatore Cuffaro (Con Pavarotti scompare la 'voce italiana' dell'opera lirica) e dal presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo (.e' tutto il mondo a piangerlo perche' in tutto il mondo lui aveva portato quella magnifica voce, quel meraviglioso dono che era in grado di esprimere i sentimenti e la forza di una personalità e di un'umanità uniche).

§         www.ilmessaggero.it. E' morto Luciano Pavarotti. «Una vita per la musica è spesa meravigliosamente»

§         www.corriere.it.Il testamento artistico pubblicato alcuni mesi fa sul suo sito. «Ricordatemi come cantante d'opera»

§         www.repubblica.it . Luciano Pavarotti è morto. "Ricordatemi come cantante d'opera"

(red/06.09.97)

+T -T
Famiglia: in Gazzetta la ripartizione dei fondi

(regioni.it) Il decreto di ripartizione del Fondo delle politiche per la famiglia è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 23 agosto 2007. A renderlo noto è la newsletter di Palazzo Chigi. Le risorse per l'anno 2007 ammontano, nel complesso, a 220.000.000 di euro. Il Fondo è, tra l'altro, finalizzato a: realizzare il primo Piano nazionale per la famiglia; promuovere e organizzare una Conferenza nazionale sulla famiglia; finanziare iniziative che puntano a favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro; qualificare il lavoro delle assistenti familiari, per bambini, disabili, anziani, non autosufficienti; realizzare un Piano di riorganizzazione dei consultori familiari; rilanciare e sostenere le adozioni internazionali; sperimentare e incentivare iniziative di risparmio per le famiglie numerose (con quattro o più figli) sul costo dei servizi (energia, gas, acqua, ecc.); istituire e finanziare l’Osservatorio nazionale sulla famiglia; rafforzare la lotta alla pedofilia con il sostegno all’attività dell’Osservatorio nazionale per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile; rilanciare il ruolo e le funzioni dell’Osservatorio nazionale per l’infanzia e del Centro nazionale di documentazione e di analisi per l’infanzia. Dal dossier pubblicato sul sito del Governo:Finalità del Fondo ; Interventi finanziati ; Finanziaria 2007 (stralcio norme sulla famiglia) ; Decreto di ripartizione del Fondo

(red/06.09.07)

+T -T
Settembre: le scuole riaprono i battenti

(regioni.it) Per gli studenti della Lombardia, del Molise, del Piemonte, del Veneto, della Valle d'Aosta e della Provincia di Bolzano, il 10 settembre 2007 sarà il primo giorno di scuola dell'anno scolastico 2007-2008. Secondo i calendari scolastici regionali – di cui da notizia la newsletter di Palazzo Chigi - saranno infatti proprio i ragazzi di queste Regioni i primi a cominciare il prossimo anno scolastico. L'11 settembre sarà il turno degli studenti dell'Umbria, il 12 di quelli del Friuli Venezia Giulia e della Provincia di Trento, mentre il 13 riapriranno i battenti le scuole della Basilicata, del Lazio, e della Toscana. A seguire tutte le altre Regioni. Diversificate anche le chiusure degli istituti. Si va infatti dal 6 giugno 2008 del Molise al 14 giugno 2008 dell'Abruzzo e della Provincia autonoma di Bolzano. Nella maggior parte delle Regioni comunque le scuole chiuderanno il 7 giugno 2008. Il calendario scolastico nazionale, ordinanza del 4 luglio 2007 del Ministro della Pubblica Istruzione, fissa invece la data, 18 giugno 2008, dell'inizio degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore e il calendario delle festività a rilevanza nazionale.

(red/06.09.07)

+T -T
Vendola a Prodi e Berlusconi: basta risse politiche, dov'è discussione reale sul Sud?

(regioni.it) “Basta con le risse politiche": e' questa la prima cosa che il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, chiederà al capo del governo, Romano Prodi, e, se verrà, al capo dell' opposizione, Silvio Berlusconi, in occasione della cerimonia di inaugurazione, l’8 settembre, della 71/a edizione della Fiera del Levante di Bari. Vendola ne ha parlato oggi in un incontro con i giornalisti  tenuto insieme col Presidente della Fiera del Levante, Cosimo Lacirignola, per presentare la campionaria.

“E' una cosa - ha detto Vendola - che mi piacerebbe dire alla politica a 360 gradi: il tasso di rissosità nella contesa politica e' inversamente proporzionale alla conoscenza dei problemi della nostra società”. ''Quanto più si innalza il livello di decibel, quanto più la girandola delle contumelie occupa lo spazio pubblico, tanto meno - ha detto Vendola - si ha la percezione dei problemi reali del Paese. Questo fenomeno di una politica che si attorce, con quella che ebbi modo di chiamare una sorta di guerra civile simulata e permanente, ha effetti negativi non solo a Roma, ha effetti negativi su tutto il territorio, fino all' ultimo lembo di periferia''.

“Credo che noi - ha aggiunto il presidente della Regione Puglia - abbiamo bisogno non di meno conflitti: abbiamo bisogno, se vogliamo, di più conflitti dentro la politica ma di più conflitti che riguardino la diagnosi profonda dei mali della nostra società, il confronto tra le risposte, fra le ricette, tra le terapie, tra le strategie, un confronto alto”. In questa stagione c'e' - secondo Vendola - ''una miseria della politica”. Per Vendola, “questo continuo posizionamento ritorsivo e polemico che e' una specie di reciproca gogna mediatica, fa scomparire il Paese”. “Dov'e' nel dibattito politico nazionale - si è chiesto Vendola - una discussione reale sul Sud d' Italia, sui suoi problemi, dov'e' una discussione approfondita e non occasionale su ciò che gli incendi, su ciò che il caldo ci mandano a dire e di quanto questi fattori chiedono un mutamento radicale nell'agenda politica, della cultura politica, delle conoscenze, delle competenze che devono entrare dentro la politica?''. “Francamente - ha poi detto Vendola - vivo come se fossi in apnea, dovendomi orientare quotidianamente in ingorghi di polemiche che rimbalzano anche per un' attitudine al sensazionalismo e allo scandalismo morboso del sistema informativo”. E ha concluso: ''Mettiamoci di fronte allo specchio, vediamoli senza sconti per nessuno i problemi, le contraddizioni: di questo c'e' bisogno. La rissa invece divora come un cannibale la politica intesa come sguardo libero, come alternativa di sguardi ai problemi della società.

(red/06.09.07)

+T -T
Marche: un motore per la pace nel Mediterraneo

(regioni.it) Adriatico + Mediterraneo = Pace. E’ stata promossa ad Ancona, con l'assegnazione del premio Mediterraneo di Pace a Pedrag Matvejevic, la creazione della Regione Euroadriatica istituita a Pola poco piu' di un anno fa “per fare del Mediterraneo un mare di pace, di confronto e di convivenza internazionale, condizione indispensabile per lo sviluppo delle regioni che vi si affacciano'', lo ha detto il Presidente delle Marche Gian Mario Spacca (on line sul sito della Regione Marche, fra l'altro,  le notizie relative alla Conferenza Internazionale: "Un mare di opportunità nell’Adriatico e nel Mediterraneo e il "programma definitivo). Il presidente ha sottolineato che il progetto Adriatico-Mediterraneo e' frutto dell'impegno condiviso delle istituzioni, degli istituti di ricerca, del mondo della produzione, del volontariato, delle Camere di Commercio e anche di un istituto bancario, che promuovera' una conferenza intitolata ''Ancona, Le Marche e l'Oriente'''.

Valorizzare la pace significa anche la valorizzazione dell’ambiente e quindi della tutela del territorio. E con il ministro dell'ambiente Alfonso Pecoraro Scanio il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca ha firmato inoltre ad Ancona un protocollo d'intesa da 5 milioni di euro tra ministero e Regione per la ''tutela, riqualificazione e valorizzazione'' del territorio montano. ''Ogni volta che investiamo nella difesa del suolo - ha ricordato poi Pecoraro Scanio - spendiamo cento volte meno rispetto a quando invece c'e' qualche problema. Ora si lavorera' pensando non soltanto alla messa in sicurezza ma anche alle condizioni ambientali, alla qualita'''. Per Spacca: ''si tratta di un'operazione importante, che si inscrive nella strategia di valorizzazione ambientale del nostro programma di governo. L'obiettivo - ha detto - e' rivitalizzare le aree dell'entroterra e fare anche un'azione di prevenzione rispetto a fenomeni come gli incendi boschivi''. Il piano, finalizzato alla riduzione del rischio idrogeologico e alla tutela, riqualificazione e valorizzazione ambientale di alcune aree montane e vallive dell'entroterra, ha una durata triennale e prevede 23 interventi - sull'intero territorio regionale - del costo totale di 5 milioni di euro. Di questi, 3,5 verranno messi a disposizione dal ministero, mentre i restanti 1,5 saranno a carico della Regione.

(red/05.09.07)

+T -T
Iorio: Molise vieterà caccia in aree incendiate

(regioni.it) La Regione Molise si appresta a vietare la caccia nelle aree devastate dagli incendi. "Abbiamo avviato le necessarie procedure per individuare, delimitare e quantificare le aree dilaniate dagli incendi al fine di avere prontezza dei danni subiti e per attivare le procedure necessarie per l'apposizione dei vincoli relativi al divieto di caccia. Questo accogliendo le richieste da più parti pervenuteci e in particolare dagli esponenti del WWF". Lo ha detto il Presidente della Regione Michele Iorio a seguito delle sollecitazioni avute per impedire la pratica della Caccia nelle zone interessate dagli incendi verificatosi nel corso di questa estate. "Per settembre –ha detto ancora il Presidente Iorio- saremo in grado di fornire una mappatura dettagliata del fenomeno che andrà incontro anche alle istanze del Consiglio Regionale".

Il Presidente Iorio ha poi sottolineato come la Regione sia impegnata ad attuare in ogni sua parte quelle che sono le previsioni dalle legge nazionale che prevede il vincolo di inedificabilità sui terreni bruciati.

(red/06.09.07)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top