Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 994 - venerdì 14 settembre 2007

Sommario3
- Conferenza Regioni il 20 settembre
- Ici: numeri a confronto
- Formigoni su Malpensa-Ryanair
- Tommasi su cambiamenti climatici
- Sanità: contratti; Comitato di settore il 19
- Codice delle autonomie: Senato esamina emendamenti

+T -T
Conferenza Regioni il 20 settembre

(regioni.it) E’ convocata la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per giovedì 20 settembre 2007 (ore 10.30 - Via Parigi, 11 – Roma) con il seguente Ordine del giorno:

1) Approvazione resoconti stenografici delle sedute del 31 luglio e 1 agosto 2007;

2) Comunicazioni del Presidente;

3) Esame questioni all'o.d.g. della Conferenza Unificata;

4) Esame questioni all'o.d.g. della Conferenza Stato - Regioni;

5) Inizio del dibattito per la definizione della posizione delle Regioni in merito alla predisposizione della Legge Finanziaria 2008;

6) COMMISSIONE AFFARI COMUNITARI E INTERNAZIONALI – Regione Piemonte

Modalità di attuazione dell’Accordo generale di Cooperazione tra Stato Regioni e Province autonome del 16 marzo 2006 – Punto all’esame della Commissione nella riunione del 19 settembre 2007;

7) COMMISSIONE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE – Regione Calabria

Questioni inerenti alla elaborazione della Carta della Natura e alla individuazione delle “ Important plant area” . Mancato coinvolgimento delle Regioni e Province Autonome - Richiesta del Presidente della Provincia autonoma di Trento ai sensi del Regolamento della Conferenza art. 4, comma 3;

8) COMMISSIONE POLITICHE SOCIALI – Regione Veneto

Considerazioni in merito alla Direttiva del Ministro della solidarietà sociale di concerto con il Ministro per i diritti e le pari opportunità relativa all’individuazione degli obiettivi, delle priorità e delle linee guida generali in ordine alle modalità di utilizzo del Fondo per l’inclusione sociale degli immigrati di cui all’art.1 commi 1267 e 1268 della legge 296/2006 (finanziaria 2007) ed all’avviso del Ministro per i diritti e le pari opportunità per il finanziamento di progetti volti alla prevenzione ed al contrasto delle pratiche di mutilazione genitale femminile di cui agli artt. 2 e  3, comma 2, della legge n. 7/2006 – Punti all’esame della Commissione del 17 settembre 2007;

9) COMMISSIONE ISTRUZIONE, LAVORO, INNOVAZIONE E RICERCA – Regione Lazio

Schema di Accordo, da sancire in sede di Conferenza Stato-Regioni, per la calendarizzazione dei periodi di attività e di relativa sospensione delle attività scolastiche, per favorire l’accessibilità alla vacanza nel corso dell’anno e promuovere l’offerta turistica italiana. - Punto esaminato dalla Commissione nella riunione del 19 luglio 2007);

10) COMMISSIONE ATTIVITA’ PRODUTTIVE – Regione Marche

Procedura d’infrazione 2004/4365 ex art. 226 del Trattato CE. Normativa italiana sulla gestione degli impianti di distribuzione di carburanti – Punto esaminato dalla Commissione nella riunione del 26 luglio 2007;

11) Varie ed eventuali.

 

SEDUTA RISERVATA

 

12) DESIGNAZIONI

 

12a) Consiglio di Amministrazione dell’Istituto per il credito sportivo, ai sensi dell’art. 1, comma 1297, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 “Finanziaria 2007”: ricostituzione – un rappresentante della Conferenza Unificata;

12b) Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Unione Europea (ITALRAP): rinnovo del mandato di un esperto delle Regioni ai sensi dell’art. 168 del D.P.R. 18 del 1967 e dell’art. 58 della legge 52 del 1996 - Punto esaminato dalla Commissione nella riunione del 31 luglio 2007.

+T -T
Ici: numeri a confronto

(regioni.it) E’ previsto il passaggio entro il 3 ottobre delle funzioni catastali ai Comuni. Ciò consentira' agli enti locali di recuperare risorse dal gettito, e in particolare dall'Ici evasa.

Intanto si danno un po’ di “numeri” su questa tassa sugli immobili. In particolare vediamo gli ultimi dati dell'Ifel e dell’Ancot che riguardano il presente e i possibili sviluppi dell’Ici.

Secondo l'Ifel (Anci) se in tutti i comuni italiani si e' registrata una generale riduzione dell'Ici sull'abitazione principale, ponderata sul numero degli abitanti, con una diminuzione rispetto al 2006 dell'1,56%, sono stati i cittadini residenti nel Lazio ad aver beneficiato delle riduzioni piu' consistenti (-3,38%), seguiti da quelli dell'Abruzzo (-3,35%). Significative, sottolinea il rapporto Ifel 2007, anche le variazioni in Lombardia, dove l'imposta e' calata del 2,77%, e nel Friuli Venezia Giulia (-2,73%), mentre nelle altre regioni la diminuzione e' stata meno incisiva, come dimostrano ad esempio le flessioni registrate in Emilia Romagna (-0,90%) o in Sicilia (-0,41%). In controtendenza la Valle d'Aosta, con un incremento dello 0,49%, e la Basilicata (+0,20%).

Guardando ai singoli comuni si nota che la citta' in cui l'Ici e' diminuita maggiormente e' Trieste (-8,55%), seguita da Pescara (-4,89%), Grosseto (-4,84%), Pesaro e Urbino (-4,57%). In flessione anche l'aliquota versata dai cittadini di Roma (-4,48%), Ferrara (-4,21%) e Milano (-4,12%).

Se nel 2007 l'aliquota media Ici sulla prima casa si e' ridotta dell'1,56%, il prelievo fiscale sugli altri immobili, come fabbricati e terreni agricoli, e' cresciuto dello 0,78%. In particolare, rispetto al 2006, hanno ritoccato verso l'alto l'imposta soprattutto i comuni di Puglia (+2,06%), Sardegna (+1,73%), Abruzzo (+1,57%) e Liguria (+1,49%). Al contrario le differenze minori si sono registrate nei municipi di Campania (+0,30%), Molise e Calabria (+0,32%), Friuli Venezia Giulia (+0,33%), Toscana (0,45%) ed Emilia Romagna (+0,59%).

Dall'analisi delle aliquote ordinarie per regioni emerge, sempre secondo l'Ifel, che "in  molte di esse nel 2007 il numero dei comuni che ha deliberato un'aliquota massima tra il 6 e il 7 per mille, non e' aumentato" , con soli 189 municipi italiani che hanno applicato l'Ici del 7 per mille.

Mentre l'eventuale compensazione dell'Ici – argomento in discussione da qualche mese all’interno del Governo - con un taglio all'Irpef (promosso dall’Anci) premierebbe soprattutto gli abitanti della Liguria i quali hanno un gettito Ici pro capite superiore al resto d'Italia. Il calcolo, che fa seguito alla possibile introduzione della misura in Finanziaria, e' dell'Ancot, l’assoziazione dei tributaristi, secondo cui ogni ligure ha pagato per l'Ici nel corso del 2005 ben 288 euro. Analizzando le varie situazioni regionali emerge che dopo la Liguria in graduatoria figurano gli abitanti della Valle d'Aosta con una quota pro capite di Ici pagata pari a 270 euro mentre a 262 euro figurano i contribuenti dell'Emilia Romagna.

A completare la classifica sono: Lazio (258 euro), Toscana (228 euro), Piemonte (203 euro), Lombardia (193 euro), Veneto e Friuli Venezia Giulia (181 euro), Trentino Alto Adige (159 euro), Umbria (155 euro), Marche (151 euro), Abruzzo (146 euro), Molise (124 euro), Puglia (121 euro), Sardegna (112 euro), Campania (106 euro), Sicilia (93 euro), Basilicata (83 euro) e Calabria (74 euro). Queste ultime regioni sono ben al di sotto della media nazionale che si attesta a 174 euro di Ici pagata da ciascun cittadino italiano.

Analizzando la situazione nelle principali citta' italiane emerge che la quota pro capite piu' elevata per quanto riguarda il pagamento dell'Ici interessa i fiorentini. Nel capoluogo toscano infatti, ogni abitante paga 365 euro mentre a Roma la quota pro capite e' di 361 euro e a Bologna di 355 euro. A seguire troviamo: Milano dove ogni abitante paga 309 euro per l'Ici, Torino (292 euro), Genova (266 euro), Bari (237 euro), Venezia (234 euro), Trieste (233 euro), Cagliari (196 euro), Catania (166 euro), Napoli (163 euro), Palermo (95 euro),

Messina (83 euro).

Infine saranno conclusi dal presidente del consiglio, Romano Prodi, i lavori della ''Conferenza nazionale sulle politiche abitative'' che si terra' giovedi' prossimo 20 settembre presso l'aula magna della Luiss.

14/09: ENTI LOCALI: DOMENICI, LAVORARE A NUOVO PATTO GOVERNO-COMUNI =

 14/09: FISCO. ICI: GOVERNO AL LAVORO, INTANTO I COMUNI TAGLIANO

14/09: (LZ) FOCUS/REGIONI. ICI: IL GOVERNO ASPETTA, I COMUNI TAGLIANO

 

(red/14.09.07)

+T -T
Formigoni su Malpensa-Ryanair

(regioni.it) “Proposta interessante ma non sufficiente”. E’ il titolo di un’intervista a “la Repubblica” del presidente della regione Lombardia Roberto Formigoni a commento dell'offerta di Ryanair per lo scalo di Malpensa.

"E' la conferma di quanto andiamo ripetendo da giorni: e' la dimostrazione che una compagnia ben gestita non si lascia sfuggire l'occasione di prendere i posti che Alitalia  lascera' liberi a Malpensa. Ed e' l'ennesima conferma del suicidio  economico di Alitalia".

"Quella di Ryanair e' una proposta interessante -dice Formigoni-perche' fara' crescere tutto il sistema degli scali del Nord, non soloMalpensa e Orio". "Certo -aggiunge il governatore- non e' sufficiente per colmare il buco di Alitalia, perche' non copre le rotte intercontinentali. Avremo bisogno anche di altre proposte. So per certo che ci sono altri contatti che in questo momento non voglio e non posso anticipare".

Formigoni, inoltre, intervenendo anche sul mancato elenco da parte di Alitalia dei voli che verranno trasferiti a Fiumicino e sullapossibilita' che il tempo stia scorrendo solo in attesa che si concludano le trattative per la cessione dell'azienda, afferma ancora:

"Se cosi' fosse sarebbe una scorrettezza senza pari. Lo posso accettare da Alitalia ma non dal Governo che ha una doppia responsabilita': come azionista di controllo e come ente regolatore. E' il silenzio di Prodi ad essere inaccettabile".

Formigoni ha poi scritto una lettera a Prodi per poter partecipare alla riunione del Consiglio dei ministri dedicata ad Alitalia, appellandosi alla legge 11 del 2005, Formigoni  chiede di prendere parte all'incontro poiche' si parlera' di temi che riguardano da vicino la Lombardia e l'aeroporto di Malpensa.

"Ho compiuto questo passo - spiega Formigoni- per porre fine al silenzio del Governo, che ormai e' di una lunghezza inaccettabile. Il diritto di volare deve essere uguale per tutti i cittadini e sta al Governo garantirlo. In queste due settimane tutti, anche vari ministri, hanno espresso il loro parere, tranne il Governo". La mancanza di risposte da parte di Roma secondo Formigoni "e' irresponsabile poiche' la decisione di Alitalia avra' ricadute pesanti sull'intero Paese".

(red/14.09.07)

+T -T
Tommasi su cambiamenti climatici

(regioni.it) Le Regioni sono a lavoro sull’ambiente e in particolare pianificano interventi sull’emergenza clima. "Occorre adottare azioni di intervento responsabili e una sostanziale inversione di tendenza per scongiurare il pericolo ambientale, legato ai cambiamenti climatici, a cui stiamo andando incontro". Lo ha detto l'assessore all'ambiente della Regione Calabria, Diego Tommasi, coordinatore nazionale della Conferenza delle Regioni della Commissione Ambiente, partecipando a Roma alla conferenza sul clima.

"Come Regioni - ha spiegato Tommasi - stiamo investendo energie e risorse su una programmazione tesa alla salvaguardia e al recupero del suolo e delle nostre coste. I governi regionali, in questo processo di riconversione, devono svolgere un ruolo primario, non solo in termini di indirizzi politico amministrativo e di sviluppo sostenibile, ma anche nella sperimentazione coraggiosa dell'impiego di nuove tecnologie a servizio dell'ambiente, nella stessa misura in cui contribuiscono allo sviluppo economico e sociale di un territorio e di quella comunita' ".

Serve anche un piano nazionale integrato delle coste. Tommasi ha anche proposto "l'istituzione di un Comitato scientifico per la ricerca sugli effetti del clima in Calabria e un Comitato tecnico per l'individuazione di proposte di intervento da attuare, toccando anche il campo della formazione, attraverso master che formino veri esperti di questa delicatissima materia, trasferendo cosi' competenze alle pubbliche amministrazioni, chiamate a predisporre gli interventi".

(red/14.09.07)

+T -T
Sanità: contratti; Comitato di settore il 19

(regioni.it) Il Comitato di Settore delle Regioni per il Comparto sanita' ha rinviato al 19 settembre la prosecuzione dei lavori sul rinnovo dei contratti sanità. Lo ha reso noto il presidente del Comitato, Romano Colozzi, assessore alle Finanze della regione Lombardia.

Si dà modo così ai tecnici del Comitato di approfondire alcuni aspetti relativi alle tabelle riferite al monte salari, che sono state trasmesse ad agosto dal Ministero dell'Economia.

Nel corso della riunione del 13 settembre sono stati quindi esaminati tutti gli aspetti e le problematiche legati all'emanazione degli atti di indirizzo per il rinnovo dei contratti dei medici e del personale del comparto.

Pertanto il Presidente Colozzi per completare la discussione ha gia' convocato una nuova seduta del comitato per mercoledi' prossimo, 19 settembre, a Roma.

Colozzi sottolinea e ribadisce, infine, l’attenzione e l’interesse delle Regioni “affinche' i principali protagonisti della sanita' pubblica, i lavoratori, abbiamo un nuovo contratto”.

 

(red/14.09.07)

+T -T
Codice delle autonomie: Senato esamina emendamenti

(regioni.it) Sono stati pubblicati sul sito del Senato e ripresi nella sezione “inParlamento” di www.regioni.it gli emendamenti finora presentati al cosiddetto “Codice delle autonomie”, si tratta di un disegno di legge delega per l’attuazione di un aspetto dell’articolo 117 della Costituzione, quello relativo alla “legislazione elettorale, organi di governo e funzioni fondamentali di Comuni, Province e Città metropolitane”. Il Ddl è all’esame della I Commissione del Senato.

I link:

Ø       Delega al Governo per l’attuazione dell’articolo 117, secondo comma, lettera p), della Costituzione e per l’adeguamento delle disposizioni in materia di enti locali alla legge costituzionale n. 3 del 2001;

Ø       EMENDAMENTI - Delega al Governo per l’attuazione dell’articolo 117, secondo comma, lettera p), della Costituzione e per l’adeguamento delle disposizioni in materia di enti locali alla legge costituzionale n. 3 del 2001

(red/14.09.07)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top