Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 995 - lunedì 17 settembre 2007

Sommario
- Bassolino, Loiero e Vendola: ma quale flop ?
- Codice delle autonomie: la discussione in Parlamento
- Umbria-Marche: si rafforza asse viario
- Fondo politiche sociali in Gazzetta ufficiale
- 20 settembre: Conferenza Unificata
- 20 settembre: Conferenza Stato-Regioni

+T -T
Bassolino, Loiero e Vendola: ma quale flop ?

(regioni.it) Ha suscitato un certo dibattito e puntuali osservazioni e repliche l’inchiesta pubblicata sul “CorrierEconomia” del 10 settembre 2007 e intitolata “Sud, il flop dei governatori rossi”. In quella occasione Giuseppe Sarcina aveva scritto delle “tante responsabilità”, “disperse nel tempo” e nello “spazio istituzionale” (dal Governo centrale ai comuni), e aveva puntato l’indice rispetto ad una classe dirigente contraddittoria o,nel migliore dei casi, velleitaria. Così, secondo l’articolista, per quello che riguarda i rifiuti in Campania, l’acqua in Puglia  e il racket in Calabria “i sentimenti di attesa, di partecipazione si sono trasformati in delusione, in scoraggiamento”.

Non si sono fatte attendere le risposte dei Presidenti di Regione chiamati direttamente o indirettamente in causa, tanto che il “CorrierEconomia” ha dovuto ospitare la settimana dopo, il 17 settembre, gli articoli di Antonio Bassolino, Agazio Loiero e Nichi Vendola.

“Da commissario (rifiuti, ndr) – ha scritto Bassolino – non ho mai avuto un euro” e “in un Paese spesso tenuto in ostaggio dal “partito dei no” ho sempre fatto parte del “partito del si”. In Campania mi sono battuto per realizzare un moderno ciclo industriale dei rifiuti, fatto di differenziata, di discariche efficienti, di temovalorizzattori”. “Continuo a lavorare – ha concluso il Presidente della Campania – ogni giorno assieme all’attuale Commissario Pansa per aprire il termovalorizzatore di Acerra, far aumentare la differenziata e dotare la Campania finalmente un ciclo di gestione dei rifiuti moderno e adeguato alle esigenze della nostra comunità”.

Quanto al problema sicurezza in Calabra, Loiero ricorda che “le competenze della regione sono marginali. Legalità e sicurezza però – sottolinea il Presidente della Calabria – sono precondizione allo sviluppo e per questo l’impegno è andato oltre tali competenze. Basti dire che, dopo esserci costituiti parte civile in tutti i processi di ‘ndrangheta con la prima delibera prodotta dalla giunta che presiedo abbiamo firmato un “patto per la sicurezza” con il Ministero degli interni e abbiamo dato noi, regione non certo ricca, la somma di 5 milioni di euro per potenziare il dispositivo di controllo di polizia in aree delicate”. Loiero ha poi ricordato di aver “richiesto la copertura totale dei vuoti e il rafforzamento degli organici della magistratura  e delle forze dell’ordine, il potenziamento delle norme antiriciclaggio, la necessità di norme per un reale utilizzo dei beni confiscati, l’abolizione del patteggiamento in appello per i reati di mafia, una task force contro i subappalti mafiosi”.

Nichi Vendola ha contestato a fondo l’intera impostazione dell’inchiesta del “CorrierEconomia” che ha fornito “un’immagine grottesca e caricaturale” del governo pugliese, dimenticando che è invece in atto “una ripresa importante dell’economia pugliese: un aumento del Pil (+ 1,7%) che è superiore alla media meridionale”, non valutando la “nascita dei tre poli strategici: nell’agroalimentare, nella meccatronica, nelle nanotecnologie”, scordando, infine, la nascita della “Film commision con ben 9 produzioni cinematografiche”. Quanto all’acquedotto – scrive Vendola – “abbiamo ereditato un’aziende che nel 2005 non aveva appaltato le gare sulla ricerca perdite”, mentre oggi ci sono appalti aggiudicati e cantieri aperti, il tutto difendendo “il carattere pubblico dell’azienda acquedottistica”. Infine “è stupefacente, oltre che falso, attribuire a me – afferma Vendola – quel dissesto finanziario e quel pesantissimo mutuo (con interessi stratosferici che noi stiamo  ricontattando con le banche) che risalgono all’inizio degli anni Novanta”.

(red/17.09.07)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top