Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 999 - venerdì 21 settembre 2007

Sommario
- Finanziaria: martedì Conferenza e poi incontro con il Governo
- Regioni, Province e Comuni: lavoro condiviso sulla Finanziaria
- Istituzione del Parco Nazionale della Val d’Agri
- Malpensa: primo incontro Presidenti Regioni Nord
- Ambiente: cambiano criteri per zone di protezione speciale
- Terremoto Marche-Umbria: in 10 anni il 90% di ricostruzione

+T -T
Ambiente: cambiano criteri per zone di protezione speciale

(regioni.it) Esprimo grande soddisfazione per il parere positivo espresso dalla Conferenza Stato-Regioni del 20 settembre sul decreto che stabilisce norme per la tutela delle Sic (siti di importanza comunitaria) e Zps (zone di protezione speciale)". Lo dichiara il ministro dell'Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, dopo che la Conferenza Stato-Regioni, questo pomeriggio, ha dato parere favorevole al decreto proposto dal ministero dell'Ambiente che individua criteri minimi di conservazione sulle aree naturali protette ai sensi delle direttive comunitarie Habitat e Uccelli. Secondo Pecoraro è "un passo importante che consentirà anche al nostro Paese di garantire con equilibrio il rapporto tra la tutela ambientale e le attività umane. Si avvia così a conclusione- prosegue il ministro- un processo che dura da anni e che finalmente fornirà anche all'Italia uno strumento di tutela naturale al pari dei paesi europei più avanzati”.  Il provvedimento riguarda oltre 500 zone di protezione speciale e di quasi 3.000 siti di importanza comunitaria (Sic), per i quali sono state individuate una serie di misure per agricoltura, infrastrutture, impianti, attività venatoria, cave e discariche. Le misure previste dal decreto sono il frutto di un lungo confronto con le regioni, che ha portato a un testo “largamente condiviso- dicono dal ministero dell'Ambiente - elaborato, poi, con la piena partecipazione del ministero delle Politiche agricole che potrà garantire la possibilità di utilizzo dei fondi della Comunita' europea". Pecoraro ha dato inoltre la sua disponibilità a verificare sul piano costituzionale le richieste delle Regioni e delle province autonome.E della soddisfazione del Ministero delle politiche agricole si è fatto portavoce il Sottosegretario Guido Tampieri: "L'accordo raggiunto nella Conferenza Stato-Regioni sul decreto che definisce i criteri minimi da osservare nelle zone di protezione comunitaria Sic e Zps è positivo". "Sul piano del confronto- spiega Tampieri - sottolinea la volontà di dare compiutezza, stabilità e regole certe a una tessera importante del complesso mosaico territoriale italiano, alla sua articolata unitarietà ecologica che richiede, per essere portata a sistema, un esercizio convergente delle prerogative istituzionali". Nei contenuti, aggiunge il sottosegretario alle Politiche Agricole, “il provvedimento ha ricercato un punto di equilibrio tra esigenze di tutela di habitat sensibili e attività umane compatibili, secondo un criterio di sostenibilità che rappresenta l'obiettivo e il fondamento dello sviluppo del ventunesimo secolo”.  Inoltre, prosegue Tampieri "il risultato raggiunto consente di ottemperare alle direttive comunitarie in conformità agli interessi di natura unitaria richiamati dalla Corte costituzionale”. E, conclude il sottosegretario, l'accordo “rafforza un principio di riconoscimento e legittimazione che e' alla base di un apporto plurimo e responsabile di soggetti sociali diversi alla tutela dei beni naturali minacciati da una crescita disordinata”.

Il via libera delle Regioni è stato però condizionato ad alcuni emendamenti ed è stato espresso dalla maggior parte delle Regioni con l’eccezione di Lombardia, Liguria, veneto e Sicilia che hanno invece espresso un parere negativo (per ulteriori approfondimenti cfr. Doc. Approvato - Ambiente: criteri per zone speciali conservazione e zone di protezione speciale. e Doc. Approvato - Codice ambientale: parere su correzioni e integrazioni.)

(red/21.09.07)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top