TERREMOTO, IN GU ORDINANZA RICOSTRUZIONE: LAVORI DA 110 MLN, PENALI PER RITARDI

venerdì 23 giugno 2017



PPA0003 1  PEC NG01 951 ITA0003;

 

(Public Policy) - Roma 23 giu - E' stata pubblicata in Gazzetta ufficiale l'ordinanza del commissario straordinario del Governo per la ricostruzione nei territori dei comuni delle regioni di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria interessati dal sisma del 24 agosto 2016, che attua l'articolo 2 del dl Terremoto di ottobre scorso, in merito alle funzioni del commissario straordinario e dei vice commissari.

L'ordinanza prevede che "con riguardo agli interventi di ricostruzione privata" delle case distrutte o danneggiate dal sisma di Amatrice "i provvedimenti relativi alla concessione ovvero al diniego di contributo, alla determinazione del suo importo ed alla sua revoca, nonchè i provvedimenti di decadenza dal contributo sono adottati dal presidente della Regione, in qualità di vice commissario ovvero da un suo delegato".


(Public Policy) @PPolicy_News VIC
230956 giu 2017


PPA0004 1  PEC NG01 1381 ITA0004;
TERREMOTO, IN GU ORDINANZA RICOSTRUZIONE: LAVORI DA 110 MLN, PENALI PER RITARDI-2-

 

(Public Policy) - Roma 23 giu - L'ordinanza si occupa poi di stabilire costi e penali per la ricostruzione. Viene in particolare stabilito che "gli oneri economici derivanti dall'effettuazione degli interventi" di ricostruzione "tenuto conto dell'importo presunto dei lavori, comprensivi degli oneri della sicurezza, delle somme a disposizione della stazione appaltante anche per le eventuali varianti al progetto esecutivo occorrenti, sulla base delle prescrizioni o delle modifiche richieste dalla conferenza permanente, vengono stimati in complessivi 110.000.000 di euro. Agli oneri economici cos stimati si provvede a valere sulle risorse del fondo per la ricostruzione delle aree terremotate".

Sempre nell'ordinanza si prevede che "in caso di ritardato adempimento delle obbligazioni assunte, vengono applicate penali determinate nella misura giornaliera dell'1 per mille dell'ammontare netto contrattuale, e comunque complessivamente non superiore al dieci per cento, in ragione dei termini massimi di conclusione dei lavori, come individuati dall'art. 6, comma 6, dell'ordinanza commissariale n. 14 del 16 gennaio 2017, e dalla gravità delle conseguenze derivanti da ciascun giorno di ritardo".


(Public Policy) @PPolicy_News VIC
230956 giu 2017