CAMPANIA. TUTTE LE REGIONI ACCOGLIERANNO 2 MILIONI CITTADINI ZONE ROSSE/FOTO

mercoledì 19 giugno 2019


ZCZC
DIR2739 3 CRO  0 RR1 N/POL / DIR MPHMPHMPHMPH/TXT  

CAMPANIA. TUTTE LE REGIONI ACCOGLIERANNO 2 MILIONI CITTADINI ZONE ROSSE/FOTO
FIRMATO GEMELLAGGIO PER PIANO EVACUAZIONE VESUVIO E CAMPI FLEGREI

(DIRE) Napoli, 19 giu. - "Senza drammatizzazioni, dobbiamo
prepararci con grande senso di responsabilita' ad evacuare in 12
ore oltre 2 milioni di cittadini dell'area vesuviana e di quella
flegrea. Per questo, adottiamo un modello organizzativo studiato
dalla protezione civile nazionale per la Campania che puo'
diventare un modello nazionale". Cosi' il governatore Vincenzo De
Luca ha presentato il protocollo d'intesa firmato oggi nella sala
giunta della Regione Campania dai Comuni inclusi nelle zone rosse
del Vesuvio e dei Campi Flegrei, in provincia di Napoli, e da
tutte le Regioni e province autonome d'Italia.
   Ciascuno degli enti locali inserito nel piano di evacuazione
ha stretto un vero e proprio gemellaggio con una Regione italiana
che si e' impegnata ad accogliere i cittadini evacuati nel
proprio territorio in caso di emergenza. Sono interessati dal
protocollo 1,1 milioni di cittadini residenti nelle due zone
rosse da evacuare ma a questi bisogna aggiungere anche gli
abitanti dei Comuni inseriti nelle cosiddette zone gialle per un
totale di oltre 2 milioni di persone che ciascuna delle 20
Regioni si impegna ad accogliere. La firma dell'intesa ha
coinvolto i Comuni campani interessati, i governatori della
Calabria, Mario Oliverio, e della Basilicata, Vito Bardi, il
vicepresidente del Molise, Vincenzo Cotugno, gli assessori delle
Regioni Sardegna, Gianni Lampis e del Lazio, Claudio Di Berardino
e i direttori generali e capi dipartimento delle Regioni italiane
gemellate, oltre al governatore campano Vincenzo De Luca e al
capo della Protezione civile, Angelo Borrelli.
   "Eviteremo inefficienze e problemi", ha sottolineato il
governatore della Campania, che ha parlato di un "gesto di
compartecipazione e solidarieta' che viene dall'Italia, un Paese
squinternato per tanti versi ma che durante le tragedie sa essere
generoso, solidale e partecipe. E' questa l'immagine bella
dell'Italia unita".
   "Bisogna pianificare perche' l'emergenza non si gestisce in
modo improvvisato - ha detto il capo della Protezione civile,
Angelo Borrelli -. Ora i cittadini hanno uno strumento in piu'
che e' la piattaforma di allertamento nazionale IT-Alert ma il
nostro obiettivo e' usare strumenti tecnologicamente sempre piu'
avanzate per minimizzare gli effetti di questi eventi sulla
popolazione".
   Il modello studiato dalla protezione civile prevede anche la
partecipazione di Ferrovie dello Stato ed Anas per quanto
riguarda i problemi legati alla mobilita' e da settembre "parte
un piano di comunicazione - ha annunciato il governatore De Luca
- in modo che le famiglie di tutti i Comuni possano avere un
volantino in cui e' spiegato in modo semplice dove andare in caso
di emergenza, dove sono i centri di incontro, di prima raccolta e
accoglienza finale. Ogni cittadino deve imparare a memoria queste
destinazioni. Si tratta di un tema che va preso con serieta':
questa e' una terra molto difficile e ha una densita' abitativa
unica in Italia e in Europa".
  (Nac/ Dire)
18:51 19-06-19