RAPPORTO 2005 SULLO STATO DELLA SICUREZZA IN ITALIA

lunedì 29 agosto 2005


RAPPORTO 2005 SULLO STATO DELLA SICUREZZA IN ITALIA

Il Ministro dell'Interno ha presentato, il 15 agosto scorso, il rapporto

annuale su "Lo stato della sicurezza in Italia", un’analisi qualitativa

delle azioni messe in atto per la sicurezza nazionale. Il Rapporto

2005 raccoglie i dati sull'andamento dei fenomeni criminali dell'ultimo

quadriennio (luglio 2001- giugno 2005) e li confronta, ove possibile,

con le cifre relative a quello immediatamente precedente (luglio

1997 - giugno 2001). Nel Rapporto vengono analizzati in particolare i

risultati dell’ultimo anno divisi per settore: terrorismo internazionale e

interno, criminalità organizzata e diffusa, immigrazione clandestina e

tratta degli esseri umani, ordine pubblico. In quest'ultimo settore, nel

periodo luglio 2003 – giugno 2004, si è vigilato su manifestazioni di

piazza, eventi sportivi e sono stati registrati i dati della sicurezza

stradale, con il bilancio di un anno di "patente a punti". Il Rapporto

fornisce anche l'andamento della criminalità diffusa e violenta negli

ultimi tre anni, osservati ed esaminati infine i "reati predatori": furti in

abitazione, furti di autoveicoli, borseggi e scippi. Gli altri reati quali le

rapine, le truffe e la criminalità violenta, attestano il successo delle

forze di Polizia, anche nel campo della prevenzione e del sociale.

http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/rapporto_sicurezza_2005/index.html