Sicilia: Crocetta Ter al varo, "nomi nuovi e profilo altissimo"

martedì 28 ottobre 2014



ZCZC
AGI0168 3 POL 0 R01 /


(AGI) - Palermo, 28 ott. - Accelerazione improvvisa sul
Crocetta ter. Il pressing del Pd nazionale, con testa Davide
Faraone, sul presidente della Regione siciliana Rosario
Crocetta sembra avere sortito il suo effetto. E dopo la fitta
serie di confronti andati in scena da ieri sera e proseguiti
questa mattina con i partiti e all'interno di questi, il
governatore si appresta a completare il puzzle del suo terzo
governo. Una Giunta che segna "un cambiamento fortissimo, ma
che conferma grande spessore e competenza e l'altissimo profilo
che chiedevo agli alleati", fa sapere il presidente della
Regione attraverso il suo staff. Un governo di cui e'
preservato il profilo tecnico e soprattutto garantito il
carattere di novita', grazie all'arrivo di dieci nuovi
assessori su dodici. A essere confermati, infatti, sarebbero
solo Linda Vancheri e Lucia Borsellino, ex titolari delle
Attivita' produttive e della Salute. Verso l'addio, dunque,
l'ex responsabile della Formazione Nelli Scilabra, che
rappresentava il principale scoglio. (AGI)
Mrg (Segue)
281211 OTT 14

NNNN
ZCZC
AGI0169 3 POL 0 R01 /

Sicilia: Crocetta Ter al varo, "nomi nuovi e profilo altissimo" (2)=
(AGI) - Palermo, 28 ott. - Insomma, si cambia davvero nella
direzione del (quasi) "azzeramento totale" richiesto
soprattutto dal Pd, sebbene qualcuno resti cauto: "Gli incontri
sono ancora in corso e diverse cose devono essere ancora
definite", dice il presidente della direzione del Pd siciliano
Giuseppe Lupo.
Salta, dunque, l'ipotesi messa in campo ieri dallo stesso
capo dell'esecutivo, dell'ingresso di deputati di piu' fresca
nomina. Resta l'indicazione della parita' di genere, ma
soprattutto salta il tappo che sinora aveva impedito di
chiudere: l'ex assessore Scilabra. A questo punto Pd e' pronto
a mettere in campo i suo nuovi quattro assessori, due per area,
cosi' come l'Udc appare disponibile anche a rinunciare a
Torrisi e Patrizia Valenti per due nuove indicazioni, con il
Pdr pronto a lanciare il messinese Maurizio Croce. Della
designazione del supertecnico all'Economia, frutto del dialogo
con il governo nazionale, sarebbe messa a carico della 'quota'
di assessori riservata a Crocetta. Vicina a essere sciolto,
inoltre, il nodo Articolo 4 che chiedeva un secondo assessore.
(AGI)
Mrg
281211 OTT 14

NNNN