Boschi, Dl non è strumento più utilizzato dal Governo

giovedì 19 marzo 2015



ZCZC1931/SXA
XPP82566_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB

Ricorso in misura minore rispetto a passato e a partner Ue
   (ANSA) - ROMA, 19 MAR - Il ministro delle Riforme, Maria
Elena Boschi, ribadisce che il Governo Renzi non ricorre ai
decreti legge in misura maggiore né rispetto ai governi
precedenti né rispetto ai partner europei.
   Dati alla mano, la Boschi, in occasione della presentazione
del rapporto 2014 sulla legislazione tra Stato, Regioni e Ue,
chiama un causa il rapporto tra decreti legge e le leggi
approvate dal parlamento che non siano di conversione dei
decreti legge: "Se un anno fa il rapporto era di 60 a 40, cioè
60% erano leggi di conversione, oggi siamo scesi sotto al 30 per
cento". E poi, il ricorso ai decreti legge: "Rispetto agli atti
approvati in Cdm solo il 21 per cento sono decreti legge, si può
sempre migliorare, certo, ma i Dl non rappresentano lo strumento
più utilizzato". Boschi ribadisce anche che si è in "fase
calante e non crescente rispetto ai tre governi Letta, Monti e
Berlusconi". E anche rispetto ai partner europei, i dati sono a
'favore' del governo Renzi visto che il ricorso alla
decretazione d'urgenza, tra i partner europei, va dal 70 al 90%
del totale.(ANSA).

     SS
19-MAR-15 18:00 NNN