REGIONI. ROSSI: NON SONO PIU' ADEGUATE, ORA SERVONO 'MACRO'/VIDEO

martedì 27 ottobre 2015



ZCZC
DIR0104 3 POL 0 RR6 / DIR




(DIRE) Roma, 27 ott. - "Io prendo atto della posizione della
Serracchiani, ma penso che si debba accelerare con i cambiamenti,
perche' se quando il mondo non era globalizzato la dimensione
comunale e regionale, i distretti, erano sufficienti, ora occorre
andare oltre quella dimensione". Nel dibattito che si sta aprendo
nel Partito democratico sulla riduzione delle Regioni italiane,
con Debora Serracchiani che si e' gia' espressa contro, il
governatore della Toscana, Enrico Rossi, si schiera invece a
favore di una rivisitazione dell'assetto istituzionale
territoriale del nostro Paese con l'accorpamento delle Regioni in
Macroregioni.
In una video intervista all'agenzia Dire, Rossi spiega: "I
Comuni devono associarsi e anche le Regioni devono intraprendere
processi di fusione per essere adeguati ai tempi che stiamo
vivendo. Serracchiani e' presidente di una Regione a Statuto
speciale, io rifletterei molto prima di dire 'no' nperche' la
dimensione conta se vogliamo costruire una rappresentanza
adeguata della realta', della popolazione e dei gruppi sociali
che vivono in quel territorio. Io penso che si debba andare
avanti, la riforma del Titolo V della Costituzione deve spingere
anche in una direzione di una risttutturazione delle dimensioni
delle Regioni perche' cosi' come sono sono inadeguate".
Il presidente della Regione Toscana ribadisce che "nel mondo
globalizzato, per valere qualcosa in Europa occorre presentarsi
insieme. In Europa ci sono Regioni come la Renania e la Baviera,
che hanno 10 milioni di abitanti, o la come la Catalogna. Si
tratta di aree che hanno un altro peso economico e di popolazione
rispetto alle 20 Regioni italiane. Rispetto al quadro nazionale
metterei insieme una Macroreegione dell'Italia centrale, per
trattare meglio con i grandi player che sono al servizio
delle'economia e dell'impresa come Autostrade e le Ferrovie".
Rossi ricorda che "proprio oggi un giornale locale" ha
ospitato un suo intervento intitolato 'il Manifesto di Rossi per
l'Italia di mezzo'. La mia idea- conclude l'esponente del Pd- e'
la possibilita' di costruire, a partire dalla storia, dalla
struttura sociale-economica, dalle necessita' dettate anche dai
cambiamenti che la crisi ha prodotto nel tessuto sociale e
impreditoriale, una Macroregione dell'Italia centrale come il
modo con cui metterci meglio al servizio dei nostri cittadini e
anche al servizio di quegli obiettivi di equilibrio sociale e
coesione che nell'Italia di mezzo sono sempre stati presenti".
(Mar/ Dire)
18:19 27-10-15

NNNN


NNNN