REFERENDUM. BRUNETTA: NAPOLITANO INCOERENTE, ABERRANTE TIRI VOLATA A SÌ

martedì 22 novembre 2016



ZCZC
DIR0330 3 POL  0 RR1 / DIR 

 


(DIRE) Roma, 22 nov. - "Penso che sia aberrante che il presidente
emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano, vada in televisione
a dire cose non vere in merito al referendum costituzionale del
prossimo 4 dicembre. Penso che sia aberrante che un ex presidente
della Repubblica, che ai tempi del Quirinale ha avallato la presa
del potere non democratica di Renzi, vada in televisione a tirare
la volata del Si' a questo premier mai eletto. L'unica
consolazione: piu' Napolitano va in televisione, piu' fa perdere
voti a Renzi". Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo
di Forza Italia alla Camera dei deputati.
   "Oggi leggendo un ottimo articolo sull'Huffington Post
scopriamo anche altri aspetti del presidente emerito. Napolitano
dice che votera' Si' per coerenza. 'Non so- si legge sull'Huff
Post- sull'arco di quanti anni sia lecito misurare questa
coerenza, ma se nel computo rientra ancora, non dico il 1956 ma
almeno il 1995, Napolitano e' al contrario del tutto incoerente.
In quell'anno, infatti, egli firmo' una proposta di legge
costituzionale (2115/1995) che, se fosse stata approvata, oggi
avrebbe impedito a Renzi di imporre a maggioranza questa
'riforma'. In quel momento la maggioranza era nelle mani di
Berlusconi, Bossi e Fini e un fitto drappello di parlamentari del
centrosinistra affermo' con forza che la costituzione non doveva
essere nella disponibilita' del governo del momento. Tra quei
parlamentari figuravano anche Giorgio Napolitano e Sergio
Mattarella. Ma cosa diceva quella sacrosanta proposta di modifica
che toccava gli articoli 64, 83, 136 e 138 della Costituzione?
Essa muoveva dalla convinzione che 'il principio maggioritario
trovi un limite invalicabile nel rispetto dei principi
costituzionali, delle regole democratiche, dei diritti e delle
liberta' dei cittadini: principi, regole, diritti, liberta' che
non
sono e non possono essere rimessi alle discrezionali decisioni
delle maggioranze pro tempore''. Bastano queste poche righe per
confermare e rafforzare la nostra convinzione. Giorgio Napolitano
e' stato il peggior presidente della Repubblica che l'Italia abbia
mai avuto nella sua storia", conclude Brunetta.

  (Com/Tar/ Dire)
13:29 22-11-16

NNNN


NNNN