REGIONI. SCINTILLE SU AUTONOMIA, MARONI: TANTI AUGURI A BONACCINI

martedì 22 agosto 2017



ZCZC
DIR0729 3 POL 0 RR1 R/VEN / VEN /TXT


PRESIDENTE DELL'EMILIA-R.: ALTRE A STATUTO SPECIALE NON SERVONO.

(DIRE) Bologna, 22 ago. - Scintille tra Roberto Maroni e Stefano
Bonaccini sull'autonomia delle Regioni. I due governatori di
Lombardia ed Emilia-Romagna si sono confrontati questa sera al
Meeting di Rimini. "Si puo' lasciare al Governo di decidere se
dare autonomia o no- punge per primo Maroni- in passato non e'
mai successo. Auguro tanta fortuna a Bonaccini che ci prova. Al
massimo il Governo ti puo' dare qualche competenza in piu', con
un po' di risorse. Ma io non voglio piu' qualcosina. So come
funziona, ci abbiamo provato in tutti modi, ma c'e' sempre un
inghippo che blocca". E aggiunge: "Formigoni non c'e' riuscito,
perche' Roma e' cosi'. Le riforme sono difficili da fare, ci sono
tante resistenze, a partire dagli apparati centrali". Formigoni,
ricorda il governatore lombardo, "non ha fatto il referendum: e'
andato cosi'. Io voglio andare dal Governo col popolo lombardo
dietro di me. Peraltro io sono stato eletto dal popolo, il
Governo attuale no: e' una differenza che la dice lunga".
Bonaccini contrattacca. "Avventurarsi in un cambiamento della
Costituzione forse prende applausi- afferma- ma e' un esercizio
velleitario. Si perderebbero anni". Il presidente
dell'Emilia-Romagna incalza. "In questo Paese non c'e' bisogno di
piu' Regioni a statuto speciale, anzi si diceva che erano troppe-
afferma Bonaccini- certo, c'e' bisogno di piu' autonomia e su
questo sono alleato di Veneto e Lombardia. Ma per noi l'unita'
nazionale e' sacra. Se chiedi di avere tutte le competenze e di
trattenere tutte le tasse si chiama secessione". In ogni caso,
ribadisce Bonaccini, il referendum e' una "scelta legittima. E se
fossi cittadino di quelle Regioni voterei si', perche' si chiede
piu' autonomia. Pero' il giorno dopo bisogna decidere su quali
competenze. E si spendono 20 milioni per fare un referendum per
poi dover attivare lo stesso percorso che facciamo noi. Io
preferisco investirli in politiche per imprese e per il lavoro".
(San/ Dire)
20:40 22-08-17

NNNN


NNNN